Annunci

L’arte il leitmotiv del calendario dell’Arma dei Carabinieri 2016


di Monica Palermo

Roma, 10 novembre 2016 – Questa mattina, presso l’Aula Magna della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, si è tenuta la presentazione del Calendario Storico e dell’Agenda Storica 2016 dell’Arma dei Carabinieri. La cerimonia è avvenuta alla presenza del ministro della Difesa sen. Roberta Pinotti e del comandante generale dell’Arma Tullio del Sette, del capo di Stato Maggiore della Difesa Claudio Graziano, del capo di Stato maggiore dell’Aeronautica generale di squadra aerea Pasquale Preziosa, di autorità civili e militari.

Il leitmotiv del calendario quest’anno è l’arte che, come ha sottolineato il comandante del Sette, è stato per “rendere omaggio a l’Arma, rivisitando alcuni capolavori della pittura italiana ed europea, che hanno preceduto, accompagnato e immediatamente seguito il periodo delle immani tragedie delle due guerre mondiali, in un percorso immaginario di oltre 200 anni di storia dell’Arma”, per “contribuire e diffondere la conoscenza dell’arte e del carabiniere nella sua evoluzione storica”.

cal2016cc_DSC_4749

Le tavole artistiche dell’edizione 2016 del Calendario Storico, ideate e realizzate sotto la direzione artistica di Silvia di Paolo, e l’Agenda sono state presentate al pubblico da Massimo Giletti. Presenti in qualità di relatori Mario Calabresi, Aldo Cazzullo, Philippe Louis Daverio e Ferruccio De Bortoli.

Dopo il discorso introduttivo del generale Tullio del Sette, è stato proiettato un video di presentazione del Calendario, al termine del quale Giletti ha coinvolto De Bortoli e Daverio, che hanno fornito il loro prezioso contributo con riflessioni sul rapporto tra i Carabinieri e l’arte. Il Daverio ha poi commentato le tavole che compongono l’opera. Artisti a cui si ispirano le tavole del calendario sono: Giovanni Boldini, Amedeo Modigliani, Henride Toulouse-Lautrec, Vincent Van Gogh, Henri Rosseau, Georges Serat, Giorgio De Chirico, Claude Monet, Salvador Dalì, Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Mario Guido Dal Monte, Carlo Carrà e René Magritte.

È stata poi illustrata l’Agenda con la proiezione di un filmato che ne ha mostrato e spiegato i testi e le immagini.

Prima della conclusione della Cerimonia ha preso la parola il capo di Stato Maggiore della Difesa che ha sottolineato il “messaggio prioritario di serenità e professionalità”, ringraziando per la presentazione del calendario con l’auspicio che riuscirà a “mandare questo messaggio storico importante, invitando anche i giovani a studiare la storia del nostro Paese, la storia militare, che spesso è una storia di vittoria e di gloria, oltre che di disperazione”.

cal2016cc_DSC_4848

La cerimonia è terminata con l’intervento Ministro della Difesa sen. Pinotti. Il Ministro ha fatto notare che molto probabilmente l’insegnamento della storia dovrebbe essere fatto in modo più accattivante, non essere solo una serie di date e luoghi da ricordare, evidenziando “quanto poco abbiamo raccontato e quanto poco si sa” riferendosi al “numero impressionante dei carabinieri morti nella II guerra mondiale e per chi hanno partecipato alla resistenza, con episodi di eroismo incredibili”.

cal2016cc_DSC_4861

Il Calendario Storico dell’Arma 2016, ispirato dalla celeberrima opera impressionista di Claude Monet “I papaveri quest’anno avrà una tiratura di 1.200.000 copie, di cui 8.000 in lingue straniere (inglese, francese, spagnolo e tedesco), indice sia dell’affetto e della vicinanza di cui gode la Benemerita, sia della profondità di significato dei suoi contenuti, che ne fanno un oggetto apprezzato, ambito e presente tanto nelle abitazioni quanto nei luoghi di lavoro, quasi a testimonianza del fatto che “in ogni famiglia c’è un Carabiniere”. Il calendario in seguito sarà visionabile on line sul sito dell’Arma http://www.carabinieri.it

L’Agenda, per il 2016 vuole rinverdire le vicende dell’Arma nel primo conflitto mondiale e nella guerra di Liberazione nell’anno in cui se ne celebrano il centenario e il settantennale.

I testi elaborati sono arricchiti dal brillante e originale contributo introduttivo di Mario Calabresi, per il primo conflitto mondiale, e di Aldo Cazzullo per la guerra di Liberazione e la Resistenza.

L’Agenda si completa poi con una parte introduttiva nella quale sono tra l’altro riportate: alcune date importanti della storia dell’Arma, e succintamente descritti gli eventi ad esse correlati e l’elenco nominativo dei decorati dell’Arma. All’inizio di ogni mese sono riportati i fatti e le curiosità avvenuti nello stesso periodo, cento anni prima. Infine le tradizionali pagine di diario.

© All rights reserved
Immagini: Ph. Monica Palermo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: