Annunci

Archivi tag: Carabinieri

Carabinieri: inaugurato a Trieste monumento dedicato ai carabinieri infoibati dal 1943 al 1947

2018-05-16 1

Trieste, 16 maggio 2018 – Inaugurato oggi il monumento in memoria di tutti i Carabinieri infoibati, scomparsi e soppressi, dal sindaco Roberto Dipiazza e il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri, presso la foiba di Basovizza, monumento nazionale. Durante l’alzabandiera, è stato scoperto il monumento: un monolite in marmo Aurisina, sormontato da una granata con fiamma a 13 lingue e con incisa la frase “In memoria di Tutti i Carabinieri infoibati, scomparsi e soppressi”.

Il monumento è stato posizionato nell’area in cui sono già presenti i cippi eretti in memoria di alpini, finanzieri e poliziotti – e dalla resa degli onori ai caduti. La cerimonia si è svolta alla presenza del presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga e del commissario del governo in F.V.G. – prefetto di Trieste Annapaola Porzio.

Il monumento, voluto e realizzato dal comune di Trieste, è stato eretto in memoria di tutti i Carabinieri che nel periodo dall’8 settembre 1943 al 10 febbraio 1947, in Istria, Dalmazia, e nelle province di Trieste e Gorizia sono stati infoibati, soppressi o sono scomparsi.

2018-05-16

Dopo l’8 settembre 1943 sul fronte jugoslavo quasi diecimila italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia furono uccisi a più riprese, fino al 10 febbraio 1947, giorno della firma del Trattato di pace che assegnò alla Jugoslavia l’Istria e buona parte della Venezia Giulia. Molti di loro, non solo esponenti del regime fascista ma in maggioranza civili, finirono in quelle cavità verticali tipiche della regione carsica e dell’Istria, le foibe, ove spesso venivano lanciati ancora in vita. Tra questi ci furono tanti Carabinieri, perlopiù in forza alla legione territoriale di Trieste o ai battaglioni mobilitati operanti nell’area, rimasti al proprio posto per difendere la popolazione. Oltre 250 – numero approssimato per difetto – il cui sacrificio è stato riconosciuto con la concessione, nel 2009, della Medaglia d’Oro al Merito Civile alla Bandiera dell’Arma dei Carabinieri.

2018-05-16 3

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando generale Arma dei Carabinieri
_______________________________________________________________
Annunci

Carabinieri scoprono giro di prostituzione a Pomezia con ragazze anche sposate, 5 gli arrestati

Schermata 2018-05-16 alle 13.25.11 

Pomezia (RM), 16 marzo 2018 – Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Pomezia hanno arrestato 5 persone, di nazionalità italiana e domiciliate nel comune di Pomezia, ritenute responsabili dei reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

Gli arrestati, quattro uomini e una donna, sono accusati di aver trasformato due abitazioni prese in affitto, una a Pomezia l’altra a Roma, in centri massaggi e pubblicizzati come tali, mentre in realtà erano luoghi dove giovani donne si prostituivano, sia italiane che dell’est Europa, alcune anche sposate e all’insaputa dei loro mariti. I clienti potevano richiedere, oltre ai massaggi, che venissero eseguite dalle donne anche delle prestazioni sessuali.

L’attività investigativa, condotta dai Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Pomezia, è scaturita dalla denuncia presentata da una giovane ragazza che, dopo aver risposto ad un’offerta di lavoro online come “segretaria”, recatasi all’appuntamento con i gestori dei centri massaggi, aveva scoperto che in realtà sarebbe stata assunta per eseguire delle prestazioni sessuali.

Schermata 2018-05-16 alle 13.24.33

L’indagine ha permesso di dimostrare l’attività di sfruttamento della prostituzione per i gestori dei centri massaggi, due uomini di 42 e 32 anni entrambi residenti a Pomezia che sono stati tradotti presso il carcere di Velletri. I due si facevano consegnare dalle giovani donne il 60% di quello che guadagnavano ed organizzavano la loro attività. Gli altri tre arrestati invece, due uomini di 50 e 65 anni ed una donna di 41 anni, favorivano l’attività di prostituzione delle giovani, portando nelle abitazioni quello di cui avevano bisogno e gestendo gli appuntamenti e la contabilità, sono stati portati presso i loro domicili in regime di arresti domiciliari.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Legione carabinieri “Lazio” / Compagnia di Pomezia
___________________________________________________________________________

L’arma dei Carabinieri esprime le condoglianze per il decesso dell’appuntato scelto Alessandro Borlengo

 stemma-arma-carabinieriRoma, 23 marzo 2018 – L’Arma dei Carabinieri si stringe compatta intorno ai familiari dell’Appuntato Scelto Alessandro Borlengo, deceduto oggi in servizio a Borgo San Martino di Bra (CN) in un incidente stradale, esprimendo la propria vicinanza e il proprio cordoglio per la sua tragica scomparsa.

Nel contempo formula i migliori auguri di pronta e piena guarigione agli altri Carabinieri rimasti feriti nell’incidente. 

© All rights reserved
_______________________

Cordoglio del generale Graziano per il decesso dell’appuntato scelto Alessandro Borlengo

Foto_Ufficiale_Capo_di_SMD_10x15_GenRoma, 23 marzo 2018 – Il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, appresa la triste notizia del gravissimo incidente stradale avvenuto nei pressi del Comune di Bra  (CN), in cui ha perso la vita l’appuntato scelto dei Carabinieri, Alessandro Borlengo, ed altri due colleghi sono rimasti feriti, di cui uno in gravi condizioni, ha espresso ai familiari dei militari e al Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, profondo cordoglio e sentimenti di affettuosa vicinanza a nome delle Forze Armate e suo personale.

Ai militari rimasti feriti nell’incidente, il generale Graziano ha augurato pronta e piena guarigione.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Stato Maggiore Difesa
___________________________________________

Il generale di corpo d’armata Riccardo Amato è il nuovo vice comandante generale dell’Arma dei Carabinieri

MNN_0426-1

Roma, 22 marzo 2018 – Cerimonia di avvicendamento nella carica di vice comandante generale dell’Arma dei Carabinieri fra il generale di corpo d’armata Vincenzo Coppola, cedente, e il generale di corpo d’armata Riccardo Amato, subentrante, ieri, presso la sala di rappresentanza del comando generale dell’Arma dei Carabinieri, alla presenza del comandante generale Giovanni Nistri e dei vertici dell’istituzione.

Nel corso della cerimonia il generale Nistri, a nome di tutti i Carabinieri, ha espresso al generale Coppola, che lascia il servizio attivo dopo 48 anni di carriera militare, il ringraziamento per quanto fatto per l’Arma e per l’Italia, in Patria e all’estero, con l’augurio “di riuscire a ottenere tutto quanto auspicato” per il  proprio futuro.

La carica di Vice Comandante Generale, che per legge viene conferita per la durata di un anno al generale di corpo d’armata più anziano dei Carabinieri, sarà rivestita, a partire da oggi, dal generale di corpo d’armata Riccardo Amato, a cui il generale Nistri ha formulato le vivissime felicitazioni per l’alto traguardo raggiunto ringraziandolo anticipatamente “per tutto quello che farà per sostenerlo” nella delicata azione di comando. 

© All rights reserved
Fonte e immagine: Arma dei Carabinieri
___________________________________________

Carabinieri di Bagnoregio con un veicolo ad hoc per la sicurezza di Civita

Schermata 2018-03-17 alle 11.01.03

Viterbo, ­­­­17 marzo 2018 – Sorpresi ed incantati, questi i sentimenti dei turisti che in questi giorni si sono recati a visitare la celebre Civita di Bagnoregio quando, per le viuzze dello splendido borgo, hanno incontrato una pattuglia dei Carabinieri a bordo di un fuoristrada mai visto prima.

Da un paio di giorni, infatti, ha intrapreso servizio l’unico esemplare di veicolo pensato, testato ed acquistato dal Comando Generale dell’Arma specificatamente per le peculiari esigenze della “città che muore”.

Piccola, funzionale e maneggevole la “Polaris Ranger EV” a trazione integrale, dopo essere stata esaminata attentamente, anche attraverso una prova in loco, è stata assegnata alla Stazione Carabinieri di Bagnoregio che così potrà garantire tempi rapidi di intervento e di conseguenza maggiore presenza ed efficienza anche nei piccoli vicoli di Civita. Oltretutto, nel massimo rispetto dell’ambiente, il piccolo fuoristrada è totalmente “green” poiché dotato di un motore 100% elettrico con caratteristiche tecniche di ultima generazione che consentono di operare con estrema silenziosità e soprattutto a zero emissioni, perfettamente in linea con gli equilibri dell’ecosistema.

Schermata 2018-03-17 alle 11.01.16

I Carabinieri sono quindi pronti a garantire la sicurezza dei numerosi turisti italiani e stranieri che, con l’arrivo delle belle giornate, prenderanno d’assalto il famoso Borgo viterbese, candidato a ottenere il riconoscimento di patrimonio universale dell’Unesco, salvaguardando altresì la quiete e il relax dei visitatori.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Arma dei Carabinieri
___________________________________________


Carabinieri recuperano 37 opere d’arte rubate da chiese della provincia de L’Aquila

DSC_2493_CCpatrimonio

Roma, 14 marzo 2018 – Conferenza stampa ieri presso il  comando dei Carabinieri del reparto operativo del comando Tutela Patrimonio Culturale (TPC), che ha illustrato come sono arrivati a sequestrare 37 opere d’arte di epoca compresa tra il XVI e XX sec., tra cui spiccano, per importanza, 5 pale d’altare sottratte da due chiese della provincia de L’Aquila, chiuse al culto perché dichiarate inagibili, a seguito del sisma del 2009 ed un dipinto attribuito al Maestro Guido Reni.

DSC_2517_CCpatrimonio

Il generale di brigata Fabrizio Parrulli

Relatori della conferenza il dottor Luigi Cannavale, procuratore aggiunto della procura della Repubblica di Salerno; la dottoressa Catia Cardillo, pubblico ministero presso la procura della Repubblica di Salerno; la dottoressa Tiziana Coccoluto, vice capo di Gabinetto vicario del MiBACT; il generale di brigata Fabrizio Parrulli, comandante del comando CC TPC; il tenente colonnello Nicola Candido, comandante del reparto operativo CC TPC.

Il gruppo criminale, effettuava furti di pregevoli opere d’arte che poi andavano ad arricchire l’arredo di alcune ville di lusso della costiera amalfitana, accrescendo il loro fascino per i turisti stranieri, che ne beneficiavano nei loro soggiorni di vacanza.

DSC_2509_CCpatrimonio

L’operazione, avviata a settembre 2017, s’inquadra nelle attività preventive e repressive attuate dal comando TPC e, in particolare, in quelle info-operative svolte sul mercato clandestino di beni d’arte, che hanno permesso di acquisire elementi su imprenditori che avevano, nella loro disponibilità, numerosi beni di natura antiquariale di probabile provenienza furtiva. Gli ulteriori approfondimenti investigativi, coordinati della procura della Repubblica di Salerno, hanno consentito di identificare sia personaggi dediti alla ricettazione di opere d’arte antica, sia collezionisti, pronti ad acquistare beni culturali senza verificarne, pur di ampliare la loro raccolta, la lecita provenienza. Le successive perquisizioni e la comparazione delle immagini dei beni rinvenuti con quelli censiti nella banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita dal comando TPC, hanno confermato la corrispondenza di 37 opere, permettendo di risalire a 16 furti effettuati negli ultimi 20 anni, in varie province italiane e di denunciare a piede libero 3 persone.

DSC_2496_CCpatrimonio

Questo importante recupero consentirà, a breve, di rendere nuovamente fruibile al pubblico opere d’arte di inestimabile valore storico, artistico e devozionale, tra cui si evidenziano, per importanza, le cinque pale d’altare risalenti al XVII-XVIII sec., sottratte in data antecedente al dicembre 2012, dalle chiese di San Nicola a Capestrano (AQ) e San Giacomo Apostolo a Scoppito (AQ), due tavole del XVI sec., parte del polittico della Chiesa di “San Rocco” di Formia (LT) dell’artista Gerolamo Stabile e il dipinto, raffigurante “Cristo che prega nell’orto” attribuito al pittore bolognese Guido Reni, sottratto nell’agosto del 2012 a una famiglia nobiliare napoletana.

DSC_2545_CCpatrimonio

Conferenza stampa per comunicare il ritrovamento delle opere

 

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri - Immagini: Ph. Monica Palermo
________________________________________________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade