Annunci

Archivi categoria: Brigata Paracadutisti Folgore

Libano: l’ordinario militare Santo Marcianò visita il contingente italiano per la Santa Pasqua

PIOLIB20180329F-611

Shama (Libano), 31 Marzo 2018 – Monsignor Santo Marcianò, ordinario militare, ha incontrato a Shama i militari italiani schierati nel sud del Paese nell’ambito della missione Unifil. Shama è la sede del comandante del settore ovest di Unifil su base brigata paracadutisti Folgore, 

Accolto dal generale Rodolfo Sganga, Comandante del settore di UNIFIL a guida Italiana, monsignor Santo Marcianò ha presieduto in questi giorni, tutte le tradizionali celebrazioni che precedono la Santa Pasqua.

Monsignor Santo Marcianò ha colto l’occasione per ringraziare i militari italiani per il lavoro che svolgono costantemente al servizio del popolo Italiano e di tutti i popoli dei molti Paesi nei quali sono presenti le nostre Forze Armate, grandi professionisti portatori di pace e stabilità.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
_________________________________________________
Annunci

Libano: 1° corso di comunicazioni tattiche per il personale della sicurezza di stato libanese

a

Shama, 29 marzo 2018 – Si è chiuso a Shama, base del comando del settore ovest di UNIFIL a guida italiana su base brigata paracadutisti Folgore, il primo corso di Comunicazioni Tattiche (Tactical Communication Course) svolto a favore del personale della direzione generale della sicurezza di Stato libanese.

Gli istruttori ed operatori del Combat Support Battalion effettivi al 232° reggimento trasmissioni hanno programmato e condotto l’attività per il personale libanese, addestrandolo all’impiego delle più avanzate procedure necessarie a raggiungere un’efficace comunicazione a livello tattico.

Associando parti teoriche e prove sul campo è stato possibile fornire ai partecipanti importati elementi per instaurare e condurre comunicazioni radio rispettando gli standard di sicurezza.

L’attività rientra nel bacino delle operazioni condotte quotidianamente insieme alle Forze Armate Libanesi, allo scopo di incrementare la sicurezza nel sud del Libano come da Risoluzione 1701 e 2373 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Nell’ambito della missione ONU in Libano, il Combat Support Battalion garantisce quotidianamente alle forze di manovra il supporto necessario a contrastare la minaccia degli ordigni esplosivi improvvisati (IED – Improvised Explosive Device), il contrasto alla minaccia chimica, biologica, radioattiva e nucleare (CBRN) nonché le comunicazioni.

PIOLIB20180329F-91

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
_____________________________________________________

 


Libano: cresima per quindici peacekeepers italiani

Il Cardinale Bassetti celebra il sacramento della confermazione per i peacekeepers in missione in Libano

PIOLIB20180317M-784

Shama, 20 marzo 2018 – Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della conferenza episcopale italiana, ha amministrato sabato 17 marzo 2018 a Shama in Libano, presso il comando del settore ovest di UNIFIL, a guida italiana su base brigata paracadutisti Folgore, la santa cresima per 15 peacekeepers italiani impiegati nella missione Leonte XXIII.

PIOLIB20180317M-559

Nel corso del suo intervento di saluto il cardinale ha ringraziato i militari italiani schierati nel sud del Libano per il costante impegno che garantiscono, sacrificando sempre i propri interessi personali,  per garantire il bene e la sicurezza comune.

…. ____ …. ____ …. ____ ….

L’Italia ha la responsabilità del settore ovest di UNIFIL, che dal 18 ottobre del 2017 è guidato dal generale di brigata Rodolfo Sganga, e può contare su una forza complessiva di circa 4.000 peacekeepers di 12 differenti nazioni quali Armenia, Brunei, Estonia, Finlandia, Ghana, Georgia, Irlanda, Malesia, Repubblica di Corea, Serbia, Slovenia, e Tanzania. L’Italia nello specifico contribuisce con una forza di circa 1100 militari, 278 mezzi terrestri e 6 mezzi aerei inquadrati nella missione denominata “Leonte”.

La componente italiana dislocata principalmente a Shama è composta da un comando di settore, un centro amministrativo di intendenza, un gruppo supporto di aderenza, un battaglione di supporto alle attività operative e una unità di riserva. Nella base di Al Mansouri è invece dislocata una task force di manovra (Italbatt) su base 183° reggimento paracadutisti “Nembo” e con unità del gruppo squadroni del reggimento paracadutisti 3° “Savoia Cavalleria”.

Attualmente le unità  inquadrate nella missione in Libano (Unifil) continuano a monitorare il rispetto del cessate il fuoco ed il rispetto della Blue Line in ottemperanza delle risoluzioni 1701 e 2373 delle Nazioni Unite. Le attività operative attualmente svolte da UNIFIL consistono in osservazione da posti fissi,condotta di pattuglie (diurne e notturne), realizzazione di check-points, collegamento con le Forze Armate libanesi, pattugliamento marittimo.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
___________________________________________________

Libano: primo corso di counter IED a favore delle Forze Armate libanesi

PIOLIB20180301M-287

Shama, 12 marzo 2018 – Il primo corso di C-IED Awareness, a favore delle Forze Armate libanesi, si è tenuto presso il comando del Settore Ovest di Unifil a guida italiana, su base brigata paracadutisti Folgore.

Gli istruttori del Combat Support Battalion, su base 8° reggimento guastatori Paracadutisti, con il supporto degli assetti cinofili del Centro Veterinario Militare, hanno condotto l’attività sviluppandola con fasi teorico-pratiche con lo scopo di formare i militari libanesi nel delicato settore degli ordigni esplosivi improvvisati e di quelli inesplosi. 

PIOLIB20180301M-275

Nello specifico, gli istruttori del Combat Support Battalion hanno fornito ai frequentatori le nozioni di base per riuscire a riconoscere il munizionamento regolamentare e le procedure da adottare in presenza di ordigni inesplosi (UXOs) o ordigni improvvisati esplosivi (IEDs) al fine di ridurre il rischio per le forze che  operano sul terreno e per saper gestire eventuali incidenti.

L’attività operativa, che rientra nel bacino delle operazioni condotte quotidianamente insieme alle Forze Armate libanesi, è stata particolarmente apprezzata poiché mirata ad incrementare ulteriormente il livello tecnico professionale dell’apparato preposto a garantire la sicurezza nel sud del Libano nel rispetto delle Risoluzioni 1701 e 2373 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. 

Nell’ambito della missione ONU in Libano, il Combat Support Battalion è l’unità che garantisce il supporto alle forze di manovra assicurando unità per la bonifica degli ordigni, il contrasto alla minaccia chimica, biologica, radioattiva e nucleare (CBRN) e le comunicazioni per il contingente italiano e per tutte le nazioni operanti nel Sector West di Unifil.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
____________________________________________________

Libano: peacekeepers italiani organizzano convegno  sulla giornata internazionale della donna

1

Shama (Libano), 8 Marzo 2018 – Si è svolta una conferenza per celebrare la giornata internazionale della donna, su iniziativa dei peacekeepers del Settore Ovest di Unifil a guida Italiana su base brigata paracadutisti Folgore, 

Presenti le massime autorità civili e religiose, fra le quali la Signora Berri, moglie del Presidente del Parlamento Libanese, 

2

Rappresentanti di tutti i contingenti schierati nel Settore Ovest di UNIFIL hanno illustrato le tantissime attività svolte dal personale femminile mettendo in evidenza la fondamentale importanza che la presenza delle donne in uniforme riveste nelle missioni internazionali ed, in particolare, in quelle di peacekeeping, quale assetto indispensabile per relazionarsi con e per la componente femminile della popolazione locale.

4

Nel corso del suo intervento il comandante del Settore Ovest di UNIFIL, generale Rodolfo Sganga, ha sottolineato quanto quella di oggi sia una occasione per guardare fiduciosi al futuro e che oggi “non celebriamo la sola giornata della Festa della Donna ma celebriamo il fondamentale contributo che le donne portano, in tantissime attività, ogni giorno dell’anno”.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
___________________________________________________

Libano: continua addestramento delle Forze Armate Libanesi

 

PIOLIB20180228M-1562 

Shama, 6 marzo 2018 – Sotto la guida degli istruttori del 183° reggimento paracadutisti “NEMBO”, una ventina di graduati e sottufficiali delle Forze Armate Libanesi, hanno affrontato aspetti teorici e pratici relativi alle caratteristiche di impiego di armi individuali quali il fucile Colt M4 4 e la pistola Beretta PX Storm e sul rispetto delle norme di sicurezza e delle procedure tecniche di tiro dinamico ed operativo. 

Si conclude così il primo corso Weapon Handling and Shooting Techniques a favore delle Forze Armate Libanesi, tenuto dai peacekeepers inquadrati nel battaglione a guida italiana di ITALBATT, una task force di manovra, dislocata presso la base di Al Mansouri e siti operativi avanzati.

ITALBATT contribuisce con i battle groups delle altre nazioni al controllo della Blue Line e del territorio del sud del Libano in assistenza alle forze armate libanesi. Gli assetti di ITALBATT sono dotati di veicoli blindati, VTLM Lince e blindo armata Centauro.

PIOLIB20180226-187

I suddetti corsi rivestono un’importanza fondamentale in quanto, oltre a garantire una maggiore preparazione dal punto di vista operativo, migliorando il livello addestrativo del personale militare, sulle tecniche e procedure finalizzate ad un uso pratico, sicuro e difensivo delle armi, rafforzano la sinergia tra i reparti della “Folgore” e le Forze Armate Libanesi che, nell’ambito della missione UNIFIL, operano sempre in maniera congiunta e coordinata per mantenere le condizioni di stabilità nella delicata area del Sud del Paese.

L’addestramento congiunto fra i peacekeepers Italiani e le Forze Armate libanesi, oltre a rappresentare un aspetto fondamentale per poter operare al massimo delle capacità ed in sicurezza, rimane uno degli elementi più importanti della missione UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon) per continuare a garantire la stabilità dell’area.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
____________________________________________________

Libano: visitate oltre 800 persone dai medici del contingente italiano di UNIFIL

Il personale sanitario del Combat Service Support Battalion contribuisce con cure e medicinali in aiuto alla popolazione civile.

PIOLIB20180226F-99

Shama, 27 febbraio 2018 – I medici del contingente militare italiano, del Settore Ovest di UNIFIL in Libano hanno assistito oltre 800 pazienti nel corso degli ultimi tre mesi di operazione.

I medici militari in supporto alla popolazione civile
Il personale sanitario del CSS (Combat Service Support) Battalion, su base reggimento logistico “Folgore”, è intervenuto in diversi villaggi e scuole libanesi ed ha assicurato cure e medicinali per la popolazione civile fornendo anche suggerimenti sulla profilassi delle malattie più comuni nell’area.

PIOLIB20180226F-30
Si tratta di attività che, oltre a contribuire a migliorare le condizioni di vita dei civili libanesi, hanno avuto un impatto positivo in termini di fiducia e apprezzamento per il ruolo che i militari italiani stanno svolgendo nell’ambito della missione UNIFIL.

Supporto e mantenimento requisiti igienico sanitari
Oltre a svolgere attività di medical care, il Level 1 del CSS Battalion ha il delicato compito di assicurare il supporto sanitario agli oltre 600 militari italiani presenti presso la base di Shama e di garantire il mantenimento dei requisiti igienico sanitari attraverso l’analisi delle acque e la disinfezione e disinfestazione delle aree comuni.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
____________________________________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade