Annunci

Archivi tag: padova

Giornata della memoria a Padova, ricordate le vittime dei lager nazisti

Il COMFOP nord ricorda il “Giorno della memoria”.

ok_-Deposizione-della-corona

Padova, 29 gennaio 2018 – Si è celebrata oggi presso il Tempio dell’Internato Ignoto, alla presenza delle principali autorità civili e militari della città di Padova, il “Giorno della memoria”, annuale commemorazione in ricordo delle vittime dei lager tedeschi.

Durante la cerimonia, organizzata dal comune di Padova, dall’Associazione Nazionale ex Internati e dal Comando Forze Operative Nord, sono intervenuti il Sindaco della città patavina, dottor Sergio Giordani e il comandante delle Forze Operative Nord, generale di corpo d’armata Paolo Serra.

Intervento-del-Generale-Serra

Il generale Serra ha ricordato l’immane tragedia di cui gli ebrei furono vittime, ma ha voluto ricordare anche i numerosi italiani che con coraggio cercarono di opporsi “anche a costo della loro libertà e della loro vita“. Da questa tragedia, ha continuato il generale, il grande insegnamento che “possiamo trarre è quello di non dimenticare affinché eventi di questo tipo non debbano ripetersi“.

Alla cerimonia hanno partecipato numerosi studenti degli istituti superiori, il gonfalone dell’Università di Padova decorato di medaglia d’oro al valor militare, a rendere gli onori in armi un picchetto del 32° reggimento Trasmissioni.

© All rights reserved
Fonte e immaginiCOMFOP Nord 
_______________________________
Annunci

Immobili Difesa: caserma Piave passa all’università di Padova

Padova, 2 dicembre 2017 – Da sedime militare a campus universitario: il 29 novembre scorso la cerimonia per la sottoscrizione della pergamena tricolore di rappresentanza per consegna della caserma Piave all’università di Padova

46e35631-ea08-460a-b707-7d0a08246435001Medium

Il sottosegretario Alfano prende in consegna il tricolore della caserma ”Piave” ammainato per l’ultima volta

L’edificio della Caserma Piave è passato formalmente all’università di Padova, per diventare campus universitario nel cuore della città.

Nel corso della cerimonia svolta a Palazzo Bo, è stata sottoscritta la Pergamena Tricolore di rappresentanza della consegna, firmata dal Sottosegretario alla Difesa, Gioacchino Alfano, dal rettore dell’Università di Padova, Rosario Rizzuto, e dal direttore dell’agenzia del demanio, Roberto Reggi. Cerimonia alla quale hanno preso parte numerose autorità civili, militari e religiose.

Da sedime militare a campus universitario in pieno centro a Padova, è questa la metamorfosi che subirà il complesso di edifici che si estende per circa 51.000 metri quadrati.

A seguire, le autorità si sono spostate negli spazi della caserma, dove si è svolta la cerimonia militare. La bandiera italiana è stata consegnata dal Sottosegretario di Stato alla Difesa, Gioacchino Alfano, al Direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi e, da quest’ultimo, al Rettore dell’Ateneo padovano.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Stato Maggiore Difesa
___________________________________________

Continua “L’Esercito combatte” a Padova per ricordare la Grande Guerra

Padova, 24 maggio 2016 – Si è conclusa con il lancio dei paracadutisti la prima parte de “L’Esercito combatte” a Padova in piazza Prato della Valle. La giornata intensa di eventi è iniziata questa mattina ad Asiago con la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Sacrario Militare, nell’ambito delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra. Ad accogliere ed accompagnare il capo dello Stato, oltre al Ministro della Difesa Roberta Pinotti, al generale Claudio Graziano, capo di Stato Maggiore della Difesa, il generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, capo di Stato Maggiore dell’Esercito.

La visita si è svolta alla presenza di numerose autorità civili e militari e di una delle 11 delegazioni di studenti partite da tutta Italia (Caserta, Pordenone, Roma, Sassari, Messina, Udine, Gorizia, Livorno, Torino, Bologna, Lecce) nell’ambito dell’iniziativa “L’Esercito combatte”, che ha raggiunto i principali sacrari e cimiteri militari della Prima Guerra Mondiale (Pasubio, Pocol, Asiago, Monte Grappa, Montello, Fagarè, Oslavia, Caporetto, Redipuglia, Prosecco e Monte San Michele).

Dalle 14.00, in piazza Prato della Valle, si è svolta l’attività “Esercito e giovani” e “L’Esercito in piazza”, con la presenza di numerosi stand e mezzi dell’Esercito attualmente impiegati, tra cui un elicottero A-129 Mangusta, un sistema lanciarazzi MLRS, una finta parete di roccia degli alpini, la palestra fitness dei paracadutisti, una blindo e un carro armato. Il lancio di paracadutisti dell’Esercito alle 17.00 ha tenuto tutta la piazza con il naso all’insù per ammirare la discesa della bandiera italiana in Piazza con il nuovo marchio dell’Esercito e la neonata Mascotte, Lupo Vittorio.

È proprio lui la novità nazionale della manifestazione di Padova, Lupo Vittorio, un giovane allievo della scuola militare italiana che sogna di diventare un militare dell’Esercito Italiano perché questo per lui significa essere davvero utile agli altri, alla pari della Forza Armata che è una risorsa per il Paese. Presenti insieme alle autorità civili il capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Claudio Graziano e dell’Esercito il generale di c.a. Danilo Errico che a margine della manifestazione rispondendo alle domande dei giornalisti, ha sottolineato che “l’Esercito è l’espressione della collettività nazionale, un popolo in uniforme; le nuove tecnologie ci consentono di operare in un contesto diverso, siamo all’estero in quei Paesi dove c’è la necessità di ristabilire e ricostruire le istituzioni e l’unità“. E poi ha concluso “con il nostro mestiere ripetiamo quello che hanno fatto i nostri nonni con l’Italia, noi aiutiamo questi Paesi a ritrovare se stessi“.

La giornata di celebrazioni si concluderà questa sera alle 20.45 con lo spettacolo al Teatro Verdi dal titolo “L’Esercito combatte: suoni e memorie della Grande Guerra” e domani in piazza Prato della Valle di Padova si replica dalle 09:30 alle 18:00.

Il progetto “L’Esercito combatte” è stato realizzato grazie alla collaborazione tra l’Esercito Italiano e il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, con l’obiettivo di far conoscere e far vedere da vicino ai giovani studenti i luoghi simbolo del conflitto, al fine di diffondere la conoscenza storica e culturale della Grande Guerra. Tra le iniziative de “L’Esercito Combatte” anche il concorso grafico “La Grande Guerra a colori” con l’obiettivo di stimolare i giovani a raccontare attraverso il disegno eventi o situazioni legate alle Grande Guerra. I lavori che perverranno saranno selezionati da una commissione composta da rappresentanti del MIUR e dell’Esercito e i vincitori saranno premiati con la pubblicazione dei lavori sul sito www.esercito.difesa.it in una pagina dedicata.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito
_________________________________________________

Polizia, Padova: l’ispettore Rosario Sanarico rimane incastrato perlustrando il fondale del Brenta per cercare il corpo di Isabella Noventa

Padova, 20 febbraio 2016 – Rosario Sanarico detto Sasà, sub del Centro nautico Ispettore Capo della Polizia di Stato di La Spezia, è rimasto incastrato mentre stava perlustrando il fondale del Brenta a Padova. Era in immersione alla ricerca del corpo di Isabella Noventa. Rosario era molto amato per la sua grande disponibilità e generosità con tutti. Sasà, 52 anni, lascia la moglie e due figli: una ragazza di 26 anni e un bambino di 7 anni. Così si legge sulla pagina Facebook della polizia postale “Una vita da social”, pagina molto seguita sul social network.

Ma chi era Rosario Sanarico?

Rosario Sanarico era nato a Napoli il 10 ottobre del 1963 e dopo essere entrato in Polizia non ancora ventenne, nel 1984 era stato assegnato al Centro Nautico e Sommozzatori della Polizia di Stato di La Spezia. Qui ha frequentato il corso per operatore subacqueo come primo passo di una lunga serie di abilitazioni professionali conseguite in questo particolare settore operativo che lo hanno portato ad assumere incarichi di crescente importanza nell’ambito del nucleo sommozzatori del CNeS di La Spezia.


Nel corso della sua trentennale attività, aveva acquisito una notevolissima esperienza partecipando ad un gran numero d’interventi, spesso svolti in condizioni ambientali molto difficili, come ad esempio i soccorsi in occasione del naufragio della Costa Concordia, tanto da diventare uno dei sommozzatori della Polizia più esperti e apprezzati anche fuori dall’ambiente professionale per il suo carattere generoso e leale.
Il suo curriculum professionale vanta anche numerosi riconoscimenti conseguiti per l’attività svolta tra cui l’Attestato di Pubblica Benemerenza” come testimonianza per l´opera e l’impegno prestato in interventi di protezione civile.
Per le sue spiccate doti umane e professionali “Sasà” Sanarico era considerato dai dirigenti del Centro Nautico di La Spezia un prezioso collaboratore  ed era diventato un punto di riferimento per tutti i sommozzatori della Polizia di Stato.
Lascia la moglie Antonella ed i figli Alessio ed Annavera.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Polizia di Stato
_____________________________________

Padova: la Difesa al campionato italiano di para-archery

Ten. Col. Roberto Punzo del GSPD con il presidente della FITARCO, Mario Scarzella

Ten. Col. Roberto Punzo del GSPD con il presidente della FITARCO, Mario Scarzella

Padova, 11 luglio 2015 – Il Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa (GSPD) consegue un altro significativo risultato nella promozione dell’attività sportiva per il personale della Difesa con disabilità, partecipando ufficialmente per la prima volta ai campionati italiani di para-archery, sulla distanza dei 70 metri.

A Padova, infatti, è iniziato questa mattina il XXVIII campionato italiano organizzato dalla Federazione Italiana Tiro con l’Arco (FITARCO) e il GSPD è presente con i suoi colori, a testimonianza concreta e fattiva della determinazione della Forze Armate a proseguire nella valorizzazione dello sport paralimpico, quale modo di pensare e di agire per la crescita della cultura della difesa e delle crescita sociale delle persone con disabilità.

Si tratta di una sfida culturale e sociale che il Ministro e lo Stato Maggiore della Difesa, in collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico (CIP), stanno portando avanti per il bene della comunità nazionale, sulla base di protocolli di intesa siglati a partire dal dicembre 2013, coerentemente ai valori che ispirano le Forze Armate, parte integrante della società civile italiana.

Il Ten. Col. Roberto Punzo del GSPD con la medaglia d'oro nel tiro con l'arco alle Paralimpiadi di Londra 2012, Oscar De Pellegrin.

Il Ten. Col. Roberto Punzo del GSPD con la medaglia d’oro nel tiro con l’arco alle Paralimpiadi di Londra 2012, Oscar De Pellegrin.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa

Padova: lagunari e carabinieri collaborano in un sequestro di droga

Padova, i militari di Strade Sicure, collaborano insieme ai carabinieri a un sequestro di droga​​

Padova, 1 aprile 2015 – Nel pomeriggio di ieri 31 marzo, una pattuglia di carabinieri in servizio nel centro di Padova, dopo aver notato due individui in atteggiamento sospetto, ha iniziato ad inseguirli chiedendo il sostegno di due pattuglie di lagunari impegnate nell’ambito dell’operazione Strada Sicure che si trovavano nell’area della stazione ferroviaria della città.

Uno dei soggetti sospetti, alla vista del personale delle Forze dell’Ordine, si è dato immediatamente alla fuga. I carabinieri e i lagunari lo hanno quindi inseguito riuscendo ad immobilizzarlo poco dopo. Nell’auto sono stati trovati 25 gr. di marjuana e numerose banconote di piccolo taglio.

L’uomo è stato quindi identificato, si tratta di uno straniero con regolare permesso di soggiorno, ed è stato accompagnato presso il comando provinciale dei carabinieri di Padova per la formale contestazione degli addebiti.

È dal 16 marzo che i Lagunari operano nella città del Santo in controlli antiterrorismo nell’ambito dell’operazione Strade Sicure.

© All rights reserved
Fonte e immagine: COMFOTER

Padova: cerimonia commemorativa in ricordo dei martiri giuliano-dalmati delle foibe

Padova, 11 febbraio 2015 – Si è svolta, a Palazzo Moroni, sede del Municipio, la tradizionale cerimonia commemorativa in occasione del Giorno del Ricordo, evento organizzato dal comune di Padova in collaborazione con il Comando Forze di Difesa Interregionale Nord (COMFODI-NORD).

Alla cerimonia hanno partecipato il vice comandante dell’alto comando di Padova, generale di divisione Gianfranco Rossi, le autorità civili e militari della città ed il presidente dell’associazione nazionale Venezia Giulia Dalmazia (A.N.V.G.D) prof.ssa Italia Giacca. Presenti numerosi labari delle associazioni combattentistiche e d’arma nonché i gonfaloni della Provincia, del Comune e dell’università di Padova, unico ateneo italiano decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Un picchetto in armi del 32° reggimento trasmissioni e la fanfara dei bersaglieri in congedo della sezione di Padova, hanno reso gli onori militari. La cerimonia, iniziata con l’alzabandiera, si è conclusa con gli interventi del sindaco di Padova, dott. Massimo Bitonci, e del presidente dell’associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, eventi, questi, preceduti dalla deposizione di una corona d’alloro in memoria dei martiri giuliano-dalmati.

© All rights reserved
Fonte: COMFOTER

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade