Archivi tag: compagnia carabinieri

Fino Mornasco: carabinieri fermano carico di droga proveniente dall’estero

Fino Mornasco, 20 giugno 2015 – I militari della Stazione Carabinieri di Fino Mornasco (CO), coadiuvati dai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia Carabinieri di Cantù, il 18 mattina hanno eseguito un’importante operazione antidroga.

Da qualche tempo i militari finesi erano sulle tracce di carichi di marijuana in transito lungo la Statale dei Giovi, provenienti dall’estero e diretti in tutta Italia.

Giovedì i Carabinieri hanno intercettato e bloccato uno di questi carichi, proveniente da un Paese europeo e da poco giunto in Italia. I miltiari sapevano che il furgone aveva un carico di droga e hanno iniziato a seguirlo, e lungo uno slargo della S.S. 35 hanno fatto scattare il blocco ed il controllo. Il furgone è stato bloccato senza troppi problemi. Aperto il vano i militari vi hanno trovato una grossa scatola di legno con all’interno 57 confezioni di plastica termofuse, contenenti circa 30 chili e mezzo di marijuana. Tutte queste confezioni erano a loro volta chiuse all’interno di alcuni sacchi di plastica, anch’essi termofusi e sotto vuoto, nonché cosparso di citronella, in modo da cercare di annullare definitivamente l’odore di marijuana.

Un sistema di scatole cinesi utile a percorrere migliaia di chilometri in lungo ed in largo per l’Europa, ma inutile grazie alle indagini dei Carabinieri di Fino Mornasco, che aspettavano il carico “al varco”.

In manette un uomo del 1961, M.I., pluripregiudicato bergamasco, residente ad Albino (BG), che viaggiava sul furgone del complice, suo nipote, S.P., classe 1984, anch’egli bergamasco, domiciliato a Mozzo (BG), pregiudicato, che era rimasto nella sua officina di carrozzeria in attesa dello zio e del prezioso carico.

Contemporaneamente all’arresto dei militari finesi, invece, sono giunti in officina non lo zio, ma i Carabinieri di Curno (Compagnia Carabinieri di Bergamo), che hanno effettuato una perquisizione delegata dall’A.G. comasca. In officina i militari bergamaschi hanno trovato ben 125.000 Euro, provento di mesi di attività illecita, nonché un altro chilo di marijuana.

I soldi sono stati sequestrati e consegnati ai militari comaschi per l’indagine in seno alla procura lariana, mentre l’S.P. è stato arrestato in flagranza di reato per la detenzione ai fini di spaccio del chilo di marijuana. In officina a Mozzo zio e nipote avevano tutto il materiale per il confezionamento della droga. Traffico redditizio, visto che i soldi che i due guadagnavano con lo spaccio erano talmente tanti che per contarli si erano addirittura procurati una macchina conta-soldi. Ora lo zio è in carcere al Bassone, mentre il nipote ieri ha subìto il processo per direttissima a Bergamo.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Como)

Reggio Calabria: per passione e gelosia minaccia una donna con una pistola. Carabinieri lo arrestano

Reggio Calabria, 13 ottobre 2014 – Una notte di ordinaria follia è quella avvenuta qualche giorno fa, quando un cittadino reggino 36 enne di Arghillà, ha preso in ostaggio una giovane ragazza polacca dopo aver minacciato sia lei che il suo ragazzo con una pistola.

Il folle gesto, riconducibile sicuramente a motivi passionali e di gelosia, è stato seguito dalla insensata violenza che il malvivente ha scatenato sulla povera malcapitata: ripetuti sono stati i calci e i pugni con i quali è stata colpita la ragazza, sferrati con una violenza che nulla ha a che fare con il sentimento che l’uomo diceva di nutrire nei confronti della donna.

Il tutto è però durato poche ore grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri della Stazione Principale e del Norm della Compagnia Carabinieri di Reggio Calabria, la cui solerzia dei militari ha permesso di avviare sin dall’immediatezza del fatto le ricerche del vessatore. Infatti, a seguito di una brillante attività investigativa condotta in sinergia dai militari è stato possibile rintracciare l’aguzzino, trovandolo ancora in possesso dell’arma con la quale aveva minacciato i due.

La donna è stata quindi liberata dal suo carceriere e accompagnata immediatamente presso il pronto soccorso degli Ospedali Riuniti, dove i sanitari l’hanno fatta ricoverare a causa delle ferite riportate.

Per il reo invece sono scattate le manette per i reati di sequestro di persona, minaccia aggravata, porto abusivo di armi, e lesioni personali gravi nei confronti della donna polacca, nonché minaccia aggravata nei confronti del suo fidanzato.

L’attività di polizia giudiziaria è stata convalidata dall’autorità giudiziaria reggina che, al termine del rito direttissimo, ha disposto la sottoposizione alla misura degli arresti domiciliari con contestuale applicazione del braccialetto elettronico.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Reggio Calabria)

Marcianise: carabinieri arrestano un trentenne che perseguitava una sua coetanea

carabinieri

Marcianise (CE), 13 ottobre 2014 – La notte scorsa i carabinieri della stazione locale e quelli della Compagnia di Intervento Operativo (CIO) 10° btg Campania, hanno arrestato un trentenne del luogo con l’accusa di atti persecutori e porto abusivo di armi.

L’arresto è scaturito in seguito alla richiesta di intervento con la quale è stata segnalata la presenza di un uomo armato nei pressi dell’abitazione di una 30enne di nazionalità rumena.

I carabinieri della CIO del 10° battaglione Campania, immediatamente giunti sul posto, hanno constatato la presenza dell’uomo, lo hanno bloccato e hanno perquisito lui e la sua autovettura. Durante la perquisizione i militari dell’arma, hanno trovato, nascosta sotto l’auto, una pistola giocattolo replica di un’arma Beretta, priva di tappo rosso, alla vista identica a quella in uso alle forze di polizia. All’interno del veicolo, invece, è stato trovavano un manico di piccone e 4 artifizi pirotecnici.

I successivi accertamenti svolti presso la stazione carabinieri di Marcianise hanno consentito di ricostruire l’intera vicenda e di accertare che l’uomo da circa due mesi si era invaghito di una donna che, oggetto di continue attenzioni e pedinamenti da parte sua, è stata costretta a cambiare il proprio stile di vita a causa dello stato d’ansia generato in seguito ai continui atti persecutori subiti.

In effetti, come confermato anche da altri testimoni, l’uomo avrebbe anche tentato di investire la donna, in una circostanza, mentre si trovava per strada in compagnia di un suo amico. L’uomo l’avrebbe, inoltre, minacciata riferendole che si sarebbe attivato tramite i servizi sociali del comune di marcianise al fine di farle togliere l’affidamento della figlia minore.

Nell’ultima circostanza, il 30enne dopo essersi recato presso l’abitazione della vittima, ha mostrato l’arma che portava alla cintura e le ha intimato di seguirlo. Qualora la ragazza non avesse assecondato le sue richieste ha minacciato di uccidire tutti i presenti.

L’arrestato è stato portato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizione della competente autorità giudiziaria.

Con quello odierno, salgono a 10 gli arresti  eseguiti per violenza sulle donne dalla compagnia carabinieri di Marcianise dall’inizio dell’anno. Al riguardo si ricorda che presso la struttura dell’arma è presente una squadra di militari specializzati in materia con apposito corso di formazione promosso dalla procura della repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Caserta)

Terracina: il comando della compagnia dei carabinieri passa al capitano Margherita Anzini

anzini

Terracina (LT), 8 settembre 2014 

Questa mattina il capitano Margherita Anzini, il nuovo comandante della compagnia carabinieri di Terracina, è stata ricevuta dal comandante provinciale dei carabinieri di Latina, il colonnello Giovanni De Chiara. Il comando della compagnia era statafinora affidata, con brillanti risultati, al capitano Angelo Bello, destinato ora al III° Reggimento dei Carabinieri Lombardia.

Il capitano Anzini, 33 enne di origini calabresi, laureata in Scienze Giuridiche, lascia la guida del comando CC di Roma Piazza Venezia, e precedentemente aveva retto il Comando del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castel Gandolfo (RM) e la Tenenza di Guidonia Montecelio (RM).


Reggio Calabria: cambio al vertice della compagnia, il capitano Francesco Soricelli è il nuovo comandante

GRIMALDI-SORICELLI

Reggio Calabria, 5 settembre 2014 – È avvenuto nei giorni scorsi l’avvicendamento al comando della compagnia carabinieri di Reggio Calabria, dopo due anni di operato, il comando della compagnia passa dal maggiore Pantaleone Grimaldi al capitano Francesco Soricelli.

Il maggiore Pantaleone Grimaldi ha comandato la compagnia di Reggio Calabria conseguendo rilevanti risultati nell’attività di prevenzione e controllo del territorio, numerosi sono stati gli arresti in flagranza per reati contro il patrimonio e la persona, e numerose ed importanti sono le attività di indagine svolte.

In particolare si ricorda l’operazione Whatsapp che aveva portato all’arresto di un gruppo di giovani dedito alla commissione di rapine ai danni di escort, attive nel centro cittadino, l’operazione Cripto culminata con l’arresto di appartenenti alla consorteria criminale Borghetto – Caridi – Zindato operante nei quartieri di Modena, Ciccarello e San Giorgio Extra ed infine l’operazione Cilea con la quale veniva disarticolata un associazione di “professionisti del furto in abitazione” operante in Reggio Calabria, Roma ed in altre città italiane.

L’ufficiale dopo i brillanti risultati operativi, e l’impareggiabile esperienza reggina, ha assunto l’importante incarico di comandante della compagnia carabinieri di Roma Casilina, incarico nel quale continuerà ad occuparsi in modo approfondito del contrasto alla criminalità di ogni genere.

Il nuovo comandante, il capitano Francesco Soricelli è originario di Roma, ha frequentato l’Accademia Militare di Modena e successivamente la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, conseguendo la laurea in giurisprudenza. Al termine del percorso formativo è stato assegnato alla Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze in qualità di Comandante di Plotone e insegnante di informatica.

Successivamente, ha ricoperto l’incarico di Comandante del Nucleo Operativo della Compagnia di Firenze, da dove, dopo due anni, è stato trasferito al Comando della Compagnia di Vittoria in provincia di Ragusa, ove ha portato a termine diverse operazioni di contrasto alla criminalità diffusa ed organizzata.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Reggio Calabria)

Saluto di commiato del colonnello Antonio Menga ai militari dell’Arma di Anagni.

Anagni (FR), 13 agosto 2014 – Saluto di commiato del comandante provinciale dei Carabinieri di Frosinone, colonnello Antonio Menga, questa mattina presso la Compagnia Carabinieri di Anagni. A breve il comandante lascerà la provincia di Frosinone, per passare ad altro incarico a Roma presso la Scuola Ufficiali Carabinieri

L’alto Ufficiale ha ringraziato tutti i militari dipendenti per la preziosa collaborazione ricevuta, rinnovando l’esortazione a continuare ad operare sempre con il massimo impegno e con il buon senso che, da sempre, contraddistingue l’Arma dei Carabinieri.

Il comandante della compagnia di Anagni, capitano Camillo Giovanni Meo, a nome di tutto il personale dipendente, ha espresso gratitudine e riconoscenza per l’azione di coordinamento e stimolo esercitata dal colonnello Menga, sempre improntata ad assicurare serenità ed efficienza a tutti i suoi collaboratori.

Nella circostanza il sindaco di Anagni, Fausto Bassetta, ha colto l’occasione per salutare cordialmente il colonnello Menga augurandogli ulteriori successi.

Rispetto e onore al comandante Menga dalla redazione di MNFI.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando Provinciale di Frosinone)


Arrestato dai carabinieri “coltivatore” di marijuana

SERRAMANNA: VIENE SORPRESO A COLTIVARE PIANTE DI MARIJUANA. I CARABINIERI LO ARRESTANO

Serramanna (VS), 17 luglio 2014 – Ieri pomeriggio, nel corso di una serie di controlli predisposti per la prevenzione dei reati in materia di stupefacenti, i militari della Compagnia Carabinieri di Sanluri hanno arrestato M.M., un 52enne pregiudicato (nella foto), per coltivazione di piante di marijuana e detenzione di stupefacenti a Serramanna, comune dell’entroterra sardo, della provincia del Medio Campidano.

Nelle prime ore del pomeriggio di ieri i Carabinieri, durante i controlli in un terreno di un pregiudicato di Serramanna, hanno trovato una coltivazione di marijuana, con piante alte tra i 30 a 110 cm. Hanno quindi atteso l’arrivo del “coltivatore”, che si è presentato per annaffiare le piante ed è stato bloccato sul fatto. In seguito i militari hanno perquisito la sua abitazione e vi hanno trovato 4 grammi di marijuana, frutto di precedente coltivazione e 170 semi di canapa, segno che l’attività doveva espandersi.

L’uomo è stato arrestato e questa mattina è stato giudicato col rito per direttissima dal Tribunale di Cagliari.

Quest’ultima attività si inserisce in un quadro di numerosi controlli effettuati negli ultimi mesi per il contrasto agli stupefacenti che ha portato ad analoghi sequestri e provvedimenti a carico dei spacciatori, ma anche di numerose segnalazioni a carico di consumatori.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Cagliari)


OpinioniWeb-XYZ

Oltre il bar dello sport: opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade