Annunci

Archivi tag: Raduno Nazionale degli Artiglieri d’Italia

Programma del XXIX Raduno Nazionale degli Artiglieri d’Italia che si terrà a maggio

Darfo Boario Terme (BS), 15 febbraio 2016 – A poco più di 2 mesi dall’inizio del XXIX Raduno Nazionale degli Artiglieri d’Italia, che si terrà a Darfo Boario Terme dal 5 all’8 maggio prossimi, è stato ufficializzato il programma degli appuntamenti, studiati per conciliare il carattere militare dell’evento, con le bellezze turistiche e culturali del territorio della Valle Camonica, per sottolineare ancora una volta la vicinanza fra l’Artiglieria e i cittadini.

Sono infatti previste visite guidate del territorio, momenti d’incontro nelle scuole, conferenze e proiezioni. Quello che si sta organizzando, non sarà soltanto il Raduno di un’Associazione d’Arma, ma una bella occasione d’incontro tra le Forze Armate e la società civile, uniti nel ricordare e celebrare valori fondamentali quali l’amor di Patria, il senso del rispetto e del dovere, l’onore alla Bandiera.

IL PROGRAMMA

5 maggio

A segnare l’inizio del Raduno, il 5 maggio, la cerimonia dell’arrivo del Medagliere Nazionale dell’Arma di Artiglieria, che verrà consegnato al sindaco di Darfo Boario Terme. Seguiranno una conferenza stampa e l’incontro con gli alunni della scuola media “G. Tovini” di Boario Terme, che presenteranno i loro elaborati sul tema della Prima Guerra Mondiale. Nell’occasione saranno consegnati attestati e oggetti ricordo alla scuola ed a singoli alunni.

Il pomeriggio, avrà un carattere strettamente culturale, con le conferenze “I forti della Grande Guerra”, del dott. Leonardo Malatesta, cui seguirà “La guerra bianca in Adamello”, del presidente del Museo della Guerra Bianca in Adamello, sig. Walter Belotti. Il tenente Emanuele Barini, presidente della Sezione Provinciale A.N.Art.I. di Sondrio –Morbegno, terrà un approfondimento sul Forte “Montecchio”. Le conferenze si terranno presso la Casa della Memoria, di Via Ghislandi 8.

6 maggio

Il 6 maggio, per meglio introdurre gli Artiglieri nel territorio della Valle Camonica, si terrà un visita guidata al Museo della “Guerra Bianca” di Temù, che annovera oltre 1500 oggetti recuperati direttamente nelle aree glaciali e periglaciali, che aiutano il visitatore a comprendere gli elementi più caratteristici della guerra in montagna. Nel corso della mattinata sarà reso omaggio congiunto con la Österreichisches Schwarzes Kreuz austriaca ai Sacrari Ponte di Legno, Vermiglio, Temù e di Ossana, che raccolgono le spoglie di militari italiani ed austriaci.

7 maggio

Il raduno entra nel vivo sabato 7, con l’inaugurazione della Targa, presso il Museo degli Alpini di Darfo Boario Terme, cui seguirà una visita al percorso espositivo e un approfondimento storico con proiezione di filmati. Nella mattinata è previsto l’arrivo della Bandiera di Guerra, che sarà accolta da una rappresentanza dell’A.N.Art.I. e lasciata in custodia alla Caserma dei Carabinieri di Darfo Boario Terme.

Nel pomeriggio, ci saranno l’Alzabandiera e la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti, cui seguirà la Santa Messa, celebrata dal Vescovo Ordinario Militare per l’Italia, S. E. Mons. Santo Marcianò, a suffragio dei Caduti di tutte le guerre. La serata sarà allietata dalle esibizione di cori e bande, militari e civili, con conclusivo rinfresco presso il Centro Congressi di Boario Terme.

8 maggio

Domenica 8 maggio si terrà, presso lo stadio comunale, la solenne cerimonia militare alla presenza delle Autorità civili e militari. Saranno schierati la banda, la batteria d’Onore, le rappresentanze dei Corpi Militari, le associazioni d’Arma ospiti, i Gonfaloni e il Medagliere. Dopo gli Onori alla Bandiera, le allocuzioni celebrative e la consegna di riconoscimenti avrà inizio la sfilata militare per le vie cittadine, che si concluderà sul Viale delle Terme. Ad arricchire la sfilata militare, anche i Gruppi dell’Artiglieria da Montagna, fra cui il II e il V, che saranno preceduti dai loro muli, a ricordare un rapporto ormai antico, ma sempre forte, nato sui duri sentieri della Prima Guerra Mondiale, dove uomo e animale condividevano le stesse fatiche e sofferenze.

È ufficiale anche la presenza della Féderation National d’Artillerie francese, della delegazione ANArtI di Melbourne, e di rappresentanze associative austriache, svizzere e spagnole, per rafforzare la fratellanza d’armi e lo spirito di cameratismo in un’Europa fondata sulla pace.

A seguire, il tradizionale “Rancio dell’Artigliere”, dopo il quale, nel tardo pomeriggio, l’ammainabandiera chiuderà ufficialmente il Raduno.

Il programma completo è consultabile sul sito dell’A.N.Art.I. http://www.assoartiglieri.it/

© All rights reserved
Fonte e immagini: Associazione Nazionale Artiglieri d'Italia
________________________________________________________________
Annunci

XXIX Raduno Nazionale degli Artiglieri d’Italia 2016, iniziati i preparativi

Un momento della sfilata del 23 giugno 2013 a Prato

Un momento della sfilata del 23 giugno 2013 a Prato

Darfo Boario Terme (BS), 31 luglio 2015 – Sono iniziati i preparativi per il XXIX Raduno Nazionale degli Artiglieri d’Italia del 2016.

“La memoria del passato ci guida al futuro”, questo il motto che racchiude lo spirito del XXIX Raduno Nazionale degli Artiglieri d’Italia, che dal 5 all’8 maggio 2016 porterà nella cittadina termale migliaia di Artiglieri in servizio e in congedo. Le parole che effigeranno il raduno rievocano, da un lato, gli avvenimenti della Prima Guerra Mondiale, occorsi cento anni fa, che interessarono il gruppo dell’Adamello, poco lontano da Darfo Boario, avvenimenti la cui memoria – nell’ottica del coraggio e del valore dimostrati dai soldati italiani dell’epoca -, deve servire a diffondere anche nelle generazioni future valori come l’amor di Patria e il senso dello Stato.

Il trasporto sulla cima dell'Adamello del 149A

Il trasporto sulla cima dell’Adamello del 149A

Dopo la parentesi toscana del 2013, quando l’Artiglieria festeggiò a Prato, il Raduno torna nell’Italia Settentrionale, terra dove l’Arma Dotta vanta una maggior tradizione e un più profondo radicamento. La decisione di assegnare il Raduno alla cittadina lombarda è stata adottata nel corso del Consiglio Nazionale dell’A.N.Art.I. svoltosi a Rimini dal 16 al 19 aprile 2015.

Il Raduno è stato pensato come un’occasione per rinsaldare l’unione fra la città e l’Esercito, e un doveroso omaggio alla memoria dei tanti valorosi combattenti che sono caduti per l’Italia, ma anche per dimostrare concretamente quello che è uno degli scopi della nostra Associazione, cioè di conservare ed incrementare la “fraternità d’armi” fra tutti gli Artiglieri in servizio ed in congedo.

In vista del Raduno, è stato composto l’organigramma del Comitato Esecutivo, che sarà presieduto dal dott. Giordano Pochintesta, in qualità di delegato regionale per la Lombardia. Al suo fianco, Adriano Pedersini, vice presidente dell’esecutivo ed incaricato dei rapporti istituzionali con il comune di Darfo Boario Terme; Costantino Peli, segretario; al loro fianco, i presidenti delle sezioni/federazioni provinciali, e varie figure professionali che ricoprono incarichi specifici, dagli affari legali ai rapporti con la stampa. È membro del comitato, in rappresentanza della presidenza nazionale, il generale di brigata Pierluigi Genta.

Evidenziati gli aspetti tecnici, sui quali si comincerà a lavorare a breve, il delegato regionale Pochintesta auspica la piena collaborazione delle istituzioni cittadine; in attesa di ottenere il patrocinio della Regione Lombardia e della Provincia di Brescia, il Raduno ha incassato il sostegno del Comune di Darfo Boario Terme e della Comunità Montana, al quale si auspica si possano aggiungere quello delle associazioni di categoria, per le quali il Raduno degli Artiglieri rappresenta un’occasione importante da un punto di vista economico.

Il 149A il cannone dell'Adamello detto l'ippopotamo

Il 149A il cannone dell’Adamello detto l’ippopotamo

Il Raduno avrà anche carattere internazionale. Oltre all’auspicata presenza della Sezione A.N.Art.I. di Melbourne, sono in corso i contatti per la partecipazione di rappresentanti francesi della Fédération Nationale de l’Artillerie, con la quale è in atto un gemellaggio, anche nel ricordo del supporto reciproco fra truppe italiane e francesi nel corso della Grande Guerra.

Oltre a rappresentanti militari francesi, si sta lavorando per far convergere a Darfo Boario anche quelli austriaci, un tempo avversari, ma oggi uniti nel comune ricordo dei Caduti, come già avvenuto il 23 e 24 maggio scorsi, nelle cerimonie di Udine e Redipuglia, e come si ripeterà sul Monte Grappa il prossimo 2 agosto.

Programma di massima dei principali appuntamenti del raduno:

  • giovedì 5 maggio, in Municipio, avrà luogo la consegna, al sindaco di Darfo Boario, del Medagliere dell’Artiglieria, che simboleggia la storia e il valore dell’Arma Dotta
  • venerdì 6 maggio, sarà depositata una corona presso il Sacrario del Passo del Tonale, seguita dalla cerimonia di deposizione a Ponte di Legno e Temù; qui, avrà luogo anche una visita al Museo della guerra bianca. Alla sera, si terrà una manifestazione musicale presso le terme di Boario.
  • sabato 7 maggio si apre ufficialmente il XXIX Raduno A.N.Art.I., con l’alzabandiera solenne e la deposizione di una corona al Sacrario Militare di Darfo Boario. Nel pomeriggio, si terrà la messa solenne, mentre alla sera un’esibizione della fanfara degli Alpini allieterà il centro cittadino.
  • domenica 8 maggio si terrà, presso lo stadio comunale, la solenne cerimonia militare alla presenza delle autorità civili e militari; dopo di che, avrà inizio la sfilata militare per le vie cittadine, che si concluderà sul Viale delle Terme. A seguire, il tradizionale “Rancio dell’Artigliere”, dopo il quale, nel tardo pomeriggio, l’ammainabandiera chiuderà ufficialmente il Raduno.

A sinistra il gen. Rocco Viglietta con il gen. Claudio Graziano, capo di Stato Maggiore dell’Esercito (ora capo di SMD) al Raduno Nazionale di Prato 2013

Il Raduno oltre a essere una prestigiosa vetrina per la città, è anche un momento di riflessione sui valori portati dall’Associazione, quali l’amor di Patria e lo spirito di corpo. Stringersi attorno alle Forze Armate, conoscerne storia e protagonisti, può essere un modo per sentirsi più italiani e acquisire un maggior senso della cittadinanza, e dell’Italia stessa.

Seguiranno altri aggiornamenti.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Associazione Nazionale Artiglieri d’Italia
(Niccolò Lucarelli  – addetto stampa A.N.Art.I.)


Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade