Annunci

Archivi tag: NATO

NATO: 64° seminario dell’associazione Anciens del NDC dedicato al “NATO and information warfare in the post-truth era”

131_64AnciesnSeminar_5_0

Roma, 20 Ottobre 2017 – L’associazione Anciens del NATO Defense College, ovvero l’associazione formata dagli ex frequentatori anche quest’anno si è riunita nelle sede del NATO Defense College di Roma per la 64esima edizione, appuntamento che ricorre dal 1954.

“NATO and information warfare in the post-truth era”, è il titolo della conferenza di quest’anno che ha affrontato un tema cruciale dell’attualità e delle relazioni internazionali. Oltre 120 gli ufficiali e i membri dell’associazione che hanno presenziato al seminario.

Il comandante del NDC, generale di corpo d’armata Chris Whitecross, ha aperto i lavori con un discorso inaugurale nel quale ha evidenziato l’importanza e l’attualità del tema prescelto in relazione alle situazioni di instabilità che caratterizzano il sistema internazionale, una concreta minaccia per la sicurezza dell’Alleanza, sottolineando che “La posta in gioco è la nostra idea di libertà”.

131_64AnciesnSeminar_2a_0

Il generale Whitecross ha poi presentato gli autorevoli ospiti, provenienti dal mondo militare e dell’informazione: il dott. Matthew Fisher, editorialista di Postmedia’s International Affairs, che ha tenuto l’intervento iniziale; il dott. Keir Giles, direttore del Conflict Studies Research Center nel Regno Unito; il dott. Peter Pomerantsev, giornalista, autore e produttore Tv; il dott. Jamie Shea, Deputy Assistant Secretary General  for Emerging Security Challenges presso il quartier generale della NATO a Brussels ed infine il dott. Nik Gowing, Visiting Professor in War Studies presso il Kings College di Londra, moderatore degli interventi e del dibattito seguente.

I relatori hanno affrontato il tema da differenti punti di vista in considerazione della sua complessità e della sua ricaduta nell’ambito dell’Alleanza.

Nel suo intervento, Matthew Fisher ha esposto tutte le sfide ed i problemi posti dalla guerra ibrida, sottolineando come l’Occidente non abbia ancora reagito ai pericoli posti dalla manipolazione delle informazioni. “Nessuno ha ancora dato una definizione precisa di fake news ma le loro conseguenze sono difficili da misurare con metodi convenzionali” ha detto Fisher, aggiungendo che “stiamo perdendo questa guerra perché non la stiamo affrontando affatto”.

Keir Giles ha fatto eco a queste parole aggiungendo che “la consapevolezza si rivela cruciale nel contesto della manipolazione delle informazioni, e cruciale è anche la diffusione di questa consapevolezza”.

Peter Pomerantsev ha invece illustrato come al giorno d’oggi non sia più necessario far apparire come vere le falsità, dal momento che nei meandri di Internet ogni messaggio otterrà comunque l’effetto sperato nelle comunità interessate.

Il dott. Jamie Shea si è invece soffermato sul concetto di resilienza: “Le guerre ibride hanno senso solo se al contempo c’è una situazione di vulnerabilità e rimedio alla vulnerabilità è proprio lo sviluppo dell’idea di resilienza”.

____ . ____ . ____ . ____ . ____

Al momento, l’associazione Anciens conta oltre 7000 membri in tutto il mondo. Molti di loro occupano posizioni di grande responsabilità a livello nazionale ed internazionale, a testimonianza degli altissimi livelli educativi raggiunti dal NATO Defense College e del prestigio di cui gode tra i Paesi Membri e quelli Partner.

© All rights reserved
Fonte e immagini: NATO Defense College
____________________________________________
Annunci

“Brilliant Ledger 2017”: NRDC-ITA pronta a ricoprire il ruolo di componente terrestre della eNRF 2018

41141bf4-acb4-4bcc-862e-9e62df9a717d08Medium

Solbiate Olona (VA), 12 ottobre 2017 – NRDC-ITA (Nato Defence Deployable Corp – Italia) ha appena concluso la “Brilliant Ledger 2017”,  un’esercitazione per posti comando costruita su uno scenario complesso, in grado di replicare gli aspetti più delicati delle crisi e dei conflitti moderni. Le attività si sono svolte in più sedi:  il comando NRDC-ITA si è schierato presso la caserma “Valentino Babini” di Bellinzago Novarese, mentre  il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito di Civitavecchia, schierato con la propria linea di comando, ha sovrainteso alla direzione dell’esercitazione dalla caserma “Ugo Mara” di Solbiate Olona.

Scopo della “Brilliant Ledger” è stato quello di verificare la capacità del NRDC-ITA nella pianificazione e condotta di operazioni ad elevata intensità quale componente terrestre della nuova enhanced NATO Response Force (eNRF).

f20c45d5-4e3a-4a10-b25b-f377343e121f03Medium

L’eNRF è uno strumento militare di reazione rapida “avanzato” che, per velocità di intervento e capacità operative schierabili, consente all’alleanza di fronteggiare con immediatezza qualsiasi minaccia in nome della difesa collettiva ovvero di rispondere alle crisi internazionali, con tempi di schieramento brevissimi. NRDC-ITA ricoprirà il ruolo di Land Component Command (LCC) nel 2018, come previsto dal piano di turnazione nel lungo periodo degli assetti NATO.

In particolare, nell’ambito della eNRF, NRDC-ITA deterrà il comando e controllo della parte terrestre della Very Hight Readiness Joint Task Force (VJTF), il cui compito è assicurare la prima e immediata risposta della NATO a possibili minacce, con la capacità di schierare l’intero dispositivo militare tra i 5 e i 15 giorni dal preavviso d’ordine. La VJTF è costituita da un “pacchetto” di Forze multinazionali ad elevata prontezza operativa, con cui l’Alleanza ha potenziato la struttura della NRF. Questo dispositivo è inoltre supportato da una componente aerea, una marittima e da forze speciali.

Un team di oltre 40 valutatori tratti dal comando terrestre alleato di Smirne (Turchia) ha sovrinteso alla valutazione della prontezza operativa del Comando, la cui fase conclusiva si è svolta proprio durante la “Brilliant Ledger 2017”. Tale valutazione, una cui prima fase è stata condotta dal 11 al 15 settembre presso la sede di Solbiate Olona, ha rappresentato un momento fondamentale durante il quale fare emergere punti di forza e margini di miglioramento delle procedure.

ee5aa91e-cae0-460e-abc4-8144ef4ac849anteprimaMedium

Un totale di circa 1000 militari ha preso parte alla “Brilliant Ledger 2017”. Tra essi, oltre ai 400 militari nazionali e di altri 14 paesi alleati dello staff del NRDC-ITA, presenti anche circa 200 militari in supporto sia per le attività di pianificazione operativa sia per l’esercizio di alcune funzioni (quali comunicazioni operative, forze speciali, cooperazione civili-militari) appartenenti a diversi assetti specialistici dell’Esercito. Ben 85 i reparti dell’Esercito e delle altre forze armate nazionali e alleate che hanno fornito personale in supporto.

Le comunicazioni e il flusso di informazioni per il mantenimento della capacità di comando e controllo del NRDC-ITA è stata assicurata, secondo gli ultimi standard tecnologici, dal 1° Reggimento Trasmissioni di Milano. Il Reggimento Supporto Tattico Logistico (RESTAL) al NRDC-ITA ha realizzato invece le strutture logistiche e supporto allo schieramento.

Schierato anche il posto comando “digitalizzato” in dotazione alla Brigata Pinerolo. Si tratta di uno strumento che consente l’aggiornamento dinamico della situazione operativa (situational awareness) in tempo reale grazie all’integrazione dei sensori, dei mezzi da combattimento e dei singoli soldati, permettendo di abbattere i tempi di comunicazione e di acquisizione delle informazioni.

In occasione della fase conclusiva della “Brilliant Ledger”, alcune autorità della NATO e delle Forze Armate italiane hanno visitato l’area dello schieramento del NRDC-ITA. In particolare, il presidente dell’assemblea parlamentare NATO, on. Paolo Alli, durante la visita al posto comando del NRDC-ITA, ha espresso ammirazione per la competenza e la professionalità dimostrate dal personale esercitato sotto la guida del comando di Solbiate Olona, esempio di eccellenza nazionale al servizio dell’alleanza. Il tutto comprovato da risultati eccellenti al termine delle prove valutative.

123cf754-5dc3-45a9-a028-4a938c8e054a02Medium

Presente anche il gen. c.a. Salvatore Farina, comandante del Joint Force Command (JFC) della NATO in Brunssum (Olanda), il quale ha particolarmente apprezzato l’organizzazione e i sistemi schierati sul campo e le eccezionali capacità dello staff e del command group. Il gen. Farina ha inoltre dichiarato che “NRDC-ITA è una risorsa importantissima per la NATO, per le Forze Armate italiane e per la salvaguardia della pace e della sicurezza nell’area euroatlantica and beyond“.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Difesa
____________________________________________

Forum internazionale dei comandanti delle unità specializzate in cooperazione civile-militare della NATO al Multinational CIMIC Group

Schermata 09-2458023 alle 22.11.12
Oderzo, 26 settembre 2017 – Si è svolta oggi a Oderzo, nella prestigiosa cornice di Palazzo Foscolo, la prima delle due giornate in programma per il 10° Forum Internazionale dei comandanti delle unità specializzate in Cooperazione Civile-Militare (CIMIC – Civil Military Cooperation) della NATO organizzato dal Multinational CIMIC Group (MNCG) di Motta di Livenza su delega del Supreme Headquarters Allied Powers Europe (SHAPE).

L’evento, che ha riunito 49 tra comandanti delle unità NATO e membri del Partnership for Peace (PfP) nonché specialisti del settore provenienti da 19 Paesi, è stato un’occasione per condividere con autorità civili, rappresentanti degli atenei di Padova e Verona, della Croce Rossa Italiana e rappresentanti della stampa, un momento di confronto internazionale su tematiche afferenti alla cooperazione e all’interazione fra la componente civile e quella militare oramai fattore imprescindibile in tutti gli scenari operativi.

Schermata 09-2458023 alle 22.10.44

Oggetto di discussione è stata quest’anno la Cooperazione Civile-Militare nell’ambito delle cosiddette operazioni “Articolo 5”, ossia quelle azioni intraprese dai Paesi dell’Alleanza Atlantica in termini di difesa collettiva e reazione ad un attacco armato. Al forum hanno preso parte, in qualità di relatori, il generale Vincenzo Camporini, già capo di Stato Maggiore della Difesa e attuale vice presidente dell’Istituto Affari Internazionali (IAI), e il generale Toon van Loon già comandante del 1° German/Dutch Corps con pluriennale esperienza nei Comandi NATO. Nel corso del suo intervento, il generale Camporini ha sottolineato l’importanza e la necessità di conoscere profondamente i costumi, le tradizioni, la cultura e, più in generale, l’ambiente in cui si deve operare al fine di sviluppare la capacità di interagire con le molteplici e diversificate entità civili con cui l’operatore CIMIC deve interfacciarsi. Inoltre, l’ex capo di Stato Maggiore della Difesa ha evidenziato la necessità di sviluppare la funzione CIMIC a prescindere dal contesto operativo di riferimento, sia questo di Crisis Responce Operation o Art. 5 Operation.

L’Italia dal 2002 si è dotata di un’unità specializzata in Cooperazione Civile-Militare, il Multinational CIMIC Group, Interforze a guida Esercito e multinazionale affiliata alla NATO, con i contributi di Grecia, Portogallo, Romania, Slovenia e Ungheria in grado di intervenire in tutto lo spettro dei conflitti. La capacità di interagire con tutti gli attori civili coinvolti nel conflitto, dalle autorità locali alle organizzazioni internazionali, dalle organizzazioni governative a quelle non governative, ai media, disponendo del miglior livello di conoscenza possibile ed effettuando una valutazione costante dell’ambiente socio-culturale, consente di acquisire e mantenere il consenso della popolazione civile e, al contempo, perseguire, nel quadro di un contesto il più collaborativo possibile, il massimo livello di interazione al fine di coordinare gli sforzi (ad esempio relativi alla realizzazione di progetti formativi, infrastrutturali, di sviluppo economico etc.) e favorire ogni azione funzionale al raggiungimento della missione.

Schermata 09-2458023 alle 22.10.05

Il Multinational CIMIC Group fornisce attualmente assetti in tutte le principali missioni che vedono impegnati contingenti italiani, dal Libano al Kosovo, dall’Afghanistan alla Somalia ed inoltre per l’operazione EUNAVFORMED.

Il comando multinazionale di Motta di Livenza è, inoltre, in ambito Difesa, l’unico polo di formazione per la funzione CIMIC: ad oggi sono circa 1400 gli studenti, delle varie Forze Armate e stranieri, passati dai banchi del Multinational CIMIC Group, a testimonianza di un’offerta didattica sempre più aderente alle esigenze formative degli specialisti che operano nei sempre più mutevoli scenari operativi.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Multinational CIMIC Group
________________________________________________

NATO Defense College: inaugurato dal generale Farina il 18° NATO Regional Cooperation Course

NDC_0195

Roma, 18 Settembre 2017Inaguration lecture del generale Salvatore Farina per il 18° NATO Regional Cooperation Course (NRCC 18) presso il NATO Defense College.

Oggi, al NATO Defense College di Roma, si ѐ tenuta la cerimonia di inaugurazione della diciottesima edizione del NATO Regional Cooperation Course (NRCC 18).

Per l’occasione, il generale Chris Whitecross, comandante del NDC, ha dato il benvenuto al generale Salvatore Farina, comandante del NATO Joint Forces Command di Brunssum (Olanda), il quale ha presieduto l’evento con un “Inauguration lecture” nell’Auditorium del college.

NDC_0209

Il NRCC è stato istituito il 2009, e da allora ha sottolineato il generale Whitecross, è stato riconosciuto dai leader NATO come una pietra miliare dell’impegno dell’Alleanza nei confronti dei Paesi Partner.

Il corso NRCC, uno dei programmi educativi più importanti offerti dal NDC, annovera questa volta 46 partecipanti provenienti da 20 Paesi, tra cui Stati Membri della NATO, paesi aderenti al Programma Partnership for Peace (PfP), al programma Mediterranean Dialogue (MD), alla Istanbul Cooperation Initiative (ICI) e membri appartenenti ad altri Paesi Partner.

Gli obiettivi del corso comprendono il rafforzamento del dialogo e della cooperazione internazionale in merito alla sicurezza e alla stabilità della regione Medio Orientale: la diffusione della conoscenza riguardo la realtà storico-politica dell’area: lo sviluppo della capacità analitica dei partecipanti attraverso discussioni e dibattiti e l’analisi dei punti chiave riguardanti la relazione tra l’Alleanza Atlantica ed il Medio Oriente. Nel sottolineare questi propositi, il comandante del college ha inoltre ricordato come non vi sia alcun dubbio che la stabilità e la sicurezza dei paesi NATO sia cruciale per il resto del mondo e dunque lo stesso principio valga per il Medio Oriente e i suoi partners.

Successivamente il comandante ha dato la parola al generale Farina, oratore principale dell’evento, per la sua lezione inaugurale.

NDC_0222

Durante il suo intervento il generale Farina ha illustrato il processo di adattamento dell’alleanza per fronteggiare le nuove sfide, offrendo la prospettiva del comandante operativo joint di Brunssum.

In particolare nell’esporre il focus dei 3 Core Tasks della NATO: Collective Defence, Crisis Response Operations e Cooperative Security il generale Farina ha sottolineato come a fattor comune la prevenzione, la dissuasione e il dialogo debbano sempre accompagnare qualsiasi misura di adattamento dell’Alleanza.

Altrettanto importante il ruolo della NATO nella Cooperative Security e nel supporto alla lotta contro il terrorismo.

Si dovranno quindi prevedere forze credibili, pronte e ben addestrate unitamente a chiari messaggi ed iniziative non escalatorie e non provocative.

Infine, rispondendo a specifici quesiti il comandante di JFC Brunssum ha elogiato la decisione di costituire l’HUB for the south in seno al comando “gemello” di Napoli, riconoscimento dell’iniziativa dei Paesi del fianco sud e chiaro successo della leadership italiana nel portare avanti detta proposta.

© All rights reserced
Fonte e immagini: NATO Defense College
_______________________________________

Difesa: terminata l’esercitazione Vigorous Warrior 2017

e25f7c79-1eca-4d08-8f44-e3f3a3fb33ff6Medium

Berlino, 15 settembre 2017 – Si è conclusa oggi la Vigorous Warrior, l’esercitazione sanitaria svoltasi in Germania dal 3 al 15 settembre e a cui hanno partecipato oltre mille militari delle Forze Armate dei Paesi NATO e di alcuni partner.

Nella mattinata, i team sanitari interforze e multinazionali, che in queste due settimane si sono addestrati fianco a fianco, sono stati impegnati in una esercitazione finale. La prova è consistita in attivazioni multiple, in cui più feriti dovevano essere recuperati e stabilizzati sul campo di battaglia da ambulance team per poi essere trasportati e ricoverati nei reparti dell’ospedale da campo ROLE 2.

7ae379cb-6613-4d99-8002-9e64433bcb172Medium

L’esercitazione finale è coincisa con il Distinguished Visitors Day, dove numerosi ospiti civili e militari hanno assistito alla fase dimostrativa e visitato le diverse strutture. Presenti anche molti addetti per la Difesa – dei Paesi NATO e non – in Germania, direttori delle Sanità Militari nonché esponenti del mondo accademico ed istituzionale.

Per l’Italia erano presenti il vice direttore generale della Sanità Militare (IGESAN), il generale di divisione Nicola Sebastiani e l’addetto militare per la Difesa, generale di brigata aerea Danilo Morando. Il generale Sebastiani, dopo aver assistito alla prova finale e aver visitato le strutture allestite, ha incontrato il personale italiano e con quello del Multinational Medical Joint Training Center (M2JTC),  ai quali ha espresso la sua soddisfazione: “L’M2JTC è un chiaro esempio di struttura interforze e multinazionale che sta riscuotendo grande successo a livello internazionale. Avere un Centro in grado di addestrare e validare team sanitari, composti da personale e mezzi di diversi Paesi rendendoli pienamente operativi, ci consente di guardare ben oltre la Vigorous Warrior e di porci come riferimento nel contesto internazionale”. La stessa soddisfazione è stata espressa dalla direzione valutatrice dell’esercitazione che ha riportato nel suo giudizio finale “l’M2JTC sta conducendo l’addestramento multinazionale verso il futuro”.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Difesa
__________________________________________

Inaugurazione del 131 Senior Course al NATO Defense College 

NDC_9910
Roma, 5 Settembre 2017 – Si è svolta oggi al NATO Defense College di Roma la cerimonia inaugurale del 131° Senior Course. La cerimonia è stata presieduta dal Generale Knud Bartels già capo del Comitato Militare della NATO dal 2012 al 2015 che è stato accolto, preside del College unitamente all’intero staff. 

NDC_9931
Nel suo discorso, il brigadiere generale František Mičánek ha richiamato la lunga storia dell’Alleanza Atlkantica sottolineando la sua capacità di mutare nel tempo e di adattarsi a contesti internazionali sempre piú complessi grazie anche al suo allargamento da 12 a 29 Paesi membri. 

NDC_9896
Al Senior Course, della durata di sei mesi, partecipano 66 frequentatori (militari e funzionari pubblici) di 31 paesi, Il corso di alta valenza strategica in termini di formazione e ricerca, ha l’obiettivo di ampliare la conoscenza della NATO nel contesto internazionale di sicurezza. 

© All rights reserved

NATO: cerimonia di fine corso per i frequentatori del 130 Senior Course al Defense College di Roma

Roma 21 Luglio 2017 – Oggi, con la “Graduation Ceremony” si è concluso il 130̊ Senior Course frequentato negli ultimi sei mesi da 54 tra ufficiali e diplomatici provenienti da 19 Paesi dell’Alleanza.

Admiral M.HOWARD adressing the speach 2

L’ammiraglio Michelle Howard, comandante del comando alleato interforze di Napoli, accolta dal comandante del Nato Defense College, il generale di corpo d’armata canadese Chris Whitecross ha presieduto la cerimonia.

Presenti, inoltre, all’evento numerosi ambasciatori dei Paesi alleati e partner, insieme ad importanti autorità militari italiane.

Il generale Whitecross, comandante del NATO Defense College ha sottolineato sia l’importante impegno e gli studi condotti dai frequentatori del Senior Course e sia la loro partecipazione ai tre “Field Study” all’estero dove hanno avuto l’opportunità di conoscere le principali capitali europee, dell’America del Nord e del Canada e di visitare i Ministeri della Difesa e i principali comandi militari dei Paesi Alleati e partners.

Inoltre, il generale Whitecross ha evidenziato come la frequenza di questo corso ha consentito di acquisire le necessarie conoscenze e stimoli per affrontare al meglio i principali dibattiti dalle questioni inerenti al ruolo della NATO, della sicurezza internazionale, alle questioni regionali e mondiali con autorevoli personalità provenienti dal mondo accademico.

L’ammiraglio Howard nel suo discorso ha sottolineato a 360 gradi, l’importanza del comando di Napoli posto alle sue dipendenze, il Joint Force Command che, soprattutto nell’ultimo anno sta assumendo una crescente importanza nello scenario strategico del Mediterraneo e si sta trasformando sotto la guida strategica della NATO nel nuovo hub meridionale dell’Alleanza in grado di fronteggiare le attuali e le future sfide riguardanti la sicurezza globale.

Delivering Diplomas

Il Senior Course è la principale attività accademica del Nato Defence College. Si svolge due volte all’anno e comprende diversi periodi di studio, nonché viaggi di istruzione all’estero (cosiddetti “Field study”) nei principali Paesi della NATO e nei paesi Partner.

© All right reserved
Fonte e immagini: NATO defence college
___________________________________________

 


Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade