Advertisements

Archivi categoria: Lancieri di Montebello

Pattuglia dell’esercito interviene nell’incidente della metro “B” a Roma

Roma, 16 settembre 2016 – Questa mattina, alle 8.00 circa, all’interno della stazione metropolitana Eur Fermi (Linea “B”) di Roma, una pattuglia dell’Esercito impegnata nell’operazione “Strade Sicure” è intervenuta prontamente nell’incidente che ha visto un ragazzo di quindici anni travolto da un convoglio.

I militari, in forza al 8° reggimento Lancieri di Montebello, richiamati dalle urla e accorsi subito sul binario, hanno tempestivamente contattato il 118 e la Sala Operativa della Questura.  Successivamente, coadiuvati dal personale dell’ATAC, hanno sgomberato la zona dell’incidente per favorire l’intervento dei soccorsi e dei Vigili del Fuoco giunti sul posto.

Ancora ignota la dinamica dell’incidente, sul quale sta indagando l’autorità giudiziaria.

L’operazione “Strade Sicure”, avviata il 4 agosto 2008, vede i militari dell’Esercito impiegati in ambito nazionale, in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia, per il presidio del territorio e delle principali aree metropolitane e la sorveglianza dei punti sensibili.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito
Advertisements

L’Esercito italiano con i Lancieri di Montebello al Longines Global Champions Tour 2015

BANDIERA DI GUERRA SCORTATA DA LANICIERI IN UNIFORME STORICA

BANDIERA DI GUERRA SCORTATA DA LANICIERI IN UNIFORME STORICA

Roma, 10 settembre 2015 – Dall’11 al 13 settembre 2015 Roma ospiterà la tappa del Longines Global Champions Tour 2015, allo Stadio dei Marmi.

Nel corso delle tre giornate di gara, l’Esercito Italiano sarà presente con lo squadrone a cavallo del reggimento Lancieri di Montebello in grande uniforme di rappresentanza ed armati di lancia in frassino.

I militari dell’Esercito presenteranno venerdì 11 settembre, alle ore 18.30, il Carosello di Lance, saggio di abilità equestri e al tempo stesso fedele rievocazione storica dei movimenti in ordine chiuso di uno squadrone di cavalleria.

Sabato 12 settembre, alle ore 12.00, l’Esercito Italiano renderà il tributo alla figura del Capitano Federico Caprilli, con un militare a cavallo, che eseguirà tre dei salti più “stravaganti” (il salto di una sedia, di una tavola imbandita, di una bicicletta) che, agli inizi del 1900, portarono ad una radicale svolta nel mondo dell’equitazione.

LANCIERI A CAVALLO IN UNIFORME STORICA

LANCIERI A CAVALLO IN UNIFORME STORICA

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito

I Lancieri di Montebello si preparano alla parata del 2 giugno

di Monica Palermo

Il 29 notte si sono tenute le prove generali in vista della festa della Repubblica del prossimo 2 giugno

paratanotturna2015_DSC_8953

Roma, 30 maggio 2015 –  Sono le due di notte, i reparti si stanno schierando per le prove finali per la parata del 2 giugno. Si inizia con la simulazione della deposizione della corona di alloro al monumento ai caduti del Milite Ignoto del Vittoriano per poi proseguire con lo sfilamento dei reparti per rendere omaggio al presidente della repubblica e alle alte cariche istituzionali civili e militari. Stanotte è alla presenza del capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano.

paratanotturna2015_DSC_8937

Ci sta tensione, tutto deve essere perfetto come il 2 giugno. Si inizia con lo schieramento interforze a livello battaglione comandato dal tenente colonnello Emanuele Patalano, comandante del gruppo a cavallo dei Lancieri di Montebello, davanti all’altare della Patria. Viene cantato l’Inno d’italia, I militari sono pronti per la deposizione della corona d’alloro, al momento simulata.

paratanotturna2015_DSC_8890

Da una macchina scende il capo di SMD, va davanti alla scalinata, si appresta a salire. Il comandante Patalano impartisce gli ordini al battaglione, attenti, riposo, tracol arm, presentat arm, mentre a fianco la banda dell’esercito accompagna con le note del Piave mormorava. Finita la simulazione della deposizione della corona d’alloro i Lancieri di corsa riprendono i loro mezzi, devono raggiungere lo schieramento per la resa degli onori al presidente della Repubblica e per lo sfilamento in parata.

paratanotturna2015_DSC_9025

È tutto pronto, i militari si posizionano e iniziano a marciare fino al Colosseo, è li che inizierà la parata vera e propria, un semaforo indica quando è il momento di marciare, una striscia rossa per terra indica dove deve posizionarsi il reparto. Una voce fuori campo introduce i reparti spiegandone le caratteristiche. È il turno dei Lancieri di Montebello. Lo squadrone di rappresentanza, agli ordini del capitano Antonio Maldera, in una formazione di 9×6, inizia a marciare con lo stendardo portato dal tenente Mauro De Cillis, fino a raggiungere il palco presidenziale. Si girano per il saluto alle cariche presenti e proseguono poi fino a piazza Venezia. 

paratanotturna2015_DSC_9060

Pare sia andato tutto bene. Le prove sono state effettuate sotto la supervisione del generale di corpo d’armata Mauro Moscatelli, comandante del comando militare della Capitale. In un briefing finale il generale dà ai comandanti dei reparti le direttive finali. Intanto sono le cinque di mattina, albeggia, i militari si apprestano a tornare in caserma.

Sono state prove incessanti di una settimana per i Lancieri di Montebello, alcuni di loro dovranno rinunciare ai permessi di libera uscita, ma le prove sono state soddisfacenti.

paratanotturna2015_DSC_9078

I Lancieri di Montebello durante le prove


Questo slideshow richiede JavaScript.

© All rights reserved
Immagini: Ph. Monica Palermo

 


In compagnia dell’esercito e dei lancieri di Montebello alla manifestazione Cavalli a Roma 2015

di Monica Palermo 

Roma, 20 febbraio 2015 – Nei giorni scorsi cavalli e cavalieri hanno fatto da protagonisti, ancora una volta, alla manifestazione Cavalli a Roma 2015 nei padiglioni della Fiera di Roma.

Tra i tanti espositori non poteva mancare l’esercito che, insieme ai lancieri di Montebello, ha dato momenti di cultura e di svago ai numerosi visitatori nello stand allestito dal comando militare della capitale e curato dal tenente colonnello Emanuele Patalano del reggimento Lancieri di Montebello (8°), dove erano presenti 2 lancieri dello squadrone di rappresentanza e 2 donne dello squadrone a cavallo. Oltre allo stand l’esercito è stato presente anche durante il gran Galà con il famoso carosello di lance dei lancieri di Montebello.

Lo stand dell’esercito, quest’anno dedicato alla grande guerra, ha avuto un continuo susseguirsi di famiglie, esperti del settore e appassionati di cavalli. Con grande curiosità hanno visitato le diverse sezioni dello stand: un’interessante mostra fotografica organizzata dal comando della capitale con 15 immagini storiche sulla cavalleria, provenienti dall’archivio storico dello stato maggiore dell’esercito e un angolo della memoria, dove si poteva ammirare, oltre ai cimeli dell’epoca, l’autocarro Fiat 18BL del museo storico della motorizzazione militare di Roma. Presenti nello stand anche l’Associazione Nazionale Arma di Cavalleria (ANAC) e la casa editrice Rodorigo Editore

La chicca dello stand, che ha destato maggior curiosità e affluenza di visitatori, è stata la blindo armata Centauro, un mezzo anticarri usato dai reggimenti di cavalleria e lancieri dell’esercito, fornito dai lancieri di Montebello, fino a poco tempo fa impiegato in Kosovo. Grandi e piccini hanno aspettato il loro turno per salire sulla blindo, dove 2 uomini di equipaggio blindo del 3 Squadrone blindo esplorante hanno fatto scendere i visitatori nel posto guida (in gergo chiamato pozzo), illustrando le caratteristiche e le modalità di utilizzo del mezzo. Molte le foto e i selfie scattati, soprattutto insieme ai piccoli ospiti. Era inoltre presente un info-point dove i militari dell’esercito hanno dato informazioni su come partecipare ai concorsi per accedere alla ferma prefissata di un anno (VFP1).

La sera, nel padiglione 3, si è poi svolto il gran gala dove a conclusione dello spettacolo si sono esibiti nel carosello di lance i cavalieri dello squadrone a cavallo dei lancieri di Montebello (8°), comandati dal capitano Paolo Mezzanotte, 33 binomi, di cui 13 amazzoni, si sono destreggiati in diverse figure fino ad arrivare alla spettacolare carica.

Lo spettacolo dei lancieri ha una lunga preparazione, un impegno che li ha visti coinvolti dall’inizio dell’anno, per provare le evoluzioni e le specifiche figure. Lo squadrone a cavallo si addestra quotidianamente a cavallo, e il carosello risente del duro lavoro di tutti i lancieri che vi si dedicano senza sosta e spesso a discapito del proprio riposo.

Al termine della manifestazione, il generale di divisione Guglielmo Miglietta (in rappresentanza del capo di stato maggiore dell’esercito), alla presenza del comandante di reggimento, colonnello Paolo Lorenzi, ha ricevuto la targa commemorativa dell’evento quale ringraziamento da parte del presidente Fiera di Roma Mauro Mannocchi per la partecipazione dell’esercito italiano a Cavalli a Roma 2015.

© All rights reserved


Roma: i lancieri di Montebello accompagnano i re Magi a piazza Navona

di Monica Palermo

Roma, 6 gennaio 2015 – Piazza Navona, giorno dell’Epifania. La piazza è gremita di gente, grandi e piccini stanno aspettando il passaggio dei re Magi, preceduti dai cavalieri del reggimento Lancieri di Montebello (8°). Il corteo è iniziato verso le 17,30 ed è partito da piazza della Cancelleria arrivati a piazza Navona hanno percorso tutto il perimetro della piazza fino ad arrivare a palazzo Braschi dove ad attenderli c’era il presepe vivente.

Ad aprire il passaggio, tra la folla, del corteo ci stavano gli uomini della polizia di Roma Capitale, i militari dell’Arma dei Carabinieri e i volontari del Nucleo Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Carabinieri. A prestare attenzione che nessuno si facesse male ed ostacolasse il passaggio dei Lancieri si è posizionato al centro il maresciallo in congedo Roberto Mirto (il grande maresciallo Mirto, così lo ricordano i suoi uomini su facebook). Il maresciallo ordinario Francesco Mariani, uno dei tre comandanti di plotone dello Squadrone a Cavallo, stava al comando dei quattro cavalieri dei Lancieri di Montebello.

Uomini e donne dei Lancieri di Montebello hanno quindi accompagnato i cavalli dei re Magi e a grande richiesta, prima di andarsene, hanno ripercorso il perimetro della piazza. La messa in scena del presepe all’interno di palazzo Braschi, del passaggio dei Magi e dei pastori è stata organizzata dai figuranti Gruppo Storico Romano.

© All rights reserved 
Foto: © Ph. Monica Palermo

Kosovo: il contingente italiano completa con successo l’impiego operativo nel nord del Paese

Kosovo, 26 agosto 2014 – Il contingente italiano del Multinational Battle Group West, su base reggimento Lancieri di Montebello, ha completato con successo un’attività operativa a nord del fiume Ibar dove si concentra lo sforzo principale della missione multinazionale KFOR.

I soldati italiani, affiancati dai loro colleghi moldavi, hanno svolto attività di pattugliamento e check point nelle aree più sensibili nel nord del Kosovo in supporto alle locali forze di polizia, contribuendo al mantenimento del clima di generale sicurezza e di libertà di movimento.

La compagnia italiana è stata rischierata a fine luglio nell’area nord della regione, equipaggiata per la prima volta con i VTLM Lince, veicolo tattico già ampiamente impiegato con successo in Afghanistan e in Libano per le sue caratteristiche di flessibilità d’impiego e adattabilità ai diversi ambienti operativi.

L’attività è una normale implementazione del cosiddetto concetto di Kosovo wide, per cui tutte le unità KFOR possono essere impiegate nell’intera area di operazione, e rappresenta un elemento di novità per il Multinational Battle Group West, finora impiegato in prevalenza nel settore occidentale della regione a sorveglianza del monastero di Decane e nel controllo della propria area di responsabilità.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Ministero della Difesa

Kosovo: il Multinational Battle Group West a guida italiana dona il sangue per l’ospedale di Peja

Peja, 20 agosto 2014 – Si è conclusa oggi in Kosovo, presso l’infermeria della base Villaggio Italia, sede del Multinational Battle Group West (MNBG-W), a guida Reggimento Lancieri di Montebello, una donazione di sangue in favore dell’Ospedale di Peja, effettuata con l’assistenza del gruppo di supporto logistico di Aderenza del 1° Reggimento di Manovra.

L’attività ha coinvolto soldati italiani, moldavi, sloveni ed austriaci, tutti inquadrati nel MNBG-W, ma non solo: hanno aderito all’iniziativa anche il sindaco e la giunta municipale di Peja, nonché alcuni Vigili del Fuoco e agenti della Kosovo Police. Il tutto a conferma dei saldi legami tra i militari del MNBG-W e le istituzioni locali ed a riconoscimento dell’imparzialità di KFOR nei confronti delle etnie e delle religioni presenti sul territorio.

Nergize Gjuka, dirigente del dipartimento di trasfusione dell’ospedale di Peja, ha ringraziato per il concreto aiuto fornito da militari ed istituzioni locali.

© All rights reserved
Fonte: contingente italiano in Kosovo

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

PARLAMENTONEWS

i fatti della politica

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade