Annunci

Supporta MNFI / Support MNFI

Supporta MNFI con un tuo contributo.
Clicca il pulsante per fare una donazione al nostro blog. Grazie!!!
(PayPal o carte di credito)

Donate Button with Credit Cards

Support MNFI with your contribution.
Click to make a donation to our blog. Thank you!!!
(PayPal or credit cards)

Grazie per il contributo a:
Alessandro Menenti
Silvio Belatti
Giovanni Stassi


L’Esercito termina la demolizione del Park Hotel di Visso

Le fasi della demolizione del Park hotel Visso (3)

Visso (MC), 18 settembre 2018 – L’Esercito ha concluso ieri la demolizione del Park Hotel di Visso, permettendo la futura costruzione di un’area commerciale, che sarà realizzata sulle fondamenta del vecchio fabbricato.

I genieri dell’Esercito hanno iniziato le operazioni di demolizione il 30 agosto, producendo oltre 6.000 tonnellate di macerie. Quella di ieri è solo l’ultima delle circa 700 demolizioni che il Genio militare ha concluso a partire dall’8 agosto 2017; inoltre in più di un anno di attività, in supporto alle province del Centro – Italia colpite da calamità naturale, sono state conferite presso i siti di deposito temporaneo oltre 153.000 tonnellate di macerie.

Per demolire il fabbricato di cinque piani, i militari del Genio hanno utilizzato i consueti escavatori a benna rovescia e autobotti per l’abbattimento delle polveri sottili. In demolizioni complesse come quella del Park Hotel sono impiegati operatori altamente specializzati e addestrati, che oltre ai normali corsi di aggiornamento e sulla sicurezza in cantiere, sono stati impiegati già in altri contesti operativi in Patria e all’estero.

Attualmente gli ufficiali, sottufficiali, graduati e militari di truppa del genio dell’Esercito, provenienti da tutte le unità del Comando Genio e dai reggimenti Guastatori, sono impegnati quotidianamente presso i comuni di Arquata del Tronto, Amatrice, Cittareale, Visso, Castelsantangelo sul Nera, Campotosto e Cagnano Amiterno.

Le fasi della demolizione del Park hotel Visso (5)

L’Esercito è sempre presente nelle province del Centro – Italia fin dalle prime ore del 24 agosto e grazie alla dualità dei propri reparti del Genio, la Forza Armata dimostra di essere una risorsa indispensabile, in seguito ad eventi calamitosi, per il ripristino della viabilità, per l’urbanizzazione di aree da adibire a scuole o soluzioni abitative, e per il trasporto di macerie.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Esercito
______________________________________________
Annunci

Generale Graziano in Iraq “l’ISIS sconfitto da un punto di vista geografico ma presente in forma diversa”

 Schermata 2018-09-18 alle 00.08.44

Iraq, 17 settembre 2018 – “L’ISIS è stato sconfitto da un punto di vista geografico e la coalizione ha supportato le forze irachene che, combattendo  una lunga battaglia e pagando un prezzo elevato, sono riusciti a sradicare il terrorismo nella sua forma territoriale, ma l’ISIS non è scomparso, rimane occulto ed è diventato un fenomeno che può definirsi magmatico.”

Così il capo di stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, ai microfoni di RAI NEWS24 durante la sua visita al contingente italiano schierato nell’ambito della coalizione anti Daesh.

“Per eliminare definitivamente il terrorismo di questo tipo – ha sottolineato il generale Graziano – ci vorrà ancora molto tempo”. 

“Le forze irachene stanno operando bene ma è importante che la comunità internazionale continui ad assicurare loro l’addestramento e il supporto per metterle davvero in condizione di poter garantire la sicurezza del Paese”. Ha aggiunto il Capo di SMD.

“Come abbiamo visto il terrorismo può essere sconfitto geograficamente, cambiare nome, cambiare regione e area ma non sarà mai debellato definitivamente fino a quando non saranno eliminate le ragioni per cui è nato.

L’Iraq è in una situazione critica e di forte instabilità da moltissimi anni e io credo che rimanga importante avere la consapevolezza, a livello internazionale, dell’importanza di dover supportare ancora il Paese affinché non si ricrei più una situazione analoga a quella esistente quando l’ Isis ha preso il controllo di vaste aree di questo Paese.”

L’Italia è il secondo Paese contributore dopo gli Stati Uniti in termini di personale che opera nell’ambito della coalizione multinazionale composta da 79 membri (tra Paesi e Organizzazioni regionali e internazionali).

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Difesa
____________________________________________

Il generale Nicolò Falsaperna nominato segretario generale della Difesa

243e5ab8-bba0-48c3-845b-c1223484fb3901Medium

Roma, 17 settembre 2018 – Il generale di corpo d’armata Nicolò Falsaperna è stato nominato nuovo segretario generale della Difesa e direttore nazionale armamenti.

​Il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro della Difesa Elisabetta Trenta, nella riunione di ieri, 13 settembre, ha nominato il generale di corpo d’armata, Nicolò Falsaperna, nuovo segretario generale della Difesa e direttore nazionale armamenti.

Subentrerà nell’incarico al generale di squadra aerea, Carlo Magrassi.

Al Generale Falsaperna – che il 9 ottobre 2015 aveva assunto l’incarico di vice segretario generale della Difesa e vice DNA – il ministro Trenta ha rivolto i migliori auguri: “buon lavoro in questo incarico di grande rilievo per la Difesa”.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Stato Maggiore Difesa
____________________________________________

Genova: Strade Sicure a presidio zona rossa di ponte Morandi

46214e35-0734-4e6f-9212-2226a49cbc1dz03 copiaMedium

Genova, 17 settembre 2018 – Completato lo schieramento dei militari di “Strade Sicure” a presidio della zona rossa di Ponte Morandi: nella notte il passaggio di consegne tra il personale della Polizia di Stato e della Polizia Locale di Genova con gli alpini della “Taurinense”.

L’Esercito Italiano ha concluso nella notte lo schieramento delle proprie unità a presidio della “zona rossa”, circoscritta dopo crollo di ponte Morandi, a Genova, assumendo il controllo dei varchi d’accesso all’area ritenuta a rischio per ulteriori crolli.

Il presidio dei varchi della “zona rossa” sarà garantito dagli alpini tratti dalle unità della brigata alpina “Taurinense”, che agiranno in concorso alle Forze dell’Ordine. Tale misura si è resa necessaria per incrementare ulteriormente la sicurezza della popolazione, tanto per evitare il coinvolgimento della popolazione in eventuali nuovi crolli, quanto per assicurare un presidio continuo e costante contro possibili odiosi episodi di sciacallaggio. Inoltre, l’intervento delle Forze Armate consentirà di liberare il personale delle Forze di Polizia, per consentirgli di riprendere le consuete attività istituzionali di prevenzione e contrasto della criminalità cittadina.

La possibilità di tale concorso da parte delle Forze Armate era già emersa durante la riunione del Centro Coordinamento Soccorsi (CCS), proprio con l’obiettivo di alleggerire lo sforzo aggiuntivo espresso dalle Forze di Polizia dal momento del crollo del viadotto autostradale.

ba74e999-9b2b-4e6f-8291-06aa5486f173z04 copiaMedium

L’impiego del personale dell’Esercito, avvenuto in tempi brevi, rappresenta la capacità delle Forze Armate di essere professionalmente preparate a fronteggiare situazioni emergenziali inaspettate e improvvise, per contribuire ad alleviare difficoltà e sofferenze della popolazione. È questo un intervento esemplificativo di quella capacità duale di tutte le Forze Armate, che sono in grado di mettere a disposizione della collettività nazionale professionalità, materiali e mezzi inizialmente concepiti per impieghi strettamente militari.

Già in passato gli eventi di pubblica calamità hanno visto oggi più che mai l’impiego delle Forze Armate in supporto e in coordinamento con altre amministrazioni dello Stato, in particolare con la Protezione Civile Nazionale operante quale trade union per la gestione delle emergenze, un contributo che le Forze Armate devono assicurare nell’ambito dei compiti di istituto. Il superamento delle dure sfide e il raggiungimento degli eccellenti risultati conseguiti è stato realizzato soltanto attraverso la piena sinergia tra Forze Armate, Vigili del Fuoco, Corpi Armati dello Stato, Croce Rossa Italiana, Volontariato, Protezione Civile risultando ancora una volta un valido ed imprescindibile strumento a diposizione di tutte le autorità locali per il sostegno ed il supporto alla popolazione, dando riprova di un “Sistema Paese” pienamente efficiente ed efficace, in grado di fornire una risposta immediata e concreta alla risoluzione delle emergenze.

f515c1af-267b-4115-91c6-63802ca0270301Medium

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Difesa
___________________________________________

 


Il generale Rosario Castellano in visita al distaccamento della brigata “Pinerolo” in Puglia 

Il generale Castellano saluta i militari

Bari, 17 settembre 2018 – Nei giorni scorsi il comandante delle Forze Operative Sud, generale di corpo d’armata Rosario Castellano, si è  recato in visita ai reparti dipendenti di stanza a Bari, al C.A.R.A e al personale militare impegnato presso la 82^ edizione della Fiera del Levante.

Prima tappa il distaccamento della brigata “Pinerolo”, attualmente impiegata fuori area dove è stato ricevuto dal colonnello Antonio Camerino, Comandante del Distaccamento, che nel corso di briefing ha illustrato le attività in corso e quelle programmate da parte dela Brigata e dei reparti dipendenti. Al termine della visita, il generale Castellano ha ringraziato il personale presente “per quello che fate e per come lo fate per la brigata, per il COMFOP SUD e per l’Esercito Italiano. Avete dimostrato di sapervi adattare al cambiamento che la brigata Pinerolo ha subito nell’ambito del processo di trasformazione”.

Il Generale Castellano in visita alla Brigata Pinerolo

Successivamente, il comandante del COMFOP SUD, si è recato al C.A.R.A. di Bari dove è stato ricevuto dal colonnello Giancarlo Coretto, comandante del raggruppamento “Puglia” che opera nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”,  ha salutato i militari in servizio al centro ed ha effettuato una visita alla struttura.

La visita  è proseguita al Comando Militare Esercito “Puglia”, dove, dopo un office call con il generale di brigata Mauro Prezioso, il generale di corpo d’armata Castellano ha salutato tutto il personale del comando territoriale al quale ha rivolto parole di plauso per il loro operato.

Al termine il generale Castellano ha colto l’occasione per far visita ai militari dell’Esercito presenti alla Fiera Campionaria del Levante, aperta fino a domenica 16  settembre. Il percorso all’interno dello spazio espositivo è iniziato con la visita ai mezzi ed ai materiali in mostra statica ed è proseguito nell’area interattiva, dove giovani e meno giovani si stanno cimentando direttamente in attività dinamiche e dimostrative. Per l’occasione sono state allestite una parete artificiale di roccia, che i visitatori possono scalare con l’aiuto di istruttori alpini, ed il percorso di “Military Fitness”, organizzato dai paracadutisti del 186° reggimento, in cui provare varie attività sportive derivanti dall’addestramento militare.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Esercito
_____________________________________________

Difesa: il presidente Mattarella in visita al contingente italiano in Lettonia accolto dal generale Graziano (video)

16805

Ᾱdaži (Lettonia), 14 settembre 2018 – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha incontrato il contingente italiano inquadrato nella missione NATO e.f.p. in Lettonia

Il Presidente al termine del vertice dei Capi di Stato del gruppo Arraiolos, si è recato alla base militare di Ᾱdaži dove ha incontrato il contingente italiano inquadrato nella missione NATO E.F.P. in Lettonia.

“Signor Presidente della Repubblica la Sua presenza odierna ci onora e testimonia in modo tangibile la Sua vicinanza e l’attenzione con la quale ha da sempre guardato alle Forze Armate e in particolare alle molteplici attività dei Contingenti militari che operano fuori dal territorio nazionale.”

16807

Così il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, rivolgendosi al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in visita presso la base militare di Ᾱdaži in Lettonia, dove il contingente italiano è schierato nell’ambito dell’operazione NATO “enhanced Forward Presence”.

“In Sua presenza Signor Presidente, nostro Comandante Supremo – ha continuato il generale Graziano – desidero esprimere il mio orgoglio di Comandante per l’operato quotidiano delle donne e degli uomini delle nostre Forze Armate che contribuiscono con elevatissima professionalità a garantire la pace e la sicurezza internazionale rendendo un inestimabile servizio alla collettività accrescendo il prestigio del Paese all’estero”. 

16806

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, rivolgendosi al generale Graziano – ha sottolineato – “Le nostre Forze Armate sono impegnate in tante parti del mondo in missioni di pace e dovunque la loro presenza viene apprezzata per professionalità e umanità, questo accresce il prestigio dell’Italia nel mondo ed è uno dei meriti che mi sento riconoscere in giro per il mondo”.

Il generale Graziano ha quindi voluto estendere al personale presente le attestazioni di gratitudine e di riconoscenza ricevute in mattinata dal Ministro della Difesa e dal capo di Stato Maggiore lettoni che hanno sottolineato il fondamentale contributo dei militari italiani per la sicurezza della Regione.

L’impiego dei militari italiani, nell’ambito dell’Operazione Baltic Guardian, è stato deciso nel corso del Summit di Varsavia del luglio 2016, quando l’Italia ha assicurato il proprio contributo all’iniziativa della NATO di schierare, nei Paesi Baltici e in Polonia, quattro Battle Group. L’enhanced Forward Presence si materializza in un aumento della presenza di Forze NATO sul territorio europeo al fine di potenziare i confini dell’Alleanza e di disporre di uno strumento pienamente integrato.

16810

Le unità che compongono il Battle Group multinazionale sono pienamente integrate e interoperabili tra loro grazie ad addestramenti mirati a operare e a manovrare in perfetta sintonia.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore Difesa
Immagini: Quirinale
_______________________________


Afghanistan: lezioni di Diritto Internazionale dei conflitti armati a favore dell’Afghan National Army

Foto 3 - seminario di Diritto Internazionale dei Conflitti Armat

Herat, 14 settembre 2018 – I militari del contingente italiano del Train Advise and Assist Command West (TAAC-W) di Herat, comando multinazionale della NATO su base Brigata “Pinerolo” inquadrato nella Missione Resolute Support in Afghanistan, hanno organizzato e condotto un seminario sul Diritto Internazionale dei conflitti armati a favore dei colleghi dell’Afghan National Army del 207° corpo di armata.

Le lezioni, sviluppate dal consigliere giuridico del Train Advise and Assist Command West (TAAC-W) al fine di implementare il bagaglio culturale e giuridico degli appartenenti alle Forze di Sicurezza locali, si inseriscono nel nuovo ciclo addestrativo ideato dal Contingente Italiano a favore delle unità delle Afghan National Defense Security Forces (ANDSF) denominato OMNIA”.

Foto 1 - seminario di Diritto Internazionale dei Conflitti Armati

In particolare, il seminario è stato incentrato sullo sviluppo della capacità “train the trainers” su argomenti quali la Carta delle Nazioni Unite, la storia del Diritto Internazionale dei Conflitti Armati, l’analisi delle principali Convezioni e l’applicazione delle stesse, nonché un approfondimento sull’applicazione ed il rispetto del Diritto Internazionale Umanitario nella condotta di operazioni militari anche alla luce delle previsioni della Carta delle Nazioni Unite. I convenuti hanno manifestato grande interesse e partecipazione poiché gli stessi, in quanto istruttori, saranno chiamati a condividere i contenuti del seminario in favore delle Unità di appartenenza.

Il lavoro degli Advisors italiani si inquadra nell’ambito della missione NATO Resolute Support (RS) con il compito principale di fornire addestramento, consulenza ed assistenza alle Forze di Sicurezza Afgane per migliorarne la funzionalità e la loro capacità di auto sostenersi.

Foto 4 - seminario di Diritto Internazionale dei Conflitti Armat

© All rights reserved
Fonte e immagini: Ministero della Difesa
____________________________________________


Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade