Annunci

Archivi tag: Genova

Col Moschin, forze speciali dell’Esercito, concorrono alla demolizione definitiva del ponte Morandi di Genova

incursori in operazione

Genova, 28 giugno 2019 – Un team di incursori, esperti demolitori, del 9° reggimento d’assalto Paracadutisti “Col Moschin” dell’Esercito ha concluso con successo l’attività di concorso per la demolizione del Ponte Morandi.

Gli incursori sono stati richiesti dal commissario straordinario per l’emergenza di Genova per garantire il taglio degli stralli vincolanti il Ponte Morandi alla struttura dell’Autostrada A7, non interessata dalla demolizione, con una procedura peculiare che, nel conseguire gli effetti di taglio, ha minimizzato i danni collaterali.

Le Forze Speciali dell’Esercito hanno impiegato una tipologia di esplosivo appositamente sviluppato per il taglio di manufatti in ferro, utilizzando tecniche militari classificate. L’attività preparatoria è iniziata da febbraio con i primi incontri presso la Prefettura di Genova.

Al fine di garantire la riuscita della demolizione, sono state effettuate due giornate di prove, con diverse tecniche e tipologie di esplosivi, presso una cava nei pressi di Genova. L’intervento è stato particolarmente impegnativo in quanto gli stralli erano costituiti da diversi trefoli, ognuno inguainato, ed ogni strallo ricoperto da una spessa protezione. Per mitigare gli effetti delle onde di sovrappressione e eventuali schegge, sono state predisposte delle sacche d’acqua a copertura delle cariche, mentre l’area è stata circoscritta da un “muro” costituito da sacchetti di sabbia alto quattro metri.

download (1)Il 9° reggimento d’assalto paracadutisti “Col Moschin” è il reparto di forze speciali dell’Esercito il cui personale operativo è brevettato “Incursore” ed è abilitato al maneggio ed impiego degli esplosivi al fine di neutralizzare specifici obiettivi.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Stato Maggiore Difesa
____________________________________________
Annunci

Genova: Strade Sicure a presidio zona rossa di ponte Morandi

46214e35-0734-4e6f-9212-2226a49cbc1dz03 copiaMedium

Genova, 17 settembre 2018 – Completato lo schieramento dei militari di “Strade Sicure” a presidio della zona rossa di Ponte Morandi: nella notte il passaggio di consegne tra il personale della Polizia di Stato e della Polizia Locale di Genova con gli alpini della “Taurinense”.

L’Esercito Italiano ha concluso nella notte lo schieramento delle proprie unità a presidio della “zona rossa”, circoscritta dopo crollo di ponte Morandi, a Genova, assumendo il controllo dei varchi d’accesso all’area ritenuta a rischio per ulteriori crolli.

Il presidio dei varchi della “zona rossa” sarà garantito dagli alpini tratti dalle unità della brigata alpina “Taurinense”, che agiranno in concorso alle Forze dell’Ordine. Tale misura si è resa necessaria per incrementare ulteriormente la sicurezza della popolazione, tanto per evitare il coinvolgimento della popolazione in eventuali nuovi crolli, quanto per assicurare un presidio continuo e costante contro possibili odiosi episodi di sciacallaggio. Inoltre, l’intervento delle Forze Armate consentirà di liberare il personale delle Forze di Polizia, per consentirgli di riprendere le consuete attività istituzionali di prevenzione e contrasto della criminalità cittadina.

La possibilità di tale concorso da parte delle Forze Armate era già emersa durante la riunione del Centro Coordinamento Soccorsi (CCS), proprio con l’obiettivo di alleggerire lo sforzo aggiuntivo espresso dalle Forze di Polizia dal momento del crollo del viadotto autostradale.

ba74e999-9b2b-4e6f-8291-06aa5486f173z04 copiaMedium

L’impiego del personale dell’Esercito, avvenuto in tempi brevi, rappresenta la capacità delle Forze Armate di essere professionalmente preparate a fronteggiare situazioni emergenziali inaspettate e improvvise, per contribuire ad alleviare difficoltà e sofferenze della popolazione. È questo un intervento esemplificativo di quella capacità duale di tutte le Forze Armate, che sono in grado di mettere a disposizione della collettività nazionale professionalità, materiali e mezzi inizialmente concepiti per impieghi strettamente militari.

Già in passato gli eventi di pubblica calamità hanno visto oggi più che mai l’impiego delle Forze Armate in supporto e in coordinamento con altre amministrazioni dello Stato, in particolare con la Protezione Civile Nazionale operante quale trade union per la gestione delle emergenze, un contributo che le Forze Armate devono assicurare nell’ambito dei compiti di istituto. Il superamento delle dure sfide e il raggiungimento degli eccellenti risultati conseguiti è stato realizzato soltanto attraverso la piena sinergia tra Forze Armate, Vigili del Fuoco, Corpi Armati dello Stato, Croce Rossa Italiana, Volontariato, Protezione Civile risultando ancora una volta un valido ed imprescindibile strumento a diposizione di tutte le autorità locali per il sostegno ed il supporto alla popolazione, dando riprova di un “Sistema Paese” pienamente efficiente ed efficace, in grado di fornire una risposta immediata e concreta alla risoluzione delle emergenze.

f515c1af-267b-4115-91c6-63802ca0270301Medium

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Difesa
___________________________________________

 


Lutto nazionale per le vittime del crollo del ponte di Genova

Schermata 2018-08-18 alle 08.12.08

Genova, 18 agosto 2018 – #18agosto Oggi giornata di #luttonazionale e funerali di Stato a #Genova per le vittime del crollo del ponte #Morandi.

La redazione di MNFI si stringe al dolore dei familiari delle vittime e ai feriti di questa immane tragedia.

Un grazie agli uomini e le donne delle Forze dell’Ordine che si stanno prodigando in questa vicenda drammatica: Polizia locale, Croce rossa, Carabinieri, Polizia di Stato, Vigili del fuoco, Guardia di finanza e Protezione civile.

39522457_207268766814890_3306212987773124608_n

(immagini prese su Facebook)


Aeronautica: volo con un C130J da Alghero a Genova per salvare neonata

La neonata è stata trasportata con un C130J dell’Aeronautica Militare che permette il trasporto di pazienti che necessitano di rimanere all’interno dell’ambulanza

Roma, 13 novembre 2015 – Un C130J dell’Aeronautica Militare è decollato da pochi minuti dall’aeroporto di Alghero (SS) con a bordo una neonata in imminente pericolo di vita, destinazione l’Ospedale Gaslini di Genova. Il velivolo è atteso tra circa un’ora all’aeroporto ligure.

Il C130J è un aeroplano che permette il trasporto di pazienti che necessitano di rimanere all’interno dell’ambulanza con la relativa equipe medica.

L’intervento è stato richiesto dalla Prefettura di Sassari alla Sala Situazioni del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti quello di organizzare e gestire – in coordinamento con Prefetture, Ospedali e Presidenza del Consiglio dei Ministri – questo genere di trasporti su tutto il territorio nazionale, isole incluse.

Equipaggi e velivoli da trasporto dell’Aeronautica Militare sono pronti giorno e notte per assicurare, laddove richiesto e ritenuto necessario per motivi di urgenza, il trasporto sanitario di persone in imminente pericolo di vita. Sono migliaia ogni anno le ore di volo effettuate dai velivoli del 31° Stormo di Ciampino, dal 14° Stormo di Pratica di Mare e dalla 46^ Brigata Aerea di Pisa, assetti sempre in prima linea in caso di emergenza.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Aeronautica Militare

La Marina Militare al 55° salone nautico di Genova presenta il calendario 2016

Genova, 29 settembre 2015 – Dal 30 settembre al 05 ottobre la Marina Militare sarà presente a Genova alla 55ª edizione del Salone Nautico con assetti del tutto innovativi. Nello spazio espositivo dedicato alla Forza Armata saranno presenti, il Centro Mobile Informativo, mezzo altamente tecnologico adibito a mostra itinerante e uno stand espositivo, che al suo interno ospiterà il simulatore di plancia della fregata multiruolo Carlo Bergamini.

Giovedì 01 ottobre  alle ore 14.30, presso il Teatro del mare, verrà presentato il calendario 2016 della Marina Militare alla presenza del capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Giuseppe De Giorgi. Si tratta di un’opera dedicata al mare e interamente realizzata dal personale della Marina: le navi, i sommergibili, gli elicotteri, gli aerei e le profondità del mare nostrum ma anche il mare dei sentimenti, delle passioni, delle speranze e della solidarietà. Un album corale, costruito sugli scatti inviati da chi il mare lo vive davvero: i nostri marinai che intrappolano attimi della propria vita e la restituiscono in una narrazione visiva in prima persona; ciò che resta dopo averlo sfogliato fino all’ultima pagina non è la singola foto è la Marina Militare e il suo ambiente naturale: i marinai, le navi e il mare.

Per l’intero periodo la nave scuola a vela d’epoca Capricia sosterà nel porto di Genova, all’interno del Salone Nautico. La presenza dell’Unità ha lo scopo di offrire un’occasione per conoscere la realtà delle barche a vela della Marina Militare nell’ambito dell’annuale appuntamento nautico.

Il calendario 2016 Marina Militare può già essere prenotato nella Home Page del sito Internet della Forza Armata www.marina.difesa.it.

Nave Capricia

Nave Capricia è un’imbarcazione a vela d’epoca, armata Yawl, costruita nei cantieri Bengt-Plym, in Svezia, su disegno del famoso studio di progettazione Sparkman & Stephens di New York, ideata per competere nelle regate oceaniche d’altura secondo la formula R.O.R.C.. 

Nel 1971 venne acquistata dall’avvocato Giovanni Agnelli,  che la tenne come sua barca personale fino al 1993 quando decise di donarla alla Marina Militare.

Da allora viene impiegata in attività di campagne addestrative a favore degli allievi ufficiali della Marina Militare, campagne di sensibilizzazione per il rispetto dell’ambiente e la diffusione di un’educazione marinara volta al rispetto e alla valorizzazione del mare, partecipando nel contempo alle regate di vele d’epoca del Circuito AIVE (Associazione Italiana Vele d’Epoca).

© All rights reserved
Fonte e immagine: Marina Militare

In cambio di carriera da fotomodella adescano minorenne su social network

Genova, 2 marzo 2015 – Operazione MET ART della polizia di stato: fermato un gruppo di professionisti della fotografia che in cambio di una carriera da fotomodella aveva adescato sul social network una minorenne inducendola a compiere atti sessuali per la produzione di materiale pedopornografico.

Dalle prime ore del mattino la Polizia di Stato di Genova sta portando avanti l’operazione in 6 province del nord e centro Italia (Genova, Savona, Alessandria, Milano, Brescia e Roma).

Gli uomini della Polizia Postale stanno eseguendo 5 arresti, 2 arresti domiciliari, 1 obbligo di dimora e 13 perquisizioni personali e domiciliari.

© All rights reserved
Fonte: Polizia di Stato
(Questura di Genova)

Aeronautica Militare: trasporto urgente di un neonato in ospedale a Genova

Alghero, 5 gennaio 2015 – Un C-130J dell’Aeronautica Militare è in questo momento impegnato nel trasferimento d’urgenza di un neonato di un mese, nato prematuro ed in imminente pericolo di vita, da Alghero all’istituto pediatrico “G. Gaslini” di Genova.

La richiesta di trasporto aereo, resasi necessaria per assicurare al piccolo paziente immediate cure mediche specialistiche, è pervenuta dalla prefettura di Sassari alla sala situazioni dell’Aeronautica Militare, che ha disposto il decollo immediato di un C-130J della 46^ brigata aerea di Pisa.

Il velivolo è decollato da Pisa poco dopo le 11,30 alla volta dell’aeroporto militare di Alghero, dove caricherà al suo interno l’ambulanza con a bordo il piccolo paziente e l’équipe medica, per poi ripartire per l’aeroporto di Genova, da dove verrà trasferito in ambulanza all’ospedale “Gaslini”.

Il C-130 dell’Aeronautica Militare è l’unico velivolo, in Italia, in grado di caricare a bordo un’ambulanza per questo tipo di trasporti sanitari, effettuati per pazienti che necessitano di particolare assistenza.

L’Aeronautica Militare svolge i trasporti sanitari d’urgenza con i velivoli da trasporto della 46^ Brigata Aerea di Pisa, C-130J e C-27J anche utilizzando, se necessario, la speciale barella ATI (Aircraft Transport Isolator) che è in grado di trasportare in sicurezza pazienti ad alto rischio di contagio (anche infetti dal virus Ebola), con i velivoli del 31° stormo, con gli elicotteri HH-3F del 15° Stormo di Cervia (RA), con i Piaggio P-180 del 14° Stormo di Pratica di Mare (Roma) e con gli elicotteri AB-212 delle squadriglie SAR Search and Rescue) dislocate sul territorio nazionale.

© All rights reserved
Fonte: Aeronautica Militare

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade