Archivi tag: annuale

Esercito: celebrato il ventennale dell’ingresso in Kosovo, del contingente italiano, alla presenza del capo di SME

Intervento del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito

Caserta, 20 settembre 2019 – Conclusa con una cerimonia militare in piazza Carlo II, alla presenza del capo di Stato Maggiore dell’Esercito generale di corpo d’armata Salvatore Farina, del comandante generale dell’Arma del Carabinieri generale di corpo d’armata Giovanni Nistri, degli ex comandanti del contingente italiano in Kosovo, del sindaco di Caserta e di altre autorità locali, la due giorni di celebrazioni per il ventennale dell’ingresso del Contingente Italiano in Kosovo, avvenuto nel giugno del 1999.

La manifestazione è stata aperta ufficialmente ieri nei saloni della Reggia di Caserta con la conferenza storico rievocativa tenuta dal generale di corpo d’armata (in quiescenza) Mauro Del Vecchio, primo comandante del Contingente Italiano in Kosovo e Comandante della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” che ha ripercorso l’ingresso nei territori kosovari dei militari italiani raccontando la sua esperienza, corredata altresì da quella degli altri comandanti presenti, tra i quali il generale di corpo d’armata Carlo Cabigiosu primo comandante italiano della Forza NATO di KFOR.

Mostra fotografica sull'ingresso del contingente italiano in Kosovo

A corollario della conferenza è stata allestita una mostra video fotografica riferita agli accadimenti di quel periodo.

Durante la cerimonia militare in piazza, in cui erano presenti i reparti e molti dei protagonisti che nel 1999 diedero inizio alla missione, il generale Farina, anch’egli ex comandante della Kosovo Force da settembre 2013 a settembre 2014, ha sottolineato quanto KFOR sia una missione importante che contribuisce alla stabilizzazione dei Balcani occidentali e, in termini più ampi, dell’intera Europa; aggiungendo che in tale ambito l’Esercito Italiano svolge un ruolo primario sia per il mantenimento della sicurezza nell’area sia per l’integrazione degli attori regionali con l’Unione Europea.

Bandiera di Guerra del 1° Reggimento Bersaglieri

Il capo di SME ha poi proseguito evidenziando che: “ la nostra tradizione culturale improntata al dialogo e al rispetto verso il prossimo e la  formazione attenta e costante dei nostri militari sono stati elementi fondamentali per ottenere in Kosovo la fiducia, la sinergia, il dialogo e il rispetto tra le parti. I Comandanti e i Soldati italiani dell’Esercito, dei Carabinieri e dell’Aeronautica e della Marina che negli anni hanno operato in Kosovo hanno sempre dimostrato altissima preparazione e ferma determinazione sul campo coniugando l’uso proporzionato della forza con un atteggiamento proattivo e imparziale fra le parti. Solo con un approccio multidimensionale, coordinato e integrato con ogni altro soggetto operante sul campo è possibile ottenere grandi risultati. Questi aspetti sono infatti alla base del motto MORE TOGHETER che coniai durante il mio mandato da Comandante di KFOR”.

La missione in Kosovo, nella denominazione di  KFOR  (Kosovo Force) iniziò il 12 giugno 1999, su mandato delle Nazioni Unite, con l’adozione, da parte del Consiglio di Sicurezza della Risoluzione 1244, che autorizzava l’impiego di un contingente militare inizialmente composto da circa 50000 militari provenienti da Paesi NATO e altri alleati. Così, il Contingente italiano composto da circa 6.500 uomini delle unità della Brigata “Garibaldi” e da assetti specialistici di altre Forze Armate, entrò nel Kosovo alla mezzanotte dello stesso giorno e raggiunse la città di Pec il mattino del 14 giugno 1999. Alla Brigata italiana, Brigata Multinazionale Ovest (MNB-W), venne assegnata la responsabilità dell’area ovest.

Attualmente all’operazione “Joint Enterprise” in Kosovo partecipano 28 paesi,  con un impegno complessivo di forze di circa 4000 unità, ed il Comando della Kosovo Force è affidata in modo continuativo ad un Generale dell’Esercito italiano dal 2013.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Esercito
______________________________________________

Celebrazione del 203° annuale della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Cavalli

Roma, 5 giugno 2017All’interno della caserma “Salvo D’Acquisto” di Tor di Quinto, l’Arma dei Carabinieri celebra il 203° annuale di fondazione, alla presenza del presidente della repubblica Sergio Mattarella, dei ministri dell’Interno Marco Minniti e della Difesa Roberta Pinotti, del capo di stato maggiore della Difesa Claudio Graziano e del comandante generale Tullio Del Sette.

La cerimonia, iniziata alle ore 18.00 con lo schieramento di tre reggimenti di formazione rappresentativi di tutte le componenti dell’Arma, prevede gli onori al capo dello Stato che passerà in rassegna i reparti schierati e la consegna della Medaglia d’Oro al “Valor Civile” alla Bandiera di Guerra dell’Arma dei Carabinieri con la seguente motivazione:

In occasione di disastroso sisma che provocava numerose vittime e danni inestimabili, il personale dell’Arma dei Carabinieri offriva fulgida prova di preclare virtù civiche, esemplare efficienza, altissimo spirito di abnegazione, radicato senso civico e generosa solidarietà, impegnando ogni risorsa nella complessa e instancabile attività di soccorso della popolazione colpita e contribuendo al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, nonché alla salvaguardia del patrimonio storico, artistico e culturale. Il mirabile impegno, nel solco delle sue più alte tradizioni, riscuoteva l’unanime e riconoscente plauso delle autorità e della popolazione.” Province di Rieti e Ascoli Piceno, 24 agosto 2016.

Successivamente si procederà con la consegna delle “Ricompense” ai sottonotati Carabinieri:

  • Medaglia d’Oro al Valore Civile alla “memoria al Maresciallo Capo Silvio Mirarchi, già effettivo alla Stazione di Ciavolo (TP): “Con eccezionale coraggio, ferma determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, nel corso di un servizio notturno in area rurale, non esitava, insieme a commilitone, a intervenire presso alcune serre, adibite a coltivazione illecita di canapa indiana, venendo fatto segno a proditoria azione di fuoco da parte di malfattori che, al fine di assicurarsi la fuga, lo ferivano mortalmente. Fulgido esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere, spinto fino all’estremo sacrificio”. Marsala (TP), 31 maggio 2016; La ricompensa viene ritirata dalla vedova Antonella Anna Pizzo, accompagnata dai figli Debora e Valerio;
  • Medaglia d’Oro al Valore Civile all’App. Mario De Bellis, effettivo al Nucleo Radiomobile di Firenze: “Con eccezionale coraggio, esemplare altruismo e cosciente sprezzo del pericolo, pur consapevole di non saper nuotare, non esitava a calarsi con mezzi di fortuna e con l’aiuto di un commilitone, in un pozzo profondo 15 metri per soccorrere due bambini che vi erano caduti accidentalmente. Raggiunti i due malcapitati ormai allo stremo delle forze, dopo essersi immerso nell’acqua gelida, si puntellava alla parete della cisterna con le gambe e la schiena sollevandoli e trattenendoli per circa mezz’ora fino all’arrivo dei soccorritori che, con idonea attrezzatura, li ponevano in sicurezza. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere.” Bagno a Ripoli (FI), 29 maggio 2015;
  • Medaglia d’Oro al Valore dell’Arma dei Carabinieri, già effettivo al 1° Reggimento CC Paracadutisti Tuscania e ora al Centro Sportivo CC: “Addetto al Police Operational Mentoring and Liaison team di Farah (Afghanistan), nell’ambito della missione ISAF, in un contesto ambientale caratterizzato da persistente ed elevatissimo rischio di natura terroristica, dedicava ogni personale risorsa all’assolvimento del compito assegnato, impegnandosi con instancabile slancio e intima convinzione nelle attività di mentorizzazione e di assistenza in favore della polizia locale. Nel corso di un servizio di scorta a un convoglio militare, disposto a seguito di un precedente attacco terroristico ad altri mezzi dell’esercito italiano in quella stessa zona, il veicolo blindato sul quale viaggiava in qualità di mitragliere, si ribaltava più volte. A seguito dell’occorso, il militare veniva sbalzato violentemente fuori dalla botola in cui era posizionato, riportando gravissime lesioni su tutto il corpo. Con altissimo spirito di abnegazione e straordinaria professionalità, continuava a orientare i propri commilitoni nelle procedure di messa in sicurezza dell’area, sino alla totale perdita dei sensi. La grandissima forza d’animo e il cosciente sprezzo del pericolo costantemente testimoniati hanno consentito il perseguimento degli scopi della rischiosa missione, esaltando il prestigio dell’Italia e delle sue forze armate a livello internazionale. Chiaro esempio di elette virtù militari, elevatissimo senso del dovere ed assoluta dedizione al servizio.” Farah (Afghanistan), 28 gennaio 2012;
  • Medaglia d’Argento al Valor Militare al Maresciallo Alessandro Catena, effettivo alla Stazione di Roma Fidene: “In servizio antirapina unitamente a un collega, con ferma determinazione, esemplare iniziativa ed eccezionale coraggio, non esitava ad affrontare un pericoloso rapinatore armato che stava compiendo una rapina all’interno di un esercizio commerciale, ingaggiando con lo stesso una violenta colluttazione. Fatto segno a proditoria azione di fuoco, benché gravemente ferito, replicava con l’arma in dotazione, ferendo il malfattore e consentendone l’arresto. Chiaro esempio di elette virtu’ militari e altissimo senso del dovere.” Roma, 13 giugno 2016;
  • Medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri al carabiniere scelto Mariagiovanna Cardinale: “Con eccezionale coraggio ed esemplare iniziativa, non esitava a intervenire all’interno di un esercizio commerciale in soccorso di un commilitone che, a seguito di un conflitto a fuoco con un pericoloso rapinatore, era rimasto gravemente ferito, riuscendo, dopo aver esploso alcuni colpi con l’arma in dotazione, a disarmare  e a trarre in arresto il malfattore. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere. Roma, 13 giugno 2016.

 

A seguire, come di consueto, prevista la consegna del “Premio Annuale” a sei comandanti di stazione. Un riconoscimento carico di significati per l’importante ruolo svolto dalla Stazione Carabinieri nelle relazioni con il territorio e la sua comunità di riferimento. Un rapporto che spesso travalica le problematiche inerenti la sicurezza e la legalità sfociando in esigenze legate al vivere quotidiano. Quest’anno sono premiati i seguenti Sottufficiali:

  • Luogotenente Antonino Genovese, comandante della stazione di Oulx (TO);
  • Luogotenente Gaetano Floccher, comandante della stazione di Napoli Vomero;
  • Luogotenente Mauro Dal Canto, comandante della stazione di Cascina (PI);
  • Luogotenente Antonio Castrignanò, comandante della stazione di Vasto (CH);
  • Luogotenente Carmine Di Lascio, comandante della stazione forestale di Maratea (PZ);
  • MAsUPS Giovanbattista Luigi Ferrante, comandante della stazione di Codevigo (PD).

 

Al termine delle premiazioni un breve intervento del ministro della Difesa e a seguire, dopo il deflusso dei reparti, lo storico carosello equestre, eseguito dal 4° reggimento Carabinieri a cavallo per rievocare la gloriosa “Carica di Pastrengo” del 1848.

La manifestazione avrà termine con gli onori finali al Presidente della Repubblica chiuderanno la cerimonia.

. _____________________ .

L’Arma celebra la propria festa il 5 giugno, giorno in cui, nel 1920, la Bandiera dell’Arma fu insignita della prima Medaglia d’Oro al Valor Militare per la partecipazione dei Carabinieri alla Prima guerra mondiale. La motivazione che ha accompagnato la medaglia è la seguente: “Rinnovellò le sue più fiere tradizioni con innumerevoli prove di tenace attaccamento al dovere e di fulgido eroismo, dando validissimo contributo alla radiosa vittoria delle armi d’Italia“.

La ricorrenza è occasione per tracciare un bilancio di quanto fatto nell’anno precedente, riepilogato nell’allegata brochure “Attività operativa dell’Arma  dei Carabinieri 2016”.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Arma dei Carabinieri
_________________________________________

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade