Annunci

Archivi categoria: * Notizie Forze Armate

Delegazione militare del Kuwait al comando trasporti e materiali di Roma

Roma, 7 dicembre 2017 – Nei giorni scorsi una delegazione di ufficiali dell’Esercito del Kuwait, guidata dal maggior generale Alshanfa Ali, ha visitato il comando dei trasporti e materiali in Roma.

Museo Motorizzazione Militare

La delegazione, accolta dal comandante TRAMAT, maggior generale Arnaldo Della Sala, dopo un saluto di benvenuto, ha assistito a un briefing riguardante l’organizzazione della logistica della Forza Armata.

Briefing al COMLOG

Successivamente gli ospiti  si sono recati in visita all’8° reggimento trasporti “Casilina” di Roma e nei giorni a seguire al Polo di Mantenimento delle armi leggere di Terni, allo stabilimento militare munizionamento terrestre di Baiano di Spoleto (PG) e al Museo della Motorizzazione in Roma-Cecchignola.

L’attività, che si inquadra nel piano di cooperazione della Difesa, si è svolta in un clima di totale cordialità e serenità. A conclusione della visita il generale Alshanfa Ali ha espresso soddisfazione e interesse per quanto visto nelle diverse realtà visitate.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando logistico dell'Esercito
____________________________________________________
Annunci

“Da sbirro a investigatore”  il nuovo libro dello storico Giulio Quintavalli alla fiera nazionale della piccola e media editoria

Più libri più liberi
Fiera nazionale della piccola e media editoria
6  / 10 dicembre 2017
a La Nuvola EUR/Roma

“Da sbirro a investigatore”
il nuovo libro dello storico Giulio Quintavalli

l’8 dicembre presso lo stand di PoliziaModerna

– una giornata con l’autore –

 

Il LIBRO

Lo studio affronta il processo di affermazione della cultura professionale della Polizia di Stato sullo sfondo del positivismo a cavallo tra ‘800 e ‘900, che si conclude con la crisi dello stato liberale nei mesi successivi alla Grande guerra.

24826280_10208657230268400_325145463_o

E’ il momento in cui il termine “sbirro”, grondante della cultura del sospetto e della prevaricazione, è affiancato da “agente e ispettore d’investigazione”, che sottende il proficuo utilizzo delle nuove tecniche di intelligence e di detection (dovute ai progressi della Scuola di Polizia scientifica di Salvatore Ottolenghi) rapidamente maturate durante la Guerra per il contrasto al nemico interno, la caccia alle spie, disertori, sobillatori, affaristi. Aspetti questi su cui l’Autore si sofferma con particolare puntualità ricostruendo aspetti inediti della Guerra 1915-’18.

La crisi dello stato liberale è anche crisi di norme e di uomini chiamati a contrastare l’eversione politica di diversa natura ma, prima di tutto, crisi di metodi di indagine, antiquati ed empirici. Il governo né è pienamente consapevole tanto che, volendo ridisegnare radicalmente la detection e le indagini di polizia giudiziaria (delle quali l’Autore propone una panoramica molto particolareggiata), nell’agosto 1919 decide di istituire il Corpo degli Agenti d’Investigazione «per il sevizio della prevenzione e della repressione dei reati e per la ricerca dei delinquenti».

Un Corpo dello Stato dalla brevissima vita (verrà soppresso con il Corpo della Regia Guardia per la Pubblica Sicurezza dal governo Mussolini il 31 dicembre 1922) a cui si devono, per conclusioni dell’Autore, le vere origini di una Polizia moderna ed efficace: la Polizia di Stato.

Chi è Giulio Quintavalli

Ha conseguito la Laurea Magistrale le in Storia e Società presso l’Università Roma Tre con una tesi in Storia contemporanea dal titolo “Investigatori. La professionalizzazione della Polizia del Regno nell’Italia Liberale (1880-1919)”. Sostituto commissario coordinatore della Polizia di Stato, in servizio all’Ufficio Storico della Polizia di Stato, ha avuto modo di approfondire i molteplici aspetti della storia istituzionale della Polizia e di maturare specifiche competenze in materia di comunicazione storico-iconografia, raccogliendo nel corso degli anni un’amplissima collezione di cartoline postali sulla Polizia, parte della quale oggetto della tesi di laurea di I livello in Storia e comunicazione nel medesimo Ateneo.

Professionalmente autore e coautore di articoli tematici pubblicati su: Polizia Moderna (official magazin della Polizia di Stato); Fiamme d’oro (Rivista dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato); Il Nastro Azzurro (Periodico dell’Istituto del Nastro Azzurro fra i decorati e i combattenti decorati al valor militare); Cronaca Filatelica (Mensile di storia postale annulli e interi postali). Coautore di La storia e le uniformi della Polizia italiana, a cura di Antonio Laurito, Ed. Promo Police, Roma, 2007 (ii e d. 2008); In Nome della Legge. Tracce Satiriche della Polizia Italiana tra Otto e Novecento (a cura di Fabio Santilli), Roma, Ufficio Storico della Polizia di Stato e Centro Studi Gabriele Galantara, 2009 (ii ed. 2011); 70° Anniversario della Polizia Stradale. Dalla Costituzione… al terzo millennio, a cura di Raffaele Camposano, Roma, 2017. Sempre per la Polizia di Stato ha curato la grafica e i testi delle rubriche Polizia Ieri e Polizia in uniforme contenute in: Polizia di Stato. Ieri e oggi al servizio della gente, De Agostini Editore, pubblicazione quattordicinale, 2004. Ha effettuate le ricerche iconografiche e ha curato la grafica di: Guida alla collezione dell’Ufficio Storico della Polizia di Stato, 2014.

Ha anche collaborato con Gigi Simeoni per la realizzazione del romanzo a fumetti Gli occhi e il buio, Bonelli editore, 2007.

 

 


Esercito: 6° seminario sulle procedure infologistiche dei rifornimenti

un momento dell'attività

Roma, 6 dicembre 2017 – Si è svolta nei giorni scorsi, presso il reggimento logistico “Pinerolo” in Bari, la sesta sessione della “Campagna informativa nazionale sui rifornimenti”, organizzata dal Comando dei trasporti e materiali in favore dei reparti di stanza in Puglia, Basilicata, Calabria, Emilia Romagna e Marche.

All’incontro sono intervenuti il comandante logistico dell’Esercito, generale di corpo d’armata Leonardo di Marco, e il comandante dei trasporti e materiali, maggior generale Arnaldo Della Sala.

Generale Leonardo di Marco

Il comandante logistico ha voluto essere presente nella circostanza per rimarcare la necessità di uniformare in ambito nazionale le procedure in materia di rifornimenti e per stimolare i convenuti sulla necessità di utilizzare in forma più capillare e coordinata le moderne piattaforme gestionali info-logistiche in dotazione alla Forza Armata quali moltiplicatori di efficacia, soprattutto nell’ottica di razionalizzare e ottimizzare l’impiego delle risorse disponibili. Il comandante dei trasporti e materiali, nel suo intervento, ha espresso la sua determinazione nel perseguire la più ampia diffusione della cultura info-logistica in piena sinergia tra i reparti operativi e la fascia logistica di sostegno.

Foto di gruppo

La presenza dei vertici del Comando logistico dell’Esercito alla sessione pugliese della campagna informativa e la  partecipazione interessata dei numerosi rappresentanti del comparto TRAMAT testimoniano il carattere di rilevanza attribuito allo sviluppo della cultura info-logistica, dei sistemi informativi e gestionali e del diuturno confronto e scambio professionale tra le articolazioni del comparto logistico della Forza Armata.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando logistico dell'Esercito
____________________________________________________

Presentato in Abruzzo il CalendEsercito 2018

L’Aquila, 5 dicembre 2017 – Presentato stamane a L’Aquila, presso la sala conferenze di Confindustria L’Aquila, il CalendEsercito 2018 intitolato “Il lungo filo rosso”.

FOTO 3 - Momento della Presentazione

Esso racconta in un unico continuum ideale gli italiani, la loro forza, il loro coraggio e la loro determinazione nel periodo storico compreso tra il Risorgimento e la Grande Guerra. Esercito e società in due epoche diverse vengono confrontati in dodici itinerari che ripercorrono settanta anni di vita italiana. Il taglio narrativo rende il CalendEsercito 2018 un contenitore speciale di vicende inedite e sorprendenti che costituiscono il vero sale delle storia. Una storia intrisa di autentica umanità.

È un tributo alla capacità del popolo italiano che anche nei momenti più tragici della propria storia ha saputo risollevarsi e assurgere a nuova vita. L’evento, che si inserisce nel quadro delle celebrazioni per il centenario della Grande Guerra, è stato introdotto dal comandante militare dell’Esercito per l’Abruzzo, gen. b. Giuseppe Di Giovanni, e ha visto la partecipazione di numerose autorità civili e militari, tra cui la senatrice Stefania Pezzopane, il vicesindaco della città di L’Aquila, Guido Liris, il comandante della Legione Carabinieri Abruzzo-Molise, gen. b. Michele Sirimarco e il comandante regionale della Guardia di Finanza, gen. b. Flavio Aiello. La senatrice Pezzopane, nel suo intervento, tra le altre cose, ha ricordato la costante vicinanza dell’Esercito alla popolazione, in particolare nei territori colpiti da calamità, rammentando gli ultimi incendi che hanno martoriato l’Abruzzo ed ha concluso sottolineando che di fronte a catastrofi di gigantesca portata, quando non si vede via d’uscita, il barlume di speranza è sempre visto nell’arrivo dell’Esercito.

Anche il vicesindaco della città di L’Aquila, Guido Liris, ha preso la parola, richiamando sia l’intervento dell’Esercito in Abruzzo in occasione degli eventi calamitosi sia l’importanza che l’Esercito, intriso di storia e di valori, ha in un percorso di maturazione del sentimento di Patria.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Militare Esercito Abruzzo
__________________________________________________________

Libano: i caschi blu donano sangue alla croce rossa della città di tiro

PIOLIB20171205M-5

Shama (Libano), 05 dicembre 2017 – E’ stata svolta oggi, presso il comando del settore ovest di UNIFIL a guida italiana su base brigata paracadutisti “Folgore”, una giornata dedicata alla donazione del sangue a favore della Croce Rossa della città di Tiro nel sud del Libano.

Il force commander e head of mission generale Bery, con il generale Rodolfo Sganga comandante del settore ovest di UNIFIL, assieme ad oltre 120 peacekeeper di UNIFIL e dei militari delle Forze Armate Libanesi, hanno voluto partecipare all’importante iniziativa, donando il proprio sangue.

PIOLIB20171205M-6

La donazione di sangue, oltre che a rappresentare un dovere civico è un gesto concreto di solidarietà, semplice per chi dona, ma fondamentale per quanti stanno soffrendo e per i quali ricevere una donazione può rappresentare, a volte, l’unica possibilità di sopravvivenza.

La disponibilità di adeguate scorte di sangue è un patrimonio collettivo cui,  donne, uomini, giovani, vecchi, bambini, compresi noi stessi e le persone che ci sono più care può attingere in caso di necessità

PIOLIB20171205M-1

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano in Libano
___________________________________________________

Presentazione CalendEsercito 2018 a L’Aquila

Copertina2018

L’Aquila, 3 dicembre 2017 –   Martedì  5 dicembre 2017 alle 11:00, presso la sala conferenze di Confindustria L’Aquila in località Campo di Pile a L’Aquila, il comandante militare dell’Esercito per l’Abruzzo, gen. b. Giuseppe Di Giovanni, presenterà il CalendEsercito 2018.

I temi trattati nel CalendEsercito del prossimo anno tessono la trama della nostra storia, dallo spirito risorgimentale che aveva avviato il processo di unificazione fino all’animo e agli ideali che gli italiani scoprono durante la Grande Guerra, dimostrando di avere la volontà di affermarsi come un solo popolo e una grande nazione.
In tale contesto l’Esercito si è dimostrato un radicale strumento per la creazione di un’identità condivisa quando culture, mentalità e lingue ancora distanti tra loro erano accomunate in un medesimo destino nelle trincee italiane.

Il prodotto editoriale è stato intitolato “Il lungo filo rosso dall’Unità alla Vittoria” perché intende raccontare in un unico continuum ideale gli italiani, la loro forza, il loro coraggio e la loro determinazione tra il Risorgimento e la Grande Guerra, la stagione dell’unità da conseguire e la stagione che cementerà quell’unità nelle trincee. Esso racconta la gioventù italiana, il tricolore, le donne italiane e tanti altri temi che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese, rendendo visibile la continuità di valori e di ideali illustrati con immagini d’epoca. È un tributo alla capacità del  popolo italiano che anche nei momenti più tragici della propria storia ha saputo risollevarsi e assurgere a nuova vita. Invitate all’evento autorità civili, militari e religiose e una rappresentanza di una scolaresca dell’istituto di istruzione superiore  “L. Da Vinci – O. Colecchi”  di  L’Aquila.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Comando Militare Esercito Abruzzo
___________________________________________________________

Marina Militare: 113 allievi dell’accademia di Livorno giurano fedeltà alla Patria (video)

Livorno, 2 dicembre 2017 – Hanno giurato fedeltà alla Patria 113 allievi della 1^ classe del corso normale, 86 del 17° corso a ferma prefissata e 4 del 16° corso piloti di complemento e da oggi fanno parte ufficialmente della grande famiglia della Marina Militare.

Il video della Marina Militare

Il giuramento che oggi prestate, in questo prestigioso Istituto che assolve le sue funzioni da più di 130 anni, è la promessa solenne di impegnare tutte le vostre capacità per proseguire lungo la strada del dovere tracciata da generazioni di Ufficiali che, prima di voi, hanno avuto l’onore e la responsabilità di servire la Patria nei ranghi della Marina Militare e nella grande famiglia delle Forze Armate”. Così il capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, ai 203 allievi dell’accademia navale di Livorno che oggi hanno prestato solenne Giuramento di fedeltà alla Repubblica, alla presenza del ministro della Difesa, Roberta Pinotti, e del capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Valter Girardelli.

ea9fb471-e041-4d3b-994f-d8eb15145362img_20171202_111852Medium

Negli attuali scenari internazionali, che si presentano estremamente dinamici, complessi ed in continua evoluzione – ha continuato il capo di Stato Maggiore della Difesa –   il nostro strumento militare si caratterizza per la capacità di operare trasformandosi al fine di rispondere in maniera adeguata ed efficace alle sfide che minacciano la nostra sicurezza. La vostra generazione avrà l’onere di continuare a portare avanti questo cambiamento, in una dimensione sempre più marcatamente interforze, internazionale e anche interagenzia”.

4c5ae7f5-4541-45f7-82df-1d531aebfc1cimg_20171202_111831Medium

Fate tesoro degli insegnamenti che riceverete qui in accademia – ha aggiunto il generale Graziano – poiché vi forniranno gli strumenti, culturali e professionali, per operare nel dominio marittimo e per portare avanti le tradizioni di Forza Armata. Per questo, vi esorto già da ora a guardare più in alto, ad una dimensione più ampia, quella interforze e internazionale, che sarà la costante dei vostri impieghi operativi futuri, al fianco dei colleghi di altre Forze Armate e di altri Paesi, nell’ambito delle principali Organizzazioni Internazionali”. In particolare, tra le più recenti iniziative, il generale Graziano ha ricordato l’accordo siglato da 23 Paesi dell’UE sulla cooperazione strutturata permanenti (Pesco), il cui avvio consentirà una graduale transizione militare in ambito europeo da mere cooperazione a concrete integrazioni capacitive.

3eebd583-11aa-4468-b9d2-e258068ca5d6img_20171202_111837Medium

Il generale Graziano ha così concluso il suo discorso “Voi siete il nostro futuro! Il Giuramento è il solenne momento che accomuna gli allievi di tutte le Accademie e di tutti i tempi, siate orgogliosi di essere la parte migliore della nostra società e di camminare con affianco tutte le altre Forze Armate”.

Al termine della cerimonia, per la prima volta, ci sarà il defilamento degli allievi lungo il viale Italia, per un abbraccio simbolico a tutta la cittadinanza livornese fortemente colpita dall’alluvione del 10 settembre scorso, quando, per il soccorso alla popolazione, anche gli allievi che oggi hanno giurato, erano intervenuti fianco a fianco con i paracadutisti della brigata Folgore, con gli operatori delle altre Istituzioni e della Protezione Civile, nonché con i volontari. 

Schermata 2017-12-02 alle 16.44.54

© All rights reserved
Fonte: Marina Militare / Stato Maggiore Difesa
________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade