Annunci

Archivi tag: scafisti

Polizia arresta 44 “scafisti” coinvolti in 15 sbarchi

Roma, 18 aprile 2015 – Nella scorsa settimana la Polizia ha arrestato, a vario titolo, 44 soggetti di diverse nazionalità, ritenuti coinvolti in almeno 15 sbarchi, uno dei quali culminato in un naufragio che avrebbe provocato la morte di oltre 300 persone. Le indagini sono state effettuate dalla Polizia di Stato, nell’ambito delle attività finalizzate a contrastare i criminali coinvolti nel traffico dei migranti, attraverso le proprie strutture investigative coordinate dal Servizio Centrale Operativo.

I 44 “scafisti” sono stati arrestati in operazioni che si sono svolte a Palermo, Catania, Reggio Calabria, Siracusa e Cagliari, con diverse imputazioni, tra cui: indiziati di omicidio plurimo, aggravato dall’odio religioso e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Inoltre, proseguono diverse inchieste da parte degli investigatori della Polizia di Stato coordinate dal Servizio Centrale Operativo e condotte dalle Squadre Mobili delle Questure di Palermo, Agrigento, Catania, Ragusa, Lecce e Crotone, sulle reti criminali che trafficano i migranti attraverso imbarcazioni in partenza dalla Libia, dall’Egitto e dalla Turchia.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato

 

 

Annunci

Mare Nostrum: catturati 7 trafficanti di esseri umani. Falsa avaria in mare per attirare i soccorsi 

Catania, 27 ottobre 2014 – Durante l’operazione Mare Nostrum è stata rilevata una nuova strategia messa in atto dai trafficanti di essere umani, i cosiddetti scafisti, nel trasporto di migranti dalle coste dell’Africa all’Italia.

Il 24 ottobre, un peschereccio ha dichiarato lo stato di avaria per attirare in soccorso una nave mercantile di passaggio in quell’area. Una volta trasbordati i migranti, il peschereccio si è dato alla fuga, riprendendo la rotta verso la costa africana.

A seguito della comunicazione del mercantile è stata allertata nave Euro della Marina Militare, in pattugliamento nelle aree assegnate all’operazione Mare Nostrum, che ha intercettato il peschereccio.

A questo punto, il natante in fuga, in accordo con le direttive della centrale operativa della Marina Militare e in stretto coordinamento con Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Catania è stato fermato. Il law enforcement messo in atto dalla fregata, anche con l’impiego di warning shots (colpi di avvertimento), con l’intento di fermare la fuga dell’imbarcazione ha portato alla cattura di sette presunti scafisti.

Il mercantile E. Maersk è giunto nella giornata di sabato nel porto di Catania dove ha sbarcato i 221 migranti soccorsi. Mentre, la fregata Euro arriverà nello stesso porto domani.

Da quando è iniziata l’operazione Operazione Mare Nostrum sono stati assicurati alla giustizia 364 scafisti.

© All rights reserved
Fonte: Marina Militare
(Ufficio Pubblica Informazione e Comunicazione)

Mare Nostrum: marina militare, sequestrate due navi e fermati 16 scafisti. Determinante l’intervento del sommergibile Prini

 

Catania, 2 ottobre 2014 – In nottata, al termine di una complessa ed articolata operazione di sorveglianza, la Marina Militare ha effettuato il sequestro di un peschereccio, con sedici scafisti a bordo dediti al traffico di migranti.

È stata una operazione della Marina Militare, in stretto coordinamento con la Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Catania, che ha portato il pattugliatore Borsini e la fregata Maestrale ad intercettare e sequestrare, nel corso della notte tra 1 e 2 ottobre, due “navi maggiori” dedite al traffico di esseri umani ed allo stesso tempo salvare centinaia di migranti e porre in stato di fermo 16 scafisti di sedicente nazionalità egiziana.

Particolare importanza ha rivestito l’operazione svolta dal sommergibile Prini che ha raccolto  informazioni determinanti per l’autorità giudiziaria per il contrasto al traffico di esseri umani via mare. (video)

Nave Borsini e nave Maestrale, che controllavano a distanza i movimenti delle due navi, appena hanno rilevato che il peschereccio aveva abbandonato lo yacht con il carico di esseri umani, sono intervenute per assicurare alla giustizia i trafficanti di esseri umani e allo stesso tempo soccorrere i migranti lasciati in balia del mare mosso.

Un team di fucilieri della Brigata Marina San Marco, imbarcato su nave Borsini, ha preso il controllo del peschereccio mentre nave Maestrale ha tratto in salvo 304 migranti (23 donne e 63 minori).  Le imbarcazioni e i 16 scafisti saranno condotte ad Augusta e consegnate alle autorità giudiziarie.

Il contrasto alle organizzazioni criminali che lucrano sulla vita dei migranti ha consentito fino ad oggi di assicurare alla giustizia oltre 300 scafisti e 6 “navi madre” utilizzate per l’illecito traffico mentre sale a 144.000 il numero di uomini, donne e bambini tratti in salvo nelle acque del Mediterraneo centrale.

© All rights reserved
Fonte: Marina Militare


Ragusa: arrestati due scafisti. Fino a 3.000 euro per arrivare in Italia, compreso il giubbotto di salvataggio

Ragusa, 3 agosto 2014 – Arrestati altri 2 scafisti dalla Polizia di Stato di Ragusa. Sono ritenuti responsabili di aver favorito l’ingresso in Italia di 355 migranti provenienti dal Bangladesh, dalla Siria e dal Centro Africa, tra cui numerosi minori e neonati.

Le indagini della Squadra Mobile di Ragusa e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato hanno permesso di individuare i due scafisti, un tunisino e un marocchino, che avevano anche realizzato un video con un telefonino.

Gli investigatori hanno anche ricostruito il prezzario dei migranti: 3000 dollari per i siriani, dotati di giubbotto salvagente, 900 dollari per gli altri migranti senza alcuna dotazione di sicurezza.

Gli arresti di oggi si aggiungono ai numerosi scafisti arrestati, 89 dall’inizio dell’anno, dalla Questura di Ragusa che ha avviato una preziosa collaborazione con gli investigatori di tutta la Sicilia, supportata dal Servizio Centrale Operativo, al fine di permettere scambi informativi utili per gestire le indagini sui traffici di migranti dal coste del Nord Africa.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato
(Questura di Ragusa)


Ragusa: rimpatriati 50 egiziani e arrestati 7 scafisti per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. (video)

di Monica Palermo

Ragusa, 2 agosto 2014 – La Polizia di Stato di Ragusa ha arrestato 7 cittadini egiziani, responsabili di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Da indagini effettuate la polizia ha accertato che i fermati hanno fatto entrare illegalmente in Italia, eludendo i controlli di frontiera, complessivamente 295 migranti, di origini siriane, egiziane e del centro africa, di cui quasi 100 i minori molti dei quali neonati.

Un migrante intervistato ha così affermato: “Tramite Facebook, e precisamente su una pagina dedicata ai rifugiati siriani nel mondo, ho saputo che ci stava la possibilità di raggiungere l’Europa, illegalmente, pertanto tramite il social network, ho chiesto il numero di telefono per contattarli, e mi è stato fornito. Il 12 luglio ho chiamato quel numero e alla persona che ha risposto ho chiesto le modalità per la traversata: occorrevano 2,700 dollari Usa a persona e che i bambini erano compresi nel prezzo. Lo stesso uomo mi ha detto che i controlli da parte della Polizia egiziana erano pressanti e che si sarebbe fatto sentire lui al momento opportuno“.

Dopo l’arresto dei 7 scafisti, durante la notte, in previsione di un possibile rimpatrio, c’è stata una rivolta degli egiziani al CPSA (Centro di Primo Soccorso e Accoglienza) di Pozzallo (RA), distruggendo vetrate e compiendo atti vandalici alla struttura. Nelle prime ore di oggi le forze dell’ordine sono riuscite a rimettere la situazione sotto controllo e 50 egiziani, compresi gli scafisti, sono stati rimpatriati e saranno consegnati alla polizia egiziana.

Sino ad oggi, solo nel 2014 la Polizia di Stato ha arrestato 87 scafisti e sono in corso numerose attività di collaborazione con le altre questure siciliane (coordinate dal Servizio Centrale Operativo), al fine di permettere scambi informativi utili per gestire indagini sul traffico di migranti dalle coste del nord Africa a quelle Italiane.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato
(Questura di Ragusa)


Polizia e Guardia di Finanza arrestano scafisti che trasportavano marijuana (video)

Foggia,13 giugno 2014 – Arrestati due scafisti che a bordo di un veloce natante trasportavano verso le coste pugliesi oltre una tonnellata di marijuana.

Nel tardo pomeriggio di mercoledì 11 giugno, a circa 30 miglia al largo delle coste baresi, nell’ambito di un articolato servizio di contrasto al traffico internazionale di stupefacenti, motovedette e mezzi aerei della Guardia di Finanza, su cui erano imbarcati anche agenti della Polizia di Stato, hanno individuato un potente motoscafo il cui carico, perfettamente stivato nelle cabine, era costituito da oltre una tonnellata di sostanza stupefacente.

DSC_8248 MP_001L’operazione congiunta prevedeva il controllo sistematico, nell’intera area del basso adriatico, di imbarcazioni che, per caratteristiche, prestazioni e rotte di provenienza, potevano essere utilizzate quali mezzi di trasporto per traffici illeciti. Le attività a terra sono state condotte in sinergia dagli uomini del GICO del Nucleo pt della Guardia di Finanza di Bari e della Squadra Mobile della Questura di Foggia e del Commissariato di P.S. di Manfredonia e, sul mare, dalle unità aeronavali delle fiamme gialle del Reparto Operativo Aeronavale di Bari e del Gruppo Aeronavale di Taranto.

Tra le numerose imbarcazioni controllate in mare, nell’arco di più giornate, il motoscafo fermato, un Italcraft 35 equipaggiato da due potenti motori, ognuno da oltre 270 cavalli, aveva destato l’attenzione del dispositivo delle forze di Polizia per la chiara rotta di provenienza estera. All’avvicinarsi delle motovedette della Finanza, il motoscafo accennava ad una manovra di fuga, resa immediatamente vana dal rapido affiancamento e fermo operato dalle unità navali di polizia. Dopo la cattura, gli scafisti, il mezzo e l’ingente carico di droga sono stati condotti presso gli ormeggi della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Bari.

I due scafisti sono stati arrestati dagli uomini della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, mentre il motoscafo ed il carico di marijuana, quantificato in 1.080 kg. e che sul mercato al dettaglio avrebbe fruttato oltre 10 milioni di euro, sono stati sottoposti a sequestro.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato


Mare Nostrum: la Marina Militare sequestra una nave madre, soddisfazione del Capo di Stato Maggiore della Difesa

Mare Nostrum: grande soddisfazione  del Capo di Stato Maggiore della Difesa per il sequestro di una nave madre

alicop2012

Roma, 30 gennaio 2014 – Il Capo di Stato Maggiore della Difesa esprime grande soddisfazione per i risultati conseguiti  da nave FENICE e nave ALISEO della Marina Militare che questa notte hanno portato al salvataggio di 175 migranti ed al sequestro di una nave “madre” con il fermo del suo equipaggio in attesa di ulteriori accertamenti.

“Questo è il migliore risultato dell’Operazione Mare Nostrum: il contrasto ai mercanti di morte” – ha dichiarato il Capo di Stato Maggiore della Difesa – “un’attività che ha anche dirette connessioni con le organizzazioni terroristiche e con la sicurezza nostra, europea ed internazionale ”.

L’azione è stata condotta con successo dalle unità della Marina anche grazie allo stretto coordinamento con il Centro di Intelligence Interforze del Reparto Informazioni e Sicurezza che ha fornito un efficace e tempestivo supporto all’azione in mare. L’operazione Mare Nostrum ha portato, fino ad oggi, al salvataggio di più di 8000 migranti ed al fermo di 24 scafisti fino all’operazione odierna.

© All rights reserved
Fonte
: Stato Maggiore della Difesa
Foto: © Marina Militare


Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade