Annunci

Archivi tag: stupefacenti

Cronaca Roma: spaccio di stupefacenti nel carcere di Rebibbia. Carabinieri arrestano sei persone

Schermata 05-2457884 alle 11.58.00

Roma, 10 maggio 2017 – Nel corso della notte, a Roma e Cassino (FR), i Carabinieri del comando provinciale di Roma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura della Repubblica-DDA, nei confronti di 6 persone (2 in carcere e 4 agli arresti domiciliari) accusate, a vario titolo, di concorso in detenzione e cessione di sostanza stupefacente continuati e aggravati poiché commessi nel carcere di Roma Rebibbia (artt. 81, 110 CP e 73 co. 1-4, 80 lett. g) D.P.R. 309/90).

L’attività investigativa, coordinata dalla D.D.A. di Roma e condotta dal Nucleo Investigativo CC di Roma, ha fatto luce su un articolato sistema di introduzione e spaccio di cocaina, hashish e droghe sintetiche all’interno del carcere di Roma Rebibbia.

Le indagini sono state avviate a novembre 2016, dopo gli arresti di altri sei soggetti eseguiti a Roma e Catania per una serie di estorsioni e rapine aggravate dal metodo mafioso, consumate nell’area capitolina ai danni di un imprenditore operante nel settore dell’autonoleggio.

In particolare, il nuovo filone di indagine è stato avviato a seguito delle intercettazioni riguardanti i parenti di uno degli arrestati per estorsione.

Le attività tecniche e dinamiche e i riscontri effettuati hanno permesso ai Carabinieri di ricostruire l’attività di spaccio.

Schermata 05-2457884 alle 11.58.31

Alcuni indagati già ristretti in carcere, servendosi di telefoni cellulari illecitamente detenuti, ordinavano alle proprie mogli la quantità e la tipologia di sostanza stupefacente. Le donne, dopo aver reperito la droga sul mercato della Capitale, la introducevano all’interno del carcere occultandola nelle parti intime per eludere i controlli. La consegna avveniva durante i colloqui previsti per i familiari, ai quali le indagate partecipavano sempre in compagnia dei propri figli minori per destare meno sospetti.

Entrata nella struttura carceraria, la droga veniva smerciata al dettaglio ad altri detenuti con prezzi maggiorati rispetto a quelli praticati fuori dal carcere, fruttando così svariate migliaia di euro ai detenuti “pusher”.

La richiesta di narcotico è aumentata in maniera esponenziale, essendosi registrato, nel corso delle indagini, un incremento costante dei quantitativi di droga introdotti dalle donne in occasione dei colloqui con i loro parenti detenuti.

In talune circostanze, avendo notato la presenza di cani antidroga all’ingresso del carcere, le donne rinunciavano ad incontrare i mariti e tornavano a casa.

I Carabinieri di Via In Selci stanno eseguendo numerose perquisizioni presso le abitazioni degli arrestati e, con la collaborazione del N.I.C., le celle dell’istituto di Roma Rebibbia in uso ai detenuti coinvolti nell’indagine.

Schermata 05-2457884 alle 11.58.53

© All rights reserved
Fonte e immagini: Legione Carabinieri Lazio, Comando prov. di Roma
________________________________________________________________________________
Annunci

Come in un film, trafficanti di droga fuggono sui tetti inseguiti dai carabinieri

2 arresti, sequestrati 240 kg di marijuana, una pistola e 20mila euro.

 Schermata 03-2457820 alle 13.08.02

Roma, 7 marzo 2017 – Sembrava il set di un film d’azione, invece erano veri i Carabinieri e anche i trafficanti di droga che la scorsa sera sono stati visti correre sui tetti di alcune abitazioni nel quartiere Borghesiana a Roma. Alla fine hanno avuto la meglio i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagna di Frascati che hanno arrestato due trafficanti di droga albanesi, di 22 e 23 anni, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione di arma clandestina.

Quando i Carabinieri sono giunti nell’abitazione, i due sono scappati in soffitta e hanno cominciato a scappare sui tetti, inseguiti dai Carabinieri che li hanno raggiunti in breve tempo. Durante la fuga, i trafficanti hanno portato con se le chiavi del deposito dove nascondevano la droga e quando si sono visti perduti le hanno lanciate nella piscina di una proprietà limitrofa. I Carabinieri dunque, recuperate le chiavi, hanno potuto accedere a dei locali di pertinenza dell’abitazione occupata dai due cittadini albanesi,  rinvenendo all’interno ben 240 kg di marijuana stipata in diverse buste nelle varie stanze dell’abitazione, 50 g di cocaina, bilancini di precisione, una pistola Tanfoglio con matricola abrasa, calibro 9×21, compreso di serbatoio con 5 cartucce, e la somma di oltre 20mila euro in contanti, probabile provento dell’illecita attività.

L’abitazione, la droga, i soldi, la pistola e il materiale per il confezionamento sono stati sequestrati. I due arrestati sono stati accompagnati in caserma e successivamente condotti presso il carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L’ingente quantitativo di marijuana, immesso sul mercato della Capitale, avrebbe fruttato più di un milione di euro.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
______________________________

Terni: polizia arresta richiedenti asilo per detenzione di stupefacenti. Erano ospitati da associazioni umanitarie (video)

Terni, 28 gennaio 2016 – Vasta operazione anti-droga della Polizia di Stato di Terni: 3 giovani africani arrestati e 5 denunciati per detenzione ai fini di spaccio. La droga nascosta negli appartamenti dati loro da associazioni umanitarie, in quanto richiedenti asilo.

Sono tutti giovani africani, poco più che ventenni, provenienti dal Gambia, tranne uno della Guinea Bissau, arrivati in Italia come richiedenti asilo, gli arrestati e i denunciati nell’operazione di questa mattina della Polizia di Stato di Terni.

Gli agenti della sezione antidroga della Squadra Mobile hanno  monitorato gli spostamenti dei soggetti, due dei quali erano stati arrestati neanche due mesi fa, sempre per detenzione ai fini di spaccio.

I poliziotti li hanno sorpresi nel sonno e nei loro alloggi, di proprietà delle associazioni umanitarie che li ospitano come richiedenti asilo, nascosti nelle federe dei divani e nel doppiofondo dei cassetti, hanno trovato 400 grammi di hashish, 400 grammi di marijuana, oltre 5mila euro in contanti e tutto il necessario per il confezionamento delle dosi.

Cinque persone sono stati arrestate e altri cinque connazionali sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio.

© All Rights reserved
Fonte e video: Polizia di Stato

Carabinieri arrestano 19enne per coltivazione e detenzione di marijuana ai fini di spaccio

Caserta, 30 ottobre 2015 – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Capua, in Pietramelara (CE), nell’ambito di predisposti servizi volti a prevenire e reprimere la commissione di reati in materia di stupefacenti, hanno arrestato, in flagranza reato per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio, un 19enne del luogo.

Nella circostanza, i militari dell’Arma, nel corso della perquisizione domiciliare eseguita a carico del giovane hanno rinvenuto, in un magazzino,  kg. 2,411 di piantine essiccate di marijuana, per un valore commerciale di euro 16.500,00 circa e vario materiale idoneo per la coltivazione ed il confezionamento della sostanza stupefacente. Le piante ed il materiale rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro, mentre l’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Arma dei Carabinieri
(Comando Provinciale di Caserta)

Brescia: polizia arresta due marocchini per traffico di stupefacenti

Brescia, 21 febbraio 2015 – La Polizia di Stato di Brescia ha arrestato due cittadini marocchini responsabili di detenzione e traffico di sostanze stupefacenti e sequestrato complessivamente circa 500 kg. di hashish.

Lo stupefacente era destinato prevalentemente agli studenti e ai giovani dell’area dell’est Lombardia.

Nei giorni scorsi personale della Squadra Mobile della Questura di Brescia  a seguito di un monitoraggio, sviluppato anche in base a segnalazioni giunte da genitori di studenti, preoccupati dei comportamenti e delle frequentazioni dei propri figli, oltre che sulla base di segnalazione giunte da professori di alcune scuole del centro cittadino, ha tratto in arresto un cittadino marocchino, sorpreso mentre tentava di occultare un quantitativo di 20 kg di hashish.

Le indagini hanno evidenziato che lo straniero, prima di essere arrestato, si era recato a Rozzano, in provincia di Milano, presumibilmente dai suoi fornitori.

Una serie di servizi di osservazione effettuata in quel comune ha permesso ai poliziotti di individuare i due cittadini nordafricani i quali quotidianamente si portavano in un box interrato ed effettuavano poi incontri furtivi e fugaci con altri cittadini stranieri.

Accertamenti successivi hanno permesso di rinvenire all’interno del box un ingente quantitativo di sostanza stupefacente riposta in sacchi di yuta.

© All rights reseved
Fonte: Polizia di Stato

 

 

 

 


Carabinieri arrestano una coppia del casertano per spaccio di stupefacenti

carabinieri

Valle di Maddaloni (CE), 7 febbraio 2015 – I carabinieri della locale stazione e quelli del NORM della compagnia di Maddaloni, insieme a quelli del nucleo cinofili di Pontecagnano (SA), hanno arrestato, in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti due coniugi classe 82, entrambi del luogo. I militari dell’arma, nell’ambito di un servizio finalizzato al contrasto dei reati in materia di stupefacenti in quel centro, hanno proceduto alla perquisizione domiciliare presso l’abitazione dei predetti, dove  hanno rinvenuto e sequestrato:

  • 1 busta in cellophane e n. 14 involucri contenenti 650 grammi di marijuana;
  • 6 panetti per complessivi gr. 700 di hashish;
  • 5 involucri contenenti gr. 10 di cocaina;
  • 1 bilancino di precisione;
  • 340 bustine utilizzate per il confezionamento dello stupefacente;
  • 330,00 euro ritenuta provento dell’attività illecita.

Gli arrestati, invece, sono stati rispettivamente accompagnati presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere l’uomo, mentre la donna è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, su disposizione della competente autorità giudiziaria.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Caserta)

Carabinieri mettono fine a una piazza di spaccio di cocaina nell’hinterland di Napoli e Caserta

foto 1

Santa Maria Capua Vetere (CE), 5 settembre 2014 – Dopo un’articolata attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, nelle province di Caserta e Napoli, i Carabinieri della Compagnia di Caserta hanno portato a termine una vasta operazione volta a disarticolare delle piazze di spaccio presenti a ridosso del centro casertano.  In tutto sono 17 le persone a cui i militari hanno, finora, dato esecuzione di ordinanze di custodia cautelare e arresti domiciliari. I reati contestati sono quelli di furto aggravato e detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Tra i destinatari del provvedimento figurano anche soggetti dell’hinterland napoletano.

Gli indagati sono stati ritenuti gravemente indiziati dei delitti di detenzione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente, nonché di delitti contro il patrimonio, commessi al fine di predisporre la provvista di denaro necessaria per gli acquisti delle ingenti quantità di sostanza stupefacente, poi vendute prevalentemente nel territorio del Comune di Casagiove. Nel corso delle perquisizioni operate a seguito degli arresti i militari dell’Arma hanno rinvenuto 600 grammi di cocaina, un bilancino di precisione, denaro contante e vari attrezzi utili al confezionamento dello stupefacente e alla divisione in dosi. Sono stati sequestrati anche telefoni cellulari, schede telefoniche ed un pc portatile.

Le diverse tipologie di sostanze spacciate, poi oggetto di sequestro (cocaina, extasyhashish e marijuana), valutate unitamente al numero delle cessioni osservate, hanno offerto agli investigatori l’allarmante dimensione e gravità del fenomeno oggetto di indagine, pur in assenza di una stabile organizzazione criminosa.

Per le indagini gli investigatori si sono avvalsi di intercettazioni telefoniche. Il contenuto delle telefonate ha messo in luce contenuti che sono risultati oggetto di puntuale e specifico riscontro, attraverso l’effettuazione da parte della p.g. operante, di puntuali servizi di osservazione e controllo, che hanno consentito il sequestro della sostanza stupefacente, e di accertare la pluralità delle cessioni oggetto di contestazione.

Gli spacciatori utilizzavano, nel corso delle conversazioni, un linguaggio convenzionale collaudato nel tempo, sintomatico di una spiccata proclività a delinquere, confermata dai precedenti specifici da cui risultano gravati alcuni degli indagati.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Caserta

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade