Archivi tag: montecitorio

Omaggio al tricolore con la Banda Musicale della Polizia di Stato a Montecitorio, interviene on. Carfagna (video)

schermata 2019-01-14 alle 12.50.12

Roma, 14 gennaio 2019 – Per rendere omaggio al Tricolore quest’anno il presidente dell’Associazione Nazionale insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (ANCRI) Tommaso Bove e il prefetto Francesco Tagliente, nella veste di delegato ai rapporti istituzionali del sodalizio, hanno puntato a un alto profilo istituzionale.

Nell’ambito dell’evento “Montecitorio a porte aperte”, in Aula Montecitorio, la Banda Musicale della Polizia di Stato, diretta dal Maestro Maurizio Billi, lo storico del Risorgimento Michele D’Andrea nella veste di narratore ed il tenore Francesco Grollo, che ha accompagnato  gli orchestrali nella esecuzione del Canto degli Italiani e di altri brani, hanno intrattenuto i molti cittadini presenti con un concerto dedicato alla Bandiera Italiana.

schermata 2019-01-14 alle 12.49.51

Tantissimi i rappresentanti delle istituzioni presenti al concerto celebrativo nell’Aula della Camera. Oltre alla vice presidente della Camera on. Mara Carfagna, sono intervenuti tra gli altri il prefetto Luigi Savina, vice direttore generale della Pubblica Sicurezza con funzioni vicarie, in rappresentanza del capo della Polizia Franco Gabrielli; il generale Ilio Ciceri in rappresentanza del comandante generale dei Carabinieri; il generale Salvatore Tatta delegato dal comandante generale della Guardia di Finanza; il generale Antonio Bettelli delegato dal capo di Stato Maggiore dell’Esercito; il contrammiraglio Massimo Martucci in rappresentanza del capo di Stato Maggiore della Marina; il generale Basilio Di Martino delegato dal capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica; il generale Domenico Rossi ex sottosegretario di Stato del Ministero della Difesa; il prefetto Maria Teresa Sempreviva; il generale Francesco Gargano comandante provinciale Carabinieri Roma;  i generali dell’Aeronautica Settimo Caputo, Achille Cazzaniga e Leonardo Tricarico; i questori Roberto Massucci e Lorenzo Suraci; il vicario del questore di Roma Giovanni Scali e gli ex responsabili del cerimoniale di Palazzo Chigi Ilva Sapora ed Eugenio Ficorilli.

Consistente anche la partecipazione del mondo accademico come il neuro scienziato Pietro Pietrini direttore della Scuola IMT Alti Studi di Lucca, il prof. Guido Melis, l’ing. Paolo Ghezzi e prof. Salvatore Sfrecola cosi come la delegazione dei Rotariani e Lyons laziali e Toscani con Patrizia Cardone, Franco Angotti, Arrigo Rispoli, Antonio Nicotra, Sandro Addario, Patrizio Giaconi, Eugenio Ficorilli e tanti altri.

Presenti moltissimi ragazzi di scuole romane e di altre regioni accompagnati da insegnanti, genitori e nonni. E ancora, personaggi dello spettacolo e della comunicazione come Osvaldo Bevilacqua e Rino Barillari.

Tra i rappresentanti dell’ANCRI, oltre al presidente onorario Antonio Alderisio erano presenti circa 200 associati provenienti da 16 Regioni in rappresentanza delle 75 strutture territoriali. Presente anche il responsabile della delegazione di Cipro, in rappresentanza delle 12 delegazioni estere dell’ANCRI.

Nel suo intervento l’on. Carfagna elogia l’operato delle Forze dell’Ordine.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Polizia di Stato
______________________________________

Roma: la banda della Polizia di Stato suona a Palazzo Montecitorio

Roma, 24 gennaio 2016 – In concomitanza con la periodica apertura del Palazzo Montecitorio per l’iniziativa “Montecitorio a porte aperte”, i visitatori sono stati intrattenuti dalle note della Banda della Polizia di Stato diretta dal maestro Roberto Granata, che ha eseguito marce brillanti e militari.

Il concerto è stato aperto alle ore 11.00 dall’Inno Nazionale Italiano; sono seguiti poi i  brani Fribourg di G. B. Mantegazzi, Florentiner March di  J. Fucik, Gaia di G. Orsomando, Train de Plaisir di J. Strauss, Aida – Marcia trionfale di G. Verdi. Non è mancata, infine, la marcia d’ordinanza Giocondità di  Giulio Andrea Marchesini.
Al termine, verso le ore 12.00, è stato eseguito l’Inno alla Gioia di Beethoven.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Polizia di Stato

I “Celerini”, una divisa indossata con onore, rispetto e professionalità

DSC_7177

di Monica Palermo

11-12-13, Roma – Piazza Montecitorio, si attende il voto di fiducia del Parlamento. Doveva essere il giorno della grande rivoluzione, quella che avrebbe cambiato l’Italia. Forse è solo l’inizio. A manifestare erano presenti alcune centinaia di persone. Le piazze intorno alla Camera e al Senato erano blindate. Ogni tanto qualche politico si affacciava tra i manifestanti per aggiornarli di ciò che stava accadendo all’interno della Camera. Ogni tanto qualche manifestante, in modo assolutamente pacifico, esprimeva liberamente la sua opinione. Striscioni di protesta e Tricolore coloravano la piazza. La maggior parte dei manifestanti, come da consiglio che girava in questi giorni sui social network, era seduta per terra per non dar adito a nulla che potesse essere malinterpretato. A separare i manifestanti dalla piazza blindata ci stava un cordone formato dagli uomini dei Reparti Mobili della Polizia di Stato, i cosiddetti Celerini, che come da prassi erano rigorosamente senza caschi, non ce ne stava il motivo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ho assistito alla manifestazione per parecchie ore e la mia attenzione è andata proprio agli uomini in blu, oggetto di più controversie nei giorni passati. Ho avuto modo di osservare il loro lavoro, la loro professionalità, il loro modo di porsi, come trattavano con le persone, il loro modo di essere super partes, sia che erano politici a parlare che manifestanti, e così è giusto che sia. Sono uomini, esseri umani, hanno idee e ideali anche loro, malcontenti o meno, ma ciò non intacca il rispetto per la divisa che indossano. Spesse volte gli si manca di rispetto anche semplicemente nel chiedere un’informazione, senza far precedere la richiesta da un buongiorno, buonasera, allo stesso modo di chi entra in un bar esordendo con “un caffè” senza un saluto e un perfavore. I Celerini tutelano l’ordine pubblico, tutelano la nostra incolumità, ma non si fermano li, vanno oltre. Sanno ascoltare con comprensione chi si avvicina a loro espondendo un problema, sono attenti osservatori, stanno a riposo senza abbassare mai la guardia, sono bravi psicologi, e tutto cio senza farsi coinvolgere e sempre con un alto livello di attenzione. Devono essere pronti a tutto, fa parte del loro lavoro.

DSC_7270-2

© All rights reserved
Foto: Monica Palermo


OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nello scenario mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

Blog sul tema della Difesa e la Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte. Edito dal 2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade