Annunci

Archivi tag: Trieste

Carabinieri: inaugurato a Trieste monumento dedicato ai carabinieri infoibati dal 1943 al 1947

2018-05-16 1

Trieste, 16 maggio 2018 – Inaugurato oggi il monumento in memoria di tutti i Carabinieri infoibati, scomparsi e soppressi, dal sindaco Roberto Dipiazza e il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri, presso la foiba di Basovizza, monumento nazionale. Durante l’alzabandiera, è stato scoperto il monumento: un monolite in marmo Aurisina, sormontato da una granata con fiamma a 13 lingue e con incisa la frase “In memoria di Tutti i Carabinieri infoibati, scomparsi e soppressi”.

Il monumento è stato posizionato nell’area in cui sono già presenti i cippi eretti in memoria di alpini, finanzieri e poliziotti – e dalla resa degli onori ai caduti. La cerimonia si è svolta alla presenza del presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga e del commissario del governo in F.V.G. – prefetto di Trieste Annapaola Porzio.

Il monumento, voluto e realizzato dal comune di Trieste, è stato eretto in memoria di tutti i Carabinieri che nel periodo dall’8 settembre 1943 al 10 febbraio 1947, in Istria, Dalmazia, e nelle province di Trieste e Gorizia sono stati infoibati, soppressi o sono scomparsi.

2018-05-16

Dopo l’8 settembre 1943 sul fronte jugoslavo quasi diecimila italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia furono uccisi a più riprese, fino al 10 febbraio 1947, giorno della firma del Trattato di pace che assegnò alla Jugoslavia l’Istria e buona parte della Venezia Giulia. Molti di loro, non solo esponenti del regime fascista ma in maggioranza civili, finirono in quelle cavità verticali tipiche della regione carsica e dell’Istria, le foibe, ove spesso venivano lanciati ancora in vita. Tra questi ci furono tanti Carabinieri, perlopiù in forza alla legione territoriale di Trieste o ai battaglioni mobilitati operanti nell’area, rimasti al proprio posto per difendere la popolazione. Oltre 250 – numero approssimato per difetto – il cui sacrificio è stato riconosciuto con la concessione, nel 2009, della Medaglia d’Oro al Merito Civile alla Bandiera dell’Arma dei Carabinieri.

2018-05-16 3

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando generale Arma dei Carabinieri
_______________________________________________________________
Annunci

Trieste: inaugurazione del Centro Polifunzionale della Polizia di Stato

La struttura è stata intitolata alla memoria dell’Ispettore capo della Polizia di Stato Luigi Vitulli, Medaglia d’Oro al Valor Civile e Vittima del Dovere.

 

Trieste, 20 febbraio 2016 – Questa mattina, alla presenza del capo della Polizia, direttore generale della Pubblica Sicurezza prefetto Alessandro Pansa, del prefetto di Trieste Annapaola Porzio, del questore di Trieste Antonio Maiorano, del sindaco Roberto Cosolini e del direttore centrale della Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti Speciali della Polizia di Stato Roberto Sgalla, di numerose autorità civili e militari e dei familiari dei caduti della Polizia di Stato, è stato inaugurato il nuovo Centro Polifunzionale della Polizia di Stato di via Mascagni, che è stato intitolato alla memoria dell’ispettore capo della Polizia di Stato Luigi Vitulli, Medaglia d’Oro al Valor Civile e  Vittima del Dovere.

foto6

La cerimonia è iniziata all’esterno della struttura con gli onori resi al capo della Polizia da un picchetto composto da 27 allievi agenti della Scuola di Polizia di Trieste e  la scopertura della targa da parte del capo della Polizia e di Novella Vitulli operatore tecnico della Polizia di Stato in servizio a Trieste, figlia dell’ispettore capo Luigi Vitulli.

Dopo il consueto taglio del nastro da parte del capo della Polizia l’inaugurazione è proseguita all’interno dove, da un podio allestito nel piazzale principale, hanno preso la parola il questore di Trieste Antonio Maiorano, il sindaco Roberto Cosolini e il prefetto Alessandro Pansa.

Al termine della cerimonia il capo della Polizia ha consegnato il diploma di intitolazione del Centro Polifunzionale alla vedova dell’Ispettore Capo Luigi Vitulli, la signora Barbara Battistella.

Il prefetto Pansa ha poi effettuato una visita della nuova struttura e salutato tutto il personale e le organizzazioni sindacali.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Polizia di Stato
______________________________________


Esercito: la brigata Aeromobile Friuli perfeziona le procedure nell’attività di personnel recovery

NH 90 del 7 Vega in attività notturna di Personnel Recovery

NH 90 del 7 Vega in attività notturna di Personnel Recovery

Trieste, 4 febbraio 2016 – ​I militari della Brigata Aeromobile “Friuli” hanno condotto l’evento conclusivo di una complessa esercitazione aeromobile finalizzata a certificare, per i soldati dell’Esercito, il raggiungimento della Piena Capacità Operativa (Full Operational Capability – FOC) di alcuni dei reggimenti appartenenti alla Grande Unità Elementare.

Nel dettaglio, l’attività – condotta con l’impiego di elicotteri da esplorazione e scorta A-129 del 5° Reggimento AVES “Rigel”, elicotteri multiruolo NH-90 del 7° Reggimento AVES “Vega” e di un plotone di fanteria aeromobile del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste” – è stata incentrata sullo svolgimento di attività di personnel recovery in ambiente diurno e notturno e in condizioni non permissive.

Personale del 66 Reggimento Aeromobile Trieste nella fase esecutiva delle attività di  personnel recovery

Personale del 66 Reggimento Aeromobile Trieste nella fase esecutiva delle attività di personnel recovery

Detta esercitazione costituisce l’ideale completamento del 1° ciclo di Airmobile Permanent Training, con cui la Brigata Aeromobile ha inteso sviluppare in maniera realistica e completa l’intero spettro delle attività operative di competenza.

© All rights reserved
Fonte e immagini: COMFOTER

L’Esercito marciava… tappa conclusiva a Trieste

Trieste, 24 maggio 2015 –  Si conclude oggi a Trieste l’evento commemorativo del centenario dell’ingresso dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale intitolato L’Esercito marciava … alla presenza del Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, del presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, del capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano e del capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata Danilo Errico e delle principali autorità civili e militari.

Numerosi sono stati gli eventi che si sono svolti durante la settimana in collaborazione con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia: stand promozionali con i principali mezzi e materiali dell’Esercito, una mostra storica sulla Grande Guerra e attività dimostrative di alcuni reparti.

Alle 15:00  è stato dedicato un minuto di silenzio per i Caduti della Grande Guerra. Alle 17:30, nel corso della consegna delle medaglie ricordo ai parenti di alcuni caduti  della Prima Guerra mondiale, il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Danilo Errico ha dichiarato “L’iniziativa L’Esercito marciava… nasce dall’esigenza di ricordare gli oltre 650000 caduti della Prima Guerra Mondiale. È un modo per trasmettere i valori di quanti hanno perso la vita e non hanno vissuto la loro gioventù per consentirci di essere quello che siamo oggi”- ha concluso “c’è sempre bisogno di amor di Patria, non finirà mai l’esigenza di amor di Patria“.

La fanfara dei bersaglieri ha seguito correndo l’ultimo tedoforo dell’Esercito nel tratto finale dell’itinerario che si è sviluppato lungo tutto il territorio nazionale, per una distanza totale di 4200 chilometri, e che ha visto impiegati oltre 600 staffettisti toccando tutte e 20 le regioni italiane.

La staffetta de “L’Esercito Marciava…” si è conclusa con l’arrivo alle ore 19:30 in piazza Unità d’Italia del Ministro della Difesa, accompagnata dal capo di Stato Maggiore della Difesa generale Claudio Graziano e dal capo di Stato Maggiore dell’Esercito generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, dove c’è stato l’ultimo passaggio di testimone ad un bambino. Ad accoglierli, Debora Serracchiani, presidente della Regione Friuli Venezia Giulia.

Subito dopo c’è stata la cerimonia dell’alzabandiera in Piazza Unità d’Italia, dove a partire dalle 21:00 il pubblico potrà assistere all’evento artistico e culturale caratterizzato dall’alternanza di musiche della banda dell’Esercito di fanfare militari e di altri interventi di intrattenimento.  

La voce narrante del presentatore, il prof. Umberto Broccoli, accompagnerà il pubblico in un viaggio della memoria, legando gli interventi artistici e musicali. Sarà un’immersione artistica e culturale nella realtà di 100 anni fa, La narrazione sarà accompagnata da immagini inedite dell’Esercito Italiano e la piazza arricchita da reperti storici e museali.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore dell'Esercito

Trieste: presentato in anteprima nazionale il poster 2015 delle frecce tricolori – L’Italia che vola

Foto PAN

Trieste, 21 ottobre 2014 – Questa mattina il comandante delle Frecce Tricolori, tenente colonnello Jan Slangen, ha presentato in anteprima nazionale il Poster 2015 della Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) al presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, consegnandole ufficialmente la copia numero 1, autografata da tutti i piloti.

Il poster raffigura uno scatto fotografico realizzato sul lungomare di Grado, durante la manifestazione aerea tenutasi lo scorso agosto, a voler rafforzare quindi anche attraverso le immagini il legame con la terra friulana.

La manovra scelta è quella dell’Arizona, figura particolarmente suggestiva in quanto richiama proprio nel nome un luogo molto caro ai piloti e ai tecnici che fecero grande la storia dell’acrobazia aerea degli anni ’30 in Friuli Venezia Giulia. Si tratta infatti dell’Arizona degli aviatori, storico ritrovo dei pionieri acrobatici sull’aeroporto di Campoformido, i cui resti sono ancora visibili percorrendo la Strada Statale Pontebbana.

L’incontro, tenutosi a Trieste presso la sede della Regione, ha confermato ancora una volta lo stretto rapporto esistente da oltre cinquanta anni tra il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico ed il territorio friulano; già lo scorso 12 giugno questa partnership era stata ufficializzata dalla firma dell’accordo quadriennale di programma tra la regione e l’aeronautica militare. frecceIn tale occasione il capo di stato maggiore, generale di squadra aerea Pasquale Preziosa ed il presidente della regione Friuli Venezia Giulia hanno siglato il rinnovo del progetto Frecce Tricolori Live il quale prevede la realizzazione presso la base aerea di Rivolto di una infrastruttura prefabbricata per la creazione di un percorso guidato per i visitatori che permetterà pertanto la valorizzazione turistica locale, proprio alla vigilia del 2015, anno in cui vedrà la luce la manifestazione aerea per i 55 anni del Team acrobatico italiano.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore dell'Aeronautica

Trieste: polizia sgomina una banda di criminali dediti a furti in abitazione in nord Italia

20140822_090104 (1)

Trieste, 22 agosto 2014 – Blitz della Polizia di Stato questa notte, che ha portato all’arresto di 4 cittadini georgiani, che fanno parte di una organizzazione criminale dedita ai furti in appartamento avvenuti nel nord est d’Italia, che con particolari schede magnetiche riescono ad aprire le porte blindate.

refurtivaL’operazione effettuata dalla squadra mobile di Trieste prende spunto da un furto avvenuto a Trieste il 3 aprile scorso, dove venne svaligiata una abitazione pur avendo la porta blindata e senza segni particolari di effrazione. La squadra mobile di Trieste, analizzando il modus operandi dei ladri e grazie a pregressa esperienza, ha ipotizzato la responsabilità di georgiani che sono esperti nell’aprire le porte blindate. A seguito dell’aumento dei furti in abitazione, e a riprova di ciò, la polizia aveva predisposto dei servizi di controllo e prevenzione di reati predatori. Questi controlli hanno consentito di individuare un’autovettura sospetta, successivamente intercettata, con conseguente arresto di due cittadini georgiani per documenti falsi.

Il successivo monitoraggio di tutti i soggetti collegati ai due arrestati ha portato all’individuazione di altri soggetti, tutti con precedenti per reati contro il patrimonio. Sulla base di tali accertamenti è iniziata un’attività d’indagine coordinata dal p.m. dr. Montrone, della procura della repubblica di Trieste, che ha portato successivamente all’arresto, in flagranza di reato per tentato furto in abitazione, di altri 2 georgiani a Treviso.

L’operazione della polizia di stato ha portato alla localizzazione della base operativa della banda, che era aMestre (VE) e ad identificare tutti i suoi componenti.

Le investigazioni hanno portato all’acquisizione di elementi probatori sulla responsabilità dei componenti la banda criminale di almeno una decina di furti in appartamento avvenuti a Trieste, Chioggia, Mestre, Udine, San Donà e Treviso. L’attività criminale si era notevolmente intensificata con il periodo estivo delle ferie.

Il blitz di questa notte, oltre all’arresto con i provvedimenti cautelari emessi dal GIP di Trieste, dei componenti l’intera banda, ha portato all’esecuzione di numerose perquisizioni a Mestre e Venezia nonché a Roma ed al sequestro di gioielli, pelletteria di marche prestigiose nonché materiale informatico tutto provento delle razzie del sodalizio criminale, veri professionisti di reati predatori.

georgiani arrestati

Gli arrestati sono: M. L., georgiano classe ’81, abitante a Mestre (VE); S.I. georgiano classe ’83, abitante a Mestre; S. T., georgiano classe ’70, abitante a Mestre (VE) e K. A., georgiano classe ’81, abitante a Mestre (VE)

Il blitz ha visto impegnate, oltre alla squadra mobile di Trieste, anche quelle di Venezia e di Roma, e il commissariato di p.s. di Mestre (VE). 

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato
(Questura di Trieste)


Convenzione CeMiSS – Università di Trieste per ricerca e studi sulla difesa e sicurezza

image004

Roma, 9 giugno 2014 – L’11 giugno prossimo presso l’Università di Trieste, il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi prof. Maurizio Fermeglia e il direttore del Centro Militare di Studi Strategici (Ce.Mi.S.S.) di Roma, generale di divisione Nicola Gelao, firmeranno una convenzione tra i due enti, volta a creare sinergie nell’ambito degli studi e della ricerca scientifica sulla difesa e la sicurezza, con riguardo alle scienze geopolitiche e geostrategiche. I due Istituti svilupperanno in comune programmi di ricerca, seminari, conferenze e workshop.

La convenzione rafforza una già radicata collaborazione tra il Ce.Mi.S.S. e l’Università di Trieste, scelta dal Centro Militare tra molti istituti in ambito internazionale per l’ alta produttività scientifica e la tradizione accademica dei suoi docenti e ricercatori in materia di geopolitica. Beneficiari della convenzione saranno docenti e giovani neo laureati in scienze internazionali e in scienze politiche: molti di questi hanno già svolto degli stages formativi presso il Ce.Mi.S.S., dove hanno avuto la possibilità di rapportarsi con i più prestigiosi istituti di studi geo-strategici di tutto il mondo.

Al momento è attiva un’unità di ricerca coordinata dal prof. Igor Jelen e dal prof. Sergio Zilli con la collaborazione di uno staff di giovani dottori di ricerca, sul tema della Politica Europea di Sicurezza e di Difesa (PESD).

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore della Difesa


Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade