Annunci

Archivi tag: militare

Auguri al futuro generale di corpo d’armata Giuseppenicola Tota

IMG_20180120_193942

Roma, 21 gennaio 2018 – Il generale di divisione Giuseppenicola Tota, diventa generale di corpo d’armata. Nella foto, molto social, il generale assieme alla nostra fotografa Monica Palermo. La foto è stata scattata al circolo sottoufficiali di Roma, dove la nostra redazione ha appreso la notizia dell’imminente promozione.

Ad maiora generale!

© All rights reserved
_______________________

 

Annunci

La naja, favorevoli o contrari a rintrodurla?

Roma, 27 ottobre 2017 – Immagine di un testo che spiega cosa era la naja che sta diventando virale sui social, su facebook, in ambiente militare. E voi lettori di MNFI l’avete fatta? Che ricordi avete? La rifareste? Scrivetelo nei commenti del post.

23022087_10212932615743719_1156769219_n


Militare di Porto Torres premiato per aver bloccato una borseggiatrice

Porto Torres (SS), 6 marzo 2016 – Concesso un encomio al giovane militare turritano Tonino Usai dal generale della Scuola di Fanteria Giovanni Manione. Il giovane militare, ex campione italiano novizi nel pugilato e oggi volontario in ferma prefissata, è stato encomiato per essere intervenuto prontamente in occasione di un tentativo di borseggio ai danni di un turista da parte di una ragazza.

L’episodio è accaduto lo scorso 3 ottobre all’interno di un vagone della linea metropolitana di Roma: in quell’occasione il soldato sardo “andava infatti ben oltre le normali competenze, provvedendo prima a fermare la ragazza intenta a compiere l’atto criminoso e, una volta scesi dal convoglio, ad accompagnare sia il turista che la stessa ragazza al nucleo carabinieri della stazione Termini. Un gesto di altissimo senso del dovere e straordinaria motivazione al lavoro», secondo il generale, dove sono emersi lo spirito di iniziativa e la piena consapevolezza degli obiettivi da raggiungere.

«Tonino Usai è un chiaro esempio di militare e cittadino che incarna i più alti valori di altruismo – scrive il generale Manione –, spirito di sacrificio e senso del dovere. Con il suo modo di agire tempestivo e responsabile ha dato ulteriore dimostrazione di doti professionali e umane di altissima caratura, contribuendo significativamente a dare lustro all’Esercito italiano e alle Forze Armate»

Un riconoscimento importante per un giovane atleta che ha cominciato nel migliore dei modi la carriera militare. 

© All rights reserved
Fonte e immaginelanuovasardegna.gelocal.it
______________________________________________

Strade Sicure a Verona: militare ferma un sospettato

Verona, 14 maggio 2015 – Un graduato dell’Esercito Italiano, effettivo al 17° Reggimento Artiglieria Controaerea “Sforzesca” di Sabaudia (LT) e impiegato nell’operazione Strade Sicure a Verona, nel tardo pomeriggio di martedi, mentre era in turno di riposo in centro città, ha notato un individuo che usciva velocemente da un negozio, inseguito da una donna che a gran voce cercava di richiamare l’attenzione dei presenti.

Il militare si è prontamente messo all’inseguimento dell’uomo, riuscendo in breve tempo a raggiungerlo e a immobilizzarlo.

Nel frattempo, richiamata dalla citata signora, una pattuglia dello stesso reggimento “Sforzesca”, che era in servizio di sorveglianza presso la vicina sinagoga, ha immediatamente comunicato l’evento alla sala operativa delle Forze dell’Ordine, chiedendo il supporto di una pattuglia di Carabinieri che, giunti sul posto, hanno provveduto al riconoscimento del fermato, già sospettato di numerosi atti osceni in luogo pubblico, e al suo trasferimento presso la locale Stazione.

È dall’agosto 2008 che i militari dell’Esercito partecipano all’operazione “Strade Sicure” in concorso e congiuntamente alle Forze dell’Ordine a garanzia della sicurezza e prevenzione della microcriminalità in numerose città italiane.​

© All rights reserved
Fonte e immagine: COMFOTER

Militare dei Lancieri di Montebello trovato morto in caserma

 

Roma, 7 luglio 2014 – Domenica mattina è stato trovato il corpo di un militare, senza vita, all’interno della caserma del reggimento Lancieri di Montebello (8°) di via Flaminia Vecchia. Ad accorgersene il personale di servizio durante un’ordinaria attività d’ispezione, che ha trovato il corpo vicino la palazzina dove si trovano gli alloggi per il personale del Reggimento.

Il militare è il caporale Antonino Drago, siracusano di 25 anni. Arruolato nel 2013, prestava servizio In ferma prefissata nello squadrone di rappresentanza del reggimento. I militari in servizio hanno immediatamente chiamato il 118. Sono giunti sul posto anche i carabinieri e il medico legale. Verso le 12 è stato dato il consenso dall’autorità giudiziaria per rimuovere il corpo. Sono in corso gli accertamenti sulle cause del decesso, al momento sconosciute. La famiglia è stata informata.

 © All rights reserved


Presentato al CASD il volume Prospettive 2014 del CeMiSS. L’ammiraglio Binelli Mantelli illustra la leadership militare nel contesto attuale

di Monica Palermo

Roma, 18 marzo 2014 – Presso il Centro Alti Studi per la Difesa, è stato presentato il volume Prospettive 2014 del Centro Militare di Studi Strategici (CeMiSS), opera che individua nuove opportunità e crisi in un sistema internazionale sempre più complesso con riferimento al breve-medio periodo.

L’ammiraglio di squadra Rinaldo Veri, presidente del CASD e il generale D. Nicola Gelao, direttore del CeMiSS, hanno introdotto la tavola rotonda, moderata dalla giornalista RAITg1 Barbara Carfagna a cui hanno preso parte: Alessandro Politi, analista politico e strategico, Paolo Quercia, direttore del CENASS (Center for Near Abroad Strategic Studies), Nicola Pedde, direttore dell’Institute for Global Studies e della ricerca sul Medio Oriente e Golfo Persico e Marco Massoni, direttore di Ricerca per l’Africa al CeMiSS.

La presentazione del volume “Prospettive 2014”, è stato anche un momento di confronto e di discussione sulle principali questioni geopolitiche che stanno caratterizzando il nostro pianeta, individuando le linee di tendenza con cui si dovranno confrontare i decisori nazionali ed internazionali.

La presentazione si è articolata in una panoramica generale sull’anno che si è appena concluso e sugli eventi relativi ai primi mesi del 2014. Successivamente, nel vasto panorama dei mutamenti in atto, sono state analizzate alcune aree e questioni di interesse per il nostro Paese (Balcani, Iran e Africa Centrale), cogliendo gli elementi maggiormente caratterizzanti delle crisi in atto o potenziali, con una visione prospettica e pragmatica sullo sviluppo degli eventi.

Erano presenti quasi tutti i collaboratori del CeMiSS che, nel corso del 2013, hanno contribuito al monitoraggio strategico degli eventi e alla stesura del volume. All’evento hanno partecipato rappresentanti del mondo istituzionale, accademico, diplomatico e militare nonché un nutrito gruppo di studiosi e ricercatori con cui il CeMiSS normalmente si confronta e collabora.

Al termine della presentazione è intervenuto il capo di stato maggiore della Difesa, ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, che ha illustrato come si pone la leadership militare nel contesto attuale: “La gerarchia militare ha un senso perché noi dobbiamo, e siamo obbligati in certi casi, a richiedere al nostro personale sacrifici che altre organizzazioni non chiedono. Quindi la gerarchia militare, a prescindere dalle scelte… è fondamentale per non disperdere le responsabilità. Oggi noi, in questo paese…, vediamo una progressiva dispersione della linea chiara di responsabilità, che per noi è comando. Il comando vuol dire avere i mezzi, gli uomini, ma soprattutto sapersi assumere le responsabilità. Se questo non avviene allora è vero che bisogna cambiare la leadership. I militari sono i primi che hanno cominciato a parlare di leadership, in tempi non sospetti, in cui si parlava di managerialtà. Managerialità significa saper gestire, la leadership significa avere una visione, sapersi far seguire – e conclude dicendo che – è chiaro che se interventi legislativi, finanziari, economici portano ad annacquare il senso della gerarchia militare, le Forze Armate perdono le loro capacità fondamentali.”

© All rights reserved
Foto: Ph. Monica Palermo


Militare deceduto nell’ospedale di Cosenza, richiesta l’autopsia

Senza titolo-1

(AGI) – Cosenza, 17 gennaio 2014 – E’ stata disposta l’autopsia per la morte di un militare dell’Esercito, Vito Iacovello, 38 anni deceduto ieri pomeriggio nell’ospedale di Cosenza. L’uomo aveva accusato, qualche settimana fa, febbre e malori ed era stato ricoverato. Due giorni fa il peggioramento delle condizioni, quindi il decesso. Iacovello aveva partecipato a diverse missioni all’estero, anche in Albania e in Afghanistan. Sono stati gli stessi vertici dell’ospedale a richiedere l’autopsia sul suo corpo. Il militare deceduto lascia la moglie e due figli di 3 e 11 anni. (AGI) Cs1/Vic


Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade