Archivi del mese: settembre 2015

Poliziotto ferito a Napoli: solidarietà dal web sulla pagina di Agente Lisa su Facebook

Napoli, 25 settembre 2015 – Ieri sera Nicola Barbato, poliziotto di 50 anni, è stato gravemente ferito da colpi di arma da fuoco durante un agguato nel quartiere Fuorigrotta di Napoli. All’ospedale Loreto Mare gli è stato estratto il proiettile che l’ha colpito. L’agente è poi stato trasferito all’ospedale Cardarelli per ulteriori esami. 

Un post è stato pubblicato sulla pagina di Agente Lisa su Facebook per non lasciarlo solo e fargli sentire la solidarietà di chi gli sta intorno.

Centinaia di migliaia le visualizzazioni raggiunte in pochi minuti e molti cittadini comuni stanno esprimendo la loro vicinanza a Nicola con pensieri di affetto e di pronta guarigione. Il post più comune è “Forza Nicola sei uno di noi“.

Se anche tu vuoi lasciare un messaggio a Nicola clicca QUI e verrai indirizzato alla pagina di Agente Lisa.

Un augurio a Nicola dalla redazione di MNFI che possa rimettersi quanto prima per riprendere servizio.

© All rights reserved

 

 


Napoli: cambio comandante al 10° Reparto Infrastrutture

Napoli, 24 settembre 2015 – Questa mattina, presso la caserma “Canzanella”, si è svolta la cerimonia di cambio del comandante del 10° Reparto Infrastrutture. Il colonnello Lucio Eugenio Cannarile ha ceduto il comando al ten. col. Stefano Salari.

La cerimonia si è svolta alla presenza del comandante del Comando Infrastrutture Sud, colonnello Luca Leonetti, e delle autorità civili, religiose e militari locali.

Il colonnello Cannarile lascia, dopo 5 anni di intensa attività tecnico amministrativa, la guida del 10° Reparto Infrastrutture al ten. col. Stefano Salari già capo sezione Studi Progettazione e Coordinamento Tecnico dell’8° Reparto Infrastrutture di Roma. Sotto la guida del colonnello Cannarile il Reparto Infrastrutture di Napoli è stato impegnato nella progettazione ed esecuzione di numerosi interventi infrastrutturali a supporto e sostegno dei reparti operativi impegnati in interventi militari a favore della popolazione. Molti dei quali ad alta connotazione dual use come “Terra dei Fuochi”, Strade Pulite”, “Strade Sicure” ed operazioni di training addestrativo a favore di personale straniero ricadenti in Campania e Calabria nonché in numerose attività di bonifica sistematica di ordigni bellici inesplosi disseminati in tutta l’Italia Centromeridionale ed isole.

Il colonnello Cannarile, secondo le direttive e gli obiettivi fissati dallo Stato Maggiore dell’Esercito, ha coordinato e concluso importanti attività di tipo demaniale per la valorizzazione e la vendita di immobili militari ubicati nella propria area di competenza, contribuendo a raggiungere significativi obiettivi in termini economici per la Forza Armata, tra cui la Convenzione con l’Agenzia Difesa Servizi SPA per l’installazione di pannelli fotovoltaici, la convenzione con il CONI per il couso dello Stadio Militare “Albricci” in Napoli nonché la vendita di alloggi di servizio per il personale militare non più utili alla Forza Armata.

Brillanti risultati sono stati ottenuti anche nell’ambito della realizzazione e progettazione di interventi infrastrutturali miranti al contenimento dei consumi energetici in sinergia con il Ministero dello Sviluppo Economico. Tali progetti hanno suscitato ampio interesse di numerosi tecnici di settore nell’ambito della Mostra Convegno sulle fonti rinnovabili ed efficienza energetica nel Mediterraneo EnergyMed 2015, contribuendo a dare lustro e visibilità all’Esercito ed all’area infrastrutturale.

L’attività di comando del colonnello Cannarile ha infine contribuito a mantenere attivi gli scambi tecnici, scientifici e culturali con le maggiori realtà formative e produttive di settore e con gli ordini Professionali presenti sul territorio,favorendo l’organizzazione di numerosi seminari e collaborazioni tecniche tra cui quella con il Gruppo di Ricerca Universitario composto dalle Università di Reggio Calabria, Genova e Perugia, i cui risultati saranno presentati alla Comunità Scientifica Internazionale, nell’ambito  del prossimo congresso d’ingegneria sismica  mondiale (WCEE) che si terrà a Santiago del Cile nel gennaio 2017.

Il colonnello Cannarile andrà a ricoprire il prestigioso incarico di Capo Ufficio Programmazione e Lavori del Comando Infrastrutture Sud in Napoli.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Forze di Difesa Interregionale Sud SM

Furto di oltre 2000 forme di Parmigiano Reggiano nel modenese. Polizia arresta i colpevoli


Modena, 24 settembre 2015 – Emesse nove ordinanze di custodia cautelare questa mattina dalla Polizia di Stato di Modena nei confronti di nove individui, per lo più di origini foggiane, accusati di associazione a delinquere finalizzata al furto aggravato in concorso tra loro, a danno di numerosi stabilimenti e depositi di stoccaggio di Parmigiano Reggiano nella provincia di Modena ed in altre provincie del Nord Italia.

Le indagini della Squadra Mobile di Modena hanno permesso di scoprire l’organizzazione malavitosa che, nel corso degli scorsi mesi, ha programmato ed eseguito in maniera capillare una serie continua di attività di esplorazione e sopralluogo di alcuni territori del centro-nord del Paese, finalizzati ad individuare gli obiettivi, con un organizzazione di mezzi e ripartizione dei ruoli al momento di ogni singolo furto.

Gli indagati, durante le attività criminose, hanno sempre avuto a disposizione mezzi di trasporto, attrezzi atti allo scasso, ricetrasmittenti, apparati elettronici destinati a disattivare sistemi di allarme, schede telefoniche dedicate ad intestazione fittizia, nonché svariate armi da fuoco.

I furti in questione, avvenuti tra il novembre del 2013 ed il gennaio di quest’anno, hanno consentito all’organizzazione  di appropriarsi indebitamente di derrate alimentari per un valore complessivo pari a € 785.000,00, in particolare 2039 forme di Parmigiano Reggiano, nonché oltre 15.000 chilogrammi di crostacei e pesce surgelato.

Le operazioni per la cattura di tutti i soggetti sono sono state eseguite dalle Squadre Mobili delle province di Modena, Foggia e Cremona.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato

Libano: i caschi blu celebrano la Giornata Internazionale della Pace

Il generale Portolano saluta la bandiera delle Nazioni Unite

Il generale Portolano saluta la bandiera delle Nazioni Unite

Naqoura (Libano), 21 settembre 2015 – Si è svolta questa mattina, presso il Quartier Generale della missione UNIFIL, la celebrazione della Giornata internazionale della Pace dedicata al tema “Partnerships for Peace – Dignity for All”.

La cerimonia che ha visto la partecipazione dei rappresentanti delle Forze Armate e di Sicurezza Libanesi, delle autorità locali civili e religiose e di una rappresentanza di caschi blu dei 39 Paesi che contribuiscono alla missione delle Nazioni Unite, è stata presenziata dal generale di divisione Luciano Portolano, capo missione e comandante delle Forze ONU nel Libano Meridionale.

Il generale Portolano rende omaggio ai Caduti nelle missioni di pace

Il generale Portolano rende omaggio ai Caduti nelle missioni di pace

Quest’anno la Giornata internazionale della pace assume un significato particolare: ricorre il 70° anniversario della nascita delle Nazioni Unite il cui lavoro non sarebbe stato possibile senza la stretta collaborazione tra  governi, società civile, soggetti pubblici e privati” lo ha affermato il generale Portolano, nel corso del suo intervento, richiamando il tema della commemorazione che evidenzia altresì il ruolo essenziale delle giovani generazioni nel favorire la pace e uno sviluppo sostenibile basato sulla dignità umana.

Nel pomeriggio le celebrazioni sono proseguite con un collegamento in videoconferenza tra il quartier generale di UNIFIL e il Palazzo di Vetro dell’ONU, dove circa ottocento giovani studenti, provenienti da tutto il mondo, si sono riuniti per festeggiare la giornata internazionale della pace. Nel corso della video conferenza – alla quale hanno preso parte il segretario generale Ban Ki-moon e i messaggeri di pace delle Nazioni Unite tra cui Jane Goodall e Michael Douglas – un gruppo di studenti libanesi dell’Università di Tiro ha avuto un momento di confronto con i coetanei d’oltreoceano sul tema della pace.

La giornata internazionale della pace fu proclamata nel 1981 con la risoluzione 36/67 dell’Assemblea Generale per rafforzare gli ideali di pace in tutti i paesi e fra tutti i popoli. La prima giornata della pace fu osservata nel 1982. Successivamente, nel 2001, l’assemblea generale ha adottato all’unanimità la Risoluzione 55/282, con la quale si dichiarava il 21 settembre quale giornata dedicata alla non-violenza e si richiedeva a tutti i paesi e i popoli in conflitto un cessate il fuoco di ventiquattro ore.

Cerimonia dell'alzabandiera

Cerimonia dell’alzabandiera

© All rights reserved
Fonte e immagini: United Nations Interim Force in Lebanon Headquarters

Bomba day a Sant’Angelo dei Lombardi (AV)

​​​​Avellino, 19 settembre 2015 – Domani, domenica 20 settembre gli artificieri del 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta, unità della Brigata Bersaglieri “Garibaldi”, interverranno per il disinnesco e la rimozione di 2 ordigni bellici: una granata di artiglieria da 88 mm di fabbricazione tedesca ed una bomba d’aereo da 250 libbre (113 kg) di fabbricazione inglese, entrambi risalenti al secondo conflitto mondiale.​

Gli ordigni, occasionalmente rinvenuti in località Ruggiani, lo scorso 8 settembre, sono perfettamente conservati, quindi ancora attivi e pericolosi. Dopo 35 anni dal sisma del 1981, che colpì gravemente la città irpina e tutta la Campania e che vide l’intervento degli uomini dell’allora 21° Battaglione Genio “Timavo”, chiamati a soccorrere la popolazione locale, i genieri tornano su quel territorio per un’altra emergenza.

Per le delicate operazioni di disinnesco sarà necessario lo sgombero di un area di 500 metri e l’evacuazione di circa 50 famiglie. Gli artificieri del 21° Reggimento interverranno con 2 team specializzati nella disattivazione di ordigni esplosivi regolamentari e di circostanza. In particolare per la bomba d’aereo gli artificieri rimuoveranno il congegno di attivazione posto nella parte anteriore dell’ordigno, rendendolo inoffensivo. Analoga procedura di disattivazione sarà adottata per la granata di artiglieria.

Gli ordigni saranno successivamente scortati e trasferiti nella cava “Cipriano”, dove all’interno di un “fornello”, realizzato con opere di scavo, mediante cariche esplosive, si procederà alla loro definitiva e sicura neutralizzazione. L’intervento durerà presumibilmente tra le 4 e le 6 ore e nel caso di complicazioni o condizioni meteorologiche avverse, i tempi potranno dilazionarsi fino a circa 10 ore.

Per l’organizzazione della delicata attività, è stato proficuo l’intervento sinergico della prefettura di Avellino, Protezione Civile, Forze di Polizia, Vigili del Fuoco e amministrazione comunale di Sant’Angelo dei Lombardi.

Per gli specialisti del 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta, coordinati dal 2° Comando delle Forze di Difesa di San Giorgio a Cremano (NA), è il centosettantesimo intervento di bonifica residuati bellici condotto nella propria area di competenza (Regione Campania, Regione Molise e Provincia di Latina) con oltre 410 ordigni neutralizzati dall’inizio dell’anno.

​L’Esercito Italiano grazie alla capacità “dual-use” dei Reparti dell’Arma del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire in ogni momento, in tutto il territorio Italiano a supporto della comunità nazionale, in interventi di pubblica utilità, ponendosi come indispensabile risorsa per il Paese. 

© All rights reserved
Fonte e immagini: COMFOTER

Pattuglia dell’Esercito Italiano contribuisce ad un arresto

Militari dell’Esercito in concorso alle Forze dell’Ordine contribuiscono ad un arresto

I militari, allertati da rumori provenienti dalla parte retrostante della struttura,  sono giunti sul posto e hanno avvisato prontamente le Forze dell’Ordine che in seguito ad un preliminare controllo, hanno riscontrato segni di effrazione su una porta di una cantina.

La pattuglia ha notato individui in allontanamento ed è riuscita a darne una descrizione sommaria al personale della Polizia di Stato che, in un secondo momento, ha riferito di aver arrestato dei presunti ladri anche grazie al contributo offerto dai militari.

L’Operazione “Strade Sicure”, dall’agosto 2008, vede impegnato l’Esercito Italiano per esigenze di prevenzione della criminalità, in aree metropolitane, attraverso attività di vigilanza a siti e obiettivi sensibili, nonchè perlustrazione e pattuglia, in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia.​​

© All rights reserved
Fonte e immagine: COMFOTER

Si denudano di fronte al Colosseo per scattare foto per un calendario. Fermati dai militari dell’Esercito

Operazione Strade Sicure a tutela del decoro urbano

Operazione Strade Sicure

Operazione Strade Sicure

Roma, 18 settembre 2015 – Roma, presso l’Arco di Costantino in zona Colosseo, una pattuglia di militari del Raggruppamento Lazio – Umbria – Abruzzo, a guida brigata meccanizzata Granatieri di Sardegna ed effettiva al 7° reggimento alpini Feltre, impegnata nell’operazione Strade Sicure, si è resa protagonista di un’attività di controllo che ha portato al fermo di diversi individui.

Durante attività di pattugliamento, i militari hanno notato un folto numero di persone di sesso maschile e di nazionalità belga che si stavano denudando repentinamente, rimanendo coperti solo nelle parti intime con delle foglie di fico. Prontamente, i militari sono intervenuti per interrompere il gesto ed iniziare la procedura di identificazione dei soggetti. Gli uomini hanno dichiarato che volevano scattare delle fotografie per un calendario. Nel frattempo, la pattuglia ha contattato la sala operativa della questura e con il concorso della Polizia di Roma Capitale, già presente sul posto, gli individui sono stati accompagnati da questi ultimi presso il loro comando per gli accertamenti del caso.

Operazione Strade Sicure

Operazione Strade Sicure

Il raggruppamento che, dall’agosto del 2008, vede la brigata Granatieri di Sardegna, rinforzata da assetti di altre unità, partecipare all’operazione Strade Sicure in coordinazione con il 2° Comando delle Forze di Difesa (2° FOD) di San Giorgio a Cremano, e in concorso e congiuntamente alle Forze dell’Ordine, assicura quotidianamente una vigile e costante presenza di militari della Forza Armata sul territorio della Capitale, nel Lazio e nelle vicine regioni di Umbria e Abruzzo.

Gli interventi dei militari, a tutela del decoro, della garanzia della sicurezza e prevenzione della microcriminalità e del contrasto a minacce terroristiche nelle citate Regioni testimoniano, ancora una volta, l’efficace e professionale contributo fornito dalle unità dell’Esercito Italiano.

© All rights reserved
Fonte e immagini: brigata Granatieri di Sardegna

Esercito: artificieri impegnati domenica prossima per disinnesco di tre ordigni

Gli artificieri dell’esercito al lavoro domenica prossima per il disinnesco di tre ordigni a Genova e nelle province di Roma ed Avellino

Artificiere controlla spoletta posteriore

Artificiere controlla spoletta posteriore

Roma, 18 settembre 2015 – Un’operazione di bonifica sarà condotta dagli artificieri del 6° Reggimento Genio Pionieri di Roma. L’ordigno era stato rinvenuto presso un cantiere edile ad Albano Laziale, località Cecchina.

L’attività di sgombero, coordinata dalla Prefettura di Roma, comporterà l’evacuazione di circa 3.000 persone residenti nel raggio di 400 metri dal luogo di ritrovamento della bomba il brillamento avverrà in una cava di Ciampino.

Artificiere ispeziona bomba con robot

Artificiere ispeziona bomba con robot

Nella stessa giornata avverrà la bonifica di una bomba d’aereo risalente alla seconda Guerra Mondiale rinvenuta alcuni giorni fa a Calata Bettolo, nei pressi del porto di Genova, dagli artificieri del 32° Reggimento Genio Guastatori di Torino. L’ordigno, un’AN-M64 A1 statunitense da 226 chilogrammi di cui 124 di esplosivo, è dello stesso tipo di quello rinvenuto nel Lazio.

I disagi per il capoluogo ligure saranno comunque ridotti, grazie alla costruzione di un’opera di contenimento dell’onda d’urto e delle schegge che ha permesso di ridurre l’area considerata pericolosa a 300 metri.

Inoltre a Sant’Angelo dei Lombardi (AV), dove è stata rinvenuta una bomba d’aereo di fabbricazione Inglese da 113 chilogrammi, su attivazione della Prefettura di Avellino, gli artificieri dell’Esercito, effettivi al 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta provvederanno a neutralizzare la bomba che sarà poi distrutta presso la cava di Cipriano.

Bomba d'aereo AN-M64 A1 USA

Bomba d’aereo AN-M64 A1 USA

L’Esercito, grazie alle esperienze maturate in Italia e all’estero, attraverso le capacità dual-use dei propri reparti Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire nei casi di pubbliche calamità per garantire la sicurezza della collettività, dimostrandosi sempre una risorsa per il Paese.

L’Esercito negli ultimi dieci anni ha svolto oltre 30.000 interventi di bonifica su tutto il territorio nazionale, inoltre l’Esercito è l’unica Forza Armata preposta alla formazione e all’aggiornamento degli artificieri delle Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito

Conto alla rovescia per la kermesse sportiva “La grande corsa del cuore”


Napoli, 16 settembre 2015 – Fervono gli ultimi preparativi per la kermesse sportiva La grande corsa del cuore che avrà il suo fulcro intorno al lago Patria (NA) il prossimo 10 ed 11 Ottobre. Testimonial dell’evento il campione olimpionico e mondiale di canottaggio Giuseppe Abbagnale, insieme a Calvizzano, Giugliano, Marano, Melito, Mugnano, Qualiano e Villaricca. 

Abbagnale, attuale presidente della Federazione Italiana Canottaggio, tante volte, ha solcato con la sua canoa la superficie del lago Patria, dove si è allenato ed ha vinto importanti titoli italiani.

I professori Luciano Curci, Andrea Fontanella e Paola Meluzis delle associazioni Settegiornisette e Running Club Italia, sono i pilastri organizzativi dell’evento condiviso dai comuni di Calvizzano, Giugliano, Marano, Melito, Mugnano, Qualiano e Villaricca. Tanti anche i partner d’eccezione che, a vario titolo, hanno contribuito all’iniziativa.

Runners professionisti insieme ai giovani studenti delle scuole del territorio giuglianese saranno i veri protagonisti de La grande corsa del cuore. Gli organizzatori sono impegnati a verificare che tutto funzioni alla perfezione.

L’expo Patria verrà inaugurata con la cerimonia dell’alzabandiera alla presenza delle scolaresche, delle autorità scolastiche ed istituzionali,.

Testimonial della manifestazione il campione olimpionico e mondiale di canottaggio, Giuseppe 

Anche il parterre è ricco di partecipanti e partner d’eccezione: Unicef, Esercito Italiano, Coni, l’UISP, FIC, la NATO e la la Regione Campania oltre ai 7 comuni del giuglianese.

La due giorni non sarà solo una full immersion sportiva, ma sarà pure spazio per la riflessione e la cultura. Nell’articolato programma, infatti, è previsto un momento di approfondimento con gli studenti delle scuole del territorio, dal titolo: “Coltivare la memoria per costruire il futuro”.

Agli adulti, invece, è riservato il convegno: “Il contributo dello sport e della cultura allo sviluppo del territorio e dell’ambiente: costruiamo insieme la città dei bambini”.

Tutti i dettagli dell’articolato programma de “La Grande Corsa del Cuore” saranno resi noti nella conferenza stampa di presentazione dell’evento ai giornalisti, fissata per il prossimo 2 Ottobre alle ore 11,00 presso il ristorante La Caravella, adagiato proprio sulle rive del lago di Patria.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Comando Forze di Difesa Interregionale Sud SM

La banda dei Carabinieri inaugura la 2° edizione di “Luci della Storia su Porta Pia”

concertoCCportaPia_DSC_3676

Roma, 16 settembre 2015 – Inaugurata ieri 2° edizione della rassegna Luci della Storia su Porta Pia con un ensemble di 12 sassofoni della banda dei Carabinieri, diretti dal Maestro tenente colonnello Massimo Martinelli. I dodici sassofonisti, con l’aggiunta di un batterista, hanno suonato musiche di Gabrieli, Johann Sebastian Bach, Gershwin e altri, concedendo al numeroso pubblico ben due bis prima di concludere la serata con le note della Marcia di Ordinanza dell’Arma, La fidelissima e il Canto degli Italiani.

concertoCCportaPia_DSC_3668

concertoCCportaPia_DSC_3588Grande l’affluenza del pubblico che ha assistito alla serata di inaugurazione, presentata dal direttore del museo, il colonnello Francesco Geraci che ha introdotto il programma della 2° edizione di “Luci della Storia su Porta Pia”.

Location della rassegna è il Museo Storico dei Bersaglieri, a Porta Pia, proprio di fronte al monumento che sta al centro della piazza, dedicato ai bersaglieri e la partecipazione sarà tutta ad ingresso gratuito, dalla visita del museo ai concerti delle cinque serate (in fondo alla pagina il programma completo da scaricare). La manifestazione è nata per commemorare la presa di Porta Pia (20 settembre 1870) che quest’anno celebra il 145° anniversario.

L’evento, che durerà dal 15 al 20 settembre, nato dalla volontà di alcuni cittadini amanti della storia e delle vicende che hanno condotto all’unità d’Italia attraverso la rievocazione del corpo dei bersaglieri, è stato organizzato in stretta collaborazione tra l’Associazione Nazionale Bersaglieri, sezione di​ Roma, e il Museo Storico dei Bersaglieri, con il coordinamento del Comando Militare della Capitale.

Nel corso della sei giorni della rassegna il pubblico, oltre a poter visitare i locali del museo con i suoi preziosi cimeli e gli importanti documenti autografi custoditi, potrà  assistere a concerti tenuti dalle più  prestigiose bande militari: Marina Militare, Scuola Trasporti e Materiali (TRAMAT), Associazione Nazionale degli Alpini di Roma, Guardia di Finanza, Esercito e fanfara dei bersaglieri. Inclusi nella programmazione anche cori polifonici e concerti di musica lirica.

Domenica 20 settembre, in chiusura della manifestazione, un suggestivo spettacolo pirotecnico illuminerà con i colori della bandiera italiana il cielo della Capitale.

IL MUSEO STORICO DEI BERSAGLIERI

Il Museo Storico dei Bersaglieri fu  inaugurato dal re Vittorio Emanuele III il 18 giugno 1904 presso la Caserma “La Marmora” in Trastevere per poi essere  trasferito nel 1931 nei locali di Porta Pia, messi a disposizione dal Comune di Roma Capitale.

​Aperta al pubblico il 18 settembre 1932, l’esposizione celebra il Corpo dei Bersaglieri dalla nascita ai giorni nostri. La specialità nasce ufficialmente, in forza di un Regio Brevetto, il 18 giugno 1836 da Carlo Alberto di Savoia su proposta del Capitano Alessandro La Marmora, la cui “proposizione” originale  è custodita in una sala espositiva della stessa struttura.

Inoltre, all’interno del museo sono conservati vari cimeli di elevato valore storico, i busti dei più illustri rappresentanti del Corpo – tra cui quello di Enrico Toti –, il sacrario ai caduti nella storia del Corpo, le sale dedicate alle due guerre mondiali e un archivio con le testimonianze sui Bersaglieri di tutte le epoche.

Il Museo ha sede in Roma, Porta Pia, via XX Settembre e può essere visitato, gratuitamente da gruppi o singoli, dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 15.00.​

concertoCCportaPia_DSC_3813

Clicca per scaricare il programma dei concerti: programma porta pia

© All rights reserved

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade