Annunci

Archivi categoria: Carabinieri

Carabinieri: 100 anni in Terra Santa

foto_03

Gerusalemme, 12 dicembre 2017 – L’uniforme da campagna della prima guerra mondiale. Al posto degli stivali, le “fasce mollettiere” e, in testa, la lucerna grigioverde. Di questi carabinieri in posa davanti al portone del Santo Sepolcro di Gerusalemme non si conosce il nome, non si conosce la storia personale, ma lo sguardo fiero e l’impresa compiuta, sì.

Sono passati esattamente cento anni da allora, era il 12 dicembre del 1917 e questi militari e i loro colleghi, 150 in totale, erano appena arrivati in Terra Santa. Facevano parte del corpo di spedizione italiano che doveva affiancare quello inglese per compiti militari e di polizia e contrastare, così, l’esercito ottomano. L’obiettivo? Dare stabilità all’area a nord del Mar Morto.

foto_08
Il distaccamento dei carabinieri della Palestina affrontò un viaggio lungo e difficile per arrivare a Gerusalemme. Lo sbarco a Tobruk, sulla costa libica, il trasferimento logistico a Gaza e da lì, a piedi, l’ultimo tratto di strada che li portò ad entrare nella Città Santa tra l’11 e il 12 dicembre 1917. Vigilanza ad obiettivi sensibili, acquedotti, strutture ferroviarie, luoghi sacri come, appunto, il Santo Sepolcro erano solo alcune delle loro mansioni. La presenza della Benemerita in Cisgiordania proseguì fino al 1921.

L’attività dell’Arma in queste terre è ripresa negli ultimi anni: eccoli in queste foto i carabinieri del terzo millennio davanti al Santo Sepolcro per rendere omaggio a chi li ha preceduti.

Simpaticamente nelle stesse pose di allora, a testimonianza del tempo che passa e dell’Arma che si rinnova. In questi scatti del 2017 c’è la stessa fierezza, lo stesso sguardo orgoglioso. Valori sintetizzati in una istantanea/fotomontaggio in cui un militare del 1917 è ritratto assieme ai colleghi del 2017. Una sintesi ideale dei valori di un tempo che per l’Arma restano immutati.
Ma tra tutti gli scatti ce n’è uno diverso da quelli del 1917. Cinque carabinieri, tre uomini e due donne: militari dei reparti territoriali e della Seconda Brigata Mobile. Il loro sguardo è rivolto al futuro.

foto_12

Alle soglie del 2018 sono due le missioni attive in queste zone: la Miadit, con base a Gerico, e la TIPH, che opera a Hebron. 
La Missione Miadit (Missione addestrativa italiana) ha il compito di formare le forze di sicurezza palestinesi affinché imparino a gestire e a prevenire derive terroristiche di gruppi criminali.
La TIPH (Temporary international presence in Hebron) è una missione voluta dall’Onu affinché i carabinieri italiani assieme a rappresentanti di altre nazioni favoriscano il dialogo tra i palestinesi e gli israeliani che convivono nella difficile realtà di Hebron.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Arma dei carabinieri
__________________________________________
Annunci

Carabinieri: il comandante generale Tullio Del Sette insignito della legione al merito degli Stati Uniti d’America

DSC_0209 

Roma, 28 novembre 2017 – Due giorni fa presso l’ambasciata USA a Roma, l’ambasciatore Lewis M. Eisenberg ha consegnato la Legione al Merito statunitense al comandante generale Tullio Del Sette, concessa dal Presidente degli Stati Uniti d’America per “Per l’eccezionale e meritoria attività svolta, quale Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, a supporto della Combined Joint Task Force della missione Inherent Resolve, dal 1° marzo 2015 al 1° marzo 2016. Il generale Del Sette ha guidato i Carabinieri nel corso di una fase cruciale della battaglia Alleata contro lo Stato Islamico dell’Iraq, ove ha creato le condizioni per la realizzazione di attività addestrative, di supporto ed assistenza alle articolazioni della Polizia Irachena. Il suo significativo contributo nel permettere la conduzione dell’addestramento basico e avanzato di oltre 1000 Ufficiali della Polizia Irachena ha promosso il processo di stabilizzazione regionale, incrementando l’ordine e la sicurezza pubblica ed il ristabilimento dello stato di diritto. La sua linea di comando ha segnato una tappa fondamentale della via che porterà alla piena stabilizzazione dei territori precedentemente occupati dallo stato Islamico dell’Iraq, di cui le capacità di polizia sono una componente fondamentale. Il successo dei Carabinieri e la direzione del Generale Del Sette hanno fornito credibilità alla Coalizione internazionale, alla Combined Joint Task Force, al Governo e alle Forze di sicurezza irachene. Il costante impegno del Gen. Del Sette, lo spirito di iniziativa, l’eccezionale leadership e l’eccellente capacità di gestione rendono onore a Lui, alle Forze Armate italiane e alla Repubblica italiana”.

DSC_0286A

La Legione al Merito, sesta nell’ordine delle più alte decorazioni USA, è stata creata dal presidente Franklin D. Roosevelt il 20 luglio 1942 ed è concessa ai membri dell’Esercito americano e delle Nazioni alleate. L’Onorificenza è l’unica statunitense con diversi gradi; quella concessa al generale Del Sette è grado “Comandante”.

Un importante riconoscimento che mette ancor più in evidenza il ruolo di primo piano svolto dall’Arma dei Carabinieri nella stabilizzazione dei territori iracheni, nell’ambito del contributo fornito dalla Difesa italiana.  

© All rights reserved
Fonte e immagini: Arma dei Carabinieri
___________________________________________

Contrasto alla violenza contro le donne l’impegno dei carabinieri

 

Roma, 25 novembre 2017 – L’Arma dei Carabinieri partecipa alla “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”.

Molte le iniziative di sensibilizzazione predisposte nell’ambito della campagna mondiale denominata “Orange the World”, coloriamo di arancione il mondo, che durerà 16 giorni dal 25 novembre al 10 dicembre. Il colore arancione è stato scelto per simboleggiare un futuro migliore e senza violenze e l’Arma ha deciso di adottarlo per tutta la durata della campagna.

Oggi il comandante generale, su invito della presidente della Camera on. Laura Boldrini, partecipa all’apertura dell’aula parlamentare alle donne vittime di violenza.

Luci di colore arancione illuminano la facciata dell’edificio del comando generale dell’Arma dei Carabinieri, del comando provinciale Carabinieri di Venezia e delle compagnie di Mestre, San Donà di Piave e Portogruaro.

A Trieste viene inaugurata una “Stanza tutta per sé”, un ambiente sobrio ma confortevole dedicato a donne e bambini vittime di violenza per un loro ascolto protetto.

Nelle città di Milano, Venezia, Roma, Napoli e Messina, oggi e domani 26 novembre, sono aperti stand informativi con personale femminile per illustrare le iniziative dell’istituzione a contrasto della violenza sulle donne, dove si potrà trovare anche materiale informativo e video curati dal Raggruppamento Investigazioni Scientifiche dell’Arma.

Inoltre sul sito www.carabinieri.it, per tutta la durata della campagna mondiale, sarà realizzato un banner dedicato, di colore arancione, con informazioni sulle iniziative dell’Arma in occasione della ricorrenza. Il rosso classico della fiamma sarà sostituito con l’arancione.

Schermata 2017-11-25 alle 10.18.36

© All rights reserved
Fonte e immagini: Arma dei Carabinieri
__________________________________________

Carabinieri, operazione Dark Web: scoperta filiera di diffusione di banconote false (video)

Schermata 2017-11-20 alle 21.36.02

Padova, 20 novembre 2017 – Nella mattinata del 18 novembre 2017 i Carabinieri di Padova  hanno dato corso a ulteriori sequestri di banconote contraffatte del taglio di 50 euro e di altri documenti, smerciate in attività commerciali di quel centro. 

Tale sequestro si inquadra in una complessa ed articolata attività di indagine con la quale i Carabinieri di Padova e di Este stanno contrastando una cellula di distribuzione di banconote false e schede telefoniche anonime, molto attiva nella rete sommersa (il c.d. “Dark Web”).

Schermata 2017-11-20 alle 21.38.10

L’attività investigativa, coordinata dalla  Procura della Repubblica di Rovigo, nei mesi scorsi ha già permesso di neutralizzare due componenti di una filiera di distribuzione di valuta contraffatta e sim-card intestate a terzi, che operavano nel territorio nazionale e in molti Paesi esteri. Si tratta di due giovani soggetti incensurati di Este, coadiuvati da un fiorentino in corso di identificazione.

L’operazione è nata sia a seguito della continua collaborazione con le forze di polizie estere e con l’agenzia Europol sia grazie all’approfondita analisi del fenomeno che il Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria ha prestato, da alcuni anni, in ambienti internet sommersi (il citato “Dark Web”), dove attualmente è possibile commercializzare beni e servizi di qualsiasi tipo, sia leciti ma soprattutto illeciti.

Schermata 2017-11-20 alle 21.37.31

L’indagine è stata avviata a seguito di una segnalazione proveniente dalla polizia austriaca che, nell’ottobre dello scorso anno, comunicava ai Carabinieri del Comando Antifalsificazione Monetaria il rinvenimento di 20 banconote false del taglio di 20 euro, risultate spedite dall’ufficio postale di Este.

Le successive attività svolte dai Carabinieri del Comando Provinciale di Padova, anche attraverso alcuni servizi di pedinamento, consentivano di identificare il soggetto che, sotto falso nome, effettuava spedizioni di banconote contraffate e sim card intestate a terzi ignari, consentendo di rintracciare 5 plichi in Padova, presso il centro meccanizzato postale ed il centro di smistamento di un corriere, spediti da Este e destinati alla Grecia ed alla Svizzera, che contenevano 124 banconote di diverso taglio del valore nominale di euro 6.000, risultate di fattura tale da trarre in inganno la pubblica fede.

L’arresto dell’autore delle spedizioni, appena maggiorenne, ed il sequestro di diverse apparecchiature informatiche ha permesso di accertare come il giovane avesse aperto diversi “negozi virtuali” nel “dark web”, attraverso i quali vendeva banconote contraffatte, reperite attraverso la rete di abilissimi falsari dell’area campana nota con la sigla “Naples Group”, ad acquirenti di diversi Paesi europei, dell’Oriente e del Nord America.

L’attività dei giovani individuati era particolarmente redditizia, atteso che, dall’analisi del portafogli elettronico in Bitcoin sequestrato all’arrestato, è emerso che erano state eseguite circa 640 transazioni per un ammontare di 79,85 Bitcoin, che al cambio attuale valgono circa 500.000 euro.

Questa ulteriore operazione dei Carabinieri nel settore del contrasto alla contraffazione fornisce lo spunto per rinnovare l’allarme sui pericoli che si annidano nella rete (ben noti negli ambienti investigativi), soprattutto nel web sommerso (deep web) e nella rete oscura (dark web), in cui sono attivi siti, raggiungibili solo attraverso specifici software, che offrono i più svariati beni e servizi di natura illecita, quali appunto banconote contraffatte, sostanze stupefacenti, carte di credito e di debito. Tali siti occulti consentono di riciclare i più diversi oggetti proventi di delitti (p. es. in essi hanno un florido mercato i telefoni cellulari oggetto di furto), offrono guide, chiaramente dietro compenso, per hackerare account dei più noti social network.

Ma ciò che è più preoccupante, ancor di più in questo particolare periodo storico in cui molti Paesi sono nel mirino del radicalismo religioso, è la facilità con la quale è possibile procurarsi falsi documenti di identità, quali patenti di guida, carte di identità e passaporti.

Per contrastarne tale crimine, come dimostra l’attività investigativa appena illustrata, l’Arma, con i suoi Reparti Speciali, è impegnata nel monitoraggio della rete e per acquisire elementi di analisi che oltre a contrastare il traffico consentano di fornire elementi utili per conoscere i reati propedeutici al finanziamento e alla copertura di possibili terroristi.      

© All rights reserved
Fonte e immagini (tratte dal video): Arma dei Carabinieri
____________________________________________________________

All’autodromo del Mugello prosegue il corso di guida sicura e veloce per l’Arma dei Carabinieri (video)

Schermata 2017-11-19 alle 22.08.25

Mugello (FI), 19 novembre 2017 – E’ ancora l’Autodromo del Mugello la location scelta dall’Arma dei Carabinieri per il proprio corso di guida sicura ed aggiornamento di guida veloce.

Un’ importante iniziativa nata nel solco di una feconda collaborazione che da sempre caratterizza i rapporti fra l’impianto sportivo motoristico e l’Arma, come ha precisato l’amministratore delegato del Mugello Paolo Poli. Il corso di guida sicura ed aggiornamento di guida veloce che viene proposto è realizzato sulla base della più moderna didattica relativa alla guida sicura e guida di emergenza, adottata dalla totalità delle strutture che operano nel settore, e che hanno concorso alla formazione di alcuni istruttori di guida veloce dell’Arma dei Carabinieri.

Il corso ha molteplici finalità che insieme concorrono a rendere consapevole l’autista dei limiti fisici che regolano l’utilizzo delle vetture, dei limiti psicofisici individuali e dei limiti che si creano in contesti operativi di emergenza e in situazioni climatiche estreme. Il corso di guida sicura e di emergenza non è un corso di guida sportiva in pista, e da questo differisce in tutto. L’autista al termine delle attività avrà acquisito le giuste tecniche per prevedere e quindi evitare che si creino situazioni di pericolo alla guida (sovrasterzo e sottosterzo, errori in ingresso ed in uscita di curva, errata valutazione degli spazi di arresto ed errata valutazione della velocità adeguata) ed avrà altresì acquisito il corretto metodo per fronteggiare situazioni di pericolo derivanti da comportamenti altrui (evitare ostacoli fissi o mobili). Il corso farà in modo che l’autista avrà ben chiaro il concetto di guida in sicurezza, di assoluta accortezza nell’arrivo a destinazione e di arrivo sul luogo dell’intervento in condizioni psicofisiche ottimali per l’inizio delle attività operative.

Il corso – con una parte pratica presso la sala briefing del Mugello ed una pratica presso il piazzale abitualmente utilizzato per iniziativa di questa natura – è rivolto sia a formare i nuovi Carabinieri che si accingono ad andare a prestare servizio sulle gazzelle, sia ad aggiornare con le nuove tecniche quei militari che già da tempo sono impiegati nel Pronto Intervento.

Il comandante provinciale dei Carabinieri di Firenze ha sottolineato come la collaborazione con l’autodromo del Mugello abbia consentito di raggiungere risultati davvero rilevanti, che accrescono la sicurezza e l’efficacia del servizio di Pronto Intervento 112 dell’Arma di tutta la Toscana.

© All rights reserved
Fonte e video: Arma dei Carabinieri
______________________________________

Cantù: arresto in flagranza di reato per furto presso la piscina “Sporting Club 63” di Mozzate

Foto Mozzate 2

Cantù, 18 novembre 2017 – I militari della Stazione Carabinieri di Mozzate, all’esito di attività investigativa, hanno arrestato oggi, A. I. M., quarantottenne di Lomazzo (CO).
L’uomo, incensurato, ha iniziato a dedicarsi ai reati predatori in maniera decisamente artificiosa, riuscendo a racimolare, attraverso l’attività delittuosa iniziata ad ottobre di quest’anno e conclusasi oggi, un discreto bottino. Non colpi eclatanti, ma che se si fossero ripetuti nel tempo (come nelle mire del malvivente) avrebbero fruttato non poco.

foto-mozzate-1.jpgL’uomo, arrestato all’interno degli spogliatoi dell’ex Piscina Comunale ora “Sporting Club 63” di Mozzate, ha proposto, prima dell’episodio odierno, per ben sette volte (due volte andate a segno), il medesimo modus operandi. Perfettamente “mimetizzato” con tanto di accappatoio e asciugamano all’interno della struttura, nelle serrature degli armadietti installava dei distanziatori in gomma di colore bianco, occultati, che avrebbero consentito una chiusura solo apparente del meccanismo che di fatto non andava in chiusura perfetta.
Poi, fingendosi sempre un normale frequentatore della piscina, con il cacciavite nascosto sotto l’asciugamano e facendo attenzione che nessuno lo vedesse, con un semplicissimo “tocco” apriva l’armadietto “predisposto” in precedenza e ne portava via l’intero contenuto. Tutto ciò gli è stato possibile per poco.

Avuta notizia dei furti, i militari dell’Arma di Mozzate hanno iniziato ad indagare mediante prolungati servizi di appostamento e di pedinamento.
Fino a che, questa mattina, sono riusciti a cogliere il ladro seriale in flagranza di reato: con 450 euro di bottino, il cacciavite ed i gommini bianchi recuperati in tasca, l’uomo è stato immediatamente bloccato dai militari ed arrestato. A.I.M. è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Mozzate, in attesa di giudizio direttissimo che si svolgerà nella giornata di lunedì.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Compagna Carabinieri di Cantù
________________________________________________

 


Convegno “Evoluzione digitale nelle Pubbliche Amministrazioni”

Protocollo di intesa tra Arma dei Carabinieri, LUISS Guido Carli e Sogei: Big Data e Best Practice nel digitale

Convegno Digitalizzazione PA (9)

Chieti, 16 novembre 2017 – Il valore e la centralità dei dati digitali con un focus sull’evoluzione normativa che ha interessato il mondo digitale e la PA sono stati i temi affrontati nel corso del convegno intitolato “Evoluzione digitale della PA”, tenutosi oggi presso l’auditorium dell’università di Chieti-Pescara “Gabriele D’Annunzio” alla presenza del ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Marianna Madia, del rettore della LUISS Guido Carli Paola Severino, dell’amministratore delegato di SOGEI Andrea Quacivi e del  comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette.

Convegno Digitalizzazione PA (3)

Una giornata in cui si è parlato dell’evoluzione normativa e delle best practice nell’innovazione digitale della PA e dei valori dei dati nella società digitale e in cui è stato presentato il protocollo di intesa firmato lo scorso luglio tra Arma dei Carabinieri, LUISS Guido Carli e SOGEI, che promuove attività di ricerca e condivisione di conoscenze tecnologiche unendo l’esperienza del Centro Nazionale Amministrativo Carabinieri nella gestione dei sistemi informatici amministrativi e dei processi economico-finanziari, gli skill tecnologici di SOGEI nella gestione di infrastrutture e servizi applicativi e le competenze di ricerca della LUISS in campo organizzativo, giuridico-amministrativo, economico-finanziario e politico-istituzionale.

Convegno Digitalizzazione PA (14)

Tra gli illustri relatori che hanno fornito il loro contributo sull’importante e attuale tema della digitalizzazione della PA e dei Big Data il direttore generale dell’INPS Gabriella Di Michele, il vice presidente del CSM Giovanni Legnini, il procuratore aggiunto della direzione nazionale antimafia Giovanni Russo, i rettori delle università di Chieti-Pescara, Teramo e L’Aquila Sergio Caputi, Luciano D’Amico e Paola Inverardi, il direttore generale dell’agenzia per l’Italia digitale Antonio Samaritani, l’european data protection supervisor Giovanni Buttarelli e l’health & public service di Accenture in Italia e Europa centrale Franco Turconi

© All rights reserved
Fonte e immagini: Arma dei Carabinieri
___________________________________________ 

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade