Annunci

Archivi tag: Cagliari

Aeronautica Militare: neonato in pericolo di vita trasportato urgentemente dalla Sardegna

trasporto sanitario

 

Roma, 9 agosto 2019 – Concluso da poco il volo del Falcon 50 del 31° stormo dell’Aeronautica Militare che ha trasportato un bambino di appena un mese in imminente pericolo di vita. Il trasporto, avvenuto con la massima urgenza da Cagliari a Ciampino, si è concluso con il ricovero del paziente nell’ospedale “Bambino Gesù” di Roma.

culla termicaIl Falcon 50, uno degli assetti che l’Aeronautica Militare tiene in prontezza ogni giorno e a qualunque ora per i trasporti sanitari urgenti, è decollato dall’aeroporto di Ciampino per imbarcare il paziente ad Elmas con una speciale culla termine insieme ad un familiare e ad un’equipe medica per assicurare l’assistenza durante il volo. Ripartito dalla città sarda, verso le 11.45 l’aereo è atterrato nell’aeroporto di Ciampino alle 12.45, da dove il piccolo paziente è stato trasferito in ambulanza in ospedale.

Il volo sanitario è stato attivato, su richiesta della Prefettura di Cagliari, dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che si occupa, tra l’altro, del coordinamento di questo genere di attività a favore della popolazione civile su tutto il territorio nazionale.

Attraverso i suoi Reparti di Volo, l’Aeronautica Militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento e in grado di operare in qualsiasi condizione meteorologica per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, come accaduto oggi, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti. Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate per questo genere di interventi dagli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46a Brigata Aerea di Pisa.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Aeronautica Militare
__________________________________________
Annunci

Polizia arresta due nigeriani, per favoreggiamento all’immigrazione clandestina

Cagliari, 18 aprile 2015 – Arrestati due nigeriani dalla polizia di Cagliari, per favoreggiamento all’immigrazione clandestina. I due nigeriani erano alla guida del gommone recuperato nei giorni scorsi dalla nave mercantile “Rizopon”, battente bandiera greca, al largo delle coste libiche. Sull’imbarcazione erano presenti numerosi cittadini extracomunitari, di cui 82 sono stati fatti sbarcare nel porto di Cagliari.

Grazie alle testimonianze raccolte dagli operatori della Squadra Mobile della Questura di Cagliari, è stata ricostruita la dinamica dello sventurato viaggio affrontato dai migranti, per la maggior parte di origine nigeriana, che è durato diversi giorni. A fronte del pagamento di 1.500 dollari cadauno, sono stati fatti imbarcare sul gommone diretto  verso le coste europee.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Polizia di Stato
(Squadra Mobile della Questura di Cagliari)

 

 


I RIS ricostruiscono il DNA di d’Annunzio: un grande traguardo scientifico al servizio della cultura

I RIS di Cagliari elaborano il DNA di Gabriele d’Annunzio partendo dalle tracce biologiche del poeta

Cagliari, 12 marzo 2015 – Per la prima volta, una ricerca condotta su tracce biologiche di quasi un secolo fa – elaborata dal Reparto Investigazioni Scientifiche Carabinieri di Cagliari in collaborazione con la Fondazione Il Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera – ha prodotto un risultato di rilievo nel panorama scientifico internazionale e di grande valore storico e culturale.

Il lavoro dei RIS – attraverso metodi comunemente impiegati nella genetica forense – è iniziato con l’analisi di tracce biologiche rinvenute sulla superficie di alcuni oggetti personali appartenuti al vate: un fazzoletto bianco conservato nella cassetta di sicurezza dell’archivio generale insieme alle lettere che la contessa Olga Levi Brunner scriveva a Gabriele d’Annunzio, suo amante, e uno da spazzolino da denti  in avorio e setole naturali conservato alla prioria, la casa-museo del poeta.

I reperti sono stati sottoposti a esami più approfonditi che hanno rivelato la presenza di tracce biologiche, in seguito prelevate dai RIS e confrontate con il DNA estratto dal tampone salivare di un discendente in linea maschile di Gabriele d’Annunzio, Federico d’Annunzio. Dai risultati delle indagini è emerso che solo i residui organici rinvenuti sul fazzoletto sono di origine maschile, probabilmente provenienti dal liquido seminale. Dalle medesime tracce è stato estratto un profilo genotipico di sesso maschile completo di 16 marcatori del DNA. Grazie alla trasmissione del cromosoma Y pressoché invariato attraverso le generazioni, il confronto tra i reperti biologici analizzati e il tampone salivare del pronipote di d’Annunzio ha confermato l’appartenenza al poeta delle tracce rinvenute sul fazzoletto.

Il valore storico di queste indagini è messo in luce dalle parole del presidente del Vittoriale Giordano Bruno Guerri “Il Vittoriale aveva già avuto una straordinaria collaborazione dai RIS di Cagliari quando, pochi anni fa, con i loro macchinari riuscirono a leggere correzioni altrimenti illeggibili: una tecnica che ha rivoluzionato le possibilità degli studi filologici. Oggi abbiamo quest’altra dimostrazione della loro straordinaria capacità scientifica, che sarà preziosa per i reparti di indagine criminologica, e per gli storici, di tutto il mondo. A chi mi chiede se questa scoperta abbia una qualche utilità per il Vittoriale, rispondo che il nostro scopo statutario è “conservare e valorizzare la figura e l’opera di Gabriele d’Annunzio”. Lo abbiamo fatto – in questi ultimi sei anni – portando i visitatori da 140.000 a 190.000, chiudendo i bilanci in attivo, acquisendo documenti e cimeli, aprendo tre nuovi musei e contribuendo a cambiare l’immagine di d’Annunzio da quella di protofascista decadente a quella di libertario modernizzatore. Lo abbiamo fatto, ora, fissando il suo DNA. Nessuno vuole clonare d’Annunzio, ma nessuno può sapere quali saranno le evoluzioni della scienza e della società: è bene che quel DNA sia stato rilevato”.

L’importanza scientifica di tali studi si individua nella precisione e nell’avanguardia degli strumenti a disposizione dei RIS che sono stati capaci di sintetizzare e analizzare – per la prima volta – tracce biologiche risalenti al secolo scorso. Un brillante risultato tecnico-scientifico frutto delle elevate professionalità e delle capacità analitiche offerte dalla struttura tecnico-scientifica dell’Arma dei Carabinieri.

L’interesse tecnico-scientifico verteva nel testare le metodiche analitiche, comunemente impiegate dal RIS-Carabinieri di Cagliari, su un reperto quasi centenario, recante solo tracce biologiche non evidenti e non sottoposto a particolari condizioni di conservazione.  Il fazzoletto, storicamente riconducibile a Gabriele D’Annunzio, presentava, almeno in linea teorica, queste caratteristiche inoltre era possibile, se si fosse riusciti a tipizzare il cromosoma Y, confrontarlo con quello estratto da un discendente patrilineare: Federico D’Annunzio pronipote del poeta. In altri termini significava risolvere un “cold case” per un “reato” datato un secolo fa. I risultati ottenuti consentono di affermare che il caso è risolto; la validità, l’importanza ed il rigore delle tecniche impiegate saranno verificate dalla comunità scientifica internazionale al cui esame saranno sottoposte mediante l’invio di comunicazione scientifica ai più rigorosi giornali del settore.

© All rights reserved 
Fonte: Arma dei Carabinieri

Carabinieri di Cagliari: nuovo incarico per il comandante del reparto operativo tenente colonnello Alfredo Saviano. Il comando passa al tenente colonnello Ivan Giorno

Cagliari, 13 settembre 2014 – L’attuale comandante del reparto operativo dei carabinieri di Cagliari, tenente colonnello Alfredo Saviano, a breve lascerà il comando per passare a nuovo incarico. Il comando passerà al tenente colonnello Ivan Giorno, attuale comandante del reparto operativo di Oristano.

Buon nuovo incarico da parte della redazione di MNFI e un ben arrivato al nuovo comandante.

Di seguito la lettera di commiato del tenente colonnello Alfredo Saviano.

Al termine di due anni, mi appresto a lasciare l’incarico di Comandante del Reparto Operativo di Cagliari per trasferirmi a Belgrado (Serbia) per un progetto dell’Unione Europea finalizzato a favorire l’accesso di quel Paese in Europa.

Ho trascorso ben dieci anni in questa splendida terra, dove ho anche comandato la Compagnia di Villacidro e di Quartu Sant’Elena. In questo periodo, grazie al quotidiano lavoro svolto con dedizione e professionalità dai Carabinieri, ho raccolto importanti risultati operativi, contribuendo a mantenere alti gli standard di sicurezza della Provincia. Tra tutti ricordo con particolare soddisfazione la cattura dei componenti della banda Batzella e i numerosi sequestri di stupefacenti che – nell’ultimo periodo – hanno toccato quantità mai viste in precedenza.

Ringrazio tutti i rappresentanti delle Istituzioni della provincia, con particolare riferimento alla Magistratura e ai colleghi delle altre Forze di Polizia, per il proficuo rapporto di collaborazione che mi hanno offerto durante questi anni. Saluto gli amici giornalisti, con i quali mi pregio di aver avuto sempre un magnifico rapporto professionale, caratterizzato da estrema cordialità.

Ma, su tutti, ringrazio i cittadini cagliaritani e la mia famiglia per il continuo e preziosissimo sostegno.

Mi sostituirà il Ten. Col. Ivan Giorno, attuale Comandante del Reparto Operativo di Oristano, amico e collega di grande esperienza e pari professionalità, al quale auguro grandi soddisfazioni.”

Ten. Col. Alfredo Saviano

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Cagliari)

Importavano cocaina dalla Turchia e coltivavano cannabis in Sardegna. La Polizia disarticola l’organizzazione

Cagliari, 11 luglio 2014 – Eseguite dalla Polizia di Stato di Cagliari diverse ordinanze di custodia cautelare nei confronti di soggetti ritenuti responsabili di associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Le indagini della Squadra Mobile di Cagliari, avviate nel 2012, hanno consentito di disarticolare un’organizzazione criminale transnazionale, composta da cittadini turchi e italiani, dedita all’importazione dalla Turchia di ingenti quantitativi di cocaina, nonché alla coltivazione, in Sardegna, di piantagioni di cannabis.

La droga, proveniente dal Sud America, veniva introdotta e stoccata in Turchia e, successivamente, trasferita in Italia per essere immessa nelle piazze di spaccio del territorio sardo.

Nel corso delle indagini, sono stati tratti in arresto, in flagranza di reato, alcuni appartenenti all’organizzazione e sequestrati significativi quantitativi di sostanze stupefacenti.

© All rights reseved
Fonte: Polizia di Stato
(Squadra Mobile di Cagliari)


Sant’Antioco: i carabinieri indagano i responsabili di truffa aggravata dell’autogestita di caccia

Sant’Antioco (CI), 9 luglio 2014 – Nelle prime ore della mattina i carabinieri della locale stazione, coadiuvati anche dal Nucleo Elicotteri CC di Cagliari Elmas, hanno eseguito, nell’ambito di un’indagine a più ampio raggio, alcune perquisizioni all’interno dell’autogestita di caccia “Isola di Sant’Antioco”, su ordine della Procura della Repubblica di Cagliari.

I carabinieri, hanno perquisito le abitazioni del presidente e del segretario dell’autogestita, oltre alla sede sociale di Sant’Antioco.  Entrambi sono indagati dalla Procura della Repubblica di Cagliari per truffa aggravata e violenza privata in concorso con altre 11 persone, che fanno parte del comitato di gestione dell’autogestita di caccia. 

Gli inquirenti, che in passato hanno acquisito documenti contabili e bancari, ritengono di aver trovato con le perquisizioni odierne, ulteriori riscontri utili per dimostrare quanto denunciato da alcuni soci dell’autogestita di Sant’Antioco/Calasetta, successivamente espulsi dall’autogestita.

I militari stanno indagando anche su una serie di danneggiamenti a mezzo fuoco subiti da alcuni dei soci espulsi. Nel corso delle indagini è emersa la presenza di un’utilitaria (sempre la stessa) aggirarsi nei pressi di alcuni luoghi ove poco dopo si sono verificati gli incendi, con il conseguente danneggiamento di alcuni casolari di campagna.

Le indagini continuano e non è escluso che nelle prossime settimane si possa arrivare all’identificazione dei mandanti e degli esecutori materiali. I carabinieri di Sant’Antioco hanno acquisito forti elementi probatori contro i responsabili e si ritiene di poter chiudere a breve tutta l’attività.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri (Comand provinciale Cagliari)


Cagliari: arrestati dalla Polizia per furti in appartamento, un altro è stato denunciato

Cagliari, 31 gennaio 2014 – La Polizia di Stato di Cagliari ha arrestato due persone ritenute responsabili dei reati di ricettazione e riciclaggio. Le indagini, condotte da personale della Squadra Mobile, hanno permesso di individuare all’interno di un’abitazione un ingente quantitativo di oggetti in oro e in argento tra cui un orologio di elevato valore nonché altro materiale tecnologico, tutto riconducibile ad una serie di furti in appartamenti compiuti nel centro cittadino nei giorni precedenti.  Nell’operazione, oltre ai fermati, di nazionalità georgiana, senza fissa dimora ed irregolari sul territorio nazionale, è stato denunciato un altro cittadino straniero poiché metteva a disposizione dei predetti il proprio appartamento con funzioni di appoggio logistico, ove veniva provvisoriamente custodita  la refurtiva trafugata.

Fonte: Polizia di Stato


Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade