Annunci

Archivi tag: Transalpine Bond

Esercitazione Transalpine Bond: brigata italo-francese impegnata nell’ultima verifica addestrativa


12 febbraio 2015 – Dal 2 al 12 febbraio la brigata italo-francese NSBNBC (Not Standing Bi-National Brigade Command) è impegnata nell’esercitazione Transalpine Bond per raggiungere la piena capacità operativa. Si tratta di un attività addestrativa, sviluppata con l’aiuto dei sistemi di simulazione del centro di addestramento per posti comando dell’esercito francese di Mailly, che vede coinvolti gli alpini della brigata taurinense e gli chasseurs alpins francesi della 27^ brigata di fanteria da montagna.

L’esercitazione fa seguito a quella dello scorso novembre svolta a Bracciano in Italia e completa il ciclo addestrativo iniziato nel 2013 da parte del comando transalpino. Mediante le attivazioni degli specialisti viene testata la preparazione del personale della brigata alla soluzione di problemi operativi in uno scenario complesso ed alta intensità, alla valutazione di situazioni in tempo reale, alla reazione ad imprevisti generati mediante rapidità decisionale ed al perfezionamento dell’organizzazione interna del posto comando e dei flussi di comunicazione e procedurali.

Nel corso dell’attività di validazione il nascente comando bi-nazionale ha ricevuto la visita del generale di corpo d’armata Alberto Primicerj, comandante delle forze operative terrestri, accompagnato dall’omologo generale di corpo d’armata Sainte-Claire Deville, comandante delle forze terrestri francesi.

Il comando brigata bi-nazionale è un’unità mista, non permanente che può essere utilizzata per missioni in ambito Nazioni Unite, NATO ed Unione Europea. Grazie alle capacità operative e all’esperienza operativa maturata dalle due unità in ambito internazionale potrà essere impiegata in diversi tipi di scenario.

Nel quadro di una nuova strategia europea di sicurezza, basata sui mutati equilibri geopolitici globali, il nuovo comando brigata risponde, fra l’altro, alle esigenze di una difesa europea maggiormente integrata e sostenibile, all’insegna di un impiego sinergico, razionale ed efficiente delle forze.

L’idea del comando brigata bi-nazionale è sorta nel 2009 a seguito dell’incontro di vertice delle Autorità politiche francesi ed italiane, concordi sull’esigenza di affrontare le crisi emergenti nel nuovo scenario internazionale attraverso una più stretta cooperazione tra gli eserciti delle due nazioni. Nel 2010 il progetto entra a far parte dei colloqui bilaterali tra gli Stati Maggiori con la redazione di una lettera di intenti che ne delinea i punti chiavi di sviluppo. Nel 2011, quando i rispettivi Ministri della Difesa firmano gli accordi tecnici, prende forma il concetto di impiego della brigata e vengono definite le fasi per il raggiungimento della capacità operativa del comando. Nel biennio 2012 – 13 inizia e si intensifica l’addestramento congiunto da parte dei reparti delle due brigate, impegnando alpini e chasseurs alpins in numerose attività bilaterali, operative e di coordinamento e standardizzazione. Sviluppate sul naturale terreno delle due unità – la montagna – i reparti italiani e francesi hanno condiviso, inoltre, ascensioni, raid sciistici e addestramenti alpinistici.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore della Difesa
Annunci

Esercitazione Transalpine Bond: nasce il comando brigata italo-francese

 

Bracciano (RM), 12 novembre 2014 – Dal 3 novembre è in corso l’esercitazione Transalpine Bond, presso il comando artiglieria di Bracciano, sviluppata con l’aiuto di sistemi di simulazione, sostenuta dalla NSBNBC (No Standing Bi-National Brigade Command).

La sede dell’esercitazione ha ricevuto oggi la visita del generale di corpo d’armata Alberto Primicerj, comandante delle forze operative terrestri, accompagnato dal generale Rivot, vice comandante delle forze terrestri francesi. Il comandante Alberto Primicerj, ha presenziato all’esercitazione di posto comando Transalpine Bond, organizzata e condotta dal centro simulazione e validazione dell’esercito per validare in questi giorni il comando brigata italo-fracese, basato sulla brigata alpina taurinense e la 27^ Brigata di fanteria da montagna francese.

Il comando brigata bi-nazionale è un’unità mista, non permanente ma flessibile, mobile, modulare ed espandibile, adattabile quindi all’assolvimento di missioni in ambito Nazioni Unite, NATO ed Unione Europea. Prontamente impiegabile, raccoglie in sé l’expertise di due unità specializzate ad operare in ambienti ostili ed in scenari ad elevata intensità, potendo costituire anche la forza di schieramento iniziale di un contingente più ampio.

Nel quadro di una nuova strategia europea di sicurezza, basata sui mutati equilibri geopolitici globali, il nuovo comando brigata risponde, fra l’altro, alle esigenze di una difesa europea maggiormente integrata e sostenibile, all’insegna di un impiego sinergico, razionale ed efficiente delle forze.

L’idea del comando brigata bi-nazionale è sorta nel 2009 a seguito dell’incontro di vertice delle autorità politiche francesi ed italiane, concordi sull’esigenza di affrontare le crisi emergenti nel nuovo scenario internazionale attraverso una più stretta cooperazione tra gli eserciti delle due nazioni. Nel 2010 il progetto entra a far parte dei colloqui bilaterali tra gli Stati Maggiori con la redazione di una lettera di intenti che ne delinea i punti chiavi di sviluppo. Nel 2011, quando i rispettivi ministri della difesa hanno firmato gli accordi tecnici, ha preso forma il concetto di impiego della brigata e sono state definite le fasi per il raggiungimento della capacità operativa del comando. Nel biennio 2012 – 13 è iniziato, e si è intensificato l’addestramento congiunto da parte dei reparti delle due brigate, impegnando alpini e chasseurs alpins in numerose attività bilaterali, operative e di coordinamento e standardizzazione.

Sviluppate sul naturale terreno delle due unità – la montagna – i reparti italiani e francesi hanno condiviso ascensioni, raid sciistici e addestramenti alpini in alta montagna.

L’esercitazione, sviluppata nell’arco di due settimane, ha lo scopo di addestrare, attraverso le attivazioni degli specialisti del CeSiVa, il personale della brigata alla soluzione di problemi operativi in uno scenario complesso ed alta intensità, all’apprezzamento di situazioni in tempo reale, alla reazione ad imprevisti generati dalla simulazione di eventi che richiedono rapidità decisionale ed al perfezionamento dell’organizzazione interna del posto comando e dei flussi di comunicazione e procedurali.

© All rights reserved
Fonte: Comando Forze Operative Terrestri

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade