Annunci

Archivi tag: Dual Use

Esercito: disinnescato ordigno esplosivo a presunto caricamento chimico

Estrazione dell'ordigno dal terreno

Aprilia (LT), 15 maggio 2018 – Gli artificieri del 21° reggimento Genio Guastatori, in collaborazione con il personale del Centro Tecnico Logistico Interforze NBC di Civitavecchia, hanno disinnescato, la scorsa domenica, un ordigno esplosivo a presunto caricamento chimico, risalente al secondo conflitto mondiale, rinvenuto in località “Giannottola” nel corso di lavori in un terreno agricolo.

La bomba, una granata d’artiglieria da 75 mm di fabbricazione americana rivelatasi poi caricata con fosforo, è stata rinvenuta in buone condizioni e ancora attiva e micidiale. Grazie alla sinergia tra gli artificieri dei due reparti dell’Esercito, l’ordigno è stato dapprima neutralizzato mediante una particolare tecnica in basso ordine “Low Order” e poi distrutto mediante brillamento con cariche esplosive.

La delicata operazione di disinnesco, per ragioni di sicurezza, ha richiesto un’area di sgombero di 500 metri e l’evacuazione di diverse famiglie.

Questa è stata la cinquantesima bonifica effettuata dagli artificieri specialisti nella disattivazione di ordigni esplosivi regolamentari e di circostanza del 21° reggimento Genio Guastatori di Caserta, coordinati dal Comando Forze Operative Sud di Napoli. Dall’inizio dell’anno sono stati oltre 120 gli ordigni neutralizzati tra cui 2 bombe d’aereo da 500 e 1000 libbre.

L’Esercito grazie alla capacità dual-use dei reparti dell’Arma del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire in ogni momento, in tutto il territorio italiano a supporto della comunità nazionale, in interventi di pubblica utilità confermandosi in qualsiasi circostanza, una risorsa per il Paese. 

L’Esercito Italiano, inoltre, è l’unica Forza Armata preposta alla formazione degli artificieri di tutte le Forze di Polizia, Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.

© All rights reserved
Fonte immagini: Comando logistico dell'Esercito
____________________________________________________

 

Annunci

La Difesa rafforza la propria presenza nelle zone del sisma e del maltempo

272654bc-fc5b-49cb-98d9-ae8c3c413327aperturamedium

Roma, 21 gennaio 2017 – Il dispositivo della Difesa si è ulteriormente rafforzato in queste ultime ore, portando il contributo di donne e uomini delle Forze Armate a oltre 3.300 unità, con 1370 mezzi – tra speciali del genio, cingolati e ruotati – e ben 36 elicotteri. Si incrementa anche il contributo della Marina Militare, che nella notte ha fatto giungere in zona circa 60 fucilieri di Marina della Brigata San Marco, per dare maggior impulso alle attività di sgombero della neve dai centri abitati.

Procede quindi l’attività di concorso delle Forze Armate alla Protezione Civile nel tentativo di portare soccorso alla popolazione e alleviare i disagi causati dall’eccezionale concomitanza dello sciame sismico e del maltempo in Italia Centrale. Unità militari continuano ad operare nell’area del cratere – e lo stanno facendo ininterrottamente dal 24 agosto scorso – ed altre se ne sono aggiunte, tra Teramo e Chieti, per eseguire gli interventi più diversificati, come da richiesta della Protezione Civile.

95836ebd-de01-4fe8-a7d5-e59238bd287dimg-20170121-wa0010medium

Il personale delle Forze Armate sta operando, fianco a fianco con i Vigili del Fuoco, le Forze dell’Ordine, i volontari e la Protezione Civile, in condizioni di estrema difficoltà e senza sosta: nel teramano è stato effettuato un intervento di recupero e evacuazione di una persona disabile rimasta isolata e sono state raggiunte alcune frazioni dove si è provveduto ad assistere la popolazione per le esigenze immediate.

In particolare, una squadra di Ranger del 4° Reggimento Alpini Paracadutisti ha raggiunto l’abitato di Coronella, nella Valle Castellana, completamente isolato da giorni. È stato necessario utilizzare gli elicotteri e, vista l’impossibilità di atterrare, il personale è stato sbarcato con la tecnica del fast rope, cioè calandosi con una fune dall’elicottero in volo stazionario. Sono così stati presi i contatti con gli abitanti e si sta organizzando la consegna di generi di prima necessità e medicinali. La squadra di soccorso è quindi rimasta tutta la notte in zona, per cercare di raggiungere altre abitazioni isolate. Analoga attività è condotta, in queste ore, nelle frazione di Vallefara e Ceraso, sempre nella Valle Castellana, con l’obiettivo di raggiungere un centinaio di persone che risultano totalmente isolate.

Continua, inoltre, l’attività delle squadre di ricerca e soccorso del 9° reggimento alpini presso l’hotel Rigopiano.

2c65e2e1-ec0e-4adb-b7bc-5872613ab92dimg_8326medium

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa

_____________________________________________


L’Esercito a Natale #noicisiamosempre

Natale in afghanistan

Natale in afghanistan

Roma, 24 dicembre 2015 – Sono circa 9000 i militari dell’Esercito impiegati nei principali teatri operativi esteri e sul territorio nazionale che, anche il giorno di Natale, continueranno a svolgere i propri compiti istituzionali asalvaguardia della sicurezza internazionale e delle principale aree metropolitane del Paese.

A loro, agli uomini e donne della Forza Armata, ai loro familiari, sostegno e insostituibile punto di riferimento, il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Danilo Errico, ha rivolto “un sentito augurio di serenità per le imminenti festività natalizie ed un ringraziamento per quanto fatto ogni giorno non solo per l’Esercito ma per l’intero Paese”.

L’Esercito con oltre 6.500 soldati attualmente impegnati in Patria, giorno e notte, nell’ambito dell’operazione Strade Sicure – dei quali 2.300 solo a Roma per il Giubileo – a cui si uniscono più di 2.600 dislocati tra Afghanistan, Libano, Iraq, Kosovo, Somalia e Mali, contribuisce significativamente alle missioni della Difesa nella tutela della collettività, in Italia e all’estero.

Non solo sicurezza, ma anche supporto alla popolazione colpita da pubbliche calamità e da particolari emergenze. La Forza Armata, grazie alla capacità dual-use dei propri reparti, resa possibile dall’addestramento quotidiano e professionalità dei suoi soldati e dai mezzi specialistici in dotazione, ha fornito in più circostanze un prezioso contributo. Assetti del Genio sono intervenuti in Liguria e in provincia di Piacenza per la rimozione di macerie e il pompaggio dell’acqua, ristabilendo le normali condizioni di vita per gli alluvionati. A Olbia, i reparti della Brigata Sassari sono stati impegnati nella rimozione e successivo smaltimento di un centinaio di metri cubi di risulta.

Inoltre, grazie all’intervento degli artificieri dell’Esercito sono state disinnescate e fatte brillare bombe e manufatti esplosivi risalenti al secondo conflitto mondiale e rinvenute su tutto il territorio nazionale. Questo mese, gli specialisti del Genio dell’Esercito hanno effettuato il disinnesco di un ordigno di 1.000 libbre trovato in località “I Renari” nel comune di Giove (TR), a poche centinaia di metri dall’autostrada A1 e dalla linea ferroviaria, che è stato prima disattivato, poi trasportato e fatto brillare in una cava nel comune di Narni (TR).

Militari per Strade sicure alla stazione Termini di Roma

Militari per Strade sicure alla stazione Termini di Roma

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito

Bomba day a Sant’Angelo dei Lombardi (AV)

​​​​Avellino, 19 settembre 2015 – Domani, domenica 20 settembre gli artificieri del 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta, unità della Brigata Bersaglieri “Garibaldi”, interverranno per il disinnesco e la rimozione di 2 ordigni bellici: una granata di artiglieria da 88 mm di fabbricazione tedesca ed una bomba d’aereo da 250 libbre (113 kg) di fabbricazione inglese, entrambi risalenti al secondo conflitto mondiale.​

Gli ordigni, occasionalmente rinvenuti in località Ruggiani, lo scorso 8 settembre, sono perfettamente conservati, quindi ancora attivi e pericolosi. Dopo 35 anni dal sisma del 1981, che colpì gravemente la città irpina e tutta la Campania e che vide l’intervento degli uomini dell’allora 21° Battaglione Genio “Timavo”, chiamati a soccorrere la popolazione locale, i genieri tornano su quel territorio per un’altra emergenza.

Per le delicate operazioni di disinnesco sarà necessario lo sgombero di un area di 500 metri e l’evacuazione di circa 50 famiglie. Gli artificieri del 21° Reggimento interverranno con 2 team specializzati nella disattivazione di ordigni esplosivi regolamentari e di circostanza. In particolare per la bomba d’aereo gli artificieri rimuoveranno il congegno di attivazione posto nella parte anteriore dell’ordigno, rendendolo inoffensivo. Analoga procedura di disattivazione sarà adottata per la granata di artiglieria.

Gli ordigni saranno successivamente scortati e trasferiti nella cava “Cipriano”, dove all’interno di un “fornello”, realizzato con opere di scavo, mediante cariche esplosive, si procederà alla loro definitiva e sicura neutralizzazione. L’intervento durerà presumibilmente tra le 4 e le 6 ore e nel caso di complicazioni o condizioni meteorologiche avverse, i tempi potranno dilazionarsi fino a circa 10 ore.

Per l’organizzazione della delicata attività, è stato proficuo l’intervento sinergico della prefettura di Avellino, Protezione Civile, Forze di Polizia, Vigili del Fuoco e amministrazione comunale di Sant’Angelo dei Lombardi.

Per gli specialisti del 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta, coordinati dal 2° Comando delle Forze di Difesa di San Giorgio a Cremano (NA), è il centosettantesimo intervento di bonifica residuati bellici condotto nella propria area di competenza (Regione Campania, Regione Molise e Provincia di Latina) con oltre 410 ordigni neutralizzati dall’inizio dell’anno.

​L’Esercito Italiano grazie alla capacità “dual-use” dei Reparti dell’Arma del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire in ogni momento, in tutto il territorio Italiano a supporto della comunità nazionale, in interventi di pubblica utilità, ponendosi come indispensabile risorsa per il Paese. 

© All rights reserved
Fonte e immagini: COMFOTER

Cerignola, emergenza maltempo: interviene l’esercito

Foggia, 3 dicembre 2015 – I soldati dell’11° reggimento genio guastatori di Foggia su richiesta della prefettura di Foggia sono intervenuti a favore della popolazione nel comune di Cerignola rimasta isolata a causa delle abbondanti nevicate dei giorni scorsi.

L’esercito è stato impegnato con macchine di movimento terra nelle strade di Cerignola per liberare le strade dalla neve, contribuendo in coordinamento con le altre forze dislocate sul territorio e volontari, nello spargimento del sale.

Le capacità tecniche dell’Esercito garantiscono il prezioso intervento in caso di pubblica utilità e per la tutela dell’ambiente. In particolare, i reparti genio, grazie alle esperienze maturate nelle missioni estere ed all’elevata connotazione dual-use sono in grado di intervenire prontamente ed efficacemente a favore della comunità nazionale in casi di maltempo, come già avvenuto lo scorso anno nelle città di Genova, Parma, Alessandria e Pisa. Esercito, una risorsa per il Paese.​

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore dell'Esercito


Esercito 2014: oltre 7000 i militari impegnati in missioni, emergenze maltempo e bonifica esplosivi

Roma, 30 dicembre 2014 – ​​​Sono stati oltre 7000 gli uomini e donne dell’Esercito impegnati nel corso del 2014 in Italia e all’estero. Nelle principali missioni internazionali 2500 uomini e donne con le stellette hanno operato in Afghanistan (830 unità), Libano (1000 unità), Kosovo (350 unità) e Centrafrica (270 unità). Nel 2014 L’Italia ha mantenuto la leadership delle due più importanti missioni in atto, KFOR in Kosovo e UNIFIL in Libano. Inoltre da febbraio di quest’anno l’Italia detiene la leadership ​​della missione EUTM Somalia, condotta sotto egida dell’Unione Europea.

Nello stesso periodo, sul territorio nazionale, circa 4600 soldati hanno garantito la sicurezza sul territorio nazionale nelle principali località italiane, da Gorizia a Trapani, con l’operazione Strade Sicure in concorso alle forze di polizia nella vigilanza di obiettivi sensibili, dei centri per immigrati e in attività di pattugliamento di aree metropolitane.

Nel 2014 non sono mancati gli interventi delle unità dell’Esercito nei casi di pubblica calamità e di pubblica utilità. Grazie all’addestramento, alle specifiche competenze e alla capacità dual use l’Esercito è intervenuto con oltre 1700 militari e mezzi speciali, per il soccorso alle popolazioni.

Tra gli interventi più recenti e significativi, quelli di Genova e di Alessandria, dove più di 500 militari e 100 mezzi speciali, tra cui torri d’illuminazione, macchine movimento terra e terne ruotate, hanno operato ininterrottamente per tutta la durata dell’emergenza, soccorrendo la popolazione, sgomberando i locali dai detriti e ripristinando della viabilità.

In Sardegna, per l’emergenza maltempo dello scorso gennaio, sono stati impiegati 100 militari e 35 mezzi. In Emilia Romagna a seguito dell’esondazione del fiume Secchia che ha colpito la provincia di Modena sono intervenuti 200 militari.

A Pisa, per il nubifragio che si è abbattuto a febbraio sulla città, sono intervenuti 200 militari, a Belluno per le eccezionali precipitazioni nevose, 200 militari dotati con veicoli cingolati BV 206, gli stessi impiegati in Afghanistan, hanno soccorso la popolazione e ripristinato la viabilità.

Nel Lazio, a febbraio 2014, per il violento nubifragio che si è abbattuto sulla capitale, sono stati impiegati 200 militari e mezzi speciali in dotazione, di cui sei motopompe. A Treviso 350 militari sono intervenuti per il monitoraggio dei fiumi Livenza e Monticano e per l’attività di drenaggio delle acque e di rimozione dei detriti.

Nel settore dei concorsi di pubblica utilità, a garanzia del funzionamento dei servizi, 80 militari del genio dell’esercito hanno lavorato per la posa in opera di un ponte Bailey nel centro storico di Palermo, consegnato lo scorso 31 ottobre all’Azienda Trasporti della provincia.

Nel corso dell’anno, inoltre, l’Esercito ha continuato la sua opera di pubblica utilità e di tutela ambientale garantendo la bonifica dei residuati bellici con ben 2250 interventi specialistici di bonifica.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore dell'Esercito

Il 6° bersaglieri si esercita in operazioni antincendio

11 luglio 2014 – Terminata nei giorni scorsi un’esercitazione che ha visto impiegati 35 militari del 6° Bersaglieri, tra ufficiali, sottufficiali e volontari, 6 veicoli tattici e materiale antincendio, con lo scopo di fornire una forza di intervento in caso di pubbliche calamità, come gli incendi che potrebbero dilagare nell’area durante la stagione estiva.

L’attività, è stata finalizzata al mantenimento dei livelli addestrativi, in coordinamento con il personale del Corpo Forestale della riserva. In particolare, grazie alle esperienze maturate nelle missioni estere ed all’elevata connotazione dual-use (capacità di cooperare con le autorità civili a favore della cittadinanza e quella operativa espressa nei teatri operativi).

© All rights reserved
Fonte: Forze operative terrestri


Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade