Advertisements

Ad Asiago il raduno dei Granatieri di Sardegna


Asiago, 1 giugno 2016 – Nei giorni 4 e 5 giugno 2016, nei comuni di Cogollo del Cengio e Asiago, si svolgerà il 32° Raduno Nazionale dell’Associazione Granatieri di Sardegna. Lo scopo è quello di rievocare, a cento anni di distanza, i combattimenti che ebbero luogo negli altopiani di Asiago contro le forze austro-ungariche.

Chi sono i Granatieri?

I Granatieri di Sardegna sono il più antico Corpo d’ordinanza europeo. Essi vennero costituiti dal duca Carlo Emanuele di Savoia il 18 aprile 1659 in Torino.

La storia dei Granatieri va di pari passo con quella dell’Italia dal piccolo ducato del 1659 alla Repubblica dei giorni nostri.

Allo stato attuale danno il nome ad una brigata con sede a Roma composta dal 1° Reggimento Granatieri di Sardegna e dal Reggimento Lancieri di Montebello. La brigata, dopo i recenti impegni internazionali volti ad assicurare la pace in Libano, provvede a collaborare, con le forze dell’ordine, all’Operazione Strade Sicure per quanto riguarda i territori di Roma.

La brigata sarà presente al raduno con la Musica d’ordinanza, una compagnia Granatieri e la bandiera da combattimento del 1° Reggimento Granatieri.

La Granatieri di Sardegna è comandata dal gen. b. Gaetano Lunardo.

L’Associazione Nazionale Granatieri di Sardegna

Costituita a Milano, il 14 aprile 1912, ha una presidenza nazionale, con sede a Roma, e 134 sezioni su tutto il territorio nazionale coordinate da centri provinciali e regionali.

Gli iscritti sono circa 3.200.

L’associazione è diretta dal gen. d. ris. Giovanni Garassino.

La battaglia degli altopiani

Nel corso della battaglia degli Altipiani (maggio – luglio 1916) ed in particolare durante i combattimenti di Monte Cengio e di Cesuna (22 maggio- 3 giugno 1916), la brigata «Granatieri di Sardegna» compì eroiche gesta per impedire all’esercito austro – ungarico, nel tratto di fronte assegnato, di «sfociare» nella Val d’Assa, conquistare la pianura vicentina e, quindi, dilagare nella pianura veneta.

Negli acerrimi combattimenti – una storia popolare narra che i Granatieri terminate le munizioni abbracciavano gli austriaci e si lanciavano nel vuoto lungo la parete del Monte Cengio (la località viene denominata “Il salto del Granatiere”) – la Brigata subì perdite pari al 70% degli effettivi: 487 morti, 1073 feriti (di cui il 20% morì negli ospedali), circa tremila fatti prigionieri (tra questi il 30% morì nei campi di prigionia).

Al momento dell’avvicendamento dal fronte – il 3 giugno 1916 – il reparto rientrò a Marostica (VI) a «ranghi serrati», marciando con fierezza come in una parata, con sole mille unità degli oltre seimila tra Ufficiali e Granatieri prima dell’inizio dei combattimenti.

Per tali azioni fu conferita, alle Bandiere di entrambi i Reggimenti (1° e 2°), la medaglia d’oro al valor militare.

Furono altresì concesse ben sette medaglie d’oro individuali (di cui due ad irredentisti triestini, i fratelli Stuparich, inquadrati nel 1° Reggimento) oltre a centinaia di medaglie d’argento e di bronzo al valor militare.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Associazione Nazionale Granatieri di Sardegna (ANGS)
___________________________________________________________________________
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

PARLAMENTONEWS

i fatti della politica

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: