Annunci

Archivi del mese: aprile 2015

Lituania: il personale della task force air italiana visita l’orfanotrofio di Šiauliai

L’Istituto assiste più di 60 bambini con diverse tipologie di disagi

Šiauliai, 28 aprile 2015 – Una delegazione della task force air (TFA) ha visitato, domenica mattina, l’orfanotrofio della città di Šiauliai, che offre assistenza sanitaria e psicologica a più di 60 bambini da 0 a 6 anni. L’evento ha previsto vari momenti dedicati ai bambini: da un intrattenimento musicale alla preparazione della pasta. Il momento più importante è stato quello della donazione di una speciale attrezzatura per uno dei bambini più bisognosi dell’orfanotrofio, un bimbo di pochi anni affetto da paralisi cerebrale e displasia congenita dell’anca.

Grazie al contributo volontario di tutto il personale italiano è stata, infatti, raccolta una somma sufficiente ad acquistare un ‘verticalizzatore’, apparato speciale per consentire al bambino di deambulare in maniera adeguata.

Il colonnello Marco Bertoli, comandante della TFA italiana, nel suo discorso ha evidenziato l’importanza di queste attività a favore della comunità locale. “Per noi è stato importante non solo dare un segno tangibile della nostra presenza in Lituania, grazie all’acquisto di una importante attrezzatura medica che potrà rendere la vita un pochino più semplice ad un bimbo in difficoltà, ma offrire anche a tutti i bambini una finestra sulla cultura e le tradizioni del nostro Paese. Per questo abbiamo organizzato un piccolo concerto e preparato uno dei nostri alimenti più buoni e conosciuti”.

La direttrice dell’Orfanotrofio, dott.ssa Audronè Kardašienè ha ringraziato il personale della TFA perché “voi italiani vi prendete cura di noi mantenendo sicuri i nostri cieli ed a terra dei nostri figli. Un grazie anche a tutti gli italiani che hanno voluto, nel loro tempo libero, regalare il bene più prezioso per un bambino, attenzione e serenità. Tutto ciò ha sicuramente rafforzato quel sentimento di stima ed apprezzamento reciproco”.

Durante la visita sono stati consegnati vestiti, scarpe e giocattoli. Tutto il materiale è stato donato dalle seguenti associazioni/aziende: Metropolis consorzio cooperative sociali di Molfetta (BA), Associazione dei militari di Palo del Colle (BA), AICCOS di Molfetta (BA) e Italeri spa di Calderara di Reno (BO).

© All rights reserved
Fonte e immagini: Aeronautica Militare / Frontiera Baltica

Annunci

Esercito: sbocchi occupazionali in Abruzzo per i volontari in ferma prefissata

 

L’Aquila, 27 aprile 2015 – Personale qualificato del Comando Militare Esercito “Abruzzo” di L’Aquila incontrerà il 30 Aprile alle ore 10.30 presso la direzione marittima di Pescara i delle Forze Armate (VFP) prossimi al congedo o già congedati che hanno aderito al progetto sbocchi occupazionali.

Scopo dell’incontro è quello di svolgere l’attività di orientamento al lavoro e di illustrare, nell’ambito del progetto Sbocchi Occupazionali, le opportunità formative e di inserimento nel mondo del lavoro, in virtù delle convenzioni stipulate dal Ministero della Difesa e dal CME “Abruzzo” con enti pubblici e privati.

Il progetto Sbocchi Occupazionali consiste in una serie di attività tendenti a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro dei volontari delle Forze Armate congedati senza demerito.

Tali misure sono rivolte agli interessati, attraverso l’orientamento professionale, il counseling e la formazione professionale, ed alle imprese che hanno la possibilità di consultare i curricula professionali dei militari attraverso l’accesso al database denominato Sistema Informativo Lavoro Difesa (SILDifesa) che permette l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Il sistema è accessibile, visitando il sito www.sild.difesa.it, sia ai militari che hanno aderito al progetto sia alle imprese interessate alla ricerca di ottime professionalità o a proporre offerte di lavoro.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Militare Esercito Abruzzo

Cyber defence a Roma: conclusa l’esercitazione Locked Shields 2015

Roma, 25 aprile 2015 – Attacchi informatici, hacking, minacce alla sicurezza delle reti e relative contromisure hanno tenuto impegnati, dal 21 al 24 aprile, i circa 400 esperti e specialisti militari e civili della NATO che hanno preso parte all’esercitazione di cyber-defence Locked Shields 2015, organizzata dal NATO Cooperative Cyber Defence Centre of Excellence di Tallinn (Estonia) e diretta, per l’Italia, dal comando C4 Difesa con il contributo del mondo accademico e dell’industria di settore.

Concepita nel quadro della cooperazione multinazionale nel campo della difesa cibernetica, la Locked Shields 2015 è tradizionalmente finalizzata all’addestramento e al coordinamento degli specialisti di settore – civili e militari – nella gestione delle emergenze informatiche, con particolare riguardo all’individuazione e alla neutralizzazione di attacchi cibernetici su larga scala. 

Giunta alla sua sesta edizione, l’esercitazione ha visto quest’anno la partecipazione di 16 teams – che hanno operato ciascuno dal proprio Stato d’appartenenza – e del NATO Computer Incident Response Capability Technical Centre (NCIRC – TC).

Ambientata in un fittizio scenario di crisi – nella fattispecie, un paese nord-europeo membro della NATO e dell’UE teatro di attacchi di natura informatica e convenzionale – la “Locked Shields 2015” ha visto lo schieramento e l’impiego di teams di specialisti nel computer emergency response a protezione delle reti informatiche di controllo di velivoli a pilotaggio remoto.

In particolare, l’esercitazione è consistita nella gestione, da parte di teams di reazione rapida, di emergenze informatiche della più varia natura, quali attività di disturbo, hacking e veri propri attacchi alla sicurezza delle reti militari e civili, con numerose implicazioni di natura legale e mediatica.

L’esercitazione – la quarta di questa tipologia cui partecipa l’Italia – ha costituito un’occasione di approfondimento e di confronto su un tema, quello della sicurezza cibernetica, che è da tempo una delle priorità tra i Paesi dell’area euro-atlantica, impegnati nel garantire una risposta integrata ed adeguata ad una minaccia, quella informatica, sempre più diversificata e sofisticata.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa

Il comando militare esercito Abruzzo celebra il 70° anniversario della liberazione

L’Aquila, 25 aprile 2015 – Il Comando Militare Esercito “Abruzzo” ha partecipato, con proprio personale, alle celebrazioni relative al 70° anniversario della liberazione che si sono tenute sul territorio della regione Abruzzo.

In particolare a L’Aquila, presso la villa comunale, si è tenuta una cerimonia alla quale hanno partecipato la senatrice Stefania Pezzopane, il prefetto della provincia di L’Aquila, dott. Francesco Alecci in rappresentanza del Governo, il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, l’arcivescovo metropolita Giuseppe Petrocchi, il comandante dell’Esercito per l’Abruzzo generale di brigata Rino De Vito e numerose autorità civili, militari e religiose.

Altre cerimonie si sono tenute a L’Aquila in piazza IX Martiri, piazzale Alenia e all’interno della Caserma “Pasquali-Campomizzi” presso il monumento dedicato ai martiri aquilani.

Ulteriori celebrazioni, alle quali ha partecipato personale del Comando Militare Esercito “Abruzzo”, sono state svolte a Chieti, Teramo, Avezzano (AQ), Ortona (CH), Pacentro (AQ), Capistrello (AQ) e nelle frazioni aquilane di Onna e Filetto.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Militare Esercito “Abruzzo”

Napoli, stadio militare Albricci: tappa conclusiva di Scuola e Sport in tour

 

Napoli, 23 aprile 2015 – Domani venerdì 24 aprile allo stadio militare Albricci a partire dalle ore 9,30 si svolgerà la quinta tappa di Scuola e Sport in Tour per testimoniare le molteplici attività di laboratorio svolte nelle scuole e per riaffermare lo sport come uno dei percorsi privilegiati per fare educazione e formazione.

Il progetto è promosso dall’ufficio XI ambito territoriale di Napoli dell’ufficio scolastico regionale della Campania, dal CONI di Napoli con la collaborazione dell’università Federico II di Napoli e dell’USSI- Unione Stampa Sportiva della Campania. Anche l’Esercito sarà presente poiché lo sport riveste grande importanza per i giovani come occasione formativa e come canale privilegiato per l’addestramento.

Lo stadio Albricci rappresenta la giusta location in quanto vi è collocata l’associazione “L’Esercito e lo Sport per il futuro di Napoli” scaturita da una convenzione tra il Ministero della Difesa e il Coni già da circa tre anni. Alla manifestazione interverranno il generale di brigata Antonio Raffaele, vertice del Comando Militare Esercito “Campania”, la dott.ssa Luisa Franzese, direttore generale dell’ufficio scolastico regionale della Campania, il prof. Roncelli, delegato del CONI – Napoli, nonché dei sindaci delle città luogo delle precedenti tappe.

L’occasione sarà propizia per i numerosi studenti che vogliono intraprendere un futuro professionale nella Forza Armata terrestre per soddisfare ogni curiosità dato che sarà presente un Info-Team dell’Esercito Italiano atto a fornire delucidazioni sui vari concorsi, a partire dall’Accademia Militare di Modena, alla scuola sottoufficiali dell’Esercito di Viterbo e alla scuola militare Nunziatella. Ampia attenzione verrà riservata alla nuova pedina fondamentale dell’Esercito Italiano che nasce a seguito della sospensione della leva: il volontario in ferma prefissata di un anno (VFP1), che riconosce nell’esercito la scuola madre anche per le Forze di Polizia (Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato e Polizia Penitenziaria). 

Il pubblico avrà anche modo di  ammirare delle tecnologie altamente avanzate usate dai soldati nelle missioni umanitarie di peacekeeping all’estero. Sponsor della manifestazione è il marchio GIVOVA, che ha messo a disposizione strutture tecniche e gonfiabili per rendere possibile l’esecutività delle varie discipline sportive. La giornata sarà di collaudo a quanti accoglieranno il prossimo 18 maggio sempre allo stadio Albricci il tedoforo della Maratona “L’Esercito marciava” a corollario delle commemorazioni per il centenario dell’inizio della Grande Guerra. La maratona, partirà da Trapani e arriverà a Trieste il prossimo 24 maggio.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Militare Esercito Campania

Lungo la Blue Line, il docu-film dell’esercito in onda su SKY

Roma, 23 aprile 2015 – Questa mattina nella Biblioteca Militare Centrale di Palazzo Esercito si è svolta la conferenza stampa di presentazione del docu-film Lungo la Blue Line alla quale hanno partecipato il sottosegretario di stato alla Difesa, on. Gioacchino Alfano, il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Danilo Errico, il dott. Andrea Zappia, amministratore delegato di SKY Italia e il produttore, dott. Michele Bongiorno

Il generale Errico, nel suo intervento ha sottolineato che “questo docu-film è la dimostrazione di quanto la Difesa e l’Esercito Italiano siano una risorsa per il Paese, all’estero e in madrepatria, favorendo la diffusione della coscienza e la consapevolezza presso l’opinione pubblica di quello che facciamo quotidianamente”. “Quest’opera – ha aggiunto il capo di Stato Maggiore dell’Esercito – onora la memoria di quanti hanno sacrificato la vita o portano i segni del loro impegno sul proprio corpo”. 

Il dott. Zappia durante la presentazione del documentario ha affermato “riteniamo che una tv come la nostra abbia anche dei doveri, e cerchiamo di eseguirli facendo delle scelte: quella di andare a raccontare l’Esercito, e in un paese che fortunatamente vive in pace da molto tempo, non è facile. Siamo orgogliosi di poter avere l’opportunità di raccontare un pezzo d’ Italia così importante  che rappresenta così bene i valori di uomini e donne italiani.” 

Lungo la Blue Line è un viaggio all’interno del contingente Italiano impegnato nella missione UNIFIL sul confine tra Libano e Israele realizzato, con il supporto dell’Esercito Italiano, da Good Day Films con la regia di Andrea Bettinetti. 

In prima TV lunedì 27 aprile alle 21 su Sky Cinema Cult HD, il docu-film è il racconto del lavoro quotidiano dei militari dell’Esercito Italiano impegnati in Libano. Questa collaborazione consente di approfondire la conoscenza delle attività condotte all’estero dall’Esercito, che quotidianamente contribuisce alla sicurezza del Paese con il personale impegnato sul territorio nazionale nell’operazione “Strade Sicure”.

Storie ‘speciali’ di sacrificio e passione, come ad esempio quella del capitano Anna Chiara Rametta, sposata con un ufficiale rimasto gravemente ferito in missione a Herat, la storia del sergente Emanuele Volpe del team cinofilo  anti – esplosivo, che racconta del suo rapporto con il cane e di quanto questo sia importante per affrontare il particolare scenario operativo. E ancora, la storia e il rapporto quotidiano tra il primo maresciallo Marco Forte e il caporal maggiore scelto Michela Forte, rispettivamente padre e figlia, che si sono ritrovati quasi per caso nella stessa base.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito

Il futuro di KFOR verrà deciso in base alle condizioni sul terreno

Pristina, 22 aprile 2015 – Il Comandante della missione multinazionale NATO KFOR, generale di divisione Francesco Paolo Figliuolo, ha incontrato il presidente della repubblica bulgaro, Rosen Plevneliev, durante la sua visita di stato in Kosovo. L’incontro si è svolto nel quartier generale KFOR a Camp Film City a Pristina.

Il presidente Plevneliev e il COMKFOR si sono confrontati sullo stato della sicurezza e sulla situazione socio-politica in Kosovo. Il presidente ha espresso il suo apprezzamento per l’operato di KFOR e ha assicurato al generale Figliuolo che la Bulgaria continuerà a supportare la misione finché il processo normalizzazione in Kosovo non sarà irreversibile. Plevneliev ha inoltre confermato l’appoggio economico bulgaro al Kosovo sopratutto nel campo delle infrastrutture e dell’energia.

KFOR coopera con le istituzioni del Kosovo e con i rappresentanti della comunità internazionale per rafforzare la pace e la stabilità in Kosovo e nell’intera regione – ha dichiarato il comandante di KFOR – siamo consapevoli di essere in una fase cruciale della missione e ogni decisione sul futuro di KFOR verrà presa sulla base delle condizioni di stabilita`e di sicurezza sul terreno”.

Il generale Figliuolo ha ringraziato il presidente Plevneliev per la professionalità dei militari del contingente bulgaro e per il contributo che offrono al successo della missione.

© All rights reserved
Fonte e immagini: KFOR

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade