Annunci

Archivi tag: concorso

Concorso per l’accesso alla prima classe dei corsi regolari dell’Accademia Aeronautica per il 2019

pilot2_fb

Roma, 17 gennaio 2019 – Sono 83 i posti disponibili quest’anno per il reclutamento di Allievi Ufficiali alla prima classe dei corsi regolari dell’Accademia Aeronautica per l’anno accademico 2019-2020.

Il Bando di Concorso, sul quale trovare tutte le informazioni e le modalità per la partecipazione, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – 4^ serie speciale n. 102 del 28 dicembre 2018 e prevede la seguente ripartizione dei posti:

  • 42 posti per il ruolo naviganti normale dell’Arma Aeronautica, specialità pilota;
  • 10 posti per il ruolo normale delle Armi dell’Arma Aeronautica;
  • 16 posti per il ruolo normale del Corpo del Genio Aeronautico;
  • 8 posti per il ruolo normale del Corpo di Commissariato Aeronautico;
  • 7 posti per il ruolo normale del Corpo Sanitario Aeronautico.

Ciascun concorrente può presentare domanda per uno soltanto dei ruoli a concorso. I soli candidati per il ruolo naviganti normale dell’Arma Aeronautica, specialità pilota, devono indicare, nella domanda di partecipazione al concorso, un solo altro ruolo per il quale intendono proseguire il concorso qualora, agli accertamenti psicofisici, vengano riconosciuti affetti da carenza accertata, totale o parziale, dell’enzima G6PD e, pertanto, giudicati inidonei all’ammissione all’Accademia Aeronautica per il ruolo naviganti normale dell’Arma Aeronautica, specialità pilota.

Guarda lo spot realizzato in occassione dell’uscita del bando di concorso.

Requisiti generali di partecipazione

Al concorso possono partecipare i cittadini italiani di entrambi i sessi che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, hanno compiuto il 17° anno di età e non hanno superato il giorno di compimento del 22° anno di età e che hanno conseguito o sono in grado di conseguire al termine dell’anno scolastico 2018-2019 un diploma di istruzione secondaria di secondo grado valido per l’iscrizione all’università. Per consultare tutti i requisiti di partecipazione al concorso, leggi l’art. n.2 del bando di concorso.

Domanda di partecipazione al concorso

La domanda di partecipazione dovrà essere compilata esclusivamente tramite il portale dei concorsi on-line del Ministero della Difesa, entro e non oltre il 28 gennaio 2019, collegandosi direttamente al sito https://concorsi.difesa.it e seguendo le istruzioni fornite dal sistema automatizzato e dall’art. n.4 del bando di concorso.

Le prove concorsuali

Il concorso in questione prevede le seguenti fasi di reclutamento:

  • prova scritta di preselezione;
  • prova scritta di composizione italiana;
  • accertamenti psicofisici;
  • prova scritta di selezione culturale in biologia, chimica e fisica (solo per i concorrenti per il Corpo Sanitario Aeronautico);
  • prove di efficienza fisica e accertamenti attitudinali e comportamentali;
  • prova di informatica;
  • prova di conoscenza della lingua inglese;
  • prova orale di matematica;
  • prova orale di ulteriore lingua straniera (facoltativa);
  • indagini strumentali (solo per la specialità pilota).

Il superamento di ciascuna prova, nei termini indicati dal bando di concorso, consente l’accesso alla fase succes­siva.

Saranno dichiarati vincitori i concorrenti che si collocheranno utilmente nelle graduatorie di merito, a meno che non siano sopravvenuti gli elementi impeditivi di cui al precedente art. 1, comma 4.

Per consultare i programmi dettagliati delle prove di concorso, leggere l’Appendice AM del bando di concorso.

E’ disponibile la banca dati per la prova scritta di preselezione.

Iter formativo degli Allievi Ufficiali vincitori del concorso

I vincitori del ruolo naviganti effettuano un ciclo di lezioni e di esercitazioni di volo presso il 70° Stormo di Latina, finalizzato all’accertamento dei requisiti attitudinali richiesti al pilota militare. L’addestramento al volo prosegue durante gli anni successivi con il conseguimento del brevetto di pilota d’aliante, cui segue un’attività di mantenimento dello stesso brevetto. Terminato il corso in Accademia, i piloti vengono inviati presso le scuole di volo individuate dall’Aeronautica Militare per il conseguimento del brevetto di pilota militare.

L’iter formativo degli allievi dell’Accademia Aeronautica prevede il conseguimento della laurea (1° livello) al termine di un ciclo di studi triennale e della laurea magistrale (2° livello) al termine di un ulteriore biennio di studi ovvero, per taluni ruoli, della laurea magistrale a ciclo unico, nei seguenti corsi di laurea:

• allievi dell’Arma Aeronautica ruolo naviganti normale, specialità pilota e ruolo normale delle armi: un corso di laurea in “Gestione dei Sistemi Aerospaziali per la Difesa” cui seguirà la conseguente laurea magistrale con un piano di studi comprendente discipline giuridico-economiche, scientifiche e di specifico interesse aeronautico;

• allievi del Corpo del Genio Aeronautico: un iter di studi che prevede il conseguimento della laurea in Ingegneria Aerospaziale, Civile o Elettronica e della laurea magistrale in Ingegneria Aerospaziale, Elettronica, Telecomunicazioni e Strutturale e Geotecnica. La suddivisione tra i vari corsi è effettuata sulla base delle esigenze stabilite dalla Forza Armata e tenuto conto, per quanto possibile, delle preferenze espresse dagli interessati;

• allievi del Corpo di Commissariato Aeronautico: un iter di studi finalizzato al conseguimento della laurea magistrale in Giurisprudenza;

• allievi del Corpo Sanitario Aeronautico seguono un iter di studi finalizzato al conseguimento della laurea magistrale in Medicina e Chirurgia.

Nell’ambito della formazione tecnico-militare è previsto lo svolgimento di corsi di lingua inglese, corsi e tirocini presso enti operativi, industrie aeronautiche e centri di ricerca aerospaziale, corsi di sopravvivenza in mare e montagna, di paracadutismo e di volo a vela.

La formazione degli allievi prevede, inoltre, lo svolgimento quotidiano di addestramento formale e attività sportiva tra cui corsi di vela, di immersione subacquea e snorkeling.

Impiego e profilo di carriera

Arma Aeronautica ruolo naviganti normale – Pilota (AArnn)

L’Ufficiale pilota, al termine del periodo addestrativo presso le Scuole Volo, riveste il grado di Tenente e, fregiato dell’aquila turrita che contraddistingue il personale navigante che ha conseguito il brevetto di pilota milita­re, viene destinato, a seconda delle attitudini evidenziate, ad un Reparto Operativo della Forza Armata dove acquisirà la qualifica di Combat Ready (pronto al combattimento). L’iter formativo potrà proseguire presso il 72° stormo di Frosinone per conseguire l’abilitazione al pilotaggio degli elicotteri, presso il 32° Stormo di Amendola per l’abilitazione sugli AM-X, oppure presso il 6° Stormo di Ghedi per l’abilitazione sui velivoli Tornado.

I piloti destinati alla linea intercettori, e che voleranno sul velivolo EFA, saranno inviati presso le unità di con­versione operative per il consegui­mento dell’abilitazione alla condotta del velivolo. È in via di definizione il programma addestrativo per conseguire l’abilita­zione al modernissimo caccia JSF.

Arma Aeronautica ruolo normale delle Armi (AAran)

La carriera degli Ufficiali del ruolo normale delle Armi inizia nel grado di Sottotenente e prosegue sino a quello massimo di Generale di Squadra.

L’Ufficiale, che svolge compiti inerenti all’organizzazione ed al funzionamento della Forza Armata, può essere impiegato in molteplici settori di atti­vità: la Logistica, le Telecomunicazioni, il Controllo del Traffico Aereo, la Difesa Aerea, la Fotointerpretazione e le Informative Operative, il Soccorso Aereo, la Protezione Locale, l’Informatica e l’impiego nelle Forze Speciali. L’impiego degli Ufficiali del ruolo normale delle Armi prevede l’espleta­mento di funzioni di comando che richiedono impegno, pro­fessionalità e dispo­nibilità.

genio3_fb

Corpo del Genio Aeronautico ruolo normale – Ingegnere (GArn)

L’Allievo Ufficiale del ruolo normale del Corpo del Genio Aeronautico ter­mina il corso in Accademia con il grado di Tenente e, conseguita la lau­rea magistrale in Ingegneria, viene assegnato ai Reparti di Volo o di Manutenzione. Qui sovrintende all’efficienza dei mezzi e delle infra­strutture aeronautiche svolgendo compiti tecnici inerenti all’armamen­to, alla progettazione, alla costruzione e all’allestimento dei materiali aero­nautici di qualsiasi specie, compresi gli aeromobili e gli immobili dell’Ae­ronautica Militare nonché al collaudo e alla manutenzione del materiale aeronautico. L’Ufficiale del ruolo normale del Corpo del Genio Aeronautico, dal grado di Tenente a quello di Tenente Colonnello, è impie­gato, di massima fino al grado di Capitano, presso un Ente Tecnico dell’organizzazione operativa perife­rica e, successivamente, dopo la fre­quenza del corso di aggiornamento, presso Enti Tecnici centrali, per acqui­sire un bagaglio di esperienze prope­deutiche all’impiego a livello dirigen­ziale.

Corpo di Commissariato Aeronautico ruolo normale – Commissario (CCrn)

L’Allievo Ufficiale del ruolo normale del Corpo di Commissariato Aeronautico consegue la laurea magi­strale in Giurisprudenza e, al termine dei corsi regolari, viene inviato presso i Reparti e gli Enti dell’Aeronautica Militare dove svol­ge incarichi con funzioni direttive presso gli uffici periferici del servizio amministrativo. Prosegue la carriera presso gli Enti Centrali con funzioni di studio, gestione amministrativa nonché di consulenza giuridica.

Corpo Sanitario Aeronautico ruolo normale   – Medico (CSArn)

L’Allievo Ufficiale del ruolo normale del Corpo Sanitario Aeronautico con­segue la laurea magistrale in Medicina e Chirurgia e, al termine dei corsi regolari, viene inviato presso i Reparti operativi di Forza Armata dove esercita fun­zioni direttive (dirigente di servizio sanitario) e tecnico-professionali tese ad accertare l’idoneità pico-fisica, ai servizi generici e speciali, del personale aero­nautico, a curarne l’inte­grità fisica e tutelarne l’igie­ne, provveden­do all’allesti­mento ed ai rifornimenti dei servizi e dei materiali occor­renti ai fini di cui sopra. Prosegue la car­riera presso un Istituto di Medicina Aerospaziale o come Capo Ufficio sanitario di Ente dell’organizzazione ministeriale, di vertice o intermedia.

medici_fb

Accademia Aeronautica

L’Accademia Aeronautica è un Istituto mili­tare di studi superiori a carattere uni­versitario che ha il compito di prov­vedere alla selezione, al reclutamento ed alla formazione dei giovani che aspirano a diventare Ufficiali dell’Aeronautica Militare in servizio permanente.

Tutti i corsi accademici e le relative opportunità formative sono orientate alla crescita delle capacità personali e di leadership dei giovani Allievi a cui, in futuro, sarà affidata la dirigenza della Forza Armata al servizio del Paese.

Consulta la guida per i partecipanti al concorso di ammissione alla prima classe dei corsi regolari dell’Accademia Aeronautica per l’anno accademico 2019-2020.

Cliccare per scaricare la guida in formato pdf guida concorso accademia aeronautica

Curiosità

Fin dall’istituzione dell’Accademia, per rendere più saldo lo spirito di corpo fra gli allievi, fu stabilito che i corsi fossero contraddistinti da nomi evocanti venti, costellazioni, simboli mitologici, o uccelli rapaci, con le ini­ziali in ordine alfabetico. Il primo corso fu chiamato Aquila e l’ultimo Zodiaco. Esaurite le lettere dell’alfabe­to, venne iniziata una nuova serie, che si diversificava dalla prima per il numero ordinale (Aquila II, Borea II, etc.etc); l’unica eccezione riguarda il corso Rex, le cui tradizioni furono ere­ditate nel 1956 dal corso Rostro.

Ogni corso, inoltre, viene identificato da un colore, un motto ed un emble­ma, evidenziati in un gagliardetto allegorico che, al termine del ciclo di studi, viene custodito nell’Istituto.

Ulteriori informazioni

Consultare le F.A.Q.  per risolvere tutti gli eventuali dubbi.

Ogni ulteriore informazione relativa al concorso potrà essere acquisita rivolgendosi:

all’Ufficio Relazioni con il Pubblico
viale dell’Università 4 Roma
o telefonando al numero 06.4986.6626
oppure inviando una mail a urp@aeronautica.difesa.it;

all’Acca­demia Aeronautica
scrivendo a: Sezione Gestione Concorsi e Propaganda
via San Gennaro Agnano 30, 80078 – Pozzuoli (NA)
– telefonando ai numeri 0817355474 – 0817355602
nei seguenti orari: lunedì – giovedì 08.00-12.30 e 14.00-15.30, venerdì 08.00-13.00,
oppure inviando una mail a aeroaccademia.concorsi@aeronautica.difesa.it.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Aeronautica Militare
___________________________________________
Annunci

Marina Militare: al COMSUBIN la cerimonia di consegna dei brevetti ai nuovi incursori

agr_3144 (1)

La Spezia, 17 gennaio 2018 –  Cerimonia di conferimento dei brevetti da incursore agli allievi del corso ordinario 2018, domani 18 gennaio presso il Comando Subacquei e Incursori (COMSUBIN) della Marina Militare a La Spezia. La cerimonia si terrà alla presenza del capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Valter Girardelli.

Grazie alla possibilità offerta dal concorso per Volontari in Ferma Prefissata di un anno (VFP1), numerosi giovani hanno potuto affrontare l’impegnativo corso formativo della durata di circa un anno – caratterizzato da quattro fasi distinte,durante le quali gli allievi ricevono l’adeguata preparazione fisica e professionale di base necessarie a condurre operazioni subacquee, anfibie e terrestri – che ha portato il Gruppo Scuole di COMSUBIN a brevettare 12 operatori.

agr_3271 (1)

I neo incursori riceveranno in occasione della cerimonia l’ambito basco verde ed entreranno a far parte delle forze speciali della Marina Militare.

Diventare Incursore significa vivere una professione appassionante e unica, con la possibilità di una carriera avvincente e appagante nel Gruppo Operativo Incursori, il reparto di Forze Speciali italiane conosciuto e rinomato in tutto il mondo.

Si può diventare un incursore della Marina Militare attraverso la frequenza dell’Accademia Navale di Livorno – per la quale è attualmente aperto il relativo bando di concorso – e delle scuole sottufficiali, oppure partecipando ad un apposito concorso per Volontari in Ferma Prefissata di un anno (VFP1) pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale che permette di accedere direttamente alla Scuola del COMSUBIN.  

Per maggiori informazioni basta consultare il sito www.marina.difesa.it alla sezione “Concorsi”.

car_8314

 CHI SONO GLI INCURSORI

Il Gruppo Operativo Incursori (GOI) è una delle due articolazioni operative del Comando Subacquei ed Incursori (COMSUBIN) e costituisce la componente delle Forze Speciali della Marina Militare.

Il GOI trae le sue origini sia dalla operazioni condotte in Adriatico dalla Marina durante la prima guerra mondiale, attraverso i MAS e i primordi delle apparecchiature speciali quali la “mignatta” – utilizzata a Pola dal Maggiore del Genio Raffaele Rossetti e dal Tenente Medico Raffaele Paulucci per affondare la corazzata Viribus Unitis (1 novembre 1918) – sia dai Mezzi d’Assalto della seconda guerra mondiale. In particolare questi ultimi riuscirono ad affondare o danneggiare gravemente naviglio da guerra avversario per 72.190 tonnellate e naviglio mercantile per 130.572 tonnellate.

Tra tutte, l’azione più ardita fu quella che portò all’affondamento delle corazzate inglesi Valiant e Queen Elisabeth, colpite nella rada di Alessandria d’Egitto il 19 Dicembre 1941.

dsc_5282

Dopo la Seconda Guerra Mondiale la Marina Militare mantenne un’aliquota di personale che fosse in grado di proseguire l’opera dei Mezzi d’Assalto. Nacque così un iter addestrativo specifico e venne scelta la storica fortezza del Varignano, vicino a La Spezia, come sede del Gruppo Arditi Incursori. Nel tempo, accanto alle attività addestrative del periodo bellico, si cominciarono a sperimentare nuove tecniche e tattiche operative.

Dopo numerose riorganizzazioni, nel 1957 nacque il Gruppo Operativo Incursori (GOI).   Da quel momento il GOI ha continuato a sviluppare autonomamente tecniche operative, equipaggiamenti e mezzi, idonei a contrastare le insorgenti minacce, confrontandosi con le corrispondenti Forze Speciali di altri Paesi nel corso di numerose attività interforze e multinazionali.

In particolare, negli anni Settanta gli Incursori del GOI affrontarono la minaccia del terrorismo nazionale e internazionale, con la costante collaborazione con i reparti di controterrorismo stranieri. Il GOI sviluppò, in quegli anni, tattiche innovative ed equipaggiamenti all’avanguardia e creò al suo interno un nuovo organismo: l’UnIS (Unità Intervento Speciale) perfettamente addestrato, pronto a intervenire in caso di minaccia terroristica. 

Oggi gli ampi margini di capacità, flessibilità e autonomia operativa e logistica fanno del GOI uno strumento di grande efficacia nella gestione di situazioni critiche. Gli attuali scenari di conflittualità internazionale e la continua minaccia terroristica richiedono l’intervento di piccole unità, particolarmente addestrate ed equipaggiate.

In questo difficile contesto gli Incursori della Marina Militare costituiscono uno strumento agile e flessibile, particolarmente idoneo ad affrontare le sfide mutevoli. I compiti assegnati al GOI sono di norma di pertinenza del livello strategico, risultano spesso assai delicati, tecnicamente difficili e politicamente sensibili. Tra questi:

  • operazioni di Contro-Terrorismo navale per la liberazioni di ostaggi su unità passeggeri o mercantili e su installazioni marittime;
  • attacco da sotto la superfice del mare a unità navale e mercantili in porto o alla fonda con l’impiego di diversi sistemi d’arma;
  • raids contro obiettivi lungo la costa o in profondità entro la fascia dei 40 Km dalla costa con proiezione dal mare;
  • condotta di missioni di raccolta informativa e/o di supporto al fuoco aereo e navale in territorio ostile con metodi di avvicinamento occulti;
  • attività di assistenza militare a favore di forze armate di paesi terzi;
  • concorso con le unità di sicurezza nazionali nelle operazioni di Contro-Terrorismo.

A tale scopo, il personale è interamente professionista e l’addestramento è molto duro, selettivo ed approfondito, in modo da garantire elevati standard operativi.  Dagli anni bellici, con le operazioni subacquee contro il naviglio nemico, agli anni di piombo con la lotta al terrorismo nazionale ed internazionale che ha visto impegnato il Reparto anche durante il sequestro dell’Achille Lauro, ultimamente i compiti affidati al GOI hanno subito un ulteriore evoluzione, implementandone la capacità di proiezione globale.

Dall’11 Settembre 2001 ad oggi il GOI è stato impegnato in maniera sempre più preponderante anche nei principali teatri operativi terrestri, quali l’Iraq e l’Afghanistan, e per il contrasto a fenomeni quali la pirateria in Oceano Indiano o la monitorizzazione degli sviluppi di crisi regionali quali la primavera araba. Da segnalare, soprattutto, le attività di Assistenza Militare a favore delle forze di sicurezza di altri paesi attraverso attività addestrative, di supporto e di intelligence. 

Con la creazione del Comando Interforze per le operazioni delle Forze Speciali (COFS) nel 2004, il GOI ha iniziato a operare inserito all’interno di dispositivi interforze all’estero, oltre a prendere parte ad attività ed esercitazioni che hanno favorito una sempre maggiore interoperabilità tra le unità del Comparto Forze Speciali nazionale.

Tra i principali teatri operativi in cui hanno operato i Baschi Verdi della Marina Militare negli ultimi venti anni spiccano quelli di:

  • Somalia (1992-1994-1996), missione umanitaria ONU
  • Ruanda (1994), missione di evacuazione connazionali 
  • Timor Est (1999), missione umanitaria ONU
  • Iraq (2003-2006), Operazione Antica Babilonia
  • Afghanistan, Enduring Freedom (2003), ISAF (2006-2015) e Resolute Support (2016-2017)
  • Iraq (2015), Operazione Inherent Resolve
  • Libano (in corso), operazione MIBIL (Missione Militare Bilaterale Italiana in Libano)
  • Antartide (in corso), a supporto della XXXIV Spedizione Italiana organizzata dall’Enea

agr_3138 (1)

© All rights reserved
Fonte e immagini: Marina Militare
_____________________________________


Accademia Aeronautica: bando di concorso per 81 posti per allievi ufficiali

Coat_of_arms_of_the_Italian_Air_Force.svgRoma, 09 gennaio 2018 – Da oggi, 9 gennaio, è aperta la campagna di reclutamento di 81 allievi ufficiali presso l’Accademia Aeronautica.

Le domande di partecipazione potranno essere presentate entro 30 giorni decorrenti da quello successivo alla pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale, 4ª serie speciale.

Il concorso è aperto ai cittadini italiani che abbiano compiuto il diciassettesimo anno di età e non abbiano superato il giorno di compimento del ventiduesimo anno di età alla scadenza del termine di presentazione delle domande, che abbiano conseguito o siano in grado di conseguire un diploma d’istruzione superiore idoneo per l’iscrizione all’Università. Ulteriori informazioni sono disponibili al link:

https://concorsi.difesa.it/am/accademia/2018/Pagine/home.aspx

I posti sono suddivisi secondo i seguenti profili d’impiego: 42 posti Ruolo Naviganti, 10 posti Ruolo delle Armi, 14 posti Corpo del Genio Aeronautica, 8 posti Corpo di Commissariato Aeronautico, 7 posti Corpo Sanitario Aeronautico. Maggiori informazioni sui profili d’impiego sono disponibili al link:

http://www.aeronautica.difesa.it/personale/profilicarriera/Pagine/Pilota%20Militare.aspx

L’Accademia Aeronautica, sita nel comune di Pozzuoli, è l’istituto di formazione che ha il compito di provvedere alla formazione militare, morale e professionale iniziale dei giovani destinati a diventare Ufficiali dell’A.M. L’obiettivo è quello di preparare giovani ufficiali dai saldi principi morali, motivati ed in possesso delle qualità personali, militari e professionali necessarie per ben operare al servizio del Paese.

© All rights reserved
Fonte: Aeronautica militare
______________________________

Esercito italiano: concorso per Allievi Ufficiali Ferma Prefissata (AUFP)

FOTO 

L’Aquila, 24 agosto 2017 – E’ pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4ª s.s. n. 63 del 22 agosto 2017 il concorso, per l’ammissione di 43 (quarantatre) allievi al 9° corso Allievi Ufficiali in Ferma Prefissata (A.U.F.P.) dell’Esercito per il conseguimento della nomina a Tenente in Ferma Prefissata, ausiliario del ruolo normale del Corpo degli Ingegneri, del Corpo di Commissariato del Corpo Sanitario dell’Esercito. Posso partecipare i concorrenti con cittadinanza italiana di entrambi i sessi che non hanno superato 38° anno di età e sono in possesso della laurea magistrale. La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente on-line dal 23 agosto 2017 al 21 settembre 2017 accedendo al sito www.esercito.difesa.it.

Per informazioni

Gli interessati possono rivolgersi al Comando Militare Esercito “Abruzzo” – Ufficio Reclutamento e Comunicazione Caserma “Campomizzi” S.S.80 n. 5 L’Aquila.

Telefononando ai numeri: 0862/25345, 0862/412552, interno 0211,
oppure inviando una e-mail agli indirizzi
infoconcorsi@cmeaq.esercito.difesa.it ,
fabio.caretta@esercito.difesa.it

© All rights reserved
Fonte: Comando Militare Esercito Abruzzo
_____________________________________________

 


Esercito: concorso per reclutamento VFP4 interforze

exe_160203                  

L’Aquila, 27 marzo 2017 – Il 21 marzo è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4^ Serie Speciale – Concorsi ed Esami n. 22 del 21 marzo 2017, il concorso per il reclutamento di 2.030 VFP4 nell’Esercito, nella Marina e nell’Aereonautica Militare, riservato ai volontari in ferma prefissata (VFP1) in servizio, anche in rafferma annuale, o in congedo per fine ferma. I posti a concorso per l’Esercito sono 1.364 ripartiti nelle seguenti immissioni:

  • 682 posti nella 1^ immissione, di cui:
    – 657 per incarico/specializzazione che sarà assegnato/a dalla Forza Armata;

    – 10 per “elettricista”;
    – 10 per “idraulico”;
    –   5 per “muratore”.  

La domanda di partecipazione per la 1^ immissione può essere presentata dai VFP 1 incorporati con il 1° e 2° bando 2016, nonché dai VFP 1 in servizio (anche se precedentemente congedati per fine ferma prefissata di un anno), in rafferma o in congedo per fine ferma, incorporati con il 1° e 2° blocco 2015, 1° e 2° blocco 2014, 1° e 2° blocco 2013, 1° e 2° blocco 2012, 1° e 2° blocco 2011, 1° e 2° blocco 2010, 1° e 2° blocco 2009, 1° e 2° blocco 2008, 1° e 2° blocco 2007, nonché con il 1°, 2° e 3° blocco 2006 e con il 1°, 2° e 3° blocco 2005, dal 22 marzo 2017 al 10 aprile 2017, estremi compresi;

  • 682 posti nella 2^ immissione, per incarico/specializzazione che sarà assegnato/a dalla Forza Armata.

La domanda di partecipazione per la 2^ immissione può essere presentata dai VFP 1 incorporati con il 3° bando 2016 (1° e 2° blocco), nonché dai VFP 1 in servizio (anche se precedentemente congedati per fine ferma prefissata di un anno), in rafferma o in congedo per fine ferma, incorporati con il 3° e 4° blocco 2015, 3° e 4° blocco 2014, 3° e 4° blocco 2013, 3° e 4° blocco 2012, 3° e 4° blocco 2011, 3° e 4° blocco 2010, 3° e 4° blocco 2009, 3° e 4° blocco 2008, 3° e 4° blocco 2007, nonché con il 4°, 5° e 6° blocco 2006 e con il 4°, 5° e 6° blocco 2005, dal 12 aprile 2017 all’11 maggio 2017, estremi compresi.

La partecipazione è aperta a uomini e donne che abbiano un’età compresa tra 18 e 30 anni. La domanda di partecipazione può essere presentata, dal 13 aprile al 12 maggio 2016, esclusivamente on-line sul sito www.esercito.difesa.it.

Per maggiori informazioni gli interessati possono rivolgersi al Comando Militare Esercito “Abruzzo” – Ufficio Reclutamento e Comunicazione presso la Caserma “ Campomizzi” sito in L’Aquila all’indirizzo SS.80 n. 5.

I recapiti sono:
tel. 086225345 o 0862412552 (centralino) interno 0211
e-mail: infoconcorsi@cmeaq.esercito.difesa.it

© ALL RIGHTS RESERVED
Fonte: Comando Militare Esercito Abruzzo
________________________________________

Esercito: 2° bando per il reclutamento nel 2017 di 6000 Volontari in Ferma Prefissata di un anno (VFP1)

VFP1                                                                                                                                                                                 L’Aquila, 22 marzo 2017 – E’ stato pubblicato ieri, 21 marzo 2017,  sulla Gazzetta Ufficiale (4a serie speciale – Concorsi ed Esami n. 22) il concorso (2° bando) per il reclutamento di 6.000 Volontari in Ferma Prefissata di un anno (VFP1) nell’Esercito Italiano.

I posti sono così ripartiti:

  1. 1° blocco, con prevista incorporazione nel mese di luglio 2017, 2.000 posti. La domanda di partecipazione potrà essere presentata dal 22 marzo al 10 aprile 2017, per i nati dal 10 aprile 1992 al 10 aprile 1999, estremi compresi;
  1. 2° blocco, con prevista incorporazione nel mese di settembre 2017, 2.000 posti.          La domanda di partecipazione può essere presentata dal 24 aprile al 23 maggio 2017, per i nati dal 23 maggio 1992 al 23 maggio 1999, estremi compresi.
  1. c) 3° blocco, con prevista incorporazione nel mese di dicembre 2017, 2.000 posti. La    domanda di partecipazione può essere presentata dal 21 giugno al 20 luglio 2017, per i nati dal 20 luglio 1992 al 20 luglio 1999, estremi compresi.

Le domande di partecipazione potranno essere presentate esclusivamente on-line sul sito www.esercito.difesa.it.

Per maggiori informazioni gli interessati possono rivolgersi al Comando Militare Esercito “Abruzzo” – Ufficio Reclutamento e Comunicazione presso la Caserma “Pasquali – Campomizzi” sita in L’Aquila – Strada Statale 80, n.5.

Recapiti per le informazioni sui concorsi: (centralino) 0862/25345 o 0862/412552, interno 0211, e-mail: infoconcorsi@cmeaq.esercito.difesa.it.

© ALL RIGHTS RESERVED
Fonte e immagini: Comando Militare Esercito Abruzzo
_______________________________________________________

Bando di concorso pubblico per l’ammissione al 20° corso biennale (2017 – 2019) di 109 allievi marescialli

Foto di Repertorio2

L’Aquila, 09 marzo 2017 – E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami  n. 18 del 7 marzo 2017, il concorso pubblico per l’ammissione al 20° corso biennale (2017 – 2019) di 109 allievi marescialli.

Le domande di partecipazione ai concorsi dovranno essere compilate necessariamente on-line sul sito www.esercito.difesa.it dall’8 marzo al 6 aprile 2017.
I candidati di entrambi i sessi devono essere cittadini italiani, aver conseguito o essere in grado di conseguire al termine dell’anno scolastico 2016 – 2017 un diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale o quadriennale integrato dal corso annuale previsto per l’ammissione ai corsi universitari dall’articolo 1 della Legge 11 dicembre 1969, n. 910 e successive modifiche e integrazioni.

La partecipazione al concorso dei candidati che hanno conseguito o stanno per conseguire all’estero il titolo di studio prescritto è subordinata alla documentazione dell’equipollenza del titolo conseguito o da conseguire a quelli sopraindicati. Aver compiuto il 17° anno di età e non aver superato il giorno di compimento del 26° anno di età.

Coloro che hanno già prestato servizio militare obbligatorio o volontario posso partecipare al concorso se non hanno superato il giorno di compimento del 28° anno di età, qualunque grado rivestano. Per maggiori informazioni gli interessati possono rivolgersi all’ufficio reclutamento e comunicazione del Comando Militare Esercito “Abruzzo” presso la Caserma “G. Pasquali” sita in L’Aquila all’indirizzo SS.80 n. 5.

Recapiti per le informazioni sui concorsi:
Tel.: (centralino) 0862 25345 o 0862 412552, interno 0211
E-mail: infoconcorsi@cmeaq.esercito.difesa.it

© All rights reserved
Fonte: Comando Militare Esercito "Abruzzo"
_______________________________________________

 


Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade