Advertisements

Archivi categoria: Comunicati stampa SMD

Morto il comandante Andrea Ianoli, cordoglio del capo di SMD

Roma, 3 giugno 2016 – Il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, appresa la triste notizia della scomparsa del comandante Andrea Gianoli, Medaglia d’Argento al Valor Militare, altissimo esempio di eroico coraggio, profondo senso del dovere e dedizione alla Patria, ha espresso a nome delle Forze Armate e suo personale i sensi del più profondo e partecipato cordoglio.

Il comandante Gianoli è stato un incursore della leggendaria decima Flottiglia Mas, prestigiosa Unità della Marina Militare che con le sue azioni eroiche ha contribuito alla difesa della Patria e scrivendo  pagine indelebili nella storia del Paese.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore Difesa
______________________________
Advertisements

Torino, salone del libro: allo stand della Difesa si parla delle donne nelle forze armate. Il capitano Cristoforetti incanta i bambini 

Torino, 15 maggio 2016 – Una domenica entusiasmante allo stand della Difesa in questa quarta giornata di presenza al Salone del Libro.

Una festosa invasione di bambini, stamane, ha riempito di allegria lo Stand per la presentazione del “Manuale del piccolo aviatore”, opera dedicata a bambini normovedenti ma anche ciechi, ipovedenti, sordi autistici e dislessici per consentire a tutti di fruire delle emozioni del volo.

Ospite d’eccezione il pilota dell’Aeronautica Militare ed astronauta dell’ESA Samantha Cristoforetti che, con un linguaggio semplice, ha spiegato ai piccoli e curiosi visitatori come si diventa astronauta e quali esperienze si provano a vivere nello spazio.

La presentazione di “Perché le donne valgono” della giornalista e scrittrice Sabrina Scampini è stata occasione preziosa per affrontare il tema della presenza delle donne nelle Forze armate. Durante l’evento, moderato dall’ammiraglio Aurelio De Carolis, si è sviluppato un interessante dibattito tra l’autrice e il maggiore dei Carabinieri Irene Micelotta e il capitano pilota dell’Aeronautica Militare Carla Angelucci, che hanno raccontato la loro esperienza professionale.

Esempio di donna che si è distinta in un ambiente a prevalenza maschile – ha detto Sabrina Scampini – è sicuramente il ministro della Difesa Roberta Pinotti” a cui è dedicato un capitolo del libro. Il ministro Pinotti – ha aggiunto l’autrice – ha fatto moltissimo all’interno delle Forze Armate per tutelare la genitorialità stanziando fondi per l’apertura di asili nido all’interno delle caserme.

Anche oggi si è parlato di storia con le presentazioni di prodotti editoriali della Marina e dell’Aeronautica incentrate sul tema della Grande Guerra: “L’Aviazione francese in Italia 1915-1918” e “Noi e loro. La Grande Guerra in Adriatico” e sull’ultimo conflitto con “Quando tuonano i grossi calibri. Punto Stilo 9 luglio 1949”. L’Esercito, con una tavola rotonda, ha parlato dell’ ”Intervento italiano e il terribile 1916 tra la strafexpedition e l’attacco con i gas sul Monte San Michele”.

L’Aeronautica Militare. La tua squadra che vola” e “HH-3 F PELICAN: 1977/2014 37 anni di soccorso dal cielo” i volumi presentati dall’Arma Azzurra.

Grande attesa per l’ultima giornata del Salone in cui si continuerà a parlare di operazioni internazionali, storia e peculiarità delle Forze Armate.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
________________________________________________

Torino: al salone del libro presentato il volume “Caschi blu italiani”. Sono intervenuti il generale Graziano e il giornalista Molinari

“Caschi blu italiani”: presentato al salone del libro dal generale Graziano e dal direttore della Stampa Molinari

Presentazione Libro I Caschi Blu italiani

Presentazione Libro I Caschi Blu italiani

Torino, 15 maggio 2016 – “I militari italiani che operano nelle missioni di pace all’estero svolgono compiti strategici, sanno essere equilibrati e neutrali e con il loro operato danno prestigio al Paese“. Così ha detto il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, durante la presentazione del libro “Caschi Blu italiani” che si è svolta ier in un affollatissimo stand della Difesa all’interno del Salone del Libro di Torino.

I nostri militari, oltre ad una formazione tecnico professionale approfondita, hanno un approccio tipicamente italiano quando operano nell’ambito di operazioni internazionali” ha sottolineato il capo di Stato Maggiore della Difesa. “Quello che viene definito italian way to peacekeeping ha consentito alle Forze Armate italiane di farsi apprezzare in tutto il mondo, grazie alla spiccata capacità di dialogare con le popolazioni delle aree di crisi in cui operiamo” ha affermato il generale Graziano.

Il direttore del Quotidiano La Stampa, Maurizio Molinari, che ha stimolato il dibattito sul tema del peacekeeping e sull’importante impegno della Difesa italiana per la pace e la sicurezza, ha sottolineato come “le nostre Forze armate, i nostri singoli soldati, costituiscono un modello di successo che può aiutare a garantire la stabilità e la sicurezza a livello internazionale.”

Credo quindi – ha continuato Molinari – che sia importante ringraziare tutti i militari che hanno affrontano e affrontano quotidiani sacrifici e tutte le loro famiglie perché sono quelle che affrontano i sacrifici più importanti”.

Il generale Graziano e il dottor Molinari hanno poi ricordato i 50 caschi blu italiani caduti per la pace, sottolineando che “i loro nomi sono il nostro orgoglio”.

Sono 28 le missioni di peacekeeping lanciate dalle Nazioni Unite in zone di crisi del pianeta, alle quali hanno partecipato le nostre Forze Armate italiane dal 1955 a oggi, contando anche quelle in corso in Libano e in Mali che vedono in questo momento oltre mille militari italiani indossare il Casco Blu. L’Italia è attualmente il primo Paese occidentale (il 7° in assoluto) in termini di contributo sul campo alle operazioni militari dell’Onu. Missioni che sono raccontate nel volume «Caschi Blu Italiani» – proposto in occasione del 60° dell’adesione del nostro Paese all’ONU

Il volume ripercorre per immagini l’avventura delle migliaia di uomini e donne con le stellette che sono stati portatori di sicurezza e stabilità in regioni del pianeta colpite da sanguinosi conflitti, dalla Cambogia al Guatemala passando per il Mozambico, il Darfur, il Medio-Oriente, il Sahara Occidentale, la Namibia e molte altre.

Non manca un accenno al ruolo italiano nella formazione dei peacekeepers di tutto il mondo, attraverso la collaborazione pluriennale nata a Torino tra la brigata alpina Taurinense dell’Esercito e lo Staff College delle Nazioni Unite, mentre a Vicenza opera il Center of Excellence for Stability Police Units, struttura dell’Arma dei carabinieri dove vengono formati funzionari di polizia per le missioni di pace.

Il Generale Graziano visita lo Stand delle Crocerossine

Il Generale Graziano visita lo Stand delle Crocerossine

Questo volume – scrive il ministro della Difesa Roberta Pinotti – ricco di suggestive immagini, oltre a costituire un omaggio ai nostri caschi blu, ha inoltre il merito di arricchire la riflessione sulla pace e la sicurezza internazionale avviata in occasione del 70° di costituzione dell’ONU”.

Grazie alla Difesa per questo bellissimo stand che è ormai parte della tradizione del Salone e che consente ai tantissimi visitatori di essere messi a conoscenza delle numerose iniziative e attività editoriali delle Forze Armate” ha detto nel suo saluto il Sindaco di Torino Piero Fassino

La presenza della Difesa a questo evento culturale – ha detto il Presidente della Fondazione per il Libro di Torino che organizza il Salone Internazionale del Libro Giovanna Milella – è una importante occasione di incontro tra chi ci difende e chi è difeso. È un’occasione per capirsi, per conoscersi e per comprendere quanta dedizione e umanità ci sia nel lavoro dei nostri militari.”

Il Generale Graziano visita lo Stand Difesa

Il Generale Graziano visita lo Stand Difesa

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
_________________________________________________

Libia: C-130 italiano trasporta in Italia 13 feriti

Misurata, 13 maggio 2016 – Un C-130J dell’Aeronautica Militare ha trasportato a Roma nella giornata odierna 13 libici, rimasti feriti nell’attentato dello scorso 5 maggio vicino a Misurata. I feriti una volta giunti in Italia verranno ricoverati presso il Policlinico Militare del Celio ed altre strutture civili.

Il velivolo, partito questa mattina dall’aeroporto militare di Pratica di Mare, ha raggiunto l’aeroporto di Misurata con a bordo personale medico, infermieri e adeguato equipaggiamento sanitario per assistere il personale libico ferito. Una volta effettuato l’accertamento delle condizioni dei feriti è ripartito alla volta dell’aeroporto di Roma Ciampino dove è atterrato alle ore 19,30.

L’attività è stata svolta in collaborazione con il ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale e quello della Salute per il tramite del Comando Operativo di vertice Interforze di Centocelle, nell’ambito delle iniziative poste in essere per assistere la Libia e il popolo libico nelle emergenze e nella ricostruzione della stabilità e dello sviluppo del Paese.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
_______________________________________________

Difesa: “Natale con le Forze Armate” da Rainbow Magicland oltre sedicimila euro per gli enti assistenziali delle FFAA

Roma, 21 aprile 2016 – È stato consegnato oggi il ricavato della manifestazione “Natale con le Forze Armate a Rainbow Magicland”, organizzata dallo Stato Maggiore della Difesa e dalla direzione del parco, agli enti morali di assistenza dei familiari del personale dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e dei Carabinieri.

Presso il Circolo Ufficiali delle Forze Armate di Roma, i dirigenti della RainbowMagicLand hanno donato la cifra di 16.580,00 €, con un assegno simbolico, alle associazioni ONAOMCE, MARIDORIA, ONFA e ONAOMAC, alla presenza dei rappresentanti dello Stato Maggiore della Difesa.

L’evento “Natale con le Forze Armate”, dove per la prima volta il parco acquatico romano è stato aperto alle FA, ha unito il fascino della divisa all’adrenalina delle magiche attrazioni. Un esperienza che verrà replicata in una serie di bellissimi appuntamenti che si svolgeranno al Parco di Roma – Valmontone in questa stagione per celebrare gli uomini e le donne delle Forze Armate.

Un grande successo di pubblico che ha ascoltato le esibizioni di bande musicali militari, ha ammirato mezzi in dotazione alle Forze Armate, ha visto e toccato veicoli e uniformi storiche, si è cimentato con un simulatore di volo ed ha assistito alle dimostrazioni pratiche delle unità cinofile.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Stato maggiore della Difesa
__________________________________________________

93° anniversario dell’Aeronautica Militare, messaggio del capo di SMD

93° anniversario della costituzione dell’Aeronautica Militare: messaggio augurale alla forza armata del capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano

Roma, 28 marzo 2016 – Nel giorno in cui l’Aeronautica Militare festeggia il 93° anniversario della propria costituzione, desidero far giungere ai suoi Ufficiali, Sottufficiali, Graduati, Avieri, Allievi e Civili – in servizio e in congedo – il saluto caloroso delle Forze Armate e mio personale.

Ogni soldato, marinaio e carabiniere si stringe in un fraterno abbraccio a Voi, colleghi dell’Arma Azzurra, che celebrate con motivato orgoglio una data simbolica tra le gloriose pagine finora scritte da Voi e dai Vostri predecessori. Quasi diciannove lustri, carichi di sacrifici e ricchi di luminosi esempi di coraggio ed eroismo, fanno dell’epopea della nostra Aeronautica un patrimonio storico di assoluto rilievo per le Forze Armate e per l’intera Nazione.

Nel primo dopoguerra, grazie alla capitalizzazione delle pionieristiche esperienze aviatorie italiane di Esercito e Marina, prese vita la Regia Aeronautica, modello ante litteram di quello spirito interforze e innovatore che tutt’oggi permea la Forza Armata. Una realtà dinamica, cresciuta all’insegna dell’avanguardia e sempre protesa verso nuovi e ambiziosi traguardi.

Nell’anno in cui celebriamo i 70 anni della Repubblica, il nostro deferente pensiero va ai Caduti, cui rivolgiamo un sentito omaggio, e alle innumerevoli prove di perizia e dedizione offerte dall’Aeronautica nei cieli e sui fronti della Patria e del mondo. Valore Azzurro, “…sacrario di eroi che ammanta di gloria la Nazione tutta, a incitamento per le generazioni future…” come emblematicamente recita la motivazione di una delle Medaglie d’oro al Valor Militare conferite alla Bandiera di Guerra dell’Arma.

Questa esortazione è stata idealmente raccolta dai tanti italiani che in questi anni – con audacia, professionalità e abnegazione- hanno fieramente vestito l’uniforme Azzurra nei diversi ruoli e compiti operativi, sperimentali, tecnici, logistici, formativi e amministrativi richiesti dalle molteplici attività svolte in Patria e all’estero.

La difesa dello spazio aereo, il soccorso alle popolazioni, il trasporto sanitario d’urgenza e la collaborazione in ambito internazionale sono tra le missioni che rendono l’Aeronautica Militare elemento di punta e di orgoglio per il Paese, cui si aggiunge il conseguimento di eccellenze e primati in campo scientifico, tecnologico e medico.

L’Arma Azzurra è così in grado di esprimere un’ampia gamma di capacità, che preserva e sviluppa grazie ad un costante sforzo di ottimizzazione delle risorse disponibili e di ricerca di soluzioni operative e funzionali, confermandosi componente perfettamente integrata e sinergica dello Strumento militare.

Una compagine che sa operare efficacemente anche in chiave multidisciplinare e multidimensionale – con la massima prontezza, estrema flessibilità e grande modularità-, contribuendo alla difesa degli interessi nazionali e al concorso nella promozione e salvaguardia della stabilità e della pacifica convivenza tra i popoli.

Di tutto ciò Voi, uomini e donne dell’Aeronautica, siete i protagonisti indiscussi, con il vostro impegno silente e quotidiano, la vostra professionalità, la vostra passione e il vostro entusiasmo. A Voi rivolgo il mio sentito plauso e formulo i migliori auguri affinché, con il sostegno e l’ispirazione dei vostri valori e la spinta dell’innovazione tecnologica, possiate conseguire sempre migliori fortune.

Viva l’Aeronautica Militare, viva le Forze Armate, Viva l’Italia!

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore della Difesa
______________________________________

Somalia: un altro generale italiano alla guida della missione dell’Unione Europea

 

Mogadiscio, 21 marzo 2016 – Oggi, presso l’International Campus situato all’interno dell’aeroporto internazionale di Mogadiscio, ha avuto la cerimonia del cambio del comandante dell’European Union Training Mission Somalia (EUTM-S) tra il generale di brigata Antonio Maggi ed il generale di brigata Maurizio Morena.

L’Italia mantiene la guida dell’importante missione dell’Unione Europea che ha il compito di sviluppare il settore della sicurezza in Somalia in stretta collaborazione e coordinamento con gli altri attori della comunità internazionale presenti nell’area d’operazione come le Nazioni Unite, l’African Union Mission in Somalia (AMISOM). Il generale Morena, infatti è il terzo ufficiale generale italiano alla guida di questa missione sin dal 2014, a conferma della qualità e della professionalità della leadership militare italiana apprezzata internazionalmente per quanto fatto dalle nostre Forze Armate in molti teatri operativi.

Alla cerimonia erano presenti numerose autorità somale ed internazionali, tra le quali, Mr. Abdalla Hussein Ali, vice ministro della Difesa, generale Abdirahman Sheikh Issa Mohamed, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente della Somalia, ambasciatore Michele Cervone d’Urso, inviato speciale dell’Unione Europea in Somalia, il generale Mikhail Kostarakos, Chairman del Comitato Militare dell’Unione Europea e il generale Marco Bertolini, comandante del Comando Operativo Interforze dello Stato Maggiore della Difesa italiana.

Le autorità che si sono succedute sul podio, a fattor comune, hanno avuto parole di elogio per EUTM Somalia, per l’impegno profuso nel condurre le proprie attività e per i progressi conseguiti nella formazione delle Forze di Sicurezza somale.

Durante la cerimonia, l’ambasciatore Michele Cervone d’Urso, Mr. Abdalla Hussein Ali e il generale Antonio Maggi, hanno siglato il Memorandum of Understanding quale protocollo d’intesa per il finanziamento, da parte dell’Unione Europea, di alcuni progetti che contribuiranno alla ricostruzione delle capacità del Ministero della Difesa del Governo Federale della Somalia.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
________________________________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

PARLAMENTONEWS

i fatti della politica

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade