Annunci

Archivi tag: Dual Use

Esercito 2014: oltre 7000 i militari impegnati in missioni, emergenze maltempo e bonifica esplosivi

Roma, 30 dicembre 2014 – ​​​Sono stati oltre 7000 gli uomini e donne dell’Esercito impegnati nel corso del 2014 in Italia e all’estero. Nelle principali missioni internazionali 2500 uomini e donne con le stellette hanno operato in Afghanistan (830 unità), Libano (1000 unità), Kosovo (350 unità) e Centrafrica (270 unità). Nel 2014 L’Italia ha mantenuto la leadership delle due più importanti missioni in atto, KFOR in Kosovo e UNIFIL in Libano. Inoltre da febbraio di quest’anno l’Italia detiene la leadership ​​della missione EUTM Somalia, condotta sotto egida dell’Unione Europea.

Nello stesso periodo, sul territorio nazionale, circa 4600 soldati hanno garantito la sicurezza sul territorio nazionale nelle principali località italiane, da Gorizia a Trapani, con l’operazione Strade Sicure in concorso alle forze di polizia nella vigilanza di obiettivi sensibili, dei centri per immigrati e in attività di pattugliamento di aree metropolitane.

Nel 2014 non sono mancati gli interventi delle unità dell’Esercito nei casi di pubblica calamità e di pubblica utilità. Grazie all’addestramento, alle specifiche competenze e alla capacità dual use l’Esercito è intervenuto con oltre 1700 militari e mezzi speciali, per il soccorso alle popolazioni.

Tra gli interventi più recenti e significativi, quelli di Genova e di Alessandria, dove più di 500 militari e 100 mezzi speciali, tra cui torri d’illuminazione, macchine movimento terra e terne ruotate, hanno operato ininterrottamente per tutta la durata dell’emergenza, soccorrendo la popolazione, sgomberando i locali dai detriti e ripristinando della viabilità.

In Sardegna, per l’emergenza maltempo dello scorso gennaio, sono stati impiegati 100 militari e 35 mezzi. In Emilia Romagna a seguito dell’esondazione del fiume Secchia che ha colpito la provincia di Modena sono intervenuti 200 militari.

A Pisa, per il nubifragio che si è abbattuto a febbraio sulla città, sono intervenuti 200 militari, a Belluno per le eccezionali precipitazioni nevose, 200 militari dotati con veicoli cingolati BV 206, gli stessi impiegati in Afghanistan, hanno soccorso la popolazione e ripristinato la viabilità.

Nel Lazio, a febbraio 2014, per il violento nubifragio che si è abbattuto sulla capitale, sono stati impiegati 200 militari e mezzi speciali in dotazione, di cui sei motopompe. A Treviso 350 militari sono intervenuti per il monitoraggio dei fiumi Livenza e Monticano e per l’attività di drenaggio delle acque e di rimozione dei detriti.

Nel settore dei concorsi di pubblica utilità, a garanzia del funzionamento dei servizi, 80 militari del genio dell’esercito hanno lavorato per la posa in opera di un ponte Bailey nel centro storico di Palermo, consegnato lo scorso 31 ottobre all’Azienda Trasporti della provincia.

Nel corso dell’anno, inoltre, l’Esercito ha continuato la sua opera di pubblica utilità e di tutela ambientale garantendo la bonifica dei residuati bellici con ben 2250 interventi specialistici di bonifica.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore dell'Esercito
Annunci

Il 6° bersaglieri si esercita in operazioni antincendio

11 luglio 2014 – Terminata nei giorni scorsi un’esercitazione che ha visto impiegati 35 militari del 6° Bersaglieri, tra ufficiali, sottufficiali e volontari, 6 veicoli tattici e materiale antincendio, con lo scopo di fornire una forza di intervento in caso di pubbliche calamità, come gli incendi che potrebbero dilagare nell’area durante la stagione estiva.

L’attività, è stata finalizzata al mantenimento dei livelli addestrativi, in coordinamento con il personale del Corpo Forestale della riserva. In particolare, grazie alle esperienze maturate nelle missioni estere ed all’elevata connotazione dual-use (capacità di cooperare con le autorità civili a favore della cittadinanza e quella operativa espressa nei teatri operativi).

© All rights reserved
Fonte: Forze operative terrestri


L’Aquila: al 6 reggimento Genio Pionieri il compito di lavori di lavori urbani

L’Aquila, 12 maggio 2014 – Siglata una convenzione tra l’USRA (Ufficio Speciale per la Ricostruzione dell’Aquila) ed il 9° Reggimento Alpini (in rappresentanza dello Stato Maggiore dell’Esercito), che ha assegnato l’esecuzione di complessi lavori di demolizione all’interno della caserma “Pasquali” al 6° Reggimento Genio Pionieri nonché il relativo trasporto a discarica delle macerie di risulta.  

L’intervento tecnicamente più significativo è stato la demolizione di una torre piezometrica alta circa diciotto metri, resa pericolante dalla presenza di notevoli lesioni alla muratura di base e che era stata oggetto in passato di un precedente tentativo di demolizione da parte di un’altra struttura operativa civile. Intervento che venne sospeso per timore di un crollo durante l’operazione. 
Le operazioni di demolizione di altri fabbricati e lo smaltimento del materiale di risulta, che ammonta a circa 10.000 metri cubi, continueranno fino a metà di giugno e vedranno impegnati un’unità lavori composta da 16 militari, 2 escavatori per la demolizione, 1 pala caricatrice, 6 mezzi pesanti per il trasporto macerie ed attrezzature varie del genio. 

In particolare il 6° Reggimento Genio Pionieri, come tutti gli altri reparti del genio, grazie alle esperienze maturate nelle missioni estere ed elevata connotazione dual use (capacità di cooperare con le autorità civili a favore della cittadinanza e quella operativa espressa nei teatri operativi), opera a favore della comunità nazionale sia in caso di pubbliche calamità, sia per la bonifica dei residuati bellici ancora ampiamente presenti sul territorio italiano.

© All rights reserved
Fonte: Comando delle Forze Operative Terrestri
Foto: © Comando delle Forze Operative Terrestri


Ultimo giorno ricco di eventi allo stand delle Forze Armate al salone del libro

Torino, 11 maggio 2014 – Domani 12 maggio, ultimo giorno di attività al Salone del Libro di Torino, continua l’intensa l’attività al quadrilatero espositivo delle Forze Armate che inizierà con la presentazione del volume Alle radici della cavalleria medievale del prof. Franco Cardini.

L’Arma dei Carabinieri porterà il pubblico su una scena del crimine e mostrerà come operano i loro artificieri con un “Robot antisabotaggio”.

I rischi di mine e ordigni inesplosi, come i residuati bellici, saranno al centro della prestazione dell’Esercito con il progetto Robot Sminatore e le sue capacità Dual Use, cioè non solo a scopi militari ma anche civili.

Concluderanno il programma della giornata le presentazioni dei progetti della Marina Militare: il programma operativo nazionale Port and Coastal Survey realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Interno e Green Diesel con l’ENI.

I visitatori potranno dialogare in video-conferenza con i militari italiani impegnati nella missione Kosovo Force (KFOR) e United Nations Interim Force in Lebanon (UNIFIL) in Libano.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore Difesa
Foto: © Stato Maggiore Difesa


Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade