Archivi tag: lecce

Esercito: arriva a Lecce il reggimento Cavalleggeri di Lodi (15°)

5 ALLOCUZIONE GEN GASTELLANO

​Lecce 10 gennaio 2020 – Il 31° reggimento carri in reggimento di Cavalleria “Cavalleggeri di Lodi” (15°), è stato riconfigurato oggi, con una cerimonia, presso la caserma “Nacci” di Lecce, alla presenza del comandante delle Forze Operative Sud, generale di corpo d’armata Rosario Castellano, del comandante della brigata meccanizzata “Pinerolo”, generale di brigata Giovanni Gagliano e del comandante della Scuola di Cavalleria, generale di brigata Angelo Minelli.

La resa degli onori finali dello Stendardo, scandita dalle note dell’Inno di Mameli, intonato dalla banda musicale della brigata “Pinerolo” ha destato parecchia commozione e particolarmente significativa inoltre la sentita partecipazione dei numerosi militari appartenenti a tutte le categorie che hanno prestato servizio presso l’unità carri.

9 LETTURA FORMULA DI RICONOSCIMENTO DEL NUOVO STENDARDO

“Ufficiali, Sottufficiali, Graduati e carristi, questo Stendardo, che ha sempre sventolato tenendo alto il prestigio della Patria e dell’Esercito, lascia oggi Lecce a seguito dei provvedimenti che hanno determinato la soppressione del 31° reggimento carri.
Esso sarà conservato con gli altri simboli che ricordano i fasti dell’Esercito Italiano presso il Museo del Risorgimento in Roma”.
Questa la formula scandita dal comandante del 31° reggimento carri, colonnello Francesco Serafini, alla presenza dello Stendardo dell’unità ormai disciolta, decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare e di una Medaglia di Bronzo al Merito Civile.

La cerimonia è poi proseguita con la resa degli onori allo Stendardo del reggimento “Cavalleggeri di Lodi” (15°), decorato con tre Medaglie d’Argento al Valor Militare e con una Medaglia di Bronzo al Valor Civile, con la lettura della formula di riconoscimento da parte del Comandante di reggimento: “Ufficiali, Sottufficiali, Graduati e Soldati, in nome del Capo dello Stato voi riconoscerete lo Stendardo del reggimento “Cavalleggeri di Lodi” (15°) quale vostro Stendardo”.

11 CONSEGNA DEL COPRICAPO DEL 15° CAVALLEGGERI LODI

Il generale di corpo d’armata Rosario Castellano ha consegnato le nuove mostrine e il copricapo con il nuovo fregio al comandante di reggimento che ha così ufficialmente ereditato, a nome di tutte le donne e uomini che costituiscono l’Unità, le tradizioni, lo stemma araldico e il motto “Lodi s’immola”.

Presenti alla cerimonia il Prefetto di Lecce, dott.ssa Maria Teresa Cucinotta, il questore, il sindaco del capoluogo salentino con il gonfalone della città e numerose autorità politiche, religiose, militari, nonché i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma.

Hanno presenziato anche gli ultimi comandanti del Cavalleggeri di Lodi che hanno assistito nella cerimonia del 29 ottobre 1995 in lenta all’ultima “Carica” e allo scioglimento del reggimento.

Questo passaggio di specialità rientra nel processo, messo in atto dall’Esercito Italiano, finalizzato all’inserimento della componente esplorante all’interno delle Brigate di manovra pluriarma.

© All rights reserved
_______________________


Lecce: bambino di un anno rischia di soffocare mangiando la pizza, salvato dai Carabinieri

carabinieri005

Lecce, 11 settembre 2017 – Ieri sera una pattuglia dei Carabinieri di Lecce, durante lo svolgimento del normale servizio di istituto, viene allertata dalla Centrale Operativa.

Un bambino di poco più di un anno che, a seguito della maldestra ingestione di un pezzo di pizza, ha smesso di respirare e sta soffocando. La pattuglia giunge immediatamente a Sorbo, cittadina del Leccese, dove è in corso la tragedia. La madre disperata tiene stretto tra le braccia il piccolo, i due militari allora senza esitare compiono le prime manovre di rianimazione.

Considerata, però, la gravità della situazione e l’impossibilità di attendere oltre un intervento sanitario sul posto, la pattuglia decide di prendere con sé la madre ed il bambino, per recarsi nel più breve tempo possibile all’ospedale “Vito Fazzi”.

All’arrivo presso il nosocomio, l’equipe di medici è pronta ad accogliere il bambino; il personale sanitario, infatti, è stato provvidenzialmente avvertito dagli stessi militari, che hanno riferito loro ogni dettaglio utile ad un intervento medico consono e specifico per la situazione.  Una volta giunto all’ospedale, il piccolo riceve le cure di emergenza e viene dichiarato, poco dopo, fuori pericolo, tra i ringraziamenti da parte dei genitori ai due angeli in uniforme.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
______________________________

Lecce: infermiere inietta stupefacente a una paziente e la deruba, Polizia lo arresta

L'infermiere arrestato

L’infermiere arrestato

Lecce, 22 dicembre 2015 – La Polizia di Stato di Lecce ha arrestato un infermiere professionale in servizio presso il reparto di neurochirurgia dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, per i reati di rapina aggravata, peculato e detenzione di sostanze stupefacenti.

I reati sono stati commessi in danno di una paziente ricoverata in osservazione nel reparto a cui il soggetto somministrava, mediante ago cannula, un farmaco con il pretesto di pulire l’ago e di predisporlo per il prelievo ematico della mattina successiva.

Al risveglio la signora si era accorta della mancanza di un anello in oro con un rubino incastonato da piccoli diamanti e di una fede.

Sulla base del racconto della paziente gli agenti della Squadra mobile della Questura hanno identificato l’infermiere indicato dalla signora e hanno proceduto alla perquisizione della sua abitazione, all’interno della quale veniva rinvenuta la refurtiva. Inoltre, nell’armadietto personale in uso all’infermiere all’interno dell’ospedale, sono state rinvenute alcune fiale, ad uso esclusivamente ospedaliero, di medicinali a base di benzodiazepine. Le analisi effettuate nell’immediatezza sul sangue della signora accertavano appunto la presenza di benzodiazepine, medicinali che non le erano stati prescritti ma che, con tutta evidenza, le erano stati somministrati dall’infermiere allo scopo di porla in stato di incapacità e rapinarla dei propri gioielli.

Sono in corso ulteriori indagini in relazione ad altri episodi simili segnalati in passato dal dirigente di quel reparto.

© All rights reserved
Fonte e immagine: polizia di Stato

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade