Annunci

Archivi categoria: Alpini

Esercitazione “5 Torri 2018”, torna a luglio l’appuntamento con le truppe alpine

locandina 

Bolzano,15 giugno 2018 – Le Truppe Alpine dell’Esercito saranno Nuovamente protagoniste, il prossimo 4 luglio, dell’esercitazione multinazionale interforze “5 Torri 2018”. Nell’omonimo comprensorio montano, dove 100 anni fa era posizionato il comando dell’artiglieria italiana ed è oggi ben visibile e visitabile un autentico museo a cielo aperto della 1^ guerra mondiale, gli Alpini daranno prova delle loro capacità nel saper operare in montagna, con appassionanti dimostrazioni aperte al pubblico* di progressione alpinistica e manovre di soccorso in parete (con e senza elicotteri)  e della capacità di sviluppare azioni militari in un ambiente particolarmente difficile e selettivo.

Discesa da elicottero

Eredi dei leggendari soldati che durante il primo conflitto mondiale scrissero su queste montagne epiche pagine di storia militare ed alpinistica, in questa esercitazione gli Alpini daranno particolare risalto al concetto di  “mountain warfare”, evoluzione delle tradizionali tecniche di combattimento in alta montagna che, con procedure in continuo aggiornamento, caratterizza le Truppe Alpine moderne quali componente dell’Esercito prontamente impiegabile ed idonea ad operare in qualsiasi contesto ambientale.

Attività alpinistica ambiente invernale

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Truppe Alpine
_______________________________________________
Annunci

Libano: il ministro della Difesa in visita al contingente italiano nel settore ovest

NIC_0358

Shama (Libano), 15 maggio 2018 – Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha incontrato a Shama i caschi blu Italiani schierati nel settore ovest del Libano nell’ambito della missione UNIFIL.

Ad accogliere il ministro a Shama, il generale di brigata Paolo Fabbri che dal 17 aprile scorso comanda il settore ovest della missione di UNIFIL, articolato su base brigata alpina “Julia” Multinational Land Force.

Prima del saluto al contingente del settore ovest il ministro ha incontrato a Naqoura il force commander di UNIFIL maggior generale Micheal Beary con cui si è confrontata sull’attuale situazione di sicurezza in Libano e sull’importante ruolo che giocano le Forze Armate italiane nel supportare quelle libanesi a diventare sempre più credibili e ad assumere il pieno controllo del territorio.

I caschi blu hanno il compito di garantire un dispiegamento efficace atto a monitorare l’area di operazioni che occupa nel settore ovest del libano, vigila sulla sicurezza e la libertà di movimento del personale delle Nazioni Unite, degli operatori umanitari e ha inoltre il compito di proteggere la popolazione civile.

L’Italia è schierata nell’ovest del Libano con circa 1.100 uomini della missione UNIFIL implementata recentemente con l’adozione della risoluzione 2373 che sostanzialmente conferma i compiti dei caschi blu nell’area stabiliti nel 2006 con la risoluzione 1701 che fu emanata a seguito del il ritiro delle truppe israeliane e del conseguente schieramento della forza di interposizione delle Nazioni Unite.

Durante la visita il ministro ha voluto ringraziare il contingente: “Una missione importante per il Libano, per la sicurezza della Regione, per l’Italia e per la comunità internazionale. La “JULIA” saprà farsi onore come sempre!”.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
____________________________________________________


Esercito: concluse le esercitazioni Pegaso 2018/2, Aquila 2/2018 e Centauro 1/2018

08_MESSA IN SICUREZZA AREA SAFE

Civitavecchia, 20 marzo 2018 – Si è conclusa nei giorni scorsi l’esercitazione per posti comando (CPX-CAX) “Pegaso 2018/2”, che si è tenuta presso il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (Ce.Si.Va.) di Civitavecchia. Hanno preso parte all’esercitazione il comando brigata “Pinerolo”, il posto comando del 9° reggimento fanteria “Bari”, una cellula di risposta su base 5° reggimento aviazione dell’Esercito “Rigel” e personale specializzato delle unità della Brigata “Pinerolo”. 

L’esercitazione è stata condotta con l’ausilio di sistemi informatici tecnologicamente avanzati, allo scopo di affinare e consolidare le procedure inerenti l’impiego del “Processo Decisionale di Pianificazione” (PDP) e di valutare le capacità generali dello staff del comando della brigata “Pinerolo” e del posto comando del 9° reggimento nella gestione di situazioni operative complesse.

01_Cooperazione ESERCITO - CARABINIERI

Lo scenario é stato improntato al massimo realismo con situazioni che le unità si trovano ad affrontare in occasione di impiego negli scenari operativi fuori dal territorio nazionale. Il comandante delle Forze Operative Sud, generale di corpo d’armata Rosario Castellano, ha visitato le unità dipendenti impegnate nell’esercitazione ed ha evidenziato “l’importanza della condotta di attività di simulazione, improntata al massimo realismo, grazie ai moderni sistemi informatici e alla expertise del personale del Ce.Si.Va., volta a consentire alle unità di prossimo impiego in teatro operativo una preparazione tecnico professionale aderente alla realtà”. 

La brigata “Pinerolo” è affiliata al Ce.Si.Va. a cui è stata anche assegnata la responsabilità di sperimentare i sistemi integrati per l’addestramento terrestre, di simulazione e di comando e controllo, nonché di sistemi di digitalizzazione delle piattaforme operative dell’Esercito nel contesto del programma della Difesa denominato “Forza NEC” (Network Enabled Capability).

Durante l’esercitazione è stata presente anche una delegazione della brigata dell’Esercito spagnolo, “Aragon I”, per una visita che si inquadra nelle attività scaturite dalla lettera di intenti, per il gemellaggio con la brigata “Pinerolo”, siglata tra Esercito Italiano ed Ejercito de Tierra. Il gemellaggio tra le due brigate è volto a sviluppare nuove opportunità addestrative/operative, a rafforzare l’interoperabilità nonché a condividere i risultati ottenuti dall’Italia nel campo della digitalizzazione della manovra, settore di fondamentale importanza per il comparto terrestre della Difesa nazionale. In contemporanea si sono concluse le esercitazioni “Aquila 2/2018” e “Centauro 1/2018”, presso i C.A.T. (Centri Addestramento Tattici) di Brunico e Lecce.

La prima attività, finalizzata all’approntamento di unità per il teatro operativo del Kosovo, ha visto contrapposte unità “amiche” (BLUFOR) formate da 2 plotoni del 5° reggimento alpini a unità “nemiche” (OPFOR), composte da un plotone del 6° reggimento alpini. L’esercitazione ha inoltre coinvolto un nucleo di Carabinieri del 7° reggimento “Trentino Alto Adige” di Bolzano come supporto al plotone esercitato in qualità di Military Police (MP), e un nucleo di militari del 3° reggimento artiglieria di Remanzacco in qualità di role players, ovvero “giocatori di ruolo”, inseriti nello scenario, in qualità di personale civile (abitanti del villaggio), fondamentali per creare un realismo efficace dello scenario di riferimento. Presso il C.A.T. di Lecce invece, l’attività svolta, in vista dell’impiego di unità per il teatro operativo Afghano, ha visto confrontarsi una unità BLUFOR, costituita da 2 complessi minori del 9° reggimento fanteria “Bari”, a unità OPFOR/Role Players composte da un plotone del 31° reggimento Carri di Lecce.

Il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito costituisce il principale riferimento della Forza Armata per l’applicazione della simulazione addestrativa nell’approntamento dei posti comando, degli staff e delle unità destinate all’impiego fuori dal territorio nazionale al fine di attestare il raggiungimento delle capacità operative individuate come fondamentali per l’assolvimento dei compiti assegnati alle unità dell’Esercito.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Centro Simulazione e Validazione dell'Esercito (Ce.Si.Va.)
_______________________________________________________________________________

Casta 2018: il ministro Pinotti e il capo di SME alla cerimonia di chiusura

il Ministro passa in rassegna lo schieramento

Sestriere, 10 marzo 2018 – CaSTA 2018 è stata una kermesse di addestramento e sport dove hanno gareggiato 1500 militari, in 40 km di movimento scialpinistico, su oltre 2000 metri di dislivello in 3 giorni, con 11 nazioni partecipanti, decine di gare disputate, migliaia di ore passate a sfidarsi e ad esercitarsi sulle nevi del Piemonte. Questi in estrema sintesi i campionati sciistici delle Truppe Alpine che si sono oggi conclusi oggi al Sestriere, alla presenza del ministro della Difesa senatrice Roberta Pinotti e del capo di Stato Maggiore dell’Esercito generale di corpo d’armata Salvatore Farina

Il soccorso in ambiente montano è stato il cardine della 70^ edizione della manifestazione, dove il ministro ha partecipato anche all’esercitazione mattutina in cui hanno operato in sinergia diversi corpi dello Stato, squadre soccorso militare dell’Esercito, squadre soccorso del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico, Guardia di Finanza e unità cinofile e personale dei Carabinieri.

“Professionalità diverse e integrabili per assicurare capacità d’intervento tempestivo in caso di emergenza. Un vero esempio di “sistema Paese”, dove la Difesa contribuisce in maniera importante con le proprie eccellenze (donne e uomini) formate da costante addestramento” così ha commentato il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, assistendo all’esercitazione “Chaberton 2018”

Il Ministro premia il Comandante del 7° reggimento Alpini

Il generale Farina, nel salutare i militari presenti, italiani e stranieri, ha ricordato che “quelle che si concludono oggi non sono state solamente giornate di sport ma, soprattutto, un’occasione addestrativa che ha concorso a promuovere lo scambio, la cooperazione e l’interoperabilità tra unità d’elite di eserciti alleati e amici, creando, al contempo, soliti legami tra gli uomini e le donne che ne fanno parte”.

“Sono state giornate intense ed entusiamanti con i ritmi serrati ed impegnativi della montagna – ha salutato così i 1500 militari dei CaSTA il comandante delle Truppe Alpine generale di corpo d’armata Claudio Berto – giornate che hanno sicuramente contribuito ad accrescere il vostro addestramento e la vostra capacità alpina”.

Un appuntamento addestrativo che nasce nel 1931 per valutare la preparazione dei reparti alpini e oggi, giunto alla 70^ edizione, è ormai considerato una sorta di olimpiade per reparti militari. Negli anni si è anche superata la specificità alpina ed i campionati sono stati aperti alla partecipazione di militari di altri corpi dell’Esercito e, dal 1979 di delegazioni straniere accomunate dal comune addestramento montano.

le Autorità con una squadra soccorso alpino militare delle truppe Alpine

Molte le competizioni che hanno visto cimentarsi atleti di diverse categorie con una gara su tutte, che testa la capacità di un plotone militare ad operare in montagna. Slalom con equipaggiamento militare, prove topografiche e massacranti trasferimenti a tempo con anche un pernottamento in alta quota hanno fatto selezione in questa gara vinta, per dovere di cronaca, dal plotone del 7° reggimento Alpini.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Truppe Alpine
______________________________________________

CaSTA 2018: l’ultima prova dei plotoni conclude gli eventi sportivi

gara dei plotoni

Sestriere, 9 marzo 2018 – Dopo le gare di pattuglia svoltesi ieri a Pragelato e lo slalom gigante di questa mattina a Sestriere, che di fatto hanno definito le classifiche dei trofei dell’Amicizia ed Interforze, l’ultima prova dei plotoni – una staffetta alpinistica (diretta streaming sui siti www.ana.it  www.meteomont.org dalle 18.30) – ha concluso gli eventi sportivi dei 70^ CaSTA determinando il reparto vincitore dell’edizione 2018 (Trofeo medaglie d’oro).

Questa mattina, a Pian dell’Alpe, l’esercitazione tecnico tattica “Volpe Bianca” ha messo in evidenza le capacità specifiche delle truppe alpine di saper sopravvivere, muovere ed operare nel difficile ambiente montano invernale realizzando un atto tattico che ha visto anche l’impiego integrato di numerosi altri assetti della Forza Armata.

esercitazione Volpe bianca

Tanto pubblico e tanti applausi ieri sera per la spettacolare fiaccolata che ha visto più di 200 sciatori – tra alpini e maestri di sci del comprensorio – disegnare sulla neve un gigantesco tricolore di fiaccole che ha lascato a a bocca aperta grandi e piccini.

CaSTA 2018

Domani, ultimo importante evento prima della cerimonia di chiusura a cui sono attese le massime autorità militari e civili (diretta streaming sui siti www.ana.it e www.meteomont.org dalle 11.00), l’esercitazione “Chaberton 2018” che vedrà le Squadre Soccorso Alpino Militare delle Truppe Alpine operare in una simulazione di evento catastrofico ad alta quota congiuntamente a personale e velivoli dell’Aviazione dell’Esercito, del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico e della Guardia di Finanza.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Truppe Alpine
______________________________________________

Le gare in notturna dei campionati sciistici delle Truppe Alpine

Pronostici rispettati nella gara di scialpinismo in notturna, con gli atleti del centro sportivo dell’Esercito a dare spettacolo

premiazione di Anna Moraschetti

Sestriere, 8 marzo 2018 – La seconda giornata di gare dei 70^ campionati sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA 2018) si è conclusa con una spettacolare gara di scialpinismo in notturna a Sestriere, che ha assegnato anche i titoli di Campione Italiano dell’Esercito nella specialità.

A confermarsi campioni il caporalmaggiore capo Daniele Cappelletti ed il caporalmaggiore scelto Anna Moraschetti, effettivi al Reparto Comando e Supporti Tattici “Tridentina” a dimostrazione dell’ottimo livello di addestramento del proprio personale, capace di aggiudicarsi ben cinque dei sei titoli nazionali finora assegnati nelle diverse discipline.

l'arrivo di Giulia Murada

L’arrivo del caporale Giulia Murada

I migliori tempi sono stati invece realizzati dal primo caporalmaggiore Robert Antonioli e dal caporale Giulia Murada, atleti del Centro Sportivo dell’Esercito, che hanno coperto il percorso rispettivamente in 26 e 35 minuti.

La giornata odierna vedrà l’assegnazione, a Pragelato, di ulteriori due titoli nazionali nella gara di “pattuglia” (maschile e femminile) e si concluderà a Sestriere con una bellissima fiaccolata (dalle ore 19 con diretta streaming sui siti www.ana.it e www.meteomont.org).

Nel corso della giornata, al cinema di Sestriere, ci sarà un interessante meeting sulla “sicurezza in montagna”, tema caratterizzante questa edizione dei campionati, a cui farà seguito, sabato mattina, un’esercitazione in cui le squadre soccorso alpino militare delle truppe alpine opereranno congiuntamente a personale e velivoli dell’aviazione dell’Esercito, del corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico e della Guardia di Finanza.

premiazione di Daniele Cappelletti

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando truppe alpine
______________________________________________

Assegnati i primi titoli ai campionati sciistici delle Truppe Alpine

Sulla pista “Standard” di Sestriere i primi campioni italiani dell’Esercito sono della Tridentina

Podio slalom gigante

Sestriere, 7 marzo 2018 – I primi caporalmaggiori Stephan Miribung e Marta Benzoni del reparto comando e supporti tattici “Tridentina” si sono aggiudicati ieri mattina a Sestriere il titolo di “Campione italiano dell’Esercito” nella specialità dello slalom gigante.

Sempre in giornata, sulla pista “Loris” di Pragelato, si è disputata una gara di sci di fondo (15 km maschile e 10 km femminile) valevole per l’assegnazione dei Trofei dell’Amicizia ed Interforze che ha visto, in campo maschile, il dominio degli atleti del Centro Addestramento Alpino capaci di salire su tutti e tre i gradini del podio con il caporalmaggiore capo scelto Fabio Pasini, il primo caporalmaggiore Enrico Nizzi ed il caporalmaggiore Mikael Abram.

In campo femminile le atlete del Centro Addestramento Alpino si sono dovute invece arrendere all’agente della Polizia di Stato Giulia Stuerz, capace di tagliare il traguardo davanti al caporale Ilenia Defrancesco e al primo caporalmaggiore Alice Canclini.

Partenza plotoni

Da Pragelato è partita anche la prima giornata di gare per i 26 plotoni in lotta per aggiudicarsi, venerdì sera, i Trofei Buffa ed International Federation of Mountain Soldiers, terminata nel pomeriggio dopo una marcia scialpinistica di circa 20 km di sviluppo ed un dislivello complessivo (positivo e negativo) di oltre 2000 metri intervallato da prove di tiro con l’arma in dotazione, movimento a cronometro e di ricerca di travolti da valanga.

Tante gare anche domani con l’assegnazione, in serata, di ulteriori due titoli nazionali nello sci alpinismo al termine di una spettacolare gara in notturna trasmessa in diretta streaming dalle ore 20.00 sui siti www.ana.it e www.meteomont.org.

Per informazioni sui CaSTA 2018: www.meteomont.org

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando truppe alpine
_____________________________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade