Archivi tag: truffe

“Non siete soli #chiamatecisempre”. Campagna antitruffe della Polizia di Stato (video)

 

Roma, 6 agosto 2016 – La Polizia di Stato diffonde, su facebook e twitter, il secondo video della campagna di sensibilizzazione per la prevenzione alle truffe agli anziani.

Proprio tramite i social media la polizia dirama costantemente aggiornamenti sulle ultime truffe messe in atto, oltre che consigli e raccomandazioni per evitare raggiri o diventare vittima di questi spiacevoli reati.

Sul sito istituzionale http://www.poliziadistato.it/, è stata appositamente realizzata una sezione per giovani e anziani, dove sono presenti le truffe più ricorrenti, le ultime strategie criminali tese ad ingannare le persone più deboli, i consigli per evitare i raggiri e le recenti operazioni concluse dalla Polizia di Stato.

La nuova campagna, con la preziosa collaborazione di un testimonial d’eccezione, Gianni Ippoliti, con il claimNon siete soli #chiamatecisempre”, si prefigge l’obiettivo di ridurre al minimo gli spiacevoli casi raggiri alle persone deboli.

Il conduttore televisivo, con la collaborazione degli attori Fabiana Latini e Giovanni Platania, lancia un semplice e preciso messaggio agli anziani: “diffidate degli estranei e chiamate la Polizia!”

Tanti sono, infatti, i casi di persone anziane che, soprattutto nel periodo estivo, vengono raggirate da truffatori che approfittano della loro solitudine e debolezza. Dagli ultimi dati diffusi su base regionale emerge un tendenziale trend in aumento che ha, tuttavia, una valenza positiva che conferma il successo e l’utilità delle campagne di sensibilizzazione. Si assiste, infatti, a una maggiore consapevolezza dei fenomeni e ad una accresciuta capacità di reazione che porta le vittime a denunciare i reati riducendo il sommerso e rendendo possibili le azioni repressive.

Proprio oggi a Cremona è stato arrestato un 47enne napoletano che, spacciandosi per un avvocato, ha raggirato una anziana signora facendole credere che l’autovettura della propria figlia era sequestrata in una caserma in quanto coinvolta in un incidente stradale e priva di assicurazione. Solo il pagamento di 5mila euro in contante avrebbero evitato ulteriori complicazioni. Il truffatore con questi artifici è riuscito ad ingannare l’anziana signora la quale ha, tuttavia, reagito e prontamente denunciato l’accaduto alla questura, cosa che ha consentito agli investigatori di individuare ed arrestare il malvivente.

© All rights reserved
Fonte e video: Polizia di Stato
__________________________________

L’estate della terza età: non siete soli chiamateli sempre, la Polizia è con voi

Roma, 06 agosto 2016 – Estate per la maggior parte di noi significa vacanze, relax, e divertimento con gli amici. Per la maggior parte. Per alcuni è invece il momento in cui si “lavora” moltissimo: i truffatori. Sempre in agguato, approfittano della solitudine e della debolezza delle persone anziane per tentare ogni tipo di truffa.

Proprio gli anziani sono uno dei target preferiti dai truffatori e i reati nei loro confronti sono in continua crescita. Basti pensare che nel 2014 gli over 65 truffati sono stati 14.461, nel 2015 15.909 e nei primi sei mesi di quest’anno siamo già a 9.112.

Ma gli anziani non solo soli: è partita il 1 agosto la campagna contro le truffe agli anziani con la pubblicazione del primo spot; l’iniziativa quest’anno ha la collaborazione di un testimonial d’eccezione.

A commentare gli spot che la Polizia di Stato divulgherà sul Web, ci sta la voce di Gianni Ippoliti che ha anche ideato gli spot stessi.

Il conduttore televisivo, con la collaborazione degli attori Fabiana Latini e Giovanni Platania, lancia un semplice e preciso messaggio agli anziani: diffidate degli estranei e chiamate la Polizia.

“Non siete soli chiamateci sempre” questo è il claim che accompagna i due spot che mettono in guardia le persone, sia in casa che per strada, dai truffatori.

La casistica è infinita ma le truffe più ricorrenti in abitazione iniziano sempre con una scusa per entrare in casa: controllo del gas, lettura della luce, consegna di un pacco o, addirittura finti appartenenti alle forze dell’ordine.

In strada gli anziani vengono avvicinati vicino alle banche o agli uffici postali dopo aver ritirato denaro oppure vicino casa da sconosciuti “conoscenti” di vecchia data che con modi gentili si fanno invitare a casa per svuotarla dei preziosi.

Una terza tipologia è la telefonata di un parente o di un amico di un famigliare o di un avvocato che richiede soldi preannunciando l’arrivo di un incaricato per il ritiro.

In tutti questi casi, come dice Gianni Ippoliti “Non siete soli”.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato
_________________________

Stai attento! Be aware! Consigli per evitare truffe e raggiri per chi viaggia in treno

Roma, 29 luglio 2014 – Nasce una nuova campagna di informazione in delle Ferrovie dello Stato in collaborazione con la Polizia Ferroviaria, per prevenire di essere vittime di truffe e raggiri. Un leaflet (pieghevole, ndr) e manifesti sparsi, per mantenere alti gli standard di sicurezza, con l’obiettivo di come riconoscere, evitare e difendersi dagli stratagemmi utilizzati dai malintenzionati nei periodi e momenti di maggior affollamento di treni e stazioni. 

STAI ATTENTO! Fai la differenza. cosi si chiama la nuova campagna informativa con cui FS Italiane, in collaborazione con la Polizia Ferroviaria, punta a mantenere alti gli standard di sicurezza a tutela del viaggiatore.

Un pieghevole dalla grafica immediata e di facile comprensione e una specifica cartellonistica, saranno presenti nelle principali stazioni ferroviarie italiane e a bordo treno, informeranno i viaggiatori fornendo loro preziosi consigli su come prevenire sgradevoli episodi in partenza e in arrivo.

Obiettivo della campagna informativa, riconoscere – e quindi evitare – gli stratagemmi più frequenti utilizzati dai malintenzionati (ladri di bagagli, venditori abusivi, truffatori, borseggiatori) nei momenti in cui maggiore è la disattenzione del viaggiatore o quando stazioni e treni sono più affollati. L’adozione dei comportamenti preventivi riportati nel materiale informativo aiuterà ad evitare di diventare vittime di furti e truffe.

“L’iniziativa STAI ATTENTO! Fai la differenza. – spiega Franco Fiumara, direttore centrale protezione aziendale Gruppo FS Italiane – è un aiuto che vogliamo dare ai nostri clienti per far sì che possano viaggiare sempre sicuri, protetti e consapevoli, fornendo più informazioni sui comportamenti tipici dei malintenzionati”.

“Con questa campagna afferma Claudio Caroselli, direttore del servizio polizia ferroviaria – abbiamo cercato di mettere in guardia i viaggiatori, specialmente stranieri, i quali spesso ripongono la loro fiducia su soggetti pronti ad approfittarne, che si improvvisano di volta in volta facchini, addetti alle biglietterie o informatori turistici e finiscono per truffarli o derubarli. Vogliamo arrivare ad una forma di collaborazione attiva da parte degli utenti, in modo che siano consapevoli dei veri scopi per cui determinate persone li avvicinano ed anziché fidarsi, le invitino ad allontanarsi, chiedendo l’intervento delle nostre pattuglie.

Untitled-1

Consigli utili per chi transita in stazione:
Prestare cura e attenzione al proprio bagaglio senza perderlo mai di vista, anche nelle aree taxi e nei parcheggi nelle stazioni. Ogni bagaglio incustodito è sottoposto ai controlli di polizia.
È preferibile custodire separatamente denaro e documenti, facendo attenzione ai borseggiatori ed evitare zone isolate o poco illuminate.
Diffidare degli abusivi che offrono servizi vari (taxi, alberghi, giri turistici).
Non indugiare nei sottopassaggi.
Dopo aver parcheggiato l’auto, accertarsi di averla chiusa e non lasciare nulla in evidenza all’interno. Ascoltare i messaggi dell’altoparlante e prestare attenzione ai tabelloni e alle indicazioni del personale ferroviario.

Una tecnica usata per distrarre i passeggeri è di far cadere addosso delle bevande macchiando gli abiti, cosicché la persona è distratta, e mentre qualcuno vi fa le scuse, altri potrebbero portar via il vostro bagaglio. Prestare attenzione a chi chiede informazioni, potrebbe essere un modo per distrarvi.

Diffidare inoltre di chi chiede soldi vicino alle macchinette automatiche per fare il biglietto, di chi chiede soldi per portare il bagaglio, NON è personale autorizzato dalle FS.

Siete a conoscenza di altri tipi di raggiro? Scrivetelo nei commenti. 

Per qualsiasi dubbio o problema chiamare il 113.

Di seguito i numeri della Polizia Ferroviaria delle principali città:

Milano Centrale 

L’ufficio Polizia Ferroviaria di Milano Centrale, situato nei pressi del binario 21 – Aperturatutti i giorni h. 24  Tel. 02 6694 53502 63712429

Bologna Centrale 

L’ufficio della Polizia Ferroviaria sta al piano terra della stazione – Aperturatutti i giorni h. 24  Tel. 051 258 2523

Firenze S. Maria Novella 

L’ufficio della Polizia Ferroviaria si trova al piano terra della stazione, in Galleria di testa – Aperturatutti i giorni h. 24  Tel. 055 211 012

Roma Termini 

La Polizia Ferroviaria di Roma Termini è situata di fronte al binario 13- Aperturatutti i giorni h. 24  Tel. 06 46203401

Napoli Centrale 

I presidi della Polizia Ferroviaria di Napoli Centrale si trovano sul marciapiede del binario 1 e di fronte al binario 6 – Aperturatutti i giorni h. 24  Tel. 081 2441111
© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato

Allarme truffe online: gli istituti di credito e le poste italiane NON inviano mail alla clientela con richiesta di dati

Roma, 27 luglio 2014 –La criminalità on line può travestirsi ad esempio da banca o da ufficio postale“. Così afferma in un’intervista il direttore della Polizia Postale e delle Comunicazioni dott. Antonio Apruzzese. “Abbiamo 1700 poliziotti specializzati in informatica che monitorano la rete, la nostra attività – aggiunge il direttore – vuole essere un’ingegneria sociale che integra attività investigativa e tecnologia per debellare le illegalità on line, ogni mese cancelliamo in media 100 siti clonati“.

Sono già 43mila le denunce per i primi 6 mesi del 2014 a cui sono seguiti 23 arresti e 2600 indagati, con un recupero delle truffe sull’home banking già di 800 mila euro. Risultati importanti che focalizzano il grande impegno della Polizia di Stato sul fronte delle frodi informatiche. 

Il 70% dei milioni di mail che circolano in Italia sono spam e cioè spazzatura, ma innocua per l’utente, il 15% sono invece tentativi di “abbocco all’amo” e cioè phishing e se ne registra un lieve incremento durante l’estate. Gli istituti di credito e le poste italiane NON inviano mail alla clientela con richiesta di dati, e le operazioni di home banking sono possibili nella apposita area riservata; sono evidentemente tentativi di carpire i dati personali per poi utilizzarli fraudolentemente. 

I consigli del dott. Antonio Apruzzese per evitare di essere truffati sul web: 

  1. non fornire mai i dati personali via mail,
  2. evitare di registrare la propria mail sui vari social network riducendo sensibilmente la ricezione di spam,
  3. utilizzare solo siti recensiti e ufficiali per acquisti on line e che prevedano la procedura di digitazione dei codici personali in area protetta identificabile dal lucchetto prima dell’ https nell’indirizzo della pagina,
  4. eventualmente usare una mail dedicata per gli acquisti on line,
  5. diffidare dagli acquisti last second troppo fuori mercato,
  6. infine, rivolgersi immediatamente alla polizia postale anche eventualmente sul sito www.commissariatodips.it  e sulla pagina Facebook Una Vita da social.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato


Roma. Truffe online: fingevano di vendere imbarcazioni ed accessori per la nautica, denunciate dalla polizia postale 2 persone

Roma, 31 marzo 2014 – Truffa. Questo il reato contestato dagli agenti della Polizia Postale che hanno denunciato una coppia di coniugi, lui di 44 anni, meccanico nautico, e la moglie di 43, che avevano messo piedi una vera e propria attività finalizzata alla realizzazione delle “truffe stagionali”.

In 5 mesi, l’illecita attività, da quanto emerso dalle indagini, avrebbe fruttato alla coppia la cospicua somma di circa 130.000 euro.

Nella perquisizione dei locali nella disponibilità dei due, i poliziotti hanno sequestrato schede telefoniche utilizzate per i contatti con i clienti, materiale informatico, e documentazione bancaria riguardante conti correnti bancari e postali e carte di credito prepagate dove confluivano le somme inviate dalle vittime, residenti in tutto il territorio nazionale.

È stato grazie al monitoraggio costante effettuato dai cyber-poliziotti che, l’analisi delle denunce, ma anche delle semplici lamentele comparse ed amplificate dai vari blog del settore, hanno  “indirizzato”  gli investigatori della Polizia Postale proprio verso la coppia.

Un moltiplicarsi fisiologico dei casi di quei numerosi internauti che, con l’inizio della stagione estiva, su siti specializzati, dopo aver inviato anticipi, anche cospicui, non ricevono le imbarcazioni, i motori nautici e gli accessori pattuiti.

Consigli della Polizia Postale per evitare truffe

La Polizia Postale pertanto consiglia di seguire alcuni semplici suggerimenti per evitare di esporsi al rischio di truffe, in alcuni casi anche piuttosto grossolane, che comportano per le vittime la perdita di somme di denaro che non sempre è possibile riuscire a recuperare.

È quindi necessario acquisire preventivamente informazioni sul venditore, attraverso una ricerca nominativa sui motori di ricerca, social network e blog di settore.

Diffidare di prezzi assolutamente incompatibili con quelli di mercato e diffidare di venditori che intendano mantenere i contatti soltanto attraverso telefoni cellulari. È importante anche pretendere spedizioni tracciate ed assicurate che a fronte di una maggiore spesa, consentono di seguire la posizione del bene spedito, ed assicurano in taluni casi il rimborso per  eventuali problemi.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato

 

 


Sul sito della Polizia di Stato consigli utili per difendersi dalle truffe

image001Roma, 14 gennaio 2014 – Una coppia di anziani a Milano derubati all’interno della loro abitazione da una finta poliziotta. Una donna che truffata in casa a causa del dolore decide di togliersi la vita a Roma, sono questi gli ultimi episodi di reati in danno degli anziani che si aggiungono ad altri eventi verificatisi in simili situazioni.
La Polizia di Stato da sempre attenta a prevenire i reati ed in particolar modo sensibile a questi illeciti che colpiscono i più deboli,  fornisce alcuni utili consigli dettati dall’esperienza e dal buon senso che sono disponibili sull’home page del proprio sito Internet  www.poliziadistato.it

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato


OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade