Archivi tag: tor di quinto

La Granatieri rientra dal Libano dopo 6 mesi di missione

Celebrato il rientro del contingente italiano dal Libano, dopo 6 mesi di attività in supporto alla popolazione ed alle forze armate libanesi 

 171114 gra 6. cerimonia dell'alzabandiera al Reggimento Lancieri di Montebello (8°)

Roma, 15 novembre 2017 – Si è svolta nei giorni scorsi, presso l’ippodromo militare di Tor di Quinto in Roma, la cerimonia di rientro del contingente italiano dall’Operazione “Leonte XXII” in Libano, alla presenza del Comandante del COMFOPSUD, generale di corpo d’armata Luigi Francesco De Leverano, di autorità civili e militari oltre ai familiari ed amici dei militari rientrati dalla missione. 

171114 gra 5. Lo Stendardo del Reggimento ''Lancieri di Montebello'' (8°)

Gli uomini e le donne appartenenti alla brigata “Granatieri di Sardegna” sono rientrati da pochi giorni dal Libano dove hanno avuto per circa 6 mesi la guida del Joint Task Force Lebanon, il comando multinazionale a guida italiana che opera nella regione sud del paese, dove l’Esercito e le altre forze Armate italiane, riscuotono sempre maggiore ed unanime consenso. 

Il generale Luigi Francesco De Leverano, comandante delle Forze Operative Sud, nel corso del suo intervento ha ringraziato il generale di brigata Francesco Olla e tutti i militari schierati per gli eccellenti risultati conseguiti e per l’altissima professionalità dimostrata in un contesto multinazionale e in un teatro impegnativo e delicato come quello libanese.

In circa sei mesi i militari italiani hanno svolto ininterrottamente attività di supporto alla popolazione locale, attraverso iniziative a loro favore, oltre alle attività operative di controllo delle zone di confine e della linea di demarcazione, meglio nota come Blue Line. 

La cerimonia si è svolta presso l’Ippodromo Militare di Tor di Quinto, una delle sedi del Reggimento Lancieri di Montebello (8°), che durante l’operazione è stato al comando dell’unità di manovra del contingente italiano (ITALBATT). 


Celebrato il 201° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Roma, 6 giugno 2015 – Ieri mattina, per celebrare il 201 anniversario della fondazione dell’Arma, il comandante generale Tullio Del Sette ha reso omaggio ai caduti deponendo una corona d’alloro al sacrario del Museo Storico dell’Arma.

All’interno della Caserma “Salvo D’Acquisto” di Tor di Quinto, ha avuto luogo una cerimonia alla presenza del Ministro della Difesa, sen. Roberta Pinotti, del Ministro dell’Interno, on. Angelino Alfano, del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, on. Dario Franceschini, del capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, e del comandante generale Tullio Del Sette.

Durante la cerimonia è stato letto un messaggio del Capo dello Stato, con un breve intervento del Ministro della Difesa e c’è statala consegna della Medaglia d’Oro ai Benemeriti della cultura e dell’arte alla Bandiera di Guerra dell’Arma dei Carabinieri, nonché delle “Ricompense” ai sottonotati Carabinieri:

Medaglia d’Argento al Valore Militare all’App. Sc. Alfredo Venturino, effettivo al Reparto Servizi Magistratura di Napoli: “Con ferma determinazione, esemplare iniziativa ed eccezionale coraggio, libero dal servizio e in abiti civili, non esitava ad affrontare tre rapinatori sorpresi in flagranza all’interno di un esercizio commerciale ove si trovava unitamente alla propria famiglia. Fatto segno a proditoria azione di fuoco, replicava con l’arma in dotazione attingendo mortalmente uno dei malviventi. Con cosciente sprezzo del pericolo, ingaggiava ulteriore conflitto a fuoco con i due complici in fuga, disarmandone uno nel corso di violenta colluttazione. Entrambi i malfattori, riusciti a dileguarsi, venivano successivamente rintracciati e assicurati alla giustizia. Chiaro esempio di elette virtu’ militari e altissimo senso del dovere”. Qualiano (NA), 31 maggio 2014;

Medaglia d’Oro al Valore dell’Arma dei Carabinieri all’App. Sc. Domenico Peta, effettivo alla Tenenza di Cesano Maderno (MB): “Con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, unitamente ad altri militari, non esitava ad affrontare due malviventi armati che, poco prima, avevano commesso una rapina in danno di un ufficio postale, ingaggiando con gli stessi una violentissima colluttazione. Benché ripetutamente colpito alla testa con il calcio di una pistola e sotto la minaccia di un coltello, con sprezzo del pericolo ed eccezionale coraggio, tentava di bloccare i malfattori, venendo proditoriamente attinto a una gamba da un colpo di pistola esploso a distanza ravvicinata. L’intervento si concludeva, al termine di un conflitto a fuoco sostenuto dai commilitoni, con l’arresto di uno dei rapinatori. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.” Cogliate (MB), 18 gennaio 2014;

Medaglia d’Argento al Valore dell’Arma dei Carabinieri:

  • al Lgt. Nicola Cusmai, comandante della stazione di Solaro (MI): “Con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, unitamente ad altri militari, non esitava ad affrontare due soggetti armati che, poco prima, avevano commesso una rapina ai danni di un ufficio postale. Fatto segno di proditoria azione di fuoco da parte dei malviventi che, nel tentativo di dileguarsi, avevano ferito gravemente un commilitone, replicava con l’arma in dotazione riuscendo a trarre in arresto uno dei malfattori. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.” Cogliate (MB), 18 gennaio 2014;
  • all’App. Sc. Giovanni Pappagallo, effettivo alla tenenza di Cesano Maderno (MB): “Con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, unitamente ad altri militari, non esitava ad affrontare due soggetti armati che, poco prima, avevano commesso una rapina ai danni di un ufficio postale. Fatto segno di proditoria azione di fuoco da parte dei malviventi che, nel tentativo di dileguarsi, avevano ferito gravemente un commilitone, replicava con l’arma in dotazione riuscendo a trarre in arresto uno dei malfattori. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.” Cogliate (MB), 18 gennaio 2014;
  • all’App. Sc. Nicola Fallucca, effettivo alla Stazione di Limbiate (MI): “Con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, unitamente ad altri militari, non esitava ad affrontare due soggetti armati che, poco prima, avevano commesso una rapina ai danni di un ufficio postale. Fatto segno di proditoria azione di fuoco da parte dei malviventi che, nel tentativo di dileguarsi, avevano ferito gravemente un commilitone, replicava con l’arma in dotazione riuscendo a trarre in arresto uno dei malfattori. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.” Cogliate (MB), 18 gennaio 2014;

Medaglia d’Argento al Valore dell’Arma dei Carabinieri al Cap. Mauro Epifani, comandante della compagnia di Jesi (AN): “Con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, non esitava ad affrontare un uomo in evidente stato di alterazione psicofisica che minacciava i passanti con un machete. Benché ferito da proditorio fendente, con eccezionale coraggio e cosciente sprezzo del pericolo, unitamente ad altri militari, riusciva a disarmare e trarre in arresto l’esagitato dopo una violenta colluttazione. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.” Jesi (AN), 1° settembre 2014;

– Medaglia d’Argento al Valore dell’Arma dei Carabinieri al Mar.A.s.UPS Fabio Marco Del Beato e al Brig. Gabriele Di Francesco, effettivi al NORM della compagnia i Jesi (AN): “Libero dal servizio, con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, non esitava ad affrontare un uomo in evidente stato di alterazione psicofisica che minacciava i passanti con un machete. Benché ferito, con eccezionale coraggio e cosciente sprezzo del pericolo, unitamente ad altri militari, riusciva a disarmare e trarre in arresto l’esagitato, dopo una violenta colluttazione. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.” Jesi (AN), 1° settembre 2014;

Medaglia d’Argento al Valore dell’Arma dei Carabinieri al Brig. (ora Brig. Ca.) Antonio Giovannini, effettivo al NORM della compagnia di Tuscania (VT): “Libero dal servizio e disarmato, occasionalmente presente all’interno di un esercizio pubblico, con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, non esitava ad affrontare un uomo che, impugnando un fucile a canne mozze, in evidente stato di ebbrezza alcolica, era in procinto di far uso dell’arma contro un avventore del locale. Con eccezionale coraggio e cosciente sprezzo del pericolo, il militare si frapponeva prontamente tra il cliente e il malintenzionato, riuscendo a disarmare l’aggressore e, unitamente ad altra persona, ad immobilizzarlo e a trarlo in arresto. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.” Tuscania (VT), 17 dicembre 2012;

Medaglia d’Argento al Valore dell’Arma dei Carabinieri al Brig. Antonio Carrozzino, effettivo alla stazione di Licola (NA): “Con eccezionale coraggio ed esemplare iniziativa, libero dal servizio e in uniforme, avvedutosi di un rapinatore armato all’interno di un esercizio commerciale, non esitava ad affrontare il malvivente che, unitamente a un complice, si dava a precipitosa fuga a bordo di uno scooter. Nella circostanza, con ferma determinazione ed elevata professionalità, ingaggiava, senza conseguenze, un conflitto a fuoco con i rapinatori e riusciva, al termine di un concitato inseguimento, a trarre in arresto uno dei malfattori e a fornire determinante contributo per l’identificazione e la successiva cattura del complice. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.” Pozzuoli (NA), 1° novembre 2014.

 

A seguire, come di consueto, è stato consegnato il “Premio Annuale” a cinque Comandanti di Stazione. Un riconoscimento carico di significati per l’importante ruolo svolto dalla Stazione Carabinieri nelle relazioni con il territorio e la sua comunità di riferimento. Un rapporto che spesso travalica le problematiche inerenti la sicurezza e la legalità sfociando in esigenze legate al vivere quotidiano. Quest’anno sono premiati i seguenti sottufficiali:

 Lgt. Gisberto PIERONI, comandante della stazione di Lerici (SP);

 Lgt. Andrea OTERI, comandante della stazione di Santa Croce sull’Arno (PI);

 Lgt. Francesco PARISI, comandante della stazione di Cosenza Nord (CS);

 Lgt. Nicola CIPRIANI, comandante della stazione di Pescantina (VR);

MAsUPS Carlo DIMARTINO, comandante della stazione di Napoli Marianella (NA).

Dopo il deflusso dei reparti, c’è stato lo Storico Carosello Equestre, eseguito dal 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo per rievocare la gloriosa “Carica di Pastrengo” del 1848. Gli onori finali al Ministro della Difesa hanno chiuso la cerimonia.

L’Arma celebra la propria festa il 5 giugno, giorno in cui, nel 1920, la Bandiera dell’Arma fu insignita della prima Medaglia d’oro al Valor Militare per la partecipazione dei Carabinieri alla Prima guerra mondiale. La motivazione che ha accompagnato la medaglia è la seguente: “Rinnovellò le sue più fiere tradizioni con innumerevoli prove di tenace attaccamento al dovere e di fulgido eroismo, dando validissimo contributo alla radiosa vittoria delle armi d’Italia“.

Contestualmente, in ogni provincia italiana, sono stati previsti incontri con il personale dipendente durante i quali l’autorità di vertice hanno illustrato il significato dell’evento dopo aver dato lettura del messaggio del Capo dello Stato.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Arma dei Carabinieri

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade