Archivi tag: Soveria Mannelli

Soveria Mannelli (CZ): Carabinieri ritrovano due adolescenti dispersi sul Monte Reventino

Soveria Mannelli (CZ), 3 dicembre 2015 – Ieri sera i Carabinieri della Compagnia di Soveria Mannelli hanno ritrovato due ragazzi, di 15 e 16 anni, che si erano smarriti sul Monte Reventino.

Erano da poco passate le 18 di ieri quando giunge alla centrale della Compagnia di Soveria Mannelli una chiamata di soccorso da parte di un giovane residente di Decollatura che dichiarava di essersi smarrito insieme ad un suo coetaneo mentre erano in bici in escursione sulle alture del Monte Reventino.

Raccolte alcune parziali e generiche informazioni dal minore, il militare addetto alla centrale operativa ha attivato le ricerche dei due minorenni con tutte le pattuglie presenti sul territorio.

Le operazioni, rese difficili per la totale oscurità che avvolgeva tutta l’area montuosa circostante, caratterizzata da infinite strade sterrate, mulattiere e sentieri, si sviluppano all’incirca per tre ore continuative. I due ragazzi, cui veniva chiesto di prestare ascolto con attenzione al suono delle sirene attivate dalle pattuglie allo scopo di correggere e dirigere meglio la loro rotta, sono restati nel frattempo fermi sul posto, mostrando per telefono anche un certo sentimento di sconforto per la situazione di stallo che si era venuta a creare.

Dopo numerosi tentativi, i due ragazzi alla fine sono stati ritrovati in una località isolata impervia addirittura del comune di Conflenti, abbastanza distante dalla vetta del Monte Reventino da cui erano partite le ricerche.

I minori sono stati quindi recuperati, insieme alle loro bici, e ricongiunti ai propri genitori che attendevano con normale apprensione l’esito positivo delle operazioni. Visitati al Pronto soccorso dell’ospedale di Soveria Mannelli, i ragazzi sono stati riscontrati in buono stato di salute, benché ovviamente infreddoliti per la prolungata esposizione alle temperature basse della stagione a quelle altitudini (3°-6° ad altezza di circa 1.000 mt s.l.m.).

© All rights reserved
Fonte e immagine: Arma dei Carabinieri
(Compagnia di Soveria Mannelli - CZ)

Carabinieri rinvengono armi a salve e munizioni nella boscaglia durante un servizio di controllo del territorio

Soveria Mannelli (CZ), 21 gennaio 2015 – Questa mattina i carabinieri della compagnia di Soveria Mannelli hanno rinvenuto due pistole a salve e numerose munizioni occultate dietro una siepe in una località isolata del comune di Martirano (CZ).

In particolare, nelle prime ore della mattina, una pattuglia della stazione carabinieri di Conflenti, in servizio di controllo del territorio, ha notato, transitando in località San Fili di Martirano, nei pressi di un casolare abbandonato, una busta di plastica che era stata occultata con cura dietro una siepe. Insospettiti dalla presenza del sacchetto, che si mostrava pieno al suo interno, i militari hanno deciso di procedere ad un accurato controllo del contenuto, constatando al suo interno due pistole a salve, di cui una dotata di tappo rosso, e diverse munizioni, sia da sparo che a salve, del seguente tipo:

  • 94 cartucce cal. 12 a palla,
  • 51 cartucce cal. 32,
  • 8 cartucce cal. 8 a salve.

Le due pistole e le munizioni in questione si presentavano in discreto stato di conservazione, come se qualcuno le avesse momentaneamente accantonate in un posto ritenuto “sicuro” per poi utilizzarle in un secondo momento. I militari eseguiranno in ogni caso i dovuti accertamenti per poter stabilire se le armi siano state utilizzate per scopi illeciti per poi essere abbandonate nella boscaglia al fine di evitare che si potesse risalire all’identità degli utilizzatori.

© All rights reserved
Fonte: (Legione Carabinieri Calabria, compagnia di Soveria Mannelli)

Maltratta e ricatta la madre per avere i soldi necessari ad acquistare la droga: arrestato dai Carabinieri

  carabinieri Soveria Mannelli (CZ), 5 dicembre 2014 – Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia di Soveria Mannelli hanno arrestato, su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Lamezia Terme, M. L. R., di anni 45, accusato dei reati di tentata estorsione aggravata e lesioni aggravate ai danni della propria madre.

I Carabinieri della Stazione di Conflenti avevano più volte accertato, in particolare, che l’uomo, conosciuto dai militari per vari precedenti penali a carico, esercitava quotidianamente una forte pressione sulla propria madre al fine di ottenere con violenza e minaccia i soldi necessari all’acquisto di sostanza stupefacente di cui aveva bisogno per il proprio consumo personale.

I militari, verificato lo stato di sofferenza psichica e fisica della anziana vittima, madre del 45enne, sono riusciti a convincere la signora della necessità di denunciare quanto effettivamente si verificava tra le mura domestiche per poter fermare definitivamente le condotte vessatorie dell’uomo che, in più occasioni, aveva anche ricorso alla violenza fisica per convincerla a cedere il denaro richiesto.

I Carabinieri hanno così accertato che il soggetto aveva compiuto atti idonei diretti a costringere la madre a consegnargli una somma di denaro compresa tra i 100 e i 200 euro, usando dapprima minaccia nei confronti della stessa, con comportamenti aggressivi e vessatori, per poi aggredirla nel sonno colpendola con calci e pugni sulla gamba destra e su tutto il corpo, fermandosi solo dopo aver ricevuto la promessa della consegna del denaro necessario per l’acquisto delle sostanze stupefacenti. Proprio a causa delle azioni violente sopra descritte, la signora anziana veniva visitata da personale medico che la riscontrava affetta da “trauma contusivo alla coscia destra” giudicato guaribile in gg. 7 di cure.

L’uomo è stato arrestato per i reati di tentata estorsione aggravata e lesioni personali aggravate ai danni della propria madre e condotto presso la casa circondariale di Catanzaro-Siano, su disposizione dell’autorità giudiziaria procedente.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Compagnia di Soveria Mannelli)

Carabinieri impegnati in un’operazione antidroga nella provincia di Catanzaro

Soveria Mannelli (CZ), 11 luglio 2014 – Nelle prime ore della mattina il comando compagnia Carabinieri di Soveria Mannelli (CZ) ha eseguito quattro misure cautelari degli arresti domiciliari a carico di altrettanti soggetti indagati (di cui uno già agli arresti domiciliari per altra causa). Le ipotesi di reato sono di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso e continuato. Nell’ambito della stessa operazione, sono stati notificati anche dieci avvisi di garanzia ed eseguite altrettante perquisizioni domiciliari a carico degli indagati

L’indagine, iniziata negli ultimi mesi del 2012 e durata fino alla metà del 2013, ha riguardato l’accertamento della responsabilità penale degli autori di diversi episodi di spaccio di sostanza stupefacente, anche di tipo pesante (eroina), nell’ambito di comuni della provincia di Catanzaro: Decollatura, Soveria Mannelli e Lamezia Terme.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando carabinieri di Soveria Mannelli)


OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade