Annunci

Archivi tag: 4 novembre

Le Frecce Tricolori viste da bordo (video)

Schermata 2017-11-05 alle 00.11.37

Roma, 5 novembre 2017 – Video arrivato su whatsapp, le Frecce Tricolori sorvolano Roma, viste da bordo, immagine suggestiva, con i loro fumogeni partendo da altare della Patria.

Fonte: il social, se l’artefice del video volesse l’inserimento dei crediti o la rimozione del video ce lo comunichi

Annunci

4 Novembre,  l’Esercito, al servizio del Paese, celebra il giorno dell’Unità Nazionale e la giornata delle Forze Armate. 

4novembre11

Roma, 4 novembre 2017 – Il capo di Stato Maggiore dell’Esercito alle celebrazioni per il 4 Novembre, giorno dell’Unità Nazionale e giornata delle Forze Armate.

Nell’ambito delle celebrazioni per il giorno dell’Unita Nazionale e della giornata delle Forze Armate, presiedute a Roma, dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Danilo Errico ha reso omaggio ai Caduti di tutte le guerre assistendo alla deposizione di una corona d’alloro sulla tomba del “Milite Ignoto” all’Altare della Patria.

Schermata 2017-11-04 alle 20.42.38

Per l’occasione il capo dello Stato, con il ministro della Difesa, sen. Roberta Pinotti e il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, ha insignito di Croce di “Cavaliere” dell’Ordine Militare d’Italia le bandiere del 6° reggimento Bersaglieri e del 7° reggimento Aviazione dell’Esercito “Vega” per “l’ammirevole coraggio, dedizione e tenacia dimostrata dagli uomini e dalle donne dei due reparti dell’Esercito, che partecipando a numerose operazioni di supporto alla pace e soccorso umanitario, sotto egida NATO e ONU, si sono sempre prodigati, mettendo a rischio anche la propria vita, per il raggiungimento degli obiettivi assegnati“.

A seguire, il generale Errico si è recato al Sacrario Militare di Redipuglia dove, con la sottosegretaria di Stato al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – dott.ssa Barbara Degani – ha accolto il presidente del Senato – senatore Pietro Grasso – delegato del presidente della Repubblica, che ha ricevuto gli onori da un picchetto interforze con in testa la bandiera del reggimento “Piemonte Cavalleria”(2°) e la musica d’ordinanza della fanfara della brigata alpina Julia.

Toccante il momento in cui, davanti ai reparti schierati delle Forze Armate e alle insegne di associazioni combattentistiche e d’arma, tra le ali di folla presente al Sacrario e sulle note de “La leggenda del Piave”, il presidente del Senato ha deposto una corona alla memoria dei Caduti, prima dell’accensione dei tripodi che sovrastano il Sacrario e della lettura della preghiera per la Patria.

4novembre14

La lettura della motivazione del conferimento della Medaglia d’Oro al Valor Militare al Milite Ignoto è stata affidata alla voce della novantaquattrenne Paola Del Din, insignita di quella stessa medaglia per gli atti di eroismo durante la seconda guerra mondiale. Arruolata e addestrata dalle forze speciali inglesi, è stata la prima donna paracadutista militare italiana e forse l’unica ad aver compiuto un lancio di guerra. Durante la guerra, poco più che ventenne, trasportava documenti segreti attraverso l’Italia occupata.

Essere qui a Redipuglia oggi, è un omaggio a quanti, militari e civili, hanno conosciuto i sacrifici della guerra – ha detto il senatore Grasso – Ognuno di noi, ogni famiglia italiana ha almeno un parente tra questi nomi e il sacrificio di questi eroi, che sono morti per la Patria, non può e non deve essere dimenticato.

La cerimonia si è conclusa tra gli applausi dei numerosi cittadini e delle scolaresche presenti, arrivate dalle varie regioni italiane, per rendere omaggio al ricordo degli eroi che hanno donato la propria vita per la Patria.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Ministero della Difesa
___________________________________________

L’Abruzzo celebra le Forze Armate

Celebrazioni del 4 novembre in ABRUZZO

L’Aquila, 4 novembre 2017 – Nella giorno dell’Unità Nazionale e nella giornata delle Forze Armate, nei quattro capoluoghi di provincia della Regione Abruzzo e nei principali centri abruzzesi, si sono svolte cerimonie commemorative dell’evento.

Celebrazioni del 4 novembre in ABRUZZO

Celebrazioni del 4 novembre in ABRUZZO

In particolare, a L’Aquila, le celebrazioni sono iniziate presso la chiesa di S. Rita, dove l’arcivescovo metropolita, mons. Giuseppe Petrocchi, ha celebrato una Santa Messa, in suffragio dei Caduti in servizio e per la Patria. A seguire, presso il monumento ai caduti alla villa comunale, alla presenza di numerose autorità militari e civili, il prefetto dell’Aquila, dottor Giuseppe Linardi, ha deposto una corona d’alloro, con resa degli onori da parte di un picchetto armato interforze (Esercito, Marina Militare, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria, e Vigili del Fuoco). E’ stata poi data lettura del messaggio del capo dello Stato, da parte del prefetto di L’Aquila e di quello del ministro della Difesa, da parte del comandante regionale dell’Esercito, gen. b. Giuseppe Di Giovanni.

Celebrazioni del 4 novembre in ABRUZZO

Celebrazioni del 4 novembre in ABRUZZO

Durante la suggestiva cerimonia, lo stesso gen. b. Giuseppe Di Giovanni ha consegnato a due studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “L. Da Vinci – O. Colecchi” una bandiera nazionale.

Al termine della cerimonia, nell’area antistante il Forte Spagnolo di L’Aquila, ha avuto inizio la manifestazione “Caserme in Piazza”, con allestimento di stand espositivi/informativi del Comando Militare Esercito “Abruzzo”, del Comando Regionale della Guardia di Finanza e del Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila.

Infine, nel contesto dell’iniziativa “Caserme Aperte”, dalle ore 09.00 alle ore 17.00, la cittadinanza ha potuto visitare la:

  • Caserma “Pasquali”, sede del 9° Reggimento Alpini, ove è stato possibile visitare il Museo Storico del Reggimento ed una mostra statica di mezzi/materiali in dotazione, tra cui quelli del Battaglione “Vicenza”, unità multifunzione di recente costituita;
  • Caserma “Mar. Magg. Medaglia d’Oro al Valor Militare Vincenzo Giudice” sede della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza;
  • Caserma sede del Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila.
© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Militare Esercito “Abruzzo”
____________________________________________________________

Difesa, 4 novembre: celebrazione della festa delle Forze Armate e dell’unità nazionale

 

Schermata 2017-11-02 alle 18.52.04

Roma, 2 novembre 2017 – Domani il capo di Stato Maggiore della Difesa generale Claudio Graziano dalle 9:10 parlerà del Giorno dell’Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate.

Anche quest’anno la Difesa si appresta a celebrare la ricorrenza del 4 novembre per ricordare il “Giorno dell’Unità Nazionale” e “Giornata delle Forze armate”.

Per l’occasione tutti i palazzi del dicastero, delle Forze armate e dei comandi generali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, nonché degli enti e delle società già interessate per la celebrazione del 2 giugno, Festa della Repubblica, saranno coperti dal Tricolore. Su Palazzo Venezia saranno esposti il Tricolore e gli stemmi araldici delle Forze armate, della Guardia di Finanza mentre sul palazzo delle Assicurazioni Generali, sempre a Piazza Venezia, saranno esposti due vessilli tricolore.

Schermata 2017-11-02 alle 18.52.22

Cuore della cerimonia, la deposizione di una corona d’alloro al Sacello del Milite Ignoto all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accompagnato dal Presidente del Consiglio, dal ministro Roberta Pinotti, dalle più alte cariche dello Stato e dal Capo di Stato maggiore della Difesa Gen. Claudio Graziano. Un momento solenne che sarà caratterizzato da numerosi elementi di novità rispetto agli anni precedenti.

Agli uomini e le donne in uniforme che punteggeranno il percorso dal Quirinale all’Altare della Patria, in Piazza Venezia si aggiungerà infatti un numero ingente di militari, circa 3000, di tutte le Forze armate e della Guardia di Finanza, con banda interforze, alla presenza delle rispettive Bandiere di Guerra/d’Arma. Presenti anche reparti a cavallo e una nutrita rappresentanza di allievi delle varie accademie e scuole militari in cima alla Scalea dell’Altare della Patria.

 

frecce.jpg

Ci sarà il tradizionale passaggio delle Frecce Tricolori che coloreranno di verde, bianco e rosso i cieli di Roma.

In piazza Venezia il Presidente Mattarella conferirà inoltre l’Ordine Militare D’Italia (OMI) alle bandiere del 6° Reggimento Bersaglieri  e del 7° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Vega”.

Agli eventi che caratterizzeranno il 4 novembre a Roma se ne aggiungeranno tanti altri in tutto il Paese.

Dalla deposizione di una corona al Sacrario di Redipuglia ed al Sacrario dei Caduti d’Oltremare di Bari da parte dei presidenti di Senato e Camera in rappresentanza del Presidente della Repubblica, all’esibizione di bande e fanfare di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di Finanza.

In 28 città italiane si terranno cerimonie militari e iniziative quali “Caserme Aperte” e “Caserme in Piazza” con il coinvolgimento delle amministrazioni comunali. Coinvolte anche le scuola con la consegna di una bandiera ad un istituto scolastico, possibilmente intitolato ad un caduto, in ognuna delle città, da parte di rappresentativa militare.

Sempre il 4 novembre il ministro Pinotti saluterà in videoconferenza dal Comando Operativo Interforze i militari impegnati nei Teatri Operativi esteri.

Le celebrazioni del 4 novembre saranno accompagnate anche dal video “Noi per Voi” un messaggio chiaro, che rafforza il rapporto di fiducia e affetto tra i cittadini italiani e le Forze Armate, rapporto che si è accresciuto e consolidato nel tempo.

Tante quindi le iniziative organizzate per celebrare la giornata che segnò la fine di quella che allora venne definita la “Grande Guerra”, per ricordare la data in cui andò a compimento il processo di unificazione nazionale che, iniziato in epoca risorgimentale, aveva portato alla proclamazione del Regno d’Italia il 17 marzo 1861.

Fu proprio durante la Prima Guerra Mondiale che gli italiani si trovarono per la prima volta fianco a fianco, legati indissolubilmente l’un l’altro sotto la stessa bandiera nella prima drammatica esperienza collettiva che si verificava dopo la proclamazione del Regno. Con il Regio decreto n.1354 del 23 ottobre 1922, il 4 Novembre fu dichiarato Festa nazionale.

Per onorare i sacrifici dei soldati caduti a difesa della Patria il 4 novembre 1921 ebbe luogo la tumulazione del “Milite Ignoto”, nel Sacello dell’Altare della Patria a Roma.

A partire da oggi sul nostro sito vi racconteremo eventi, uomini, episodi, che hanno scritto una significativa pagina della storia del nostro Paese.

 

© All rights reserved
Fonte e immagini: SMD
________________________

Esercito: 4 novembre 2017, giornata delle Forze Armate, caserme dell’Aquila aperte al pubblico

Esercito italiano: 4 novembre, giorno dell’unità nazionale e giornata delle Forze Armate. A L’Aquila le caserme aperte al pubblico, celebrazione eucaristica e deposizione corona ai caduti.

Scheiramanento

L’Aquila, 2 Novembre 2017 – Il 4 novembre 1918, dopo quasi tre anni e mezzo di battaglie, con l’entrata delle truppe italiane vittoriose a Trento e Trieste, aveva termine la Grande Guerra, che comunque segnò il raggiungimento della completa unità nazionale. Cinque milioni di uomini appartenenti a tutte le classi sociali furono chiamati alle armi e per tre anni e mezzo combatterono spalla a spalla vivendo sofferenze ai limiti dell’umana sopportazione. In questa giornata, s’intende ricordare tutti coloro che hanno sacrificato il bene supremo della vita per un ideale di Patria e di attaccamento al dovere: valori immutati nel tempo per i militari di allora e di oggi. Come tradizione, anche quest’anno, in Abruzzo, in occasione del 4 Novembre, si svolgeranno una serie d’iniziative per consolidare un incontro fra cittadini ed istituzioni militari e civili dello Stato.

L’Aquila, programma delle iniziative del 4 Novembre 2017

– ore 09.30, presso la Chiesa di S. Rita, in via Strinella, l’arcivescovo metropolita,   mons. Giuseppe Petrocchi, celebrerà la Santa Messa in suffragio dei caduti in servizio e la Patria.

– ore 11.00, cerimonia di commemorazione presso il monumento ai caduti, alla villa comunale, con deposizione di una corona d’alloro da parte del prefetto di L’Aquila, dottor Giuseppe Linardi, e resa degli onori da parte di un picchetto armato interforze (Esercito, Marina Militare, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria e Vigili del Fuoco). A seguire, il gen. b. Giuseppe Di Giovanni, comandante regionale dell’Esercito, consegnerà una bandiera nazionale ai rappresentanti dell’Istituto d’istruzione superiore “L. Da Vinci– O. Colecchi”, al fine di rafforzare, anche nelle giovani generazioni, i sentimenti di unità, identità ed appartenenza alla Patria. Al termine della cerimonia, nell’area antistante il forte spagnolo di L’Aquila, avvio della manifestazione “Caserme in Piazza”, con allestimento di stand espositivi/informativi del Comando Militare Esercito “Abruzzo”, del comando regionale della Guardia di Finanza e del comando provinciale Carabinieri di L’Aquila.

Infine, nel contesto dell’iniziativa “Caserme Aperte”, dalle ore 09.00 alle ore 17.00, la cittadinanza potrà accedere a:

  • Caserma “Pasquali”, in Strada Statale 80 n.1, sede del 9° Reggimento Alpini, dove sarà possibile visitare il museo storico del reggimento ed una mostra statica di mezzi/materiali in dotazione, tra cui quelli della nuova unità multifunzione costituita, segnatamente il battaglione “Vicenza”;
  • Caserma “mar. magg. medaglia d’oro al valor militare Vincenzo Giudice” sede della scuola ispettori e sovrintendenti della Guardia di Finanza, sita in via delle Fiamme Gialle n.20 – Coppito (AQ).
  • Caserma sede del comando provinciale Carabinieri di L’Aquila, in via del Beato Cesidio n. 4 – L’Aquila.
© All rights reserved
Fonte e immagine: Comando Militare Esercito “Abruzzo”
_____________________________________________________________

 


Commemorazione a L’Aquila del giorno dell’unità nazionale

Esercito italiano, 4 novembre 2015: giorno dell’unità nazionale e giornata delle forze armate

L’Aquila, 6 novembre 2015 – Il 4 novembre 2015, nell’ambito delle celebrazioni connesse con la ricorrenza del “Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate”, si sono svolti, nella Regione Abruzzo, sobri eventi e cerimonie commemorative che hanno coinvolto i quattro capoluoghi e i principali centri.

In particolare a L’Aquila, presso la Chiesa di S. Rita, l’arcivescovo metropolita, mons. Giuseppe Petrocchi, ha celebrato la Santa Messa in suffragio a quanti si sono immolati per il servizio e la Patria. Successivamente, presso il monumento ai caduti alla Villa Comunale, un picchetto armato composto da Esercito, Marina Militare, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria, Corpo Forestale dello Stato e Vigili del Fuoco ha reso gli onori ai Caduti.

La celebrazione è proseguita con l’alzabandiera solenne e la deposizione di una corona d’alloro da parte del prefetto dell’Aquila, dottor Francesco Alecci, al termine della quale il gen. b. Rino De Vito, comandante militare dell’Esercito per l’Abruzzo, nell’intento di rafforzare anche nelle giovani generazioni i sentimenti di unità, identità e coesione che da sempre caratterizzano la più sana coscienza di appartenenza alla Patria, ha consegnato una Bandiera Nazionale ai rappresentanti dei due Istituti Scolastici d’Istruzione Superiore intitolati a Medaglie d’oro al Valor Militare di origini abruzzesi, il Liceo Scientifico “Andrea Bafile” e l’Istituto Tecnico Commerciale “Luigi Rendina”.

Al termine della cerimonia, nell’area antistante il Forte Spagnolo dell’Aquila, sono stati aperti degli stand espositivi/informativi allestiti dal Comando Militare Esercito “Abruzzo” con la collaborazione del 9° Reggimento Alpini, dal Comando Regionale della Guardia di Finanza e dal Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila.

Infine, nel contesto dell’iniziativa “Caserme Aperte”, la cittadinanza ha potuto accedere alla Caserma “Pasquali”, sede del Comando Militare Esercito “Abruzzo” e del 9° Reggimento Alpini, ove è stato possibile visitare le sale storiche e la mostra statica con dimostrazioni sulle attività, sui materiali e mezzi in dotazione al Reggimento. In contemporanea sono state aperte ai visitatori anche la Caserma “Mar. Magg. Medaglia d’Oro al Valor Militare Vincenzo Giudice” di Coppito (AQ), sede della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza, e la Caserma sede del Comando Provinciale Carabinieri dell’Aquila.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando militare Esercito Abruzzo


Iglesias: celebrazione del 4 novembre in omaggio ai caduti di Nassirya

di s.ten. Giampiero Maccioni Presidente Sezione UNUCI di Iglesias 

 Iglesias 4 Novembre 2015 – Dalla piazza del Municipio un corteo con la corona d’alloro per i caduti di tutte le guerre ha raggiunto il monumento ai caduti nella Piazza Oberdan.

In testa il sindaco Gariazzo e le autorità militari e religiose, con le bandiere delle associazioni d’Arma compresa quella della Sezione cittadina degli ufficiali in congedo della UNUCI con il suo presidente Giampiero Maccioni, ufficiale in congedo della gloriosa divisione Folgore.

Raggiunto il monumento ai caduti e deposta la corona ai caduti il parroco della cattedrale ha benedetto la corona. Ha fatto seguito il discorso celebrativo del Sindaco. La presenza numerosa degli alunni delle scuole che hanno fatto corona alle autorità civili e militari ed hanno offerto il loro contributo con la recita di alcune poesie ed il canto dell’inno Nazionale e del Piave. Gli interventi delle associazioni d’Arma sono stati conclusi con la lettura, da parte del Presidente dell’Unione Nazionale Ufficiali in congedo di Iglesias, sotto tenente Giampiero Maccioni, della poesia e preghiera ai caduti di Nassirya qui riportata.

A PERENNE RICORDO DEGLI AMICI CADUTI A NASSIRIYA IL 12 NOVEMBRE 2003

scritta dal luogotenente dei carabinieri Benedetto Salvino che rimase ferito nell’attentato

 AI MARTIRI DI NASSIRIYA

Rivivo tutti i giorni nella mia mente
quell’assordante boato,
che in terra Irachena, intorno a me,
tante giovani vite di amici e colleghi,
ha per sempre spezzato.

Padri, figli, fratelli, compagni
di tante altre missioni
ora giacete per terra
esanimi e senza in cuor 
più emozion

Nella terra di Abramo,
degli Assiri e Babilonesi,
eravamo giunti per portare PACE ,
solo da circa quattro mesi;

avevo con voi diviso fatiche ,affanni e paure
intervallati da attimi fuggenti di vera gioia,
che resteranno per sempre vivi e fissi
nella mia memoria.

Una calda mattina di novembre
sulle sponde dell’immortale fiume Eufrate:
ha visto il mondo intero,
la fine degli uomini dall’aspetto fiero;

portavano tutti al braccio
lo stesso tricolore,
simbolo di una Patria lontana
che su di loro veglia con tanto amore.

Il nostro sacrificio rimarrà sempre nella storia;
e si tramanderà ai posteri
a rinnovo di memoria,
ed il Signore che ha voluto
che così sia,
sarà scortato in cielo
dai caduti di Nassiriya

Letta ad Iglesias il 4 Novembre 2015 presso il monumento ai caduti di Piazza Oberdan.

Benedetto, originario di Capaci, è stato  pluridecorato per le numerose missioni internazionali di pace espletate nel mondo ed ha ricevuto la medaglia d’oro per le vittime del terrorismo.

Foto all’album: Iglesias celebrazione dell’Unita’ Nazionale e delle Forze Armate.

 

 

 


Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade