Archivi tag: ENEA

Le Forze Armate italiane in Antardide per la XXXIV Campagna Antartica estiva 2018-2019

00e9ee18-bef5-4726-b18f-7badab64ecb9forze armate alla 33^ campagna antartica estiva (3)Medium

Baia Terra Nova (Antartide), 9 novembre 2018 – La XXXIV Campagna Antartica estiva 2018-2019 del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA) ha preso ufficialmente il via con la riapertura della stazione scientifica italiana “Mario Zucchelli” a Baia Terra Nova, in Antartide.

La Campagna è finanziata dal MIUR con il coordinamento scientifico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e logistico dell’Agenzia Nazionale per le nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (ENEA) e la partecipazione delle Forze Armate. In questa spedizione saranno impegnati 22 militari italiani di Esercito, Marina, Aeronautica ed Arma dei Carabinieri, nell’ambito delle competenze specifiche della Forza Armata d’appartenenza.

Le Forze Armate partecipano esclusivamente alle attività delle campagne estive, che si protraggono da ottobre a febbraio, cioè nel periodo che coincide con l’estate antartica, in cui sussistono condizioni climatiche molto complesse ma meno proibitive rispetto al resto dell’anno.

eddd10d3-f1bb-4d9e-bda3-0f909093b3aei palombari nella xxxiii spedizione italiana in antartide (12)Medium

Presso la stazione costiera italiana Mario Zucchelli, si registrano infatti, temperature medie tra 0°C e -35°C ed è necessario adattarsi a 24 ore di luce al giorno per tutto il periodo. L’avversità del tempo e del clima in Antartide non è solo riferita alla temperatura dell’aria, ma anche a quella del mare, anch’essa negativa di circa 1,8°C, con notevole impatto sulle attività di ricerca subacquea.

Altro parametro da non trascurare è il vento: in Antartide per gran parte dell’anno si formano fortissime “correnti catabatiche”, venti che discendono dal plateau verso la costa per effetto di gravità, tra i più intensi mai misurati sull’intero pianeta, capaci di superare anche i 300 km/h. In questo quadro, già di per sé complesso, bisogna poi tener conto delle non frequenti ma talvolta abbondanti nevicate che complicano la logistica.

In questo particolare contesto operano le eccellenze provenienti dalle varie Forze Armate come le guide alpine dell’Esercito e un carabiniere, per il coordinamento delle attività esterne e il supporto specialistico durante le attività di ricerca, i palombari della Marina per la conduzione e il coordinamento di tutte le attività subacquee, i meteorologi dell’Aeronautica per le previsioni, che giocano un ruolo spesso determinante per l’efficace pianificazione delle molteplici attività che coinvolgono sia la base Italiana sia quella italo-francese Concordia, situata sul plateau antartico a 3320 metri di quota.

4b5fa455-d650-49ef-a13f-2013afa77b90xxxii spedizione italiana in antartide (6)Medium

Continua inoltre, anche quest’anno l’opera di realizzazione di un aeroporto presso il sito di Boulder Clay, per cui è stata richiesta la collaborazione di personale tecnico appartenente all’Aeronautica. L’inizio dei lavori per la realizzazione della pista semi-preparata in ghiaia è iniziato nella campagna 2015-2016 e nel corso di tre campagne sono stati completati 850 mt. Il termine dei lavori della pista, per una lunghezza complessiva di 2.200mt, concepita sulle caratteristiche di atterraggio di un velivolo da trasporto C-130J, è previsto per la campagna 2022-2023.

8329a486-3b49-49cc-bcd4-f60e027b588fpnra (3)Medium

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Difesa
____________________________________________ 

 


Napoli: dalla ricerca ENEA il convegno su “Le infezioni nel politraumatizzato”

schermata-03-2457814-alle-17-57-02

Napoli, 1 marzo 2017 -Venerdì 3 marzo 2017, con inizio alle ore 08:45 – nell’aula Mediterraneo A.O.R.N. – A. Cardarelli avrà luogo il convegno: “Le infezioni nel politraumatizzato”, dalla ricerca E.N.E.A. un cambiamento di paradigma. Un momento di alta rilevanza scientifica ed occasione per illustrare il “brevetto” all’uopo registrato, fortemente voluto dal presidente del convegno il dott. Giuseppe Noschese – direttore Trauma Center A.O.R.N. – A. Cardarelli.

In questa giornata verrà presentata un’innovazione per il trattamento delle ferite frutto della ricerca E.N.E.A., la ricerca si è occupata della possibilità di trattare le ferite di qualunque estensione e natura sin dal momento del trauma e fino alla completa guarigione, senza necessità di utilizzazione di presidi istolesivi come i disinfettanti co­munemente usati o antibiotici responsabili della crescente incidenza della resistenza microbica.

La ricerca E.N.E.A., data l’elevata efficacia e manegevolez­za del medicamento, ha portato a un brevetto (brevetto n. WO2006/013607 A3 – 48211 BE 2008) ed è diventato un di­spositivo medico per uso topico di classe IIb, regolarmente approvato secondo le regole EU (marchio CE n. 0344), con il nome commerciale di 1 Primary Wound Dressing, che sta dimostrando di essere un rimedio eccellente per la risoluzione delle lesioni traumatiche, specie in condizioni di emergenza, grazie alla semplicità d’uso e al buon esito della chiusura delle ferite (sia come tempi di decorso che come qualità della cicatrice finale).

Nella giornata verranno esposti i risultati ottenuti dal Trauma Center del Cardarelli con 1 Primary Wound Dressing, inter­verrà anche la dr.ssa Fiorella Carnevali – primo ricercato­re E.N.E.A. co-inventore del brevetto.

© All rights reserved
Fonte: dr Antonio Grilletto
________________________________

Marina Militare: due palombari dei Comsubin in Antartide per il programma nazionale di ricerca dell’ENEA

Roma, 25 novembre 2015 – Presso la Base italiana “Mario Zucchelli” a Baia Terra Nova in Antartide, ha preso il via lo scorso 16 novembre la XXXI Campagna Antartica estiva 2015-2016 del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA).

Ci sono anche due palombari della Marina Militare nella XXXI spedizione italiana in Antartide coordinata dall’Enea. La missione – che durerà fino al 12 febbraio – coinvolge 200 persone: ricercatori italiani e stranieri oltre i militari di supporto.

I due palombari del Comsubin (Comando Subacquei e Incursori della Marina Militare) supportano le attività del team scientifico condotte sotto il ghiaccio. Già nelle settimane precedenti la partenza il personale specializzato della Marina ha curato l’addestramento dei ricercatori e ora si sta occupando della loro sicurezza in tutte le attività di immersione.

Il team scientifico lavora a temperature medie comprese tra 0° C e -35° C. e può godere di 24 ore di luce al giorno per tutto il periodo.

Le immersioni sono il cuore della missione. L’Antartide, il “settimo continente” ha l’aspetto di un deserto congelato. Le acque antartiche però sono ricchissime di sostanze nutritive, che danno vita ad una complessa piramide alimentare, di elevato interesse naturalistico.

Il Cnr coordinerà la ricerca nel campo della biodiversità, dell’evoluzione e dell’adattamento degli organismi antartici, delle scienze della Terra, della glaciologia, nonché le attività di monitoraggio presso gli Osservatori permanenti meteo-climatici, astronomici e geofisici.

I ricercatori si appoggeranno alla base scientifica italiana “Mario Zucchelli”, riaperta per l’occasione, nella baia di Terranova. Con questo viaggio verrà rifornita anche la base permanente “Concordia”, situata nell’entroterra e gestita insieme alla Francia.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Marina Militare

 

 

 


OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade