Annunci

Archivi del mese: aprile 2017

Motti e frasi di chi indossa una divisa

Bentrovati lettori di MNFI. Stiamo andando in giro per la rete per scovare motti e frasi militari. Qualcuno ne abbiamo trovato, se ne sapete altri scriveteli nei commenti e li aggiungiamo. Se in latino, o lingua straniera inserite anche la traduzione in italiano. Se sapete poi da cosa deriva, quando fu detta la prima volta, ecc, scrivetelo. 

Grazie del contributo,
la Redazione

ESERCITO 

Alpini
“Nec descendere nec morari” (1º rgt alpini)
“Vigilantes” (2° rgt alpini)
“Altius Tendo” (3° rgt alpini)
“In adversa ultra adversa” o “Mai Strack” (4° rgt alpini paracadutisti Monte Cervino)
“Nec Videar dum sim” (5° rgt alpini)
“Piu salgo, piu valgo” (6° rgt alpini/btg. alpini “Bassano”)
“Ad excelsa tendo” (7º rgt alpini)
“Usque ad metam et ultra ad excelsa tendo” o “ad excelsa tendo” (7° rgt alpini)
“Nec Spe Nec Metu” (btg. Feltre/7° rgt alpini)
“Gnanca se more” (64° cp./btg. Feltre/7° rgt alpini)
“O la…o rompi” (8° rgt alpini/btg. alpini Tolmezzo)
“D’Aquila penne, ugne di Leonessa” (9° rgt alpini/btg. alpini L’Aquila) 
“Nulla via invia” (1° rgt artiglieria terrestre alpini 
“Per Ardua Ardens” (2° rgt artiglieria terrestre Vicenza)
“Nobis incedentibus rupes ruunt” (3° rgt artiglieria terrestre)
“Per omnia asperrima” (2° rgt genio guastatori alpini)
“Usque ad finem” (32° rgt genio guastatori alpini/non ancora ufficiale)
“Sempre in più vasti spazi” (2° rgt trasmissioni)
“Con tecnica e tenacia ovunque” (24° rgt logistico di manovra Dolomiti)
“Audacemente” (11º rgt Alpini)

Bersaglieri
“Ictu impetuque primus” (1° rgt bersaglieri)
“Nulli secundus” (2º rgt bersaglieri)
“Maiora viribus audere” (3° rgt bersaglieri) 
“Velox ad impetum” (3° btg. bersaglieri Cernaia) 
“Vis, animus, impetus” (4º rgt bersaglieri)
“…E vincere bisogna” (6° rgt bersaglieri) 
“Celeritate ac virtute” (7° rgt bersaglieri) 
“Velox ad impetum” (8° rgt bersaglieri) 
“Invicte, acriter, celerrime” (9º rgt bersaglieri)
“Quis Ultra” (11° rgt bersaglieri)
“Victoria nobis vita” (12º rgt bersaglieri)
“Invitto e pronto a rinnovar le glorie” (18º rgt bersaglieri)
“Vis, animus, impetus” (26° btg. bersaglieri ” Castelfilardo)
“Invicte, acriter, celerrime” (28° btg bersaglieri Oslavia)

Fanteria
“Osando Vinco” – 66° rgt Fanteria Aeromobile “Trieste”
“Credo e Vinco” – 82° rgt Fanteria Meccanizzata “Torino”
“Sotto l’impeto d’Aosta sparve il nemico” – 5° rgt fanteria “Aosta”
“Virtute supero” – 62° rgt fanteria “Sicilia”
“Sa vida pro sa Patria” (151° e 152° rgt “Sassari”)
“Fedele sempre” (1º rgt San Giusto)
“Sotto l’impeto d’aosta sparve il nemico” (5º rgt fanteria Aosta)

 “A me le guardie” – (1°, 2° e 3° rgt Granatieri di Sardegna)

Arma di Cavalleria
“Col cuore oltre l’ostacolo” (arma di cavalleria)
“Con impeto e ferreo cuore oltre l’ostacolo” (scuola cavalleria)

Cavalleria di linea
“Nicea Fidelis” (1° rgt cavelleria Nizza)
Venutus et audax (2° rgt cavelleria Piemonte)
Savoye bonne nouvelles (3° rgt cavelleria Savoia)
“Soit à pied soit à cheval mon honneur est sans ègal” (4° rgt cavalleria Genova)
“Albis ardua” (5° rgt lancieri di Novara)
“Aosta d’fer” (6° rgt lancieri di Aosta)
“Impetu hosteo perterreo” (8° rgt lancieri di Montebello)
“Alla vittoria e all’onor son guida” (19° cavalleggeri guide)

Paracadutisti
“Ex alto fulgur” (Come folgore dal cielo) (brigata paracadutisti Folgore)
“E per rincalzo il cuore” (183° rgt paracadutisti Nembo)
“Impeto ardire” (186° rgt paracadutisti Folgore)
“Di fulgida gloria vigile scolta” (187° rgt paracadutisti Folgore)
“Supra vires audaces” (8° rgt guastatori paracadutisti Folgore)
“Come folgore dal cielo… come nembo di tempesta” (centro addestramento paracadutismo)
“Come folgore sempre e dovunque” (185° rgt ricognizione acquisizione obiettivi Folgore)
“Della folgore l’impeto” (9° rgt d’assalto paracadutisti Col Moschin)
“Diam ali alla vittoria” (6° rgt di manovra paracadutisti)
“Avanti è la volta” (8° rgt guastatori paracadutisti)
“Oltre la morte” (Sabotatore paracadutista)
“Al marcio della terra preferiamo il limpido cielo” (paracadutisti Folgore)
“Non siete i migliori perchè siete paracadutisti, ma siete paracadutisti perchè siete i migliori” (brigata Folgore)
“Non importa quando ci sei stato, l’importante è esserci stati” (paracadutisti Folgore)
“Un giorno la paura busso alla porta. Il coraggio si alzo e vide che non c’era nessuno” (Paracadutisti Folgore)

Carristi
“Ferrea mole, ferreo cuore” (carristi)
“Folgore nella battaglia” (1° rgt corazzato)
“Travolgo” (4° rgt carri)
“Ferro et core frangit hostes” (31° rgt carri)
“Ferrea mole, ferreo cuore” (32° rgt carri)
“D’accaio anche i cuori” (131° rgt carri)
“In hostem ruit” (132° rgt carri)

Arma di Artiglieria 

Terrestre
“In hostem celerrime volant” (rgt artiglieria terrestre a cavallo)
“Nulla via invia” (1° rgt artiglieria terrestre alpini)
“Per ardua ardens” (2° rgt artiglieria terrestre Vicenza)
“Nobis incedentibus rupes ruunt” (3° rgt artiglieria terrestre)
“Ab origine fama” (5° rgt artiglieria terrestre Superga)
“Vis ignea” (8° rgt artiglieria terrestre Pasubio)
“Ardente la fiamma, intrepido il cuore” (21° rgt artiglieria terrestre Trieste)
“Nell’antico valor la nostra guida” (24° rgt artiglieria terrestre Peloritani)
“Alto l’onor tenemmo” (33° rgt artiglieria terrestre Acqui)
“Domino e domo” (52° rgt artiglieria terrestre Torino)
“Fulmineo e possente” (132° rgt artiglieria terrestre Ariete)

Contraerei
“Contro l’ala avversa” (4° rgt artiglieria controaerei Peschiera)
“Inter nubes detonans hostem exterret” (5° rgt artiglieria controaerei Pescara)
“Con forza e ardimento” (17° rgt artiglieria controaerei Sforzesca)
“Fide itur ad astra” (121° rgt artiglieria controarei Ravenna)

Lagunari
“Come lo scoglio infrango, come l’onda travolgo” (reggimento lagunari Serenissima)

Pionieri
“Per aspra via ad aspra meta” (6° rgt genio pionieri)

Pontieri
“Per ogni ponte una superba sfida” (2° rgt genio pontieri)

Ferrovieri
“Fervidis rotis ad metam” (rgt genio ferrovieri)

Guastatori
“Usque ad finem” (32° rgt genio guastatori alpini (non ancora ufficiale)
“Per omnia asperrima” (2° rgt genio guastatori alpini)
“Supra vires audaces” (8° rgt guastatori paracadutisti Folgore)
“Arresto e distruggo” (3° rgt genio guastatori)
“Ad ogni costo” (4° rgt genio guastatori)
“Impervia cedant” (5° rgt genio guastatori)
“Al mio valor l’alto cimento è sprone” (10° rgt genio guastatori)
“Tutto osare” (21° rgt genio guastatori)

Aviazione
“Primus nomine, factisque fulgentior” (1° rgt AVES Antares)
“Nec aspera nec ardua coela timeo”- 4° rgt. AVES Altair)
“Il mio spirt atôr ti svole” (5° rgt. AVES Rigel)
“Siderum vis” (7° rgt AVES Vega)
“Numquam periculum sine periculo vincimur” (26° reparto elicotteri operazioni speciali (REOS)

AERONAUTICA MILITARE
“Ocio che te copo” (18 gruppo Aeronautica Militare)
“Come veltri ch’uscisser di catena” (23 stormo Aeronautica Militare)
“Primus inter pares” (31 stormo Aeronautica Militare).
“Con l’ala tesa a gloria o morte” (36 stormo Aeronautica Militare)
“Per l’ampio spazio a saettar insegno” (61 stormo Aeronautica Militare)

MARINA MILITARE
“Non chi comincia ma quel che persevera” (nave scuola Amerigo Vespucci)
“Audendum est” (nave F. Mimbelli)
“Ti con nu nu con ti” ( L.P.D. San Marco)
“Altius tendam / Miro sempre più in alto” (ex incrociatore lanciamissili Andrea Doria)
“Non cohibetur sagitta” (nave sagittario F565)
“Sempre e ovunque” (nave Vega)
“Vigile attendo” (nave Spica)
“Adsum” (nave Cassiopea)
“Patiens vigil audax” (nave Libra)
“In aqua salus” (nave Ticino)
“Lumina pro salutae nautae” (nave Levanzo)
“Dovunque, comunque intrepido” (cacciatorpedinere Intrepido)

“Ab imo ad victoriam / dalle profondità alla vittoria” (sommergibile Enrico Tazzoli)
“Pur cieco vedo” (sommergibile Galileo Galilei, si riferisce agli ultimi anni di vita di Galilei, ma è veramente adatto ad un sommergibile)
“Da inclite virtù il nostro ardire” (54° squadriglia dragamine)
“Intra minas salutem fero (porto in salvo attraverso le mine” (61° squadriglia dragamine)
“Adamantina pectore fero / Reco petti d’acciaio” (nave appoggio incursori P. Cavezzale)
“Fendendo difendo” (corvetta scimitarra F564)
“…e come i fanti combatteron l’Onde!” (cacciatorpediniere Fante)

CARABINIERI
“Nei secoli fedele” (Arma dei Carabinieri)
“Uso obbedir tacendo e tacendo morir” (Carabinieri reali)
“Se il destino è contro di noi peggio per lui” (Tuscania)
“In quell’angolo di cielo riservato a tutti noi.. dove vivono in eterno martiri santi ed eroi (Tuscania)
“Pro Patria Nostra” (13° Reggimento Carabinieri “Friuli Venezia Giulia”)

FORZE DI POLIZIA

Polizia di Stato
“Sub Lege Libertas”

Guardia di finanza

Polizia municipale

Polizia penitenziaria
“Despondere spem munus nostrum / Garantire la speranza è il nostro compito”

STRANIERI

“First there / primi dovunque” (Combat control team Usaf USA)
“Semper Fidaelis” (US Marines)
“Who dare wins (chi osa vince)” (Special air service UK)
“Legio patria nostra – Honneur et Fidèlité (Legione straniera)
“Fidelis ad Mortem / fedeli sino alla morte” (Polizia americana)

 

…..

Annunci

Numerosi gli artiglieri e i familiari intervenuti al raduno nazionale del 5° Superga

Numerosi gli artiglieri e i familiari intervenuti al raduno nazionale del 5° Superga 

alza bandiera

Portogruaro (VE) 29 aprile 2017 – Si è svolto, per la prima volta, alla caserma L. Capitò di Portogruaro, sede del 5° reggimento artiglieria lanciarazzi Superga il raduno nazionale degli artiglieri del 5° Superga. La manifestazione, voluta e fortemente sostenuta dall’84° comandante di reggimento, colonnello Edmondo Dotoli, ha visto la partecipazione di numerosi artiglieri che hanno svolto servizio al 5° Superga nella sede di Udine ed al disciolto 3° Volturno, due unità da cui, l’attuale 5° reggimento artiglieria terrestre lanciarazzi Superga ha ereditato la gloriosa Bandiera di Guerra, storia e tradizioni, e dall’altra la capacità missilistica.

radunisti

Grande entusiasmo e commozione all’interno della caserma quando tutti gli intervenuti, provenienti da diverse località dell’Italia, si sono rincontrati e salutati dopo tanto tempo, ricordando, già da subito, momenti vissuti insieme sotto le fila del reggimento e che sono rimasti nel cuore degli intervenuti, ma soprattutto costituiscono la storia e i ricordi dell’unità. Durante la manifestazione, che ha avuto inizio con la cerimonia dell’alzabandiera, sono stati resi gli onori ai Caduti con due distinte cerimonie di deposizione di corona di alloro al Monumento in caserma ed al Monumento della città di Portogruaro, a cui era presente il Sindaco Maria Teresa Senatore.

mostra statica mezzi

Sono state svolte successivamente attività informative e dimostrative dei materiali in dotazione al reggimento allo scopo di far conoscere a tutti i presenti gli aspetti innovativi del sistema d’arma MLRS – Improved e dei nuovi metodi di formazione del personale mediante l’utilizzo della sala Operational Training System (OTS). L’iniziativa ha destato enorme interesse da parte di tutti gli ospiti che hanno espresso sentimenti di ringraziamento al comandante di reggimento per averli resi partecipi dell’evoluzione di un reparto che sempre gli appartiene.

deposizione corona caduti

Vi ringrazio per la sentita partecipazione a questo evento che per la prima volta si tiene nella caserma Capitò, auspicando che sia l’inizio di una tradizione volta a mantenere viva l’unione tra il passato ed il presente, tra il vecchio ed il nuovo, tra gli anziani e i giovani, tra l’artiglieria più antica d’Italia e la più moderna piattaforma di artiglieria dello strumento militare nazionale terrestre…” queste sono state le parole espresse dal colonnello Dotoli prima che il raduno si concludesse con un caloroso pranzo conviviale presso un ristorante del territorio.

consegna diploma benemerenza al cte

© All rights reserved
Fonte e immagini: Associazione Nazionale Artiglieri d'Italia
_______________________________________________________________

Palazzo Aeronautica apre le porte al pubblico il primo week-end di maggio

Schermata 04-2457873 alle 23.43.54

Roma, 29 aprile 2017 – L’edificio progettato dal giovane architetto Roberto Marino e costruito in circa 26 mesi apre le porte al pubblico per un weekend

Anche quest’anno il Palazzo dell’Aeronautica Militare, sarà aperto al pubblico, sabato 6 e domenica 7 maggio 2017 in occasione dell’evento Open House Roma 2017.
Si potrà accedere da Viale dell’Università n. 4 dalle ore 10.00 alle ore 18.00.

Anche quest’anno l’evento permetterà ai cittadini di scoprire il patrimonio nascosto della Capitale, spazi che per quotidiana funzione non sono normalmente aperti alla libera fruizione pubblica.                                           

Il Palazzo dell’Aeronautica è la sede istituzionale dell’Aeronautica Militare e si caratterizza da linee marcate, larghe e sicure a sottolineare, nell’intento dell’epoca, le caratteristiche di una Roma moderna.

L’ingresso sul viale Pretoriano, denominato dei “Tre Archi” per il colonnato centrale che adorna la facciata principale del Palazzo, fu aperto ufficialmente il 28 ottobre 1931, associando la cerimonia d’inaugurazione del nuovo Ministero con il 9° anniversario della marcia su Roma.

Di fatto i lavori, iniziati il 2 agosto del 1929, terminarono certamente prima di tale data, anche perché furono condotti a ritmo di record e, in alcuni periodi, protratti nell’intero arco delle ventiquattro ore con tre turni di lavoro di otto ore ciascuno. 

House è un evento annuale mondiale che, in un unico weekend consente l’apertura a titolo gratuito di centinaia di edifici della città prescelta, che siano in possesso di peculiari caratteristiche architettoniche storiche, moderne e contemporanee. Dalla sua nascita ad oggi Open House ha portato a 35 il numero delle città del mondo che compongono il network Open House, consolidando lo stesso come uno dei più importanti eventi di architettura e cultura urbana nel mondo. 

© All rights reserved
Fonte e immagine: Aeronautica Militare
___________________________________________

Polizia scientifica e DNA, una conferenza a palazzo delle Esposizioni di Roma

_7LM3557Roma, 28 aprile 2017 –  Oggi al Palazzo delle Esposizioni di Roma, nell’ambito di una serie di incontri correlati alla mostra Il Dna: Il grande libro della vita da Mendel alla Genomica, il direttore del servizio Polizia Scientifica dr. Luigi Carnevale e il direttore tecnico capo, dr.ssa Alessandra Caglià, biologa, hanno tenuto una conferenza dal titolo “La Banca Dati Nazionale del DNA”.

L’introduzione nell’ordinamento italiano, in adesione al Trattato di Prum, di questo importante strumento identificativo rappresenta il coronamento del sempre più determinante ruolo della genetica forense e quindi della biologia applicata al mondo dell’investigazione.

_7LM3586

L’aumento della sensibilità delle tecniche analitiche ha comportato, infatti, negli anni la possibilità di ottenere profili genetici anche da microtracce da semplice contatto (cellule epiteliali di sfaldamento) e non solo da fluidi biologici (sangue, saliva, liquido seminale) come invece avveniva fino a pochi anni fa.

Ciò ha anche consentito alla Polizia Scientifica di riaprire casi rimasti insoluti per molto tempo, potendo lavorare su reperti non ritenuti all’epoca idonei all’estrazione del DNA: ne è un esempio il recente caso Minghella.

A fronte quindi della grande richiesta di questa tipologia di accertamenti tecnici e della sempre più crescente rilevanza degli esiti in sede giudiziaria, è stato necessario adeguare il flusso analitico di laboratorio ed i profili genetici prodotti agli standard qualitativi più elevati. Il rispetto di standard così elevati e certificati da organismi esterni oltre a conferire maggior peso probatorio in sede processuale ai risultati di laboratorio ottenuti, consente, inoltre, lo scambio dei dati genetici anche con le altre BDN DNA dei paesi europei collegati attraverso il Trattato di Prum.

Nell’occasione sono state illustrate nel dettaglio le varie fasi di lavorazione in laboratorio: dalla estrapolazione, all’archiviazione passando per la comparazione del DNA.

_7LM3554

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato
_________________________

 


Raduno nazionale degli artiglieri del 5° Superga a Portogruaro

 

Schermata 04-2457872 alle 18.33.30 

Portogruaro (VE), 28 aprile 2017 – Domani 29 aprile si svolgerà presso la Caserma L. Capitò di Portogruaro, sede del 5° reggimento artiglieria lanciarazzi Superga, il raduno nazionale degli artiglieri del 5° Superga. Lo scopo dell’iniziativa è quello di riunire nell’attuale sede del reggimento, per una giornata, tutti coloro che svolgono o hanno svolto servizio al 5° Superga e al Volturno, da cui il reggimento ha ereditato la cultura e la capacità missilistica. La manifestazione, che sarà presieduta dal comandante di reggimento, colonnello Edmondo Dotoli, avrà il seguente programma:

  • 09:30 raduno presso Caserma “L. Capitò”;
  • 10:00 cerimonia dell’alzabandiera;
  • 10:15 onori ai Caduti della Caserma Capitò;
  • 11:00 onori ai Caduti della Città di Portogruaro
  • 10:30 – 12:00: mostra statica mezzi e materiali in dotazione al reggimento e illustrazione degli aspetti innovativi del sistema d’arma MLRS – I;

Il raduno terminerà con un pranzo conviviale presso un ristorante del territorio.

Per maggiori info scaricare il PDF qui a fianco ———> RADUNO ARTIGLIERI 5° SUPERGA

© All rights reserved
Fonte: Associazione Nazionale Artiglieri d'Italia
____________________________________________________

Carabinieri recuperano beni per 5 milioni di euro nel 2016

IMG_8543.JPGRoma, 28 aprile 2017 – E’ stata presentata questa mattina l’analisi dell’attività operativa del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e del quadro di situazione delle aggressioni criminali al patrimonio culturale nazionale, riferiti al 2016, presso la caserma “La Marmora” di Roma, con la partecipazione del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, onorevole Dario Franceschini, il comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, generale di brigata Fabrizio Parrulli.

IMG_8690

Attività investigative che hanno consentito il recente recupero di:

  • centinaia di reperti archeologici e fossili di provenienza americana;
  • decine di reperti archeologici italiani;
  • numerose armi ed equipaggiamenti militari risalenti al primo ed al secondo conflitto bellico mondiale;
  • sculture in avorio;
  • dipinti rubati;
  • una statua di Girolamo Santacroce trafugata a Napoli negli anni ‘70.

Il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC), nell’ambito delle attività investigative che sviluppa sullo scenario internazionale, da anni opera in perfetta sinergia con l’Agenzia federale statunitense Homeland Security Investigation – Immigration and Customs Enforcement (HSI-ICE). La cooperazione nel settore dei beni culturali è resa ancora più efficace grazie alle numerose indagini, sempre condotte con una convergente visione operativa, che hanno permesso di sviluppare, negli special agent dell’HSI-ICE, una notevole sensibilità in relazione ai movimenti sospetti di beni culturali e agli intermediari coinvolti in trasporti di beni archeologici verso gli USA.

Lo screening investigativo, in ultimo, ha permesso di far emergere alcuni trasferimenti “anomali” tra gli Stati Uniti e l’Italia: a differenza delle importazioni di beni d’arte italiani a cui si è già abituati, in questo caso gli agenti speciali dell’HSi-ICE hanno segnalato un’operazione opposta, acquisti da parte di un cittadino italiano. Gli approfondimenti investigativi, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma, hanno permesso di contestualizzare la compravendita di beni culturali senza autorizzazioni da parte degli Uffici del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

IMG_8556

Una volta ricostruita la rete degli scambi illeciti tra le due sponde dell’oceano, sono scattate le perquisizioni in Italia e negli USA. A Roma, in particolare, è stato perquisito un imprenditore capitolino che aveva allestito un vero e proprio museo privato con espositori e vetrine in cui custodiva decine di reperti archeologici italiani, tra cui moltissime monete di epoca romana e medievale; centinaia di reperti di origine americana e, in particolare, 400 fossili del periodo cretacico (circa 100 milioni di anni fa); 200 reperti assiro babilonesi ed indù; decine di armi bianche, di diverso genere ed epoca; numerose armi da fuoco tra cui 3 pistole a pietra focaia, 8 fucili, 1 mitragliatrice MG completa di treppiede, bossoli, palle di cannone, spolette ed equipaggiamenti militari vari, risalenti alla I e alla II guerra mondiale. Tra i beni di origine italiana emergono, per interesse archeologico, alcune anfore e kylix provenienti dall’area apula e magno greca; mentre, tra quelli di origine sudamericana, spiccano un piatto rituale con figura sacerdotale e grifi della cultura “maya” (Messico); un vaso di origine peruviana con due medaglioni della cultura “chimù”; un vaso con decorazione mitologica della cultura “moche”; una statua femminile proveniente dall’Ecuador della cultura “jama coaque”.

IMG_8511

Contestualmente alle attività nella Capitale, in perfetta osmosi operativa con il TPC, gli investigatori dell’HSI-ICE procedevano alla perquisizione e all’arresto di altri soggetti in territorio statunitense, nonché al sequestro di numerosi reperti. Tra questi, quelli di origine italiana potranno, al termine delle fasi processuali, rientrare definitivamente nella disponibilità del patrimonio culturale nazionale.

Così come gli straordinari reperti di natura archeologica appartenenti alle culture americane, al termine delle investigazioni condotte in Italia, saranno restituiti ai Paesi di provenienza.

Nel prosieguo delle indagini sul territorio nazionale, inoltre, sono stati denunciati due cittadini italiani e sequestrati due quadri che erano stati rubati a un privato collezionista.

Schermata 04-2457872 alle 18.15.19La proiezione investigativa internazionale del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e, in particolare, la costante azione di monitoraggio del mercato estero e delle transazioni dell’e-commerce, ha permesso di individuare un’eccezionale scultura, in marmo bianco di Carrara, raffigurante “San Giovanni Battista”, di 100 cm. di altezza e risalente al XVI sec., realizzata da Girolamo Santacroce e trafugata, nel 1977, dalla Chiesa “San Giovanni” di Carbonara di Napoli.

La statua, dopo il furto, era stata esportata illecitamente per finire, al termine di vari passaggi di proprietà, nelle mani di un importante antiquario belga. Considerando la posizione rivestita in Patria, gli investigatori del TPC contattavano l’antiquario e, dopo avergli dimostrato la certa provenienza furtiva dell’opera, lo convincevano a prestare il suo consenso alla restituzione del bene. La proficua collaborazione con l’antiquario e con le Autorità belghe, consentiva di rimpatriare il “San Giovanni Battista” -opera molto nota e presente in numerose pubblicazioni- che, una volta dissequestrata, sarà restituita alla Curia partenopea.

Nel corso delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma e intraprese a seguito di alcuni furti di beni d’arte, perpetrati tra il 2016 e gli inizi del 2017, in abitazioni private della Capitale, il TPC in collaborazione con il Comando Unità Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare Carabinieri – Servizio CITES – Sezione Investigativa, nel corso di una perquisizione avvenuta lo scorso febbraio, sequestrava numerose zanne e sculture in avorio illegalmente detenute.

Schermata 04-2457872 alle 18.15.37

I beni, unitamente ad oltre un migliaio di oggetti in argento e Sheffield e ad alcuni dipinti, erano stati abilmente occultati all’interno di una stanza segreta ricavata nell’intercapedine di un muro esterno dell’abitazione perquisita.

Gli avori in sequestro, costituiti da zanne lisce, grezze, lavorate, statue e sculture aventi varie raffigurazioni (figure tribali, figure sacre, personaggi, animali, pezzi di scacchi, elementi di frutta e verdura), parti di zanna, frammenti vari, sono tutti derivanti da specie protetta e ritenuti di provenienza illecita.

Tra il materiale sequestrato, vi sono anche 4 zanne lisce di Ippopotamo (Hippopotamus Anphibius), il cui possesso costituisce autonoma violazione di legge.

Nel corso delle attività, i Carabinieri si sono travati di fronte a un vero e proprio laboratorio per la lavorazione dell’avorio. All’atto dell’irruzione, è stato sorpreso un artigiano (di nazionalità macedone) mentre era intento a realizzare, da un modello in resina e partendo da una zanna di elefante, un “Perseo”.

Occultati in un forno, sono stati rinvenuti circa 90 frammenti di zanna, uno dei quali con il disegno a matita di una mano con in pugno una spada: erano gli scarti della zanna lavorata per realizzare il “Perseo”.

 © All right reserved
Fonte e immagini: Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale
____________________________________________________________________

Carabinieri: spettacolare carosello equestre per ricordare la carica di Pastrengo

54anniversarioCC_DSC_4717

Roma, 27 aprile 2017 – In mattinata, presso la caserma Salvo D’Acquisto, alla presenza del comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette è stato celebrato il 54° annuale di fondazione del 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo in concomitanza del  169° anniversario della “Carica di Pastrengo”, noto fatto d’armi avvenuto nel 1848, durante la prima guerra d’indipendenza, allorquando il maggiore Negri di Sanfront, comandante dei tre squadroni Carabinieri di scorta a Carlo Alberto, re di Sardegna, percepito il tentativo di accerchiamento attuato dalle truppe austriache durante uno spostamento del sovrano, ordinò immediatamente la carica. Al grido “Pastrengo” 280 cavalieri, sciabole alla mano, caricarono tre volte  gli austriaci, che sorpresi dalla carica inattesa ripiegarono abbandonando le loro postazioni.

54anniversarioCC_DSC_4737

Il 4° reggimento Carabinieri a cavallo, erede delle gloriose tradizioni ippiche dell’Arma, è l’ultimo Reggimento interamente montato delle Forze Armate Italiane e svolge le normali attività d’istituto, quali pattuglie e perlustrazioni in aree impervie dell’intero territorio nazionale, e fornisce concorso nell’espletamento di servizi di ordine pubblico e soccorso in caso di pubbliche calamità.

Al termine della celebrazione, dopo le dimostrazioni di ordine pubblico a cavallo e di dressage, alla presenza del capo di Stato Maggiore della Difesa gen. Claudio Graziano e di quello della Repubblica Ceca gen. Josef BEČVÁŘ è stata rievocata la carica con l’esibizione dei cavalieri del Reggimento nel famoso “Carosello Equestre”.

PHOTOREPORTAGE

© All rights reserved
Immagini: Ph. Monica Palermo
__________________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade