Archivi tag: Bersaglieri Garibaldi

Esercito, attività tattica in Qatar, esercitazione NASR 19, bersaglieri della Garibaldi e soldati qatarini, 2000 soldati e 250 mezzi

Il Capo di SME incontra un tiratore scelto

Qatar, 21 ottobre 2019 – Questa mattina il contingente italiano, a guida Brigata Bersaglieri “Garibaldi” ha condotto, congiuntamente al personale della 2^ Brigata dell’Esercito del Qatar, la fase principale dell’esercitazione NASR 19. La complessa attività tattica, svolta alla presenza del capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli, del capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Salvatore Farina e delle massime autorità militari locali, ha visto l’impiego di circa 800 soldati italiani, 1200 militari qatarini e di oltre 250 veicoli da combattimento e logistici.

A partire dallo scorso 12 settembre, a seguito di un’attenta pianificazione coordinata tra le due nazioni e attraverso una complessa operazione logistica, l’assetto nazionale esercitato si è schierato a 3.800 Km dall’Italia, nell’area addestrativa del poligono di Al-Galail, località a sud della capitale Doha. Una zona con caratteristiche idonee allo svolgimento di attività che, per numero di veicoli cingolati e ruotati impiegati e per volume di fuoco, non sarebbe possibile sviluppare presso aree addestrative presenti sul territorio italiano.

In tal modo le forze, di livello battle group e organizzate secondo l’approccio pluriarma, hanno espresso diverse capacità operative riuscendo così a massimizzare il combat power esprimibile nelle attività tattiche e a verificare il livello di cooperazione e di interoperabilità dei sistemi di comando e controllo tra i due eserciti. Inoltre, nell’ambito delle attività addestrative sviluppate dal personale italiano, sono state altresì testate alcune delle capacità che verranno poste in alta prontezza a favore della NATO.

L’esercitazione conclusiva, svolta a termine di un ciclo addestrativo congiunto della durata di circa un mese, ha previsto una dimostrazione a fuoco di tutti i sistemi d’arma impiegati. In particolare, la compagine di fanteria pesante italiana della Task Force, su base 1° reggimento bersaglieri, composta da circa 300 soldati, ha impiegato cingolati VCC 80 Dardo, carri armati C1 Ariete, VBM Freccia, mortai da 120 mm e da 81 mm e Veicoli Tattici Leggeri Multiruolo (VTLM) Lince.

Un momento dello schieramento finale

Presenti sul terreno anche assetti di tiratori scelti, un team Raven, sistemi contro carro Milan e Spike, un team di acquisitori obiettivi delle Forze Speciali dell’Esercito, personale del Genio e relativi veicoli medi di ultima generazione come il VTMM ORSO (in differenti configurazioni), mezzi per il supporto logistico, carri pioniere e veicoli per l’assistenza sanitaria. A completare lo schieramento, obici FH70, lanciatori G-MLRS (Guided Multiple Launch Rocket System) e PZH 2000, artiglierie di ultima generazione con possibilità d’impiego di munizionamento a guida GPS e a lunga gittata, capaci di colpire obiettivi di dimensioni ridotte limitando i possibili danni collaterali.

In tale contesto è stata confermata la versatilità professionale degli uomini e delle donne dell’Esercito, pronti ad operare in situazioni caratterizzate da fattori ambientali estremi e capaci di impiegare i moderni sistemi di comando e controllo anche in condizioni tecnologicamente degradate.

La NASR 19, che si concluderà il prossimo 27 ottobre, rappresenta un’importante occasione addestrativa in chiave multinazionale, consentendo il consolidamento delle procedure tecnico-tattiche delle unità schierate dall’Esercito italiano e dall’Esercito qatarino e si inquadra in uno scenario strategico di riferimento sempre più influenzato da molteplici dinamiche ed in continua evoluzione.

La fanfara del 1° reggimento Bersaglieri

????????????????????????????????????

© All rights reserved
_______________________


Il capo di SME, generale di corpo d’armata Salvatore Farina ha visitato la brigata “Garibaldi”

ok-ber-180928-2

Caserta, 30 settembre 2018 – Venerdi mattina il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Salvatore Farina ha visitato la caserma “Federico Ferrari Orsi”, sede del comando brigata bersaglieri “Garibaldi”, dell’8° reggimento bersaglieri e del reparto comando e supporti tattici “Garibaldi”.

Accolto dal comandante della “Garibaldi”, generale di brigata Diodato Abagnara, dopo aver ricevuto gli onori da una compagnia dell’8° Bersaglieri, il capo di Stato Maggiore dell’Esercito ha presenziato alla cerimonia dell’alzabandiera con i reparti schierati e con spirito “bersaglieresco” ha partecipato alla tradizionale “corsa dei Bersaglieri”.

ok-ber-180928-1

Il generale Farina rivolgendosi al personale militare e civile in servizio alla “Ferrari Orsi”, ha sottolineato la preparazione e l’esperienza della Garibaldi maturata in particolare all’estero, e ha aggiunto: “La Brigata Garibaldi rappresenta l’anima dell’Esercito professionale ed è una componente fondamentale dell’Esercito italiano, e di questo dovete essere orgogliosi e fieri”. Inoltre nell’esortare tutti alla partecipazione attiva nella ricerca di soluzioni che possano migliorare l’organizzazione militare ha concluso il suo intervento affermando che “noi ci siamo sempre e di più insieme per fare sempre meglio”.

Il generale Farina ha poi partecipato a un briefing alla presenza di tutti i comandanti delle unità e dello staff del comando brigata, durante il quale gli sono state illustrate le principali attività pianificate e quelle in corso della Brigata. Durante la riunione il capo di SME ha ribadito l’assoluta priorità che egli attribuisce alla cura e al benessere del personale.

ok-ber-180928-4

Nel corso della visita il generale Farina ha incontrato il prefetto di Caserta, dottor Raffaele Ruberto e il sindaco della città, avvocato Carlo Marino e ha partecipato all’inaugurazione della sala convegno “Salvatore Pontieri” intitolata al valoroso colonnello dei bersaglieri. 

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Esercito
______________________________________________

Afghanistan: il comandante di ISAF visita la base italiana di Herat

Il gen. Campbell con il gen. Vincenzo Santo e il gen. Angelo Scardino

Herat, 11 ottobre 2014 – Il generale americano John F. Campbell, comandante dell’International Security Afghanistan Force (ISAF), ha visitato il Comando del Train Advise Assist Command West (TAAC W) dove opera il contingente italiano su base brigata bersaglieri Garibaldi.

Il generale Campbell, accompagnato dal capo di stato maggiore della missione ISAF con la qualifica di Italian Senior National Representative, generale di corpo d’armata Vincenzo Santo, è stato ricevuto ad Herat dal comandante del TAAC-W generale Maurizio Angelo Scardino.

Nel corso della visita, il comandante di ISAF è stato aggiornato sulle attività in corso nell’area di responsabilità del Train Advise Assist Command West (TAAC-W) e sull’evoluzione delle capacità acquisite dalle forze di sicurezza afgane, ormai prossime ad assumere la piena responsabilità nel garantire la sicurezza del Paese.

L’inaugurazione del nuovo Conference and Training Center “Unity of the Country”

Nell’occasione è stato inoltre inaugurato il nuovo Conference and Training Center “Unity of the Country”, che verrà adibito allo svolgimento dei meeting con le rappresentanze civili locali e delle attività di addestramento e consulenza a favore delle Forze di sicurezza afghane.

© All rights reserved
Fonte: Ministero della Difesa

Afghanistan: terminato il primo corso per la lotta agli IED, organizzato dalle forze di sicurezza nazionali afghane


Herat, 9 settembre 2014 – Nei giorni scorsi si sono conclusi due corsi pianificati e condotti per la prima volta esclusivamente da istruttori afgani a favore della Afghan National Police (A.N.P.) sotto la supervisione della componente Genio del Train Advise Assist Command West (TAAC-W), il comando multinazionale su base brigata bersaglieri Garibaldi.

Il percorso formativo, della durata di 15 giorni, ha visto la partecipazione di 25 frequentatori. L’addestramento, svolto attraverso lezioni teorico–pratiche, rientra nel quadro delle attività di “consulenza e di assistenza” che i militari italiani svolgono a favore delle forze di sicurezza afgane nell’ambito del processo di transizione in atto nella regione ovest del Paese.

Il primo dei due corsi è stato finalizzato a fornire all’Afghan Border Police (A.B.P.) le capacità idonee per l’applicazione delle tecniche, tattiche e procedure (TTP) nell’individuazione e localizzazione delle minacce derivanti dalle diverse tipologie di dispositivi IED (Improvised Explosive Device). Gli IED costituiscono la maggior fonte di pericolo per la sicurezza delle truppe e della popolazione locale.

Il secondo corso ha fornito ai futuri istruttori della Afghan Uniform Police (A.U.P.) l’adeguata preparazione per il corretto utilizzo degli apparati cerca metalli (metal detector).

Le attività si sono concluse con la consegna degli “attestati di frequenza” ai partecipanti al corso alla presenza del brigadier generale Mohammad Joma Adeel, comandante della 705^ zona dell’A.B.P. e del colonnello Ghulam Ghous Fakhruddin, comandante dell’A.U.P. di Herat e dei rappresentanti del TAAC-W.

© All rights reserved
Fonte: contingente Italiano in Afghanistan

Salerno: i militari del reggimento Cavalleggeri Guide accolgono nel porto una nave con circa 1.000 migranti

Salerno, 2 settembre 2014 – Continua l’impegno delle Guide per l’emergenza immigrati presso il porto di Salerno. È il quinto sbarco nella città di Salerno ed il reggimento Cavalleggeri Guide (19°), della brigata Bersaglieri Garibaldi, concorre al dispositivo di sicurezza ed accoglienza, come per le precedenti volte, con le altre Forze dell’Ordine ed altre associazioni.
Dalle ore 07.00, il Cavalleggeri Guide ha schierato un’aliquota di uomini e donne su disposizione del 2° Comando delle Forze di Difesa (2°FOD) di San Giorgio a Cremano, su richiesta della Prefettura di Salerno che ha chiesto il concorso del personale dell’Esercito.

Il comandante delle Guide, colonnello Angelo Malizia, anche per questa occasione ha messo a disposizione circa 40 tra uomini e donne del Reggimento, oltre che alcuni assetti logistici.
L’attività andrà avanti per tutta la giornata al fine di registrare gli immigrati e smistarli successivamente presso i centri di accoglienza, sia nella regione Campania che in altre regioni.

© All rights reserved
Fonte: Forze operative terrestri

Salerno: 40 militari della Brigata Bersaglieri Garibaldi gestiscono 2268 migranti, giunti in porto con una nave della Marina Militare

Salerno, 21 luglio 2014 – Dalle prime ore di sabato mattina, un dispositivo del Reggimento Cavalleggeri Guide (19°) di Salerno, della Brigata Bersaglieri Garibaldi, ha concorso alla sicurezza del porto di Salerno per la gestione di 2268 immigrati giunti con una nave della Marina Militare. 
L’intervento delle “Guide” in concorso alle Forze dell’Ordine è stato richiesto dalla Prefettura di Salerno al 2° Comando delle Forze di Difesa (2°FOD) di San Giorgio a Cremano (NA), che ha interessato il Comandante delle Guide (19°), Colonnello Diodato Abagnara, per schierare circa 40 militari con il compito di creare un sistema di vigilanza fissa e mobile per il controllo dell’area portuale.
L’impegno si è prolungato per l’intera giornata, al fine di completare le operazioni di smistamento e riconoscimento, nei centri di accoglienza più vicini, da parte delle Forze di Polizia ed assistenza da parte della Protezione Civile.

L’Esercito nella regione Campania è schierato per l’operazione Strade Sicure con circa 600 militari per contrastare la criminalità e con i pattugliamenti nella “Terra dei Fuochi” per contrastare e prevenire i reati ambientali, sempre in concorso alle Forze dell’Ordine e sotto la gestione del 2° FOD.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando delle Forze Operative Terrestri


OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade