Annunci

Archivi tag: Aeronautica Militare

Incidente durante attività addestrativa di avio lancio, muore sottufficiale dell’aeronautica. Cordoglio del capo di SMD e del capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare

stemma_AM bnGuidonia (RM), 29 novembre 2017 – Nel tardo pomeriggio di ieri, il sergente maggiore Mirko Rossi, 41 anni, in forza al 17° stormo dell’Aeronautica Militare, ha perso la vita in seguito all’impatto al suolo durante un’attività addestrativa di lancio con paracadute pre-pianificata che si stava svolgendo presso l’Aeroporto Militare di Guidonia (RM).

Il sottufficiale è deceduto presso il policlinico Gemelli di Roma, dove era stato trasportato da un elicottero del 118.

Dopo l’incidente il sergente maggiore era stato immediatamente soccorso dal personale medico militare presente in base.

L’Aeronautica Militare ha attivato le procedure per accertare le cause dell’incidente.

Cordoglio del capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Enzo Vecciarelli, a nome suo e di tutta la Forza Armata, esprime vicinanza e profondo cordoglio ai familiari e alle persone più care del sergente maggiore.

Il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, esprime le sue condoglianze e partecipa al cordoglio della famiglia e dell’Aeronautica Militare per il decesso del militare.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore Difesa
_______________________________

 

Annunci

Aeronautica: trasporto sanitario d’urgenza per bambino in pericolo di vita

Schermata 2017-11-19 alle 22.43.10

Sassari, 19 novembre 2017 – Il piccolo paziente insieme ad un genitore ed a una equipe medica del 118 di Sassari una volta atterrato a Genova è stato trasportato all’Ospedale Gaslini.

Ensign_of_the_31º_Stormo_of_the_Italian_Air_Force.svgNel primo pomeriggio di oggi un bambino di circa 6 anni in imminente pericolo di vita è stato trasportato da Alghero a Genova  a bordo di un velivolo Falcon 900 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare.

Il piccolo paziente una volta atterrato a Genova è stato trasportato all’Ospedale Gaslini. 

La missione, richiesta dalla Prefettura di Sassari, è stata disposta dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare da dove vengono coordinati anche questo tipo di interventi. 

Gli aeromobili da trasporto e gli elicotteri dell’Aeronautica Militare sono pronti 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno, ad intervenire per missioni di pubblica utilità quali il trasporto sanitario d’urgenza di persone in imminente pericolo di vita, come avvenuto questa notte, oppure quello di organi ed equipe mediche per trapianti.

Il servizio copre l’intero territorio nazionale, isole comprese, e quando richiesto dalle autorità competenti è svolto anche a favore dei cittadini italiani che si trovano all’estero.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Aeronautica Militare
____________________________________________

 


NATO: aeronautica militare, 4 EFA concludono la missione di rinforzo alla difesa aerea in Bulgaria

In quattro mesi, la Task Force Air ha svolto in totale circa 550 ore di volo, con oltre 85 Scramble simulati per l’addestramento alla prontezza operativa

 c6f669b5-5926-4f89-a45e-33e242a5d2321_1Medium

Graf Ignatievo (Bulgaria), 3 novembre 2017 – Con la cerimonia di ammaina bandiera ed il decollo verso l’Italia dei quattro Eurofighter, si è conclusa il 1 novembre, presso la base aerea di Graf Ignatievo in Bulgaria, sede della (Task Force Air) TFA italiana, la missione “Bulgarian Horse”, svolta nell’ambito dell’operazione “enhanced Air Policing” della NATO sui cieli della Bulgaria.

Dal 1° luglio 2017, quattro Eurofighter Typhoon dell’Aeronautica Militare con relativi piloti, tecnici e specialisti (in tutto circa 110 militari del 4° stormo di Grosseto, del 36° stormo di Gioia del Colle e del 37° stormo di Trapani, con il contributo di altri reparti di Forza Armata ed interforze) hanno integrato la difesa dello spazio aereo della Repubblica bulgara e, quindi, della NATO. Inoltre, sono stati distaccati controllori della Difesa Aerea italiani presso il Centro di Riporto e Controllo (CRC) bulgaro di Sofia, al fine di fornire, assistenza e supervisione ai colleghi bulgari.

In quattro mesi, la Task Force Air ha svolto in totale circa 550 ore di volo, con oltre 85 scramble simulati per l’addestramento alla prontezza operativa, e molte missioni addestrative per il mantenimento della piena operatività della TFA e degli operatori del CRC di Sofia. Molte di queste missioni sono state svolte congiuntamente ai piloti bulgari al fine di standardizzare le procedure dei due paesi NATO e migliorare la flessibilità degli assetti dell’Alleanza aumentando le capacità degli equipaggi.

fb261d1f-cbf7-42fc-baea-89698b9d037f6_1Medium

Il 31 ottobre si è svolta la cerimonia di chiusura alla quale erano presenti il generale di squadra aerea Fernando Giancotti, comandante della squadra aerea, il generale di divisione aerea Silvano Frigerio, comandante delle forze da combattimento dell’Aeronautica Militare. La Bulgaria era rappresentata dal comandante della base di Graf Ignatievo, generale di brigata Ivan Lalov.

Nel suo intervento, il generale Giancotti, oltre a ringraziare il Comandante della TFA, colonnello Moris Ghiadoni ed gli uomini e le donne della Task Force Air, per il lavoro svolto, ha sottolineato come “quando noi eravamo giovani piloti ci separava la Cortina. Il nostro essere qui insieme ora ci accende la consapevolezza che siamo diventati parte della storia. Il nostro essere qui insieme è un grande segno del percorso verso la pace. Ma la pace non è qualcosa di dato, non deve essere data per certa va perseguita giorno dopo giorno”.

Il colonnello Ghiadoni, comandante della Task Force 4° stormo, ha ringraziato tutto il personale evidenziando come i risultati dell’operazione “Bulgarian Horse” siano “la dimostrazione della grande professionalità ed il frutto di un continuo e costante addestramento, sia in Patria che all’estero” inoltre ha enfatizzato il forte legame e la grande amicizia costruita tra il personale italiano e quello bulgaro. “Questo tipo di sinergia” ha aggiunto il comandante Ghiadoni “è il fattore che ha permesso di raggiungere i risultati da entrambe le nazioni“.

69c24efa-749f-4e37-a6d8-e6aae9926fdb2_1Medium

La TFA 4° stormo in Bulgaria ha interagito molto anche con la comunità locale, con frequenti e ripetute relazioni con le autorità nazionali e locali, ricevendo visite di autorità, delegazioni e scolaresche, che hanno contribuito a creare e rafforzare quel rapporto di reciproca fiducia e stima, caratteristica del “comprehensive approach” italiano nelle Operazioni militari Fuori dai Confini Nazionali (OFCN).

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore Difesa
________________________________________

F35: effettuato il primo volo a decollo verticale

ab772c7f-ae7f-4ef0-9a3c-358fade9bc5701Medium

Roma, 2 novembre 2017 – Il primo F35, nella variante STOVL, assemblato nella FACO di Cameri, ha effettuato il 30 ottobre il suo primo volo in modalità a decollo breve e atterraggio verticale.

​Durante il volo, un pilota collaudatore ha eseguito perfettamente tutte le operazioni in modalità STOVL (Short TakeOff/Vertical Landing), compreso l’hovering sulla pista di atterraggio, raggiungendo un altro traguardo per il programma F-35 in Italia.

I piloti collaudatori effettueranno altri test, prima della consegna ufficiale del velivolo BL-1 all’Aeronautica Militare Italiana.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Ministero della Difesa
____________________________________________
 

Aeronautica militare: volo  dalla Sardegna per una bambina di 6 anni  in pericolo di vita

Concluso un trasporto sanitario d’urgenza con un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo a favore di una bambina di 6 anni.

falcon50_repertorio.jpg

Roma, 26 ottobre 2017 – Concluso un trasporto sanitario d’urgenza effettuato con un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo di Ciampino dell’Aeronautica Militare da Olbia a Ciampino a favore di una bambina di 6 anni in Imminente Pericolo di Vita (IPV). A bordo del velivolo erano presenti la madre ed un’equipe medica. La piccola paziente è stata, poi, trasferita all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

La richiesta di supporto è pervenuta dalla prefettura di Nuoro alla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti anche quello di organizzare e gestire – in coordinamento con prefetture, ospedali e presidenza del Consiglio dei Ministri – questo genere di trasporti su tutto il territorio nazionale.

—- . —- . —- . —- . —-

Gli aeromobili da trasporto e gli elicotteri dell’Aeronautica Militare sono pronti 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno, ad intervenire per missioni di pubblica utilità quali il trasporto sanitario d’urgenza di persone in imminente pericolo di vita, come avvenuto questa notte, oppure quello di organi ed equipe mediche per trapianti.

Il servizio copre l’intero territorio nazionale, isole comprese, e quando richiesto dalle autorità competenti è svolto anche a favore dei cittadini italiani che si trovano all’estero.  

© All rights reserved
Fonte e immagine: Aeronautica Militare
___________________________________________

L’aeronautica militare impegnata in un trasporto sanitario d’urgenza

Un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare ha effettuato un volo sanitario a favore di una bambina di 43 giorni che necessitava urgentemente di assistenza medica.

Schermata 2017-10-20 alle 21.18.52

Messina, 20 ottobre 2017 – Si è concluso nel primo pomeriggio un trasporto sanitario d’urgenza effettuato con un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo di Ciampino dell’Aeronautica Militare a favore di una bambina di appena 43 giorni in Imminente Pericolo di Vita (IPV) sulla tratta Catania/Roma Ciampino. Il trasporto, richiesto della prefettura di Messina, si è reso necessario in quanto la bambina necessitava urgentemente di assistenza medica. A bordo del velivolo era presente la mamma ed un’equipe medica per stabilizzare la bimba in culla termica.

E’ stata, quindi, gestita la missione aerea dalla Sala Situazioni di Vertice del comando della squadra aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare da dove vengono coordinati anche questo tipo di interventi, che ha dovuto prevedere a bordo del velivolo la presenza di due distinte equipe mediche che hanno assistito le due pazienti durante tutte le fasi del volo.

—- . —- . —- . —- . —-

La Sala Situazioni di Vertice è la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti quello di organizzare e gestire – in coordinamento con prefetture, ospedali e presidenza del Consiglio dei Ministri – questo genere di trasporti su tutto il territorio nazionale.

Gli aeromobili da trasporto e gli elicotteri dell’Aeronautica Militare sono pronti 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno, ad intervenire per missioni di pubblica utilità quali il trasporto sanitario d’urgenza di persone in imminente pericolo di vita, come avvenuto questa notte, oppure quello di organi ed equipe mediche per trapianti.

Il servizio copre l’intero territorio nazionale, isole comprese, e quando richiesto dalle autorità competenti è svolto anche a favore dei cittadini italiani che si trovano all’estero.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Aeronautica Militare
__________________________________________

Incidente aereo Terracina, ritrovato il corpo del pilota

Cordoglio della senatrice Pinotti, del generale Graziano e del generale Errico 

Sma bn

Terracina, 24 settembre 2017 – Un velivolo Eurofighter del Reparto Sperimentale di Volo dell’Aeronautica Militare è precipitato in mare nella fase finale del suo programma di volo.

Ancora sconosciute le cause dell’incidente. Da pochi minuti è stato ritrovato il corpo del pilota. Le operazioni di soccorso sono iniziate immediatamente dopo l’impatto grazie ai mezzi di soccorso presenti sul posto.

L’Aeronautica Militare ha attivato le procedure per accertare le cause dell’incidente. Il ministro della Difesa, senatrice Roberta Pinotti ed il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano si uniscono al capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Enzo Vecciarelli nell’esprimere vicinanza e cordoglio alla famiglia ed alle persone più care e vicine al giovane pilota.

Il generale di corpo d’armata Danilo Errico, capo di Stato Maggiore dell’Esercito, esprime al capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Enzo Vecciarelli e a tutto il personale dell’Aeronautica, il proprio cordoglio per il decesso del pilota tragicamente scomparso nell’incidente aereo di Terracina. Il generale di corpo d’armata Danilo Errico, inoltre, a nome anche degli uomini e delle donne dell’Esercito Italiano, rivolge un profondo sentimento di partecipazione e vicinanza ai familiari del pilota.

© All rights reserved
Fonte: Aeronautica Militare – SMD – SME
___________________________________________


Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade