Annunci

Archivi tag: esercito marciava

L’Esercito marciava… tappa conclusiva a Trieste

Trieste, 24 maggio 2015 –  Si conclude oggi a Trieste l’evento commemorativo del centenario dell’ingresso dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale intitolato L’Esercito marciava … alla presenza del Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, del presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, del capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano e del capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata Danilo Errico e delle principali autorità civili e militari.

Numerosi sono stati gli eventi che si sono svolti durante la settimana in collaborazione con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia: stand promozionali con i principali mezzi e materiali dell’Esercito, una mostra storica sulla Grande Guerra e attività dimostrative di alcuni reparti.

Alle 15:00  è stato dedicato un minuto di silenzio per i Caduti della Grande Guerra. Alle 17:30, nel corso della consegna delle medaglie ricordo ai parenti di alcuni caduti  della Prima Guerra mondiale, il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Danilo Errico ha dichiarato “L’iniziativa L’Esercito marciava… nasce dall’esigenza di ricordare gli oltre 650000 caduti della Prima Guerra Mondiale. È un modo per trasmettere i valori di quanti hanno perso la vita e non hanno vissuto la loro gioventù per consentirci di essere quello che siamo oggi”- ha concluso “c’è sempre bisogno di amor di Patria, non finirà mai l’esigenza di amor di Patria“.

La fanfara dei bersaglieri ha seguito correndo l’ultimo tedoforo dell’Esercito nel tratto finale dell’itinerario che si è sviluppato lungo tutto il territorio nazionale, per una distanza totale di 4200 chilometri, e che ha visto impiegati oltre 600 staffettisti toccando tutte e 20 le regioni italiane.

La staffetta de “L’Esercito Marciava…” si è conclusa con l’arrivo alle ore 19:30 in piazza Unità d’Italia del Ministro della Difesa, accompagnata dal capo di Stato Maggiore della Difesa generale Claudio Graziano e dal capo di Stato Maggiore dell’Esercito generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, dove c’è stato l’ultimo passaggio di testimone ad un bambino. Ad accoglierli, Debora Serracchiani, presidente della Regione Friuli Venezia Giulia.

Subito dopo c’è stata la cerimonia dell’alzabandiera in Piazza Unità d’Italia, dove a partire dalle 21:00 il pubblico potrà assistere all’evento artistico e culturale caratterizzato dall’alternanza di musiche della banda dell’Esercito di fanfare militari e di altri interventi di intrattenimento.  

La voce narrante del presentatore, il prof. Umberto Broccoli, accompagnerà il pubblico in un viaggio della memoria, legando gli interventi artistici e musicali. Sarà un’immersione artistica e culturale nella realtà di 100 anni fa, La narrazione sarà accompagnata da immagini inedite dell’Esercito Italiano e la piazza arricchita da reperti storici e museali.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore dell'Esercito
Annunci

Esercito: folgore, aviazione, lagunari e guastatori per quattro giorni a contatto con il pubblico

Roma, 24 maggio 2015 – Nei giorni scorsi a Roma, per celebrare il centenario della Prima Guerra Mondiale, l’Esercito Italiano per quattro giorni ha aperto le porte ad adulti e bambini nell’ambito della manifestazione di L’Esercito marciava… Concerti, film, padiglioni e stand allestiti all’interno del Museo Storico della Fanteria. Militari delle diverse specialità sono stati a disposizione del folto pubblico composto da famiglie, curiosi, appassionati, militari e militari in congedo appartenenti alle associazioni d’arma, 10 scuole, 600 studenti.

Un grande spazio fitness era allestito per mostrare al numeroso pubblico in cosa consiste la preparazione fisica dei militari della Folgore. Un percorso a cui potevano partecipare, a livelli diversi, adulti e bambini, cimentandosi in percorsi a ostacoli, in flessioni su braccia e gambe, con pesi che arrivavano fino agli otto chili, sotto l’occhio vigile di otto istruttori (nella foto) del 186° Reggimento Paracadutisti “Folgore” di Siena.

(Nella foto da sx: cms Francesco Mastrolla, cms Francesco Ferrara, 1cm Emanuele Salvatori, cmc Simone Conti, c.le Fabrizio Montagnolo, cm Francesco Stefanuccio, 1cm Paolo Pantaleo, cm Antonio D’Amelio)

Molte le curiosità quando si ha davanti un corpo così ambito dell’esercito. Con grande pazienza hanno spiegato in cosa consiste il loro percorso ginnico/formativo, ore e ore di addestramento settimanale che li porta ad essere sempre pronti ad ogni evenienza, pure a dormire in una tenda durante il maltempo come è successo durante l’alluvione a Milano fuori dall’Expo. Come ha detto il responsabile del gruppo, il cms Francesco Mastrolla, fa parte della loro preparazione, è addestramento pure quello. Il cms mi ha poi pazientemente illustrato l’utilizzo della sacca porta calotta, come viene utilizzata, le caratteristiche tecniche. Particolarmente emozionante è stato il percorso effettuato solo dagli istruttori a cui si sono aggiunti altri militari della Folgore. Questa volta il percorso è stato al massimo livello, giri di corsa sollevando casse porta munizioni, tratto di corsa saltando dentro copertoni d’auto, flessioni su copertoni di camion, flessioni sulle gambe, il tutto sempre con uno zaino sulle spalle. Il momento più emozionante è stato quando i militari, a conclusione della loro performance hanno gridato “Folgore”.

Grande attrazione anche per gli altri stand, come quello dei lagunari del 17° Reggimento Artiglieria Contraerei dove i militari spiegavano in cosa consiste il loro intervento, come vengono utilizzati nell’ambito della difesa. Grande attrazione per gli studenti, e non, sono state le spiegazioni che venivano date sul missile terra-aria Stinger.

Una serie di mezzi tattici era a disposizione del pubblico. Il famoso Lince (VTML) dell’Iveco, dove personale dei Lancieri di Montebello ne spiegavano le caratteristiche, facendo salire a bordo per visionarlo chiunque ne fosse interessato. A fianco il Veicolo Tattico Medio Multiruolo (VTMM), ancora in corso di sperimentazione, denominato Orso, mezzo per la ricerca e la rimozione degli ordigni esplosivi improvvisati. 

DSC_7596_

A fianco lo stand dei guastatori del Centro di Eccellenza Counter IED con una esposizione di ordigni bellici utilizzati nella prima e seconda guerra mondiale, e con robottini radiocomandati per la rimozione degli IED a disposizione del pubblico. Numerosi sono stati i ragazzi che si sono cimentati nel “pilotare” questi mezzi. Non poteva mancare poi l’aviazione dell’esercito, un padiglione con simulatore per aereo e per elicottero, i partecipanti pilotavano il mezzo dalla fase di decollo fino all’atterraggio, alla fine del “volo” un attestato di pilota virtuale veniva dato ai partecipanti.

In ultimo un padiglione dei volontari della Croce Rossa, con una ricostruzione di come era un posto di primo soccorso durante la grande guerra.

In occasione del passaggio del tedoforo, l’area espositiva è stata visitata, l’ultimo giorno, dal capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Danilo Errico che si è complimentato con i militari presenti per il lavoro svolto.

© All rights reserved
Immagini: Ph. Monica Palermo

L’Esercito marciava… fa tappa a Milano

Milano, 20 maggio 2015 – In occasione della commemorazione del centenario dell’inizio della 1^ Guerra Mondiale, oggi è transitata da Milano, sotto la splendida cornice offerta dall’Arco della Pace, la staffetta militare che sta attraversando l’Italia nell’ambito del progetto “L’Esercito marciava..”

L’evento ha avuto inizio con il consueto taglio del nastro da parte del comandante militare esercito, generale di brigata Antonio Pennino alla presenza delle massime autorità militari e civili, tra le quali il prefetto di Milano, dott. Francesco Paolo Tronca, il questore di Milano, dott. Luigi Savina, l’assessore all’istruzione, formazione e lavoro della Regione Lombardia, dott.ssa Valentina Aprea, e l’assessore alla sicurezza, al comune di Milano, dott. Marco Granelli, che hanno così manifestato il sentimento di vicinanza delle istituzioni all’Esercito.

Il generale Pennino nel corso del suo intervento ha ricordato che l’iniziativa “L’Esercito marciava… vuole commemorare il centenario dall’entrata dell’Italia nella Grande Guerra che, a distanza di un secolo, offre uno dei principali spunti di riflessione per evocare l’importanza della pace tra i popoli – sottolineando inoltre che “l’iniziativa rappresenta l’occasione per condividere con la popolazione italiana i valori, i sentimenti, gli ideali dei nostri avi, che sono ancora quelli dell’Esercito di oggi”.

Infine, il Generale ha concluso evidenziando il ruolo svolto oggi dall’Esercito che grazie alla capacità dual-use dei reparti dell’arma del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado di intervenire in ogni momento, in sinergia con gli organi della Protezione Civile e le Prefetture, su tutto il territorio nazionale a supporto della comunità, in attività di pubblica utilità, come testimoniato dal recente intervento in occasione delle alluvioni che hanno colpito il Paese.  

Momento topico della manifestazione è stato l’arrivo della staffetta proveniente da Torino, con la tedofora cms Federica Dal Rì, mezzofondista di punta del Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito che, scortata dagli allievi della Scuola Militare Teulié che portavano un grande drappo tricolore, è transitata sotto l’Arco della Pace. Il testimone è stato quindi ceduto all’altro staffettista, il comandante della Scuola Militare Teuliè, colonnello Gioacchino Violante

Il passaggio sotto l’Arco è stato ritmato dal suono della “Batteria Tamburi” degli allievi della Scuola Militare Teuliè. Il tedoforo subentrante è partito, invece, al suono del bersaglieresco pezzo musicale di “Flick e flock” che ha dato la “carica emotiva” per il successivo tratto del percorso che porterà la staffetta in serata a Brescia.

Nel corso dell’evento, le autorità civili e militari hanno consegnato agli eredi dei militari che hanno preso parte alla Grande Guerra, copia di quel documento che costituisce la sintesi della storia militare dell’individuo: lo stato di servizio. Nella stessa occasione è stata anche premiata la classe III C della scuola media statale “G.B. Rubini” di Romano di Lombardia, risultata tra le  vincitrice del concorso fotografico “La via della Grande Guerra”,  promosso dall’Esercito e rivolto agli studenti con  l’obiettivo di coinvolgerli  nel ricordo attualizzato della Grande Guerra.

La manifestazione è stata allietata dalla presenza di scolaresche e dal numeroso pubblico accorso, composto, in buona parte, da componenti delle associazioni combattentistiche e d’arma che hanno potuto ammirare, negli stand espositivi organizzati dal Comando Militare Esercito Lombardia, i mezzi moderni dell’Esercito, tra cui il LINCE, mezzo blindato usato soprattutto nelle missioni internazionali, insieme alle armi e alle uniformi della Grande Guerra dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito.

Dall’11 maggio 2015 lungo tutta la Penisola una staffetta di soldati, partendo da cinque diverse località (Trapani, Lecce, Cagliari, Aosta e Bolzano), e correndo ininterrottamente, ha attraversato vie, borghi, paesi, sacrari e città fino a giungere, la sera del 24 maggio, a Trieste dove l’evento musicale, condotto dal professor Umberto Broccoli, in piazza Unità d’Italia, chiuderà ufficialmente l’intera manifestazione.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Esercito

Esercito marciava: passaggio di testimone a Roma alla presenza del capo di SME

Roma: ”Esercito marciava…”, passaggio di testimone alla presenza del capo di stato maggiore generale Danilo Errico.

Roma, 20 maggio 2015 – Ieri mattina ha fatto tappa a Roma, la staffetta dell’Esercito per la commemorazione del centenario dell’ingresso dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale.

Alla presenza del capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Danilo Errico, il tedoforo, impugnando il Tricolore, ha attraversato l’area espositiva allestita in Santa Croce in Gerusalemme dal Comando Militare della Capitale, cedendo poi il testimone a un commilitone che ha proseguito la corsa sino al Vittoriano dove è stato reso omaggio ai Caduti del primo conflitto mondiale e di tutte le guerre percorrendo la scalea dell’altare della Patria sino al Sacello del Milite Ignoto.

In attesa dell’arrivo del tedoforo il capo di SME ha approfittato per girare tra gli padiglioni e stand allestiti per la manifestazione. Ha visitato la mostra statica di mezzi dell’Esercito provenienti dal Museo Storico della Motorizzazione Militare, è entrato nel padiglione del Comando Aviazione dell’Esercito dove ha seguito la fase di atterraggio del Mangusta al simulatore di volo, si è soffermato a parlare con i militari del Reggimento Lancieri di Montebello, della Scuola Trasporti e Materiali, del 17° Reggimento Artiglieria Contraerei, del Centro di Eccellenza Counter IED, del 6° Reggimento Genio Pionieri e del 3° Reggimento Trasmissioni. Si è intrattenuto con gli istruttori del 186° Reggimento Paracadutisti “Folgore” di Siena che per quattro giorni hanno accolto i piccoli visitatori nel percorso fitness da loro allestito. Ha visitato un posto di medicazione ambientato in uno scenario della 1^ Guerra Mondiale organizzato dal Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e dal Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana in uniforme d’epoca. Si è congratulato con tutti per il lavoro svolto.

L’importante novità di questa iniziativa è stata la consegna degli stati di servizio agli eredi di soldati italiani che hanno preso parte alla Prima Guerra Mondiale.

È un modo semplice per ricordare quanti hanno sacrificato la propria giovinezza nel partecipare al primo conflitto mondiale”, ha detto il generale Errico al momento della consegna a una giovane alunna di una scuola di Roma di una copia dello stato di servizio del nonno che aveva partecipato alla Grande Guerra.

A fare da cornice musicale a l’evento la banda musicale dei Granatieri di Sardegna, diretta dal 1° maresciallo lgt Domenico Morlungo, con la musica d’ordinanza e le voci del coro della scuola Giovanni Paolo II che, insieme, hanno suonato e cantato, subito dopo il passaggio del tedoforo, l’inno di Mameli.

“L’Esercito marciava….” è il nome evocativo del progetto realizzato dall’Esercito italiano che dall’11 maggio 2015 attraversa vie, borghi, paesi, sacrari e città della Penisola con una staffetta di soldati partiti da cinque diverse località (Trapani, Lecce, Cagliari, Aosta e Bolzano) che correndo ininterrottamente per 4200 chilometri raggiungerà Trieste la sera del 24 maggio.

Proprio a Trieste, in piazza Unità d’Italia, il professor Umberto Broccoli presenterà l’evento musicale che chiuderà ufficialmente l’intera manifestazione.

© All rights reserved
Immagini: Ph. Monica Palermo


L’Esercito Marciava fa tappa a Roma. Una manifestazione ricca di eventi a ingresso libero

Roma, 17 maggio 2015 – In occasione della tappa su Roma di l’Esercito Marciava, 4 giorni di avvenimenti organizzati dal Comando Militare della Capitale.

Si potranno vedere da vicino mezzi di nuova generazione e antichi, provare il simulatore di volo per aereo e elicottero, esercitarsi con i militari della folgore, parlare con i il personale dei guastatori che illustrerà residuati bellici antichi e ied, ci saranno concerti e film e la possibilità di visitare il Museo Storico dei Granatieri e della Fanteria.

Il tutto a INGRESSO LIBERO.

Martedi il tedoforo passerà di fronte al Mosaico del Granatiere attraversano tutta l’area per poi andare a piazza Venezia.

Qui sotto la cartina con l’elenco degli eventi.

© All rights reserved
Immagini: Ph. Monica Palermo

Napoli: il 18 maggio giungerà il tedoforo di “L’Esercito Marciava”

Conferenza Stampa di Presentazione per la Commemorazione dei 100 anni dall’ingresso dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale

Napoli, 14 maggio 2015 – Si è svolta oggi la conferenza stampa di presentazione di “L’Esercito Marciava” per commemorare i 100 anni dall’ingresso dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale, presso la sede del CONI in via A. Longo 46.

L’incontro fra lo sport, il mondo militare, la scuola e la popolazione dimostra ancora una volta che l’Esercito Italiano è una “Risorsa per il Paese”. Infatti  è stato sottolineato il ruolo svolto dall’Esercito nel conflitto registrato sia in termini di attività bellica che come costruzione dell’identità nazionale del popolo italiano. E’ l’occasione per condividere con la popolazione italiana i valori, sentimenti ideali dei nostri avi che sono ancora quelli dell’Esercito di oggi.

Alla presentazione sono intervenuti il generale di brigata Antonio Raffaele, il prof. Sergio Roncelli, presidente del  CONI-Napoli; il presidente della IV Municipalità dott. Armando Coppola; il prof. Giuseppe Radin in rappresentanza della dott.ssa Luisa Franzese, direttore generale dell’ufficio scolastico regionale Campania; il prof. Salvatore De Biase in rappresentanza della prof.ssa Elsa Evangelista, direttore del Conservatorio di Musica San Pietro a Majella,  e sono stati moderati dal tenente colonnello Antonio Grilletto.

L’evento avrà luogo il prossimo 18 maggio a partire dalle ore 9,30 presso lo Stadio Militare Albricci di Napoli alle 10.30. La fanfara della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” di Caserta aprirà ufficialmente la commemorazione, con le note dell’Inno Nazionale per la cerimonia dell’alzabandiera che, per l’occasione, verrà cantato dai circa 2.000 alunni di ogni ordine e grado che parteciperanno all’evento. 

L’arrivo del tedoforo avverrà nella pista di atletica dello stadio alle 11.00, dove è previsto un cambio di staffetta tra maratoneti del 2° Comando Forze di Difesa e gli Allievi della Scuola Militare “Nunziatella” mentre la maratona si concluderà il 24 maggio a Trieste.

Nella mattinata del 18 maggio saranno presenti alcuni testimonials del mondo dello spettacolo che si esibiranno per l’occasione. In particolare il palco vedrà alternarsi: Ivan Fedele e Cristiano Di Maio (attori di Made in Sud),  Acronimo Costanzo (cantante della Suono Libero Music), Federico di Napoli (cantante di the voice),  Savio Artesi (cantante), Ivan Granatino – cantante, Gennaro Iezzo (ex calciatore del Napoli ed attuale allenatore). Una  soprano ed un tenore del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli eseguiranno le canzoni O surdato ‘nnammurato ed il Piave composte proprio per la Grande Guerra. La conduzione è affidata a Gabriele Blair, la direzione artistica a Pina Pascarella mentre una diretta televisiva raggiungerà a casa il grande pubblico. 

Durante la mattinata, per l’occasione, saranno esposti reperti storici utilizzati dai militari durante la grande guerra. Ci sarà anche un Infoteam dell’Esercito Italiano che fornirà delucidazioni sui vari concorsi banditi  per intraprendere un futuro professionale nelle Forze Armate. Sarà presente la Scuola Militare Nunziatella di Napoli con 10 allievi in uniforme storica ed altri Istituti d’Eccellenza dell’USR Campania. Il marchio GIVOVA metterà a disposizione strutture tecniche e gonfiabili per rendere possibile l’esecuzione delle varie discipline sportive in cui i giovani studenti si potranno cimentare; acqua Acetosella che ha etichettato le bottiglie con il logo della Grande Guerra, “disseterà” tutti gli intervenuti, mentre il Comitato Geletieri Campano “delizierà” con un gelato Tricolore. Presente anche l’UNICEF. Il tema del Tricolore sarà interpretato infine dalle modelle della stilista Teresa Magliulo di Casal di Principe, che faranno da cornice al tedoforo.  

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Militare Esercito "Campania"


“L’Esercito marciava” attraversa il Lazio, il programma degli eventi

Dal 16 al 19 maggio i villaggi allestiti dall’Esercito a Cassino, Roma e Viterbo per commemorare il centenario della Grande Guerra con mostre, mezzi storici, concerti e filmati, a ingresso libero

Roma, 13 maggio 2015 – In occasione delle commemorazioni europee per il centenario dell’inizio della Grande Guerra, l’Esercito Italiano ha realizzato il progetto “L’Esercito marciava”. Si tratta di una rievocazione simbolica dell’afflusso al fronte degli italiani chiamati alle armi dai punti più lontani del territorio italiano, attraverso l’organizzazione di una “staffetta” partita da Trapani lo scorso 11 maggio alla quale partecipano nuclei podistici composti da 600 militari. Questi, alla stregua di tedofori, portano la bandiera italiana attraverso tutto il territorio nazionale e, correndo ininterrottamente per circa 4200 km lungo l’arco delle 24 ore, raggiungeranno Trieste nella serata del 24 maggio.

Nelle principali città attraversate dalle staffette, sono programmate un totale di 45 attività socio-promozionali e commemorative, che prevedono il diretto coinvolgimento della cittadinanza, con particolare riferimento agli studenti di alcuni istituti scolastici.

Tre gli appuntamenti laziali: Cassino, Roma e Viterbo

A Roma l’evento si svolgerà dal 16 al 19 maggio nei pressi della Basilica di Santa Croce in Gerusalemme e prevede, oltre a quella dell’Esercito Italiano, la partecipazione del Ministero della Difesa, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione; Direzione Scolastica Regionale), di Roma Capitale, dei Corpi Ausiliari della Croce Rossa Italiana e dell’Istituto Luce Cinecittà.

L’area espositiva allestita dal Comando Militare della Capitale sarà inaugurata il 16 maggio alle 10:00 e offrirà gratuitamente fino al 19 maggio dalle 10:00 alle 19:00 proiezioni cinematografiche, concerti di bande e fanfare, visite all’area archeologica e ai musei, dimostrazioni ginnico-militari, simulatori di guida e di volo, ricostruzioni storiche, esposizione di mezzi e materiali dell’Esercito.

L’evento capitolino darà la possibilità di visitare un posto di medicazione ambientato in uno scenario della 1^ Guerra Mondiale organizzato dal Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e dal Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana in uniforme d’epoca.

Nella sala Rocca della Direzione Generale del Cinema del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo sarà possibile assistere alla proiezione del film “Fango e Gloria“, realizzato con il patrocinio del Ministero della Difesa e prodotto dall’Istituto Luce Cinecittà e dalla Baires Produzioni. Sarà anche presentata una selezione di 8 filmati originali provenienti dagli archivi storici dell’Istituto Luce, che racconteranno la “Storia d’Italia”, dall’ingresso in guerra a Caporetto, passando per il fondamentale ruolo delle donne nella prima Guerra Mondiale. Imperdibile la riproduzione di uno dei più grandi successi di Charlie Chaplin: Charlot soldato (Shoulder Arms), un film interpretato, diretto e prodotto da Charlie Chaplin proiettato la prima volta il 20 ottobre 1918 e presentato, in anteprima, nella versione restaurata dalla Fondazione Cineteca di Bologna.

Nelle 4 giornate dedicate all’evento, si potranno osservare i cimeli custoditi dai Musei Storici dei Granatieri e della Fanteria e assistere alla proiezione di cortometraggi sulla Storia del Milite Ignoto e sui Granatieri di Sardegna realizzati dall’Istituto Luce.

Per l’occasione, il personale del MIBACT – Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area Archeologica di Roma, guiderà tutti i visitatori che raggiungeranno l’area archeologica di Santa Croce in Gerusalemme alla visita della residenza imperiale dei Severi, realizzata tra la fine del II e gli inizi del III secolo d.C., del palazzo imperiale di Costantino, e della domus di via Eleniana con affreschi e mosaici di particolare pregio.

Una mostra statica di mezzi dell’Esercito provenienti dal Museo Storico della Motorizzazione Militare, dal Comando Aviazione dell’Esercito, dal Reggimento Lancieri di Montebello, dalla Scuola Trasporti e Materiali, dal 17° Reggimento Artiglieria Contraerei, dal Centro di Eccellenza Counter IED, dal 6° Reggimento Genio Pionieri e dal 3° Reggimento Trasmissioni ripercorrerà la storia dei veicoli utilizzati dai soldati italiani, dalla prima Guerra Mondiale ai giorni nostri.

Ci sarà anche un percorso di “military fitness” che permetterà a tutti i visitatori di misurarsi con dei particolari esercizi ginnico-militari assistiti dagli istruttori del 186° Reggimento Paracadutisti “Folgore” di Siena. Gli appassionati di moto e di volo potranno cimentarsi nella guida di una Cagiva W12 e di un elicottero A129 Mangusta con i simulatori della Scuola Trasporti e Materiali e del Comando Aviazione dell’Esercito.

La “staffetta”, partita da Trapani lo scorso 11 maggio, raggiungerà Cassino il 18 maggio alle ore 20:00 dove ad attenderla ci sarà lo stand promozionale allestito dall’80° Reggimento Addestramento Volontari “Roma” in piazza Armando Diaz.

Il 19 maggio il tedoforo partirà alla volta di Roma dove giungerà alle 10:00 e, dopo aver attraversato l’esposizione di Santa Croce in Gerusalemme alle 10.30, raggiungerà alle 11:00 il Vittoriano per rendere omaggio ai caduti del primo conflitto mondiale e di tutte le guerre percorrendo la scalea dell’Altare della Patria sino al Sacello del Milite Ignoto.

Momento importante dell’iniziativa del 19 sarà la cerimonia di consegna ad alcuni alunni eredi degli italiani che hanno partecipato alla 1^ Guerra Mondiale degli “stati di servizio”, il documento che contiene tutte le informazioni riguardanti i compiti svolti, ai reparti di appartenenza, alle malattie, ferite che hanno coinvolto il militare dalla visita d’incorporamento al congedo e che, quasi fosse un “diario”, permetterà ai nipoti di avere la possibilità di conoscer meglio e più da vicino il proprio avo, rivivendo gli aspetti bellici che l’hanno visto protagonista con il suo reggimento e i suoi compagni. Saranno, inoltre, premiati i vincitori del concorso fotografico “La via della Grande Guerra”, bandito dallo Stato Maggiore dell’Esercito e rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie di I e II grado con l’obiettivo di coinvolgere i giovani nel ricordo attualizzato della Grande Guerra attraverso scatti di strade cittadine intitolate ad eventi e luoghi del primo conflitto mondiale.

L’ultima tappa laziale della staffetta sarà allo stand realizzato dal Comando dell’Aviazione dell’Esercito a Viterbo in piazza della Rocca dove è attesa alle 20:00.

CINEMA

Sala Rocca c/o Direzione Generale per il Cinema

16 maggio

  • ore 16.00 Charlot soldato (1918, Gran Bretagna) di Charlie Chaplin
  • ore 17.00 Fango e gloria – La Grande Guerra (2014, Italia) di Leonardo Tiberi

17 maggio

  • ore 16.00 Fango e gloria – La Grande Guerra (2014, Italia) di Leonardo Tiberi
  • ore 18.00 Charlot soldato (1918, Gran Bretagna) di Charlie Chaplin

18 maggio

  • ore 10.00 Selezione di filmati dell’Istituto Luce
  • ore 11.30 Selezione di filmati dell’Istituto Luce
  • ore 16.00 Selezione di filmati dell’Istituto Luce
  • ore 17.00 Fango e gloria – La Grande Guerra (2014, Italia) di Leonardo Tiberi

19 maggio

  • ore 10.00 Selezione di filmati dell’Istituto Luce
  • ore 11.30 Selezione di filmati dell’Istituto Luce
  • ore 16.00 Fango e gloria – La Grande Guerra (2014, Italia) di Leonardo Tiberi
  • ore 18.00 Charlot soldato (1918, Gran Bretagna) di Charlie Chaplin

CONCERTI

Teatro del Fante c/o Museo Storico della Fanteria

16 maggio

  • ore 18.00 Banda dell’Esercito Italiano

17 maggio

  • ore 15.30 Banda del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana
  • ore 18.00 Saxophone Quartet della Banda dell’Esercito Italiano

18 maggio

  • ore 18.00 Musica d’ordinanza della Brigata Granatieri di Sardegna e Coro del Lunedi

19 maggio

  • ore 10.15 Musica d’ordinanza della Brigata Granatieri di Sardegna e Coro dell’Istituto Scolastico “Giovanni Paolo II”
  • ore 18.00 Musica d’ordinanza della Scuola Trasporti e Materiali dell’Esercito

VISITE ARCHEOLOGICHE

Area archeologica di Santa Croce in Gerusalemme

  • dal 16 al 19 maggio, dalle 10.00 alle 19.00 visita libera
  • dal 16 al 19 maggio alle ore 11.00, ore 12.00, ore 16.00 e ore 17.00 visite guidate della residenza imperiale dei Severi, del palazzo imperiale di Costantino e della domus di via Eleniana

EVENTI

dal 16 al 19 maggio, dalle 10.00 alle 19.00

  • Mostra cimeli di guerra – Museo Storico dei Granatieri
  • Military fitness – area espositiva
  • Simulatore di volo e guida moto – area espositiva
  • Mostra di mezzi storici e moderni – area espositiva

19 maggio

Teatro del Fante

  • ore 10.00 cerimonia di consegna attestati di servizio 
  • ore 10.15 esibizione Coro dell’Istituto Scolastico Giovanni Paolo II 
  • ore 10.30 passaggio del tedoforo da Santa Croce in Gerusalemme 
  • ore 10.45 premiazione concorso fotografico “La via della Grande Guerra” 

Piazza Venezia

  • ore 11.00 passaggio del tedoforo dall’Altare della Patria 

Il programma completo flyer-lesercito-marciava.pdf

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Militare della Capitale

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade