Archivi tag: Stazione Carabinieri

Carabinieri portano in salvo un 50enne, aveva tentato di suicidarsi

Ceprano (FR), 13 agosto 2014 – Salvato un 50enne, questa mattina a Ceprano, dai Carabinieri della locale Stazione. L’uomo, affetto da disabilità deambulatoria aveva tentato il suicidio, cercando di annegare lanciandosi dentro un pozzo, profondo circa 12 metri, nel terreno di casa sua (nella foto).

A seguito della concitata richiesta di soccorso, pervenuta sulla linea 112, effettuata dall’anziana madre del malcapitato e dai vicini prontamente intervenuti, la Centrale Operativa di Pontecorvo ha disposto l’intervento sul posto di personale della Stazione Carabinieri di Ceprano.

Sul posto è arrivato immediatamente il Comandante della Stazione accompagnato da un altro militare, che, insieme al personale del “118” sopraggiunto sul luogo, considerando l’imminente pericolo di vita dell’uomo, già provato dalle gravi lesioni riportate nella caduta e dallo stato di ipotermia, sono intervenuti materialmente con una manovra di soccorso, realizzando un’imbracatura di fortuna, utilizzando una fune in nylon. I militari e il personale del 118 sono così riusciti a sollevare a braccia, fino alla superficie, il corpo inerme della vittima. Quest’ultima, trasportata presso l’ospedale civile di Frosinone, è stata ricoverata poiché affetta da fratture multiple agli arti inferiori, con prognosi di gg. 30 s.c..

L’insano gesto è verosimilmente riconducibile a disturbi depressivi di cui l’uomo risulta affetto. Aveva anche stilato un messaggio manoscritto riferibile ai propositi suicidari successivamente attuati.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Arma dei Carabinieri
(Comando Provinciale di Frosinone)


Arrestato per furto, processato per direttissima, viene messo in libertà

Mozzate (CO), 1 luglio 2014 – Ieri pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Mozzate hanno arrestato in flagranza di reato un diciannovenne senegalese S.S., regolare in Italia e residente a Carbonate con l’accusa di rapina aggravata.
Attorno alle ore 16,00, il giovane senegalese, all’interno della stazione ferroviaria della Stazione di Mozzate, dopo aver avvicinato due giovani ragazzi di anni 15 della zona, li ha minacciati di morte, riuscendo così a farsi consegnare da entrambi una banconota da 10 euro e ha tentato di rapinare anche il cellulare a uno dei ragazzi, non riuscendoci grazie alla pronta reazione della vittima.
Il rapinatore, a questo punto, essendo riuscito nel suo intento, seppur di sicuro al di sotto delle aspettative, si è dileguato velocemente a piedi in direzione del centro cittadino di Mozzate, facendo perdere temporaneamente le sue tracce.
Le due giovani vittime, impaurite, sono riuscite però a chiedere aiuto ad un passante, che ha chiamato il 112, che ha inviato sul posto una pattuglia della Stazione Carabinieri di Mozzate che in quel momento era impegnata proprio in un servizio di contrasto alla microcriminalità.
I militari sono intervenuti nel giro di pochi minuti e, dopo avere sommariamente ascoltato le vittime e la descrizione fisica del loro rapinatore, sono riusciti a rintracciarlo, poco dopo, all’interno di un parco pubblico non molto distante dalla stazione ferroviaria; rintracciato e identificato, il rapinatore è stato accompagnato presso gli uffici della Stazione Carabinieri, ove, al termine degli accertamenti di rito, con esito positivo alla perquisizione personale, che ha permesso di rinvenire la somma di denaro poco prima sottratta ai giovani, è stato arrestato con l’accusa di rapina.
Il senegalese è stato quindi trattenuto all’interno delle camere di sicurezza in attesa della celebrazione del giudizio con rito direttisimo, che si è svolto questa mattina presso il Palazzo di Giustizia di Como. All’uomo è stato convalidato l’arresto e inflitta la pena, sospesa, di anni uno di reclusione ed euro 300,00 di multa; il senegalese è stato quindi messo immediatamente in libertà.
© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri (Comando di Cantù)

Una coppia sorpresa ad innaffiare piante di cannabis. Per loro scattano gli arresti

San Vito (CA), 20 giugno 2014 – Arrestati mentre innaffiavano piante di cannabis. Nel tardo pomeriggio di ieri  i militari della Stazione Carabinieri di San Vito, hanno arrestato per coltivazione di sostanze stupefacenti una coppia, entrambi cinquantenni, sorpresa mentre innaffiava 30 piante di cannabis indica, dell’altezza variabile da 10 a 70 cm, che coltivavano in loc. Pirilloni, agro di Villaputzu. I due sono stati condotti agli arresti domiciliari in attesa del processo, con il rito direttissimo previsto, per la mattina di oggi 20 giugno 2014.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
Reparto operativo comando provinciale carabinieri di Cagliari


OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade