Annunci

Archivi tag: riciclaggio

Parma: gruppo criminale riciclava auto di lusso all’estero, arrestati dalla polizia

Parma, 25 ottobre 2014 – La Polizia di Stato di Parma ha eseguito 12 ordinanze di custodia cautelare in carcere e denunciato in stato di libertà ulteriori 106 persone, responsabili di associazione per delinquere, finalizzata al riciclaggio all’estero di veicoli di alta gamma e numerosi reati di falso.

Le indagini svolte dalla Squadra di Polizia Giudiziaria della Polizia Stradale di Parma, hanno preso le mosse dall’analisi delle denunce di furto di veicoli di alto valore commerciale che si erano registrate in città e nelle province limitrofe negli ultimi tempi e sono state possibili grazie alla collaborazione di altre forze di polizia comunitarie, con il coordinamento della Agenzia Europol della Unione Europea.

Durante l’operazione sono stati individuati 64 veicoli e 38 sono stati sequestrati, ed è stimato in circa 2.000.000 di euro il valore dei veicoli riciclati.

Gli investigatori hanno accertato che il gruppo criminale riciclava il veicolo ceduto illecitamente, dietro congruo compenso, da soggetti che ne avevano la disponibilità in forza di un contratto di locazione e che, successivamente, ne simulavano il furto predisponendone la falsa documentazione.

Il veicolo veniva poi rapidamente trasferito all’estero dove cittadini residenti in quei paesi provvedevano all’immediata immatricolazione in quello Stato ed ai successivi passaggi di proprietà e/o alla seconda immatricolazione in altro Stato, al fine di renderne impossibile il rintraccio.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato
(Questura di Parma)

 

Annunci

Maxi operazione della polizia stradale sulle attività di autodemolizione, molte le attività abusive

ACCERTATE DALLA STRADALE ATTIVITÀ DI RICETTAZIONE E DI RICICLAGGIO, SCOVATE ATTIVITÀ ABUSIVE ED ACCERTATI REATI AMBIENTALI 

Roma, 18 luglio 2014 – Le strutture investigative della Polizia Stradale hanno da poco portato a termine una maxi-operazione su tutto il territorio italiano, che rientra nel fitto calendario di impegni sul fronte della sicurezza stradale e del rispetto della legalità da parte degli esercizi pubblici in qualche modo connessi con la circolazione stradale.

Nei giorni scorsi, la Polizia Stradale tramite i propri operatori specializzati in attività di polizia giudiziaria, ha realizzato controlli amministrativi a tappeto sulle attività di autodemolizione con l’obiettivo di verificare gli aspetti autorizzativi, quelli di gestione dei procedimenti attinenti ai veicoli destinati alla cessazione dalla circolazione, di tutela ambientale e di prevenzione e repressione di reati contro il patrimonio.

92 esercizi, 315 persone e 3045 tra veicoli e parti di veicoli controllati hanno portato all’accertamento di 52 illeciti amministrativi e 43 penali e sono tuttora in corso accertamenti sui veicoli o parti di veicoli oggetto di controllo per scongiurare ulteriori illecite provenienze.

In particolare, sui 92 esercizi controllati, 5 sono risultati del tutto abusivi e, pertanto, i rispettivi gestori sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria e le strutture immediatamente sequestrate con apposizione di sigilli.

11 persone sono state denunciate per i reati di ricettazione e riciclaggio di veicoli, dando luogo al sequestro di motori di autovetture di illecita provenienza (motori Mercedes, Porsche, Audi, Fiat, Ford, ecc), con proposta di revoca dell’autorizzazione ad esercitare l’attività all’Autorità competente. L’attività criminale ed il modus operandi posti in essere dagli indagati consisteva essenzialmente nel ricettare veicoli provento di furti; successivamente i mezzi, anziché essere ceduti integri, venivano riciclati mediante commercializzazione dei singoli pezzi, abilmente smontati, in modo da rendere più difficoltoso risalire alla loro provenienza.

In 14 controlli sono emersi reati ambientali per abbandono o deposito in modo incontrollato di rifiuti, violazioni varie delle prescrizioni dell’autorizzazione (ad esempio per il superamento del quantitativo massimo di veicoli o parti di veicoli), smontaggio di veicoli prima di aver proceduto alla relativa operazione di bonifica per separare olii esausti, filtri olio, liquidi di raffreddamento, accumulatori, ecc.

La Polizia Stradale si è trovata di fronte a vere e proprie aree prive di depuratori e disoleatori con dispersione di rifiuti nel terreno e nel sistema fognario; depositi improvvisati di pneumatici e parti di veicoli a volte coperti da tettoie in eternit malandate. Non sono mancate pertanto le segnalazioni alle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (ARPA) nonché, in alcuni casi, ai Vigili del Fuoco per la mancanza del certificato di prevenzione incendi.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato

 


Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade