Archivi tag: soccorso in mare

Soccorso in mare per l’82° Centro C.S.A.R. Recupero d’emergenza per un marittimo imbarcato su un peschereccio al largo delle coste siciliane

Trapani 18 novembre 2014 – Missione di soccorso per gli uomini dell’82° Centro C.S.A.R. (Combat Search and Rescue) di Trapani Birgi che, nel pomeriggio del 14 novembre, hanno effettuato un soccorso in favore di un marittimo, Francesco B. di 40 anni, dal motopeschereccio “Giacalone”, al largo delle coste trapanesi. 

L’equipaggio in “prontezza operativa”, allertato dal Rescue Coordination Center (RCC) del Comando Operazioni Aeree (COA) di Poggio Renatico (FE), è decollato alle 15:20, raggiungendo l’imbarcazione a circa 80 miglia a nord ovest da Trapani.  Prelevato dagli aerosoccorritori con l’ausilio del verricello l’uomo, in stato confusionale, è stato trasportato dall’HH139 dell’Aeronautica Militare alla base aerea di Trapani Birgi per poi essere affidato alle cure del personale sanitario del 118.

L’82° Centro C/SAR è uno dei reparti del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, concorrendo, inoltre, ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato circa 7000 persone in pericolo di vita.

© All rights reserved
Fonte: Aeronautica Militare

 


Il 61° Stormo impegnato nell’esercitazione “Recupero naufrago”

Accensione fumogeno di segnalazione

Lecce, 22 luglio 2014 – Recupero Naufrago, è l’esercitazione di soccorso in mare che si è svolta la scprsa settimana nello straordinario distaccamento di Lido Conchiglie (LE). Protagonisti, i piloti del 61° Stormo di Galatina (LE) che hanno simulato una situazione di emergenza dopo un lancio in mare aperto da un aereo in avaria. Per la Base aerea salentina l’appuntamento rientra nel ciclo di esercitazioni che periodicamente vengono organizzate presso gli stabilimenti balneari e che sono finalizzate all’addestramento degli allievi piloti.

Il recupero del naufrago

Oltre al personale navigante e specialista del 61° Stormo, ha preso parte all’esercitazione, anche un elicottero HH-139A dell’84° Centro Combat S.A.R. (Search and Rescue) di Gioia del Colle, dal quale si sono gettati in mare gli aerosoccorritori per agganciare e recuperare i “malcapitati”. Una volta in salvo, i “naufraghi” sono stati condotti nelle acque immediatamente antistanti la spiaggia e trasportati a terra a bordo di un gommone fornito dal 65° Deposito Territoriale di Taranto. Il tutto si è svolto sotto l’attenta supervisione del personale dell’Ufficio Sicurezza Volo della Scuola di Volo salentina.

Briefing di presentazione e lezioni teoriche sopravvivenza in mare

Per i bagnanti che si sono trovati ad assistere ad un evento insolito ma senza dubbio interessante, la simulazione ha avuto il sapore dello spettacolo, ma per il colonnello Sergio Cavuoti, comandante del 61° Stormo, “l’esercitazione ha rappresentato, senza dubbio, un importante strumento per preparare i piloti, soprattutto gli allievi, a tutte le emergenze, compresa quella di doversi lanciare da un aereo non più controllabile, cadendo in mare aperto con il proprio paracadute e dovendo sopravvivere, anche per qualche giorno, in un ambiente ostile e con il limitato materiale a disposizione. Inoltre, l’esercitazione è un momento addestrativo e di verifica anche per il personale del soccorso, sia aereo sia di terra, che mette alla prova le proprie capacità e l’efficienza dei mezzi nell’intervento in mare a favore di naufraghi o persone in difficoltà: l’attività di Ricerca e Soccorso dell’Aeronautica Militare, infatti, anche se primariamente rivolta agli equipaggi dei velivoli, molto spesso opera anche in favore della collettività”.

Il 61° Stormo è una Scuola di Volo la cui missione primaria è quella di provvedere alla formazione e all’addestramento al volo su aviogetti degli allievi piloti fino al conseguimento del Brevetto di Pilota Militare (fasi II e III), dei piloti militari che devono continuare l’addestramento “pre-operativo” (Lead In-to Fighter Training – fase IV), propedeutico all’immissione sugli assetti aero-tattici e dei piloti militari che devono svolgere le mansioni di “istruttore di volo”.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Aeronautica Militare


OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade