Annunci

Archivi categoria: Comunicati stampa SMD

Il capo di SMD in visita al personale impegnato per la sicurezza a Taormina

f0bd00a0-679e-4264-9b87-e092ae103b9dimg_0185Medium

Taormina, 26 maggio 2017 – “L’Italia è un esempio virtuoso di perfetta sinergia e collaborazione tra Forze Armate e Forze dell’Ordine, che ancora una volta stanno dimostrando quanto sia elevata la professionalità e la capacità operativa delle nostre donne e dei nostri uomini in uniforme”. Così il capo di stato maggiore della Difesa, Generale Graziano, parlando dell’eccezionale dispositivo di sicurezza posto in atto per il vertice del G7 a Taormina, in cui, al fianco delle Forze di Polizia, stanno operando circa 3.300 militari appartenenti alle Forze Armate.

Il generale Graziano è arrivato nel pomeriggio in Sicilia presso la base aerea di Sigonella, dove ha salutato dapprima il personale dell’Aeronautica Militare, che ha schierato un centro operativo per incrementare il controllo dello spazio aereo, e, a seguire, la task force di forze speciali che, con vari assetti specialistici tratti da tutte le Forze Armate, contribuisce alle attività di anti terrorismo.

f3a4f46a-007c-44b9-85c9-bc51babc47fbimg_0189Medium

L’Italia – ha sottolineato il generale Graziano – rappresenta certamente un case study dal punto di vista della cooperazione e collaborazione all’interno del comparto Difesa e Sicurezza. Una capacità interagenzia che ha permesso al Paese di svolgere recentemente importanti eventi, quali l’Expo e il giubileo della misericordia, sapendo di poter contare su un’adeguata cornice di sicurezza”.

Il capo di stato maggiore si è poi spostato a Taormina dove, salutando il personale impegnato nella cittadina siciliana, ha aggiunto: “da Comandante sono orgoglioso di constatare, ancora una volta, il vostro valore e la vostra professionalità, che ci consentono di annoverare le nostre Forze Armate tra le migliori al mondo”.

Le Forze Armate hanno dislocato tra Taormina e Sigonella un contingente interforze di circa 3.300 militari e circa 250 mezzi – tra aerei, elicotteri, droni e navi – nonché unità delle forze speciali per concorrere al potenziamento delle attività di sicurezza, di prevenzione, di presidio del territorio e di controllo degli obiettivi sensibili, in supporto al piano elaborato dal Ministero dell’Interno. Gli assetti militari, articolati nelle tre componenti operative – terrestre, navale e aerea – stanno operando alle dipendenze del Comando Operativo di Vertice Interforze.

dfa00ba4-b3c1-4996-8198-b90110dd6d71img_0187Medium

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Difesa
___________________________________________
Annunci

Difesa: conclusa nel Mediterraneo l’esercitazione Mare Aperto

Schermata 05-2457894 alle 22.54.21

Roma, 20 maggio 2017 – È terminata il 18 maggio l’esercitazione “Mare Aperto”, attività interforze e internazionale gestita dalla Marina Militare.

Iniziata lo scorso 8 maggio, l’esercitazione si prefiggeva di testare e consolidare le capacità operative volte alle attività di tutela degli interessi nazionali ed europei, con particolare riferimento alla sicurezza marittima.

Unitamente alle unità navali della nostra Marina, l’esercitazione, diretta dal comandante in capo della squadra navale a bordo di nave Cavour, ha visto all’opera ben 11 navi di Paesi, oltre ad assetti dell’Esercito Italiano e dell’Aeronautica Militare, per un totale di oltre  5600 uomini e donne.

Schermata 05-2457894 alle 22.54.08

Dieci giorni intensi di attività a difficoltà crescente, prima, e scenario a partiti contrapposti dopo, hanno caratterizzato l’evento addestrativo che, nella fase tattica, dal 14 al 18 maggio, ha visto le componenti navale, sommergibilista, aerea, anfibia della Squadra Navale confrontarsi in uno scenario di crisi internazionale. È stato sviluppato l’addestramento nelle principali forme di lotta sul mare e dal mare, quali la difesa antiaerea, antisommergibile, antinave e anfibia. Inoltre, è stata particolarmente curata la Capacità Nazionale di Proiezione dal Mare – un pacchetto di forze di Esercito e Marina, dedicato prioritariamente alle operazioni anfibie – anche con l’imbarco di due elicotteri di attacco AW 129 “Mangusta” su Nave Garibaldi ed è continuato l’addestramento congiunto con i velivoli dell’Aeronautica Militare.

Schermata 05-2457894 alle 22.54.37

La piena integrazione con gli assetti aerei è stata dimostrata dal primo rifornimento in volo tra gli AV-8B della Marina e il tanker KC 767 dell’Aeronautica, nonché dalla prima integrazione operativa del CAEW dell’Aeronautica e del P72 della Marina.

Nella fase tattica, il dispositivo aeronavale si è addestrato a gestire una situazione di crisi in ambiente non permissivo, con presenza di minaccia tanto convenzionale quanto asimmetrica, e con la proiezione di una forza anfibia dal mare su terra. 

Lo scenario creato per l’esercitazione ripropone inoltre tutti gli elementi delle moderne operazioni militari: dalle regole d’ingaggio alle implicazioni strategico-militari, al rapporto con i media. Lo sviluppo dello scenario si è avvalso, in un’ottica di inter-agenzia, della presenza a bordo di un gruppo di studenti della Libera Università Internazionale degli Studi Sociali (LUISS) Guido Carli, che hanno partecipato all’esercitazione in qualità di political advisorlegal advisor, nonché come giornalisti della stampa simulata (simpress).

I lusinghieri risultati conseguiti hanno dimostrato, ancora una volta, il carattere intrinseco di ogni odierna attività militare e l’alto livello di interoperabilità raggiunto con i partner europei e della NATO.

Schermata 05-2457894 alle 22.53.54

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
_________________________________________________

Open House Roma 2017: palazzo Salviati sede del Centro Alti Studi per la Difesa apre le porte ai cittadini

3087ab27-4cd3-4987-95ab-9516de894127palazzo salviatiMedium

Roma, 5 maggio 2017 – Anche quest’anno nelle giornate del 6 e 7 maggio 2017, Palazzo Salviati, sito in piazza della Rovere, n. 83 – Roma – sede del Centro Alti Studi per la Difesa (CASD), accogliendo la proposta della manifestazione “Open House Roma 2017”, unito ad altri siti significativi di interesse storico-architettonico di Roma, normalmente non visitabili o parzialmente accessibili al pubblico, sarà aperto ai visitatori.

DSC_6829

Palazzo Salviati sarà uno dei 200 siti significativi di interesse storico–architettonico di Roma, normalmente non visitabili o parzialmente accessibili al pubblico che si potranno visitare gratuitamente nel corso del fine settimana, dalle ore 10.00 alle 13.30 e dalle ore 15.00 alle 19.00.

9c60b9d4-323f-43f7-825c-80005d42196aaffreschi cappellaMedium

DSC_6834

Le visite sono prenotabili attraverso il sito www.openhouseroma.org o www.facebook.com/openhouserm.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore Difesa
________________________________

 

Open House Roma è un evento annuale che in un solo week end consente l’apertura gratuita di centinaia di edifici della Capitale notevoli per le peculiarità architettoniche – artistiche e che, a differenza di iniziative simili, rivolge particolare attenzione oltre che al patrimonio storico, anche e soprattutto a quello moderno e contemporaneo.


Morto il comandante Andrea Ianoli, cordoglio del capo di SMD

Roma, 3 giugno 2016 – Il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, appresa la triste notizia della scomparsa del comandante Andrea Gianoli, Medaglia d’Argento al Valor Militare, altissimo esempio di eroico coraggio, profondo senso del dovere e dedizione alla Patria, ha espresso a nome delle Forze Armate e suo personale i sensi del più profondo e partecipato cordoglio.

Il comandante Gianoli è stato un incursore della leggendaria decima Flottiglia Mas, prestigiosa Unità della Marina Militare che con le sue azioni eroiche ha contribuito alla difesa della Patria e scrivendo  pagine indelebili nella storia del Paese.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore Difesa
______________________________

Torino, salone del libro: allo stand della Difesa si parla delle donne nelle forze armate. Il capitano Cristoforetti incanta i bambini 

Torino, 15 maggio 2016 – Una domenica entusiasmante allo stand della Difesa in questa quarta giornata di presenza al Salone del Libro.

Una festosa invasione di bambini, stamane, ha riempito di allegria lo Stand per la presentazione del “Manuale del piccolo aviatore”, opera dedicata a bambini normovedenti ma anche ciechi, ipovedenti, sordi autistici e dislessici per consentire a tutti di fruire delle emozioni del volo.

Ospite d’eccezione il pilota dell’Aeronautica Militare ed astronauta dell’ESA Samantha Cristoforetti che, con un linguaggio semplice, ha spiegato ai piccoli e curiosi visitatori come si diventa astronauta e quali esperienze si provano a vivere nello spazio.

La presentazione di “Perché le donne valgono” della giornalista e scrittrice Sabrina Scampini è stata occasione preziosa per affrontare il tema della presenza delle donne nelle Forze armate. Durante l’evento, moderato dall’ammiraglio Aurelio De Carolis, si è sviluppato un interessante dibattito tra l’autrice e il maggiore dei Carabinieri Irene Micelotta e il capitano pilota dell’Aeronautica Militare Carla Angelucci, che hanno raccontato la loro esperienza professionale.

Esempio di donna che si è distinta in un ambiente a prevalenza maschile – ha detto Sabrina Scampini – è sicuramente il ministro della Difesa Roberta Pinotti” a cui è dedicato un capitolo del libro. Il ministro Pinotti – ha aggiunto l’autrice – ha fatto moltissimo all’interno delle Forze Armate per tutelare la genitorialità stanziando fondi per l’apertura di asili nido all’interno delle caserme.

Anche oggi si è parlato di storia con le presentazioni di prodotti editoriali della Marina e dell’Aeronautica incentrate sul tema della Grande Guerra: “L’Aviazione francese in Italia 1915-1918” e “Noi e loro. La Grande Guerra in Adriatico” e sull’ultimo conflitto con “Quando tuonano i grossi calibri. Punto Stilo 9 luglio 1949”. L’Esercito, con una tavola rotonda, ha parlato dell’ ”Intervento italiano e il terribile 1916 tra la strafexpedition e l’attacco con i gas sul Monte San Michele”.

L’Aeronautica Militare. La tua squadra che vola” e “HH-3 F PELICAN: 1977/2014 37 anni di soccorso dal cielo” i volumi presentati dall’Arma Azzurra.

Grande attesa per l’ultima giornata del Salone in cui si continuerà a parlare di operazioni internazionali, storia e peculiarità delle Forze Armate.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
________________________________________________

Torino: al salone del libro presentato il volume “Caschi blu italiani”. Sono intervenuti il generale Graziano e il giornalista Molinari

“Caschi blu italiani”: presentato al salone del libro dal generale Graziano e dal direttore della Stampa Molinari

Presentazione Libro I Caschi Blu italiani

Presentazione Libro I Caschi Blu italiani

Torino, 15 maggio 2016 – “I militari italiani che operano nelle missioni di pace all’estero svolgono compiti strategici, sanno essere equilibrati e neutrali e con il loro operato danno prestigio al Paese“. Così ha detto il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, durante la presentazione del libro “Caschi Blu italiani” che si è svolta ier in un affollatissimo stand della Difesa all’interno del Salone del Libro di Torino.

I nostri militari, oltre ad una formazione tecnico professionale approfondita, hanno un approccio tipicamente italiano quando operano nell’ambito di operazioni internazionali” ha sottolineato il capo di Stato Maggiore della Difesa. “Quello che viene definito italian way to peacekeeping ha consentito alle Forze Armate italiane di farsi apprezzare in tutto il mondo, grazie alla spiccata capacità di dialogare con le popolazioni delle aree di crisi in cui operiamo” ha affermato il generale Graziano.

Il direttore del Quotidiano La Stampa, Maurizio Molinari, che ha stimolato il dibattito sul tema del peacekeeping e sull’importante impegno della Difesa italiana per la pace e la sicurezza, ha sottolineato come “le nostre Forze armate, i nostri singoli soldati, costituiscono un modello di successo che può aiutare a garantire la stabilità e la sicurezza a livello internazionale.”

Credo quindi – ha continuato Molinari – che sia importante ringraziare tutti i militari che hanno affrontano e affrontano quotidiani sacrifici e tutte le loro famiglie perché sono quelle che affrontano i sacrifici più importanti”.

Il generale Graziano e il dottor Molinari hanno poi ricordato i 50 caschi blu italiani caduti per la pace, sottolineando che “i loro nomi sono il nostro orgoglio”.

Sono 28 le missioni di peacekeeping lanciate dalle Nazioni Unite in zone di crisi del pianeta, alle quali hanno partecipato le nostre Forze Armate italiane dal 1955 a oggi, contando anche quelle in corso in Libano e in Mali che vedono in questo momento oltre mille militari italiani indossare il Casco Blu. L’Italia è attualmente il primo Paese occidentale (il 7° in assoluto) in termini di contributo sul campo alle operazioni militari dell’Onu. Missioni che sono raccontate nel volume «Caschi Blu Italiani» – proposto in occasione del 60° dell’adesione del nostro Paese all’ONU

Il volume ripercorre per immagini l’avventura delle migliaia di uomini e donne con le stellette che sono stati portatori di sicurezza e stabilità in regioni del pianeta colpite da sanguinosi conflitti, dalla Cambogia al Guatemala passando per il Mozambico, il Darfur, il Medio-Oriente, il Sahara Occidentale, la Namibia e molte altre.

Non manca un accenno al ruolo italiano nella formazione dei peacekeepers di tutto il mondo, attraverso la collaborazione pluriennale nata a Torino tra la brigata alpina Taurinense dell’Esercito e lo Staff College delle Nazioni Unite, mentre a Vicenza opera il Center of Excellence for Stability Police Units, struttura dell’Arma dei carabinieri dove vengono formati funzionari di polizia per le missioni di pace.

Il Generale Graziano visita lo Stand delle Crocerossine

Il Generale Graziano visita lo Stand delle Crocerossine

Questo volume – scrive il ministro della Difesa Roberta Pinotti – ricco di suggestive immagini, oltre a costituire un omaggio ai nostri caschi blu, ha inoltre il merito di arricchire la riflessione sulla pace e la sicurezza internazionale avviata in occasione del 70° di costituzione dell’ONU”.

Grazie alla Difesa per questo bellissimo stand che è ormai parte della tradizione del Salone e che consente ai tantissimi visitatori di essere messi a conoscenza delle numerose iniziative e attività editoriali delle Forze Armate” ha detto nel suo saluto il Sindaco di Torino Piero Fassino

La presenza della Difesa a questo evento culturale – ha detto il Presidente della Fondazione per il Libro di Torino che organizza il Salone Internazionale del Libro Giovanna Milella – è una importante occasione di incontro tra chi ci difende e chi è difeso. È un’occasione per capirsi, per conoscersi e per comprendere quanta dedizione e umanità ci sia nel lavoro dei nostri militari.”

Il Generale Graziano visita lo Stand Difesa

Il Generale Graziano visita lo Stand Difesa

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
_________________________________________________

Libia: C-130 italiano trasporta in Italia 13 feriti

Misurata, 13 maggio 2016 – Un C-130J dell’Aeronautica Militare ha trasportato a Roma nella giornata odierna 13 libici, rimasti feriti nell’attentato dello scorso 5 maggio vicino a Misurata. I feriti una volta giunti in Italia verranno ricoverati presso il Policlinico Militare del Celio ed altre strutture civili.

Il velivolo, partito questa mattina dall’aeroporto militare di Pratica di Mare, ha raggiunto l’aeroporto di Misurata con a bordo personale medico, infermieri e adeguato equipaggiamento sanitario per assistere il personale libico ferito. Una volta effettuato l’accertamento delle condizioni dei feriti è ripartito alla volta dell’aeroporto di Roma Ciampino dove è atterrato alle ore 19,30.

L’attività è stata svolta in collaborazione con il ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale e quello della Salute per il tramite del Comando Operativo di vertice Interforze di Centocelle, nell’ambito delle iniziative poste in essere per assistere la Libia e il popolo libico nelle emergenze e nella ricostruzione della stabilità e dello sviluppo del Paese.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
_______________________________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade