Annunci

Archivi del mese: gennaio 2017

Bambini abruzzesi ringraziano i nostri militari con una letterina

C3F8GJbWIAEJak7.jpg

 

Roma, 28 gennaio 2017 – E’ di questi giorni la letterina di Giovanni, un bambino abruzzese di Santa Maria, che, insieme ai suoi fratelli, ha scritto ai nostri militari per ringraziarli del loro operato, in particolare per aver liberato dalla neve la loro auto e la strada.

Lettere come questa riempiono di gioia chi le riceve ed è una grande fonte di riconoscimento per il lavoro svolto, vuol dire essere apprezzati dalla comunità.

Anche da parte di MNFI #graziediesserci alle donne e agli uomini delle nostre Forze Armate e un saluto a Giovanni.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Stato Maggiore della Difesa
___________________________________________________

 

Annunci

Emergenza centro Italia: le Forze armate continuano le evacuazioni nei paesi isolati dalla neve

1a9a1dab-da0d-4edf-9480-4ff59cd69ed87medium

Roma, 25 gennaio 2017 – Nel centro Italia le Forze armate continuano a stare vicino alla popolazione delle regioni colpite dall’emergenza terremoto aggravata dal maltempo dell’ultima settimana e a cooperare con la Protezione Civile e le altre forze sul campo. Il capo delle Forze armate generale Claudio Graziano ha oggi espresso un vivo apprezzamento per il lavoro svolto dalla “grande famiglia con le stellette” alla quale appartiene anche la Guardia di Finanza, impegnata nei soccorsi con i finanzieri del Soccorso Alpino. 

d7415f74-fad8-4c24-8139-27f6f29888604medium

Tra ieri e oggi i militari hanno condotto con continuità lo sgombero di diverse aree isolate: dall’inizio dell’emergenza sono più di 200 le persone evacuate sia via terra che per via aerea nel comune di Villa Castellana, nel teramano. Di questi anche 70 civili tratti in salvo dalle frazioni di Pietralta (TE) e Bolognola (MC) lungo la strada provinciale 49.

Per constatare e verificare il rischio valanghe una squadra di tecnici Meteomont   è stata oggi imbarcata per la prima volta su un elicottero HH-101 dell’Aeronautica Militare mentre un AB205 dell’Esercito ha svolto una ricognizione tra Rieti e Viterbo. La direzione di comando e controllo della Protezione Civile di Rieti ha inoltre impiegato un elicottero HH139 e un HH212 dell’AM già presenti sul posto, per effettuare dei voli di ricognizione sulle zone interessate dall’emergenza maltempo.

ab1a4383-dfe8-4ae4-b117-c9457c95e8c11medium

Intanto sono ripresi i lavori di cantierizzazione dell’ultima area da urbanizzare affidata ai militari del genio dell’Esercito che con il concorso dei fucilieri di Marina del San Marco hanno riavviato i lavori iniziati ad agosto dello scorso anno e interrotti dall’improvvisa emergenza della settimana passata.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
___________________________________________________

#Emergenzamaltempo: Aeronautica Militare installa a Penne una torre di controllo

Le Forze Armate sul fronte maltempo e sisma

4092e0f4-d5b1-45ca-a78f-3562a22b5a34img-20170122-wa0009medium

Penne (PE), 22 gennaio 2017 –  L’aeronautica militare ha installato a Penne una torre di controllo per gestire e coordinare tutte le attività aeree nell’area. Ieri unità dell’Esercito, con il supporto dell’Aeronautica, hanno avviato una operazione di evacuazione eliportata, portando in salvo circa una trentina di persone prelevate dalle frazioni più isolate della Valle Castellana.

02409ba8-5dbf-438d-98e8-8cff4115ecc7img-20170122-wa0008medium

Prosegue quindi l’importante contributo che le Forze Armate stanno fornendo alla Protezione Civile per lo sforzo corale di lenire i disagi causati dall’eccezionale ondata di maltempo, unita ad uno sciame sismico senza precedenti, e per portare i soccorsi in quei centri abitati montani ormai isolati da giorni e con la popolazione fortemente provata. I numeri complessivi dell’impegno sono di circa 3.300 militari, oltre un migliaio di veicoli (tra mezzi speciali del genio, cingolati e ruotati) e 36 elicotteri.

In particolare, il deciso peggioramento delle condizioni meteorologiche ha imposto, poi, di procedere solo via terra, con veicoli cingolati, per l’impossibilità degli elicotteri di alzarsi in volo a causa di forti nevicate e banchi di nebbia.

Nella giornata di oggi, i Ranger del reggimento “Monte Cervino” hanno cercato nuovamente di riprendere l’evacuazione via cielo. Si è anche organizzando, laddove necessario e su richiesta della Protezione Civile, il lancio di medicinali e generi di prima necessità su quegli abitati isolati da più lungo tempo, mentre si sta già pianificando di raggiungere la località Pietralta per valutare se tra gli abitanti ve ne fosse qualcuno bisognoso di immediata evacuazione. Nel frattempo, alcune squadre di soccorso degli alpini paracadutisti, già inserite ieri nell’area sfruttando la tecnica del Fast rope, hanno pernottato sul posto, cercando di portare anche conforto alla popolazione così duramente colpita. Durante la notte si è reso necessario evacuare una persona anziana diabetica e i militari sono stati costretti a portarla a valle con una barella trainata su sci.

87062225-0722-41a2-a086-e975d7e92f1aimg-20170122-wa0007medium

Questi soldati, avvezzi ad addestramenti duri e impieghi operativi ad alto rischio in aree di crisi, mai avrebbero pensato di dover mettere in pratica a casa loro procedure e tecniche che normalmente utilizzano in operazioni all’estero. Pianificazione della missione, briefing di volo con i piloti degli elicotteri, inserzione in un ambiente ostile – questa volta reso ostile non per la presenza di avversari ma per le proibitive condizioni naturali – raggiungimento di obiettivi sul terreno, predisposizione di zone di atterraggio speditive per elicotteri, evacuazione di civili da aree a rischio: sono queste attività patrimonio di ogni militare che oggi, purtroppo, per la concomitanza di eventi eccezionali, devono essere messe in pratica per soccorrere la popolazione.

Proseguono, inoltre, le attività di sgombero neve per il ripristino della viabilità in tutta l’area del cratere da parte delle unità di Esercito, Marina e Aeronautica.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa
________________________________________________

Emergenza neve: attività di ricerca e soccorso presso l’area dell’Hotel Rigopiano (video)

Farindola (PE), 21 gennaio 2017 – Di seguito delle immagini video realizzate da una troupe delle Forze Armate relative alle attività di ricerca e soccorso presso l’area dell’Hotel Rigopiano.

© All rights reserved
Video: Ministero della Difesa
______________________________

Chieti: 160 bambini intrappolati in hotel messi al sicuro dai Carabinieri

2017-01-21-photo-00000835

Chieti, 21 gennaio 2017 – Dalle prime ore di questa mattina i Carabinieri del comando provinciale e del Gruppo Carabinieri Forestali di Chieti sono impegnati a soccorrere 192 persone (160 studenti – di età compresa tra gli 11 e i 14 anni – 12 professori e 20 operatori) e 17 persone (2 bambini, 6 adulti e 9 operatori), ospiti presso gli hotel “Panorama” e “Mammarosa”, che si trovano entrambi sulla sommità di rilievi, situati lungo il tratto “Passo Lanciano – la Maielletta”, rimasti isolati a seguito delle ultime nevicate, che hanno raggiunto i 3,5 metri di altezza, bloccando e rendendo impraticabile la SP614.

Coordinate dalla locale prefettura, alle ore 12.00 sono iniziate le operazioni di evacuazione che si sono protratte per tutto il pomeriggio e che hanno visto all’opera i militari dell’Arma con l’ausilio di 2 turbine, 2 spazzaneve con lama della Provincia di Chieti, di una dozzina di vetture dell’Arma attrezzate per l’ambiente montano e per le operazioni di trasporto e di alcuni elicotteri dell’Arma pronti ad intervento in caso di emergenze sanitarie, che fortunatamente sono rimasti a terra.

2017-01-21-photo-00000836

Tutti gli ospiti dell’hotel sono stati trovati in buoni condizioni di salute, essendo disponibili nelle strutture alberghiere scorte di viveri adeguate a fronteggiare situazioni di isolamento.

I bambini e i loro educatori sono stati accompagnati fino a Passo Lanciano, primo punto ritenuto sicuro, dove gli stessi hanno proseguito il viaggio a bordo di autobus.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Arma dei Carabinieri
__________________________________________

La Difesa rafforza la propria presenza nelle zone del sisma e del maltempo

272654bc-fc5b-49cb-98d9-ae8c3c413327aperturamedium

Roma, 21 gennaio 2017 – Il dispositivo della Difesa si è ulteriormente rafforzato in queste ultime ore, portando il contributo di donne e uomini delle Forze Armate a oltre 3.300 unità, con 1370 mezzi – tra speciali del genio, cingolati e ruotati – e ben 36 elicotteri. Si incrementa anche il contributo della Marina Militare, che nella notte ha fatto giungere in zona circa 60 fucilieri di Marina della Brigata San Marco, per dare maggior impulso alle attività di sgombero della neve dai centri abitati.

Procede quindi l’attività di concorso delle Forze Armate alla Protezione Civile nel tentativo di portare soccorso alla popolazione e alleviare i disagi causati dall’eccezionale concomitanza dello sciame sismico e del maltempo in Italia Centrale. Unità militari continuano ad operare nell’area del cratere – e lo stanno facendo ininterrottamente dal 24 agosto scorso – ed altre se ne sono aggiunte, tra Teramo e Chieti, per eseguire gli interventi più diversificati, come da richiesta della Protezione Civile.

95836ebd-de01-4fe8-a7d5-e59238bd287dimg-20170121-wa0010medium

Il personale delle Forze Armate sta operando, fianco a fianco con i Vigili del Fuoco, le Forze dell’Ordine, i volontari e la Protezione Civile, in condizioni di estrema difficoltà e senza sosta: nel teramano è stato effettuato un intervento di recupero e evacuazione di una persona disabile rimasta isolata e sono state raggiunte alcune frazioni dove si è provveduto ad assistere la popolazione per le esigenze immediate.

In particolare, una squadra di Ranger del 4° Reggimento Alpini Paracadutisti ha raggiunto l’abitato di Coronella, nella Valle Castellana, completamente isolato da giorni. È stato necessario utilizzare gli elicotteri e, vista l’impossibilità di atterrare, il personale è stato sbarcato con la tecnica del fast rope, cioè calandosi con una fune dall’elicottero in volo stazionario. Sono così stati presi i contatti con gli abitanti e si sta organizzando la consegna di generi di prima necessità e medicinali. La squadra di soccorso è quindi rimasta tutta la notte in zona, per cercare di raggiungere altre abitazioni isolate. Analoga attività è condotta, in queste ore, nelle frazione di Vallefara e Ceraso, sempre nella Valle Castellana, con l’obiettivo di raggiungere un centinaio di persone che risultano totalmente isolate.

Continua, inoltre, l’attività delle squadre di ricerca e soccorso del 9° reggimento alpini presso l’hotel Rigopiano.

2c65e2e1-ec0e-4adb-b7bc-5872613ab92dimg_8326medium

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa

_____________________________________________


Alpini Paracadutisti raggiungono paese isolato da giorni scendendo tramite fune da un elicottero

schermata-01-2457775-alle-00-03-41

Coronelle (AP), 20 gennaio 2017 – Nel pomeriggio di oggi si è svolta un’operazione di soccorso effettuata da una squadra di alpini paracadutisti dell’Esercito italiano (Ranger) che ha raggiunto una frazione isolata da giorni a sud di Ascoli Piceno nella Valle Castellana.

A bordo di un aeromobile,  del reggimento elicotteri per operazioni speciali (REOS) di Viterbo, i militari hanno raggiunto la zona del paese Coronelle e tramite la tecnica del fast rope (discesa con una fune da elicottero stazionario da alcuni metri dal suolo) si sono calati da un elicottero NH90 nei pressi del centro abitato e hanno raggiunto poi le case muovendo con racchette da neve L’obiettivo dell’attività, richiesta dalla Protezione Civile, era quello di  ripristinare le comunicazioni con il paese, entrare in contatto con le autorità Locali e la popolazione civile isolata e supportarla ove necessario, in prima persona o richiedendo ulteriori concorsi.

schermata-01-2457775-alle-00-13-56

Il 4° Reggimento Alpini paracadutisti fa parte delle unità altamente specializzate delle Forze armate per le operazioni speciali. Gli alpini paracadutisti sono particolarmente addestrati ad operare in ambienti montani e artici e hanno una forte esperienza operativa  maturata in ambito internazionale avendo preso parte a tutte le principali operazioni nelle aree di crisi. I Ranger  impiegati in questi giorni nelle zone colpite dalla eccezionale nevicata che ha investito il centro Italia hanno anche la capacità di essere paracadutati per raggiungere eventuali zone inaccessibili in altro modo.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore della Difesa
________________________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade