Annunci

Parata del 2 giugno, sfilano i reparti (photoreportage)

Roma, 2 giugno 2017 – Come di consueto nella cornice dei Fori Imperiali, dal Colosseo a piazza Venezia, si è svolta la parata dedicata alla Festa della Repubblica, che ha celebrato il 71° anniversario dalla sua costituzione.

A seguire alcune immagini, e un pdf da scaricare, per chi fosse interessato a visionarle tutte.

Cliccare per scaricare il pdf ——–>  Parata 2 giugno 2017 (pesa 14mb ca, e sono circa 300 foto)

Annunci

Nel 203° compleanno dell’Arma, Carabiniere fa nascere bambina

Schermata 06-2457910 alle 20.35.08 

Roma, 5 giugno 2017 – Oggi, nella data in cui si celebra il 203° anniversario della sua Fondazione, l’Arma non poteva svegliarsi con una notizia più bella. A Roma, in via Laurentina, un Carabiniere ha fatto nascere una bambina. Si tratta dell’appuntato scelto Giuseppe Gambacurta, 45enne, effettivo alla stazione Carabinieri di Roma – villa Bonelli.

Libero dal servizio, egli guidava la sua auto e aveva a bordo un amico e la figlia. A un tratto il veicolo che lo precedeva si è bloccato nel bel mezzo della carreggiata.

La conducente era una 41enne di origine romena al nono mese di gravidanza, la ragione della sua manovra repentina era la più antica del mondo: le si erano rotte le acque. Il Carabiniere non si è perso d’animo: ha fatto distendere la donna sul marciapiede e, in contatto telefonico con il personale del 118, seguendo le indicazioni di un medico e con l’aiuto dell’amico, l’ha aiutata a partorire occludendo il cordone ombelicale con un elastico per capelli della partoriente.

Giunta sul posto l’ambulanza, la signora Nicoleta e la neonata Petronella Simona sono state trasportate e ricoverate all’ospedale Sant’Eugenio di Roma. Sia la madre sia la piccola, che è venuta alla luce con un peso di tre chili e cento grammi, godono di buone condizioni di salute.

© All rights reserved
Fonte: Arma dei Carabinieri
_______________________________

Celebrazione del 203° annuale della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Cavalli

Roma, 5 giugno 2017All’interno della caserma “Salvo D’Acquisto” di Tor di Quinto, l’Arma dei Carabinieri celebra il 203° annuale di fondazione, alla presenza del presidente della repubblica Sergio Mattarella, dei ministri dell’Interno Marco Minniti e della Difesa Roberta Pinotti, del capo di stato maggiore della Difesa Claudio Graziano e del comandante generale Tullio Del Sette.

La cerimonia, iniziata alle ore 18.00 con lo schieramento di tre reggimenti di formazione rappresentativi di tutte le componenti dell’Arma, prevede gli onori al capo dello Stato che passerà in rassegna i reparti schierati e la consegna della Medaglia d’Oro al “Valor Civile” alla Bandiera di Guerra dell’Arma dei Carabinieri con la seguente motivazione:

In occasione di disastroso sisma che provocava numerose vittime e danni inestimabili, il personale dell’Arma dei Carabinieri offriva fulgida prova di preclare virtù civiche, esemplare efficienza, altissimo spirito di abnegazione, radicato senso civico e generosa solidarietà, impegnando ogni risorsa nella complessa e instancabile attività di soccorso della popolazione colpita e contribuendo al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, nonché alla salvaguardia del patrimonio storico, artistico e culturale. Il mirabile impegno, nel solco delle sue più alte tradizioni, riscuoteva l’unanime e riconoscente plauso delle autorità e della popolazione.” Province di Rieti e Ascoli Piceno, 24 agosto 2016.

Successivamente si procederà con la consegna delle “Ricompense” ai sottonotati Carabinieri:

  • Medaglia d’Oro al Valore Civile alla “memoria al Maresciallo Capo Silvio Mirarchi, già effettivo alla Stazione di Ciavolo (TP): “Con eccezionale coraggio, ferma determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, nel corso di un servizio notturno in area rurale, non esitava, insieme a commilitone, a intervenire presso alcune serre, adibite a coltivazione illecita di canapa indiana, venendo fatto segno a proditoria azione di fuoco da parte di malfattori che, al fine di assicurarsi la fuga, lo ferivano mortalmente. Fulgido esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere, spinto fino all’estremo sacrificio”. Marsala (TP), 31 maggio 2016; La ricompensa viene ritirata dalla vedova Antonella Anna Pizzo, accompagnata dai figli Debora e Valerio;
  • Medaglia d’Oro al Valore Civile all’App. Mario De Bellis, effettivo al Nucleo Radiomobile di Firenze: “Con eccezionale coraggio, esemplare altruismo e cosciente sprezzo del pericolo, pur consapevole di non saper nuotare, non esitava a calarsi con mezzi di fortuna e con l’aiuto di un commilitone, in un pozzo profondo 15 metri per soccorrere due bambini che vi erano caduti accidentalmente. Raggiunti i due malcapitati ormai allo stremo delle forze, dopo essersi immerso nell’acqua gelida, si puntellava alla parete della cisterna con le gambe e la schiena sollevandoli e trattenendoli per circa mezz’ora fino all’arrivo dei soccorritori che, con idonea attrezzatura, li ponevano in sicurezza. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere.” Bagno a Ripoli (FI), 29 maggio 2015;
  • Medaglia d’Oro al Valore dell’Arma dei Carabinieri, già effettivo al 1° Reggimento CC Paracadutisti Tuscania e ora al Centro Sportivo CC: “Addetto al Police Operational Mentoring and Liaison team di Farah (Afghanistan), nell’ambito della missione ISAF, in un contesto ambientale caratterizzato da persistente ed elevatissimo rischio di natura terroristica, dedicava ogni personale risorsa all’assolvimento del compito assegnato, impegnandosi con instancabile slancio e intima convinzione nelle attività di mentorizzazione e di assistenza in favore della polizia locale. Nel corso di un servizio di scorta a un convoglio militare, disposto a seguito di un precedente attacco terroristico ad altri mezzi dell’esercito italiano in quella stessa zona, il veicolo blindato sul quale viaggiava in qualità di mitragliere, si ribaltava più volte. A seguito dell’occorso, il militare veniva sbalzato violentemente fuori dalla botola in cui era posizionato, riportando gravissime lesioni su tutto il corpo. Con altissimo spirito di abnegazione e straordinaria professionalità, continuava a orientare i propri commilitoni nelle procedure di messa in sicurezza dell’area, sino alla totale perdita dei sensi. La grandissima forza d’animo e il cosciente sprezzo del pericolo costantemente testimoniati hanno consentito il perseguimento degli scopi della rischiosa missione, esaltando il prestigio dell’Italia e delle sue forze armate a livello internazionale. Chiaro esempio di elette virtù militari, elevatissimo senso del dovere ed assoluta dedizione al servizio.” Farah (Afghanistan), 28 gennaio 2012;
  • Medaglia d’Argento al Valor Militare al Maresciallo Alessandro Catena, effettivo alla Stazione di Roma Fidene: “In servizio antirapina unitamente a un collega, con ferma determinazione, esemplare iniziativa ed eccezionale coraggio, non esitava ad affrontare un pericoloso rapinatore armato che stava compiendo una rapina all’interno di un esercizio commerciale, ingaggiando con lo stesso una violenta colluttazione. Fatto segno a proditoria azione di fuoco, benché gravemente ferito, replicava con l’arma in dotazione, ferendo il malfattore e consentendone l’arresto. Chiaro esempio di elette virtu’ militari e altissimo senso del dovere.” Roma, 13 giugno 2016;
  • Medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri al carabiniere scelto Mariagiovanna Cardinale: “Con eccezionale coraggio ed esemplare iniziativa, non esitava a intervenire all’interno di un esercizio commerciale in soccorso di un commilitone che, a seguito di un conflitto a fuoco con un pericoloso rapinatore, era rimasto gravemente ferito, riuscendo, dopo aver esploso alcuni colpi con l’arma in dotazione, a disarmare  e a trarre in arresto il malfattore. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere. Roma, 13 giugno 2016.

 

A seguire, come di consueto, prevista la consegna del “Premio Annuale” a sei comandanti di stazione. Un riconoscimento carico di significati per l’importante ruolo svolto dalla Stazione Carabinieri nelle relazioni con il territorio e la sua comunità di riferimento. Un rapporto che spesso travalica le problematiche inerenti la sicurezza e la legalità sfociando in esigenze legate al vivere quotidiano. Quest’anno sono premiati i seguenti Sottufficiali:

  • Luogotenente Antonino Genovese, comandante della stazione di Oulx (TO);
  • Luogotenente Gaetano Floccher, comandante della stazione di Napoli Vomero;
  • Luogotenente Mauro Dal Canto, comandante della stazione di Cascina (PI);
  • Luogotenente Antonio Castrignanò, comandante della stazione di Vasto (CH);
  • Luogotenente Carmine Di Lascio, comandante della stazione forestale di Maratea (PZ);
  • MAsUPS Giovanbattista Luigi Ferrante, comandante della stazione di Codevigo (PD).

 

Al termine delle premiazioni un breve intervento del ministro della Difesa e a seguire, dopo il deflusso dei reparti, lo storico carosello equestre, eseguito dal 4° reggimento Carabinieri a cavallo per rievocare la gloriosa “Carica di Pastrengo” del 1848.

La manifestazione avrà termine con gli onori finali al Presidente della Repubblica chiuderanno la cerimonia.

. _____________________ .

L’Arma celebra la propria festa il 5 giugno, giorno in cui, nel 1920, la Bandiera dell’Arma fu insignita della prima Medaglia d’Oro al Valor Militare per la partecipazione dei Carabinieri alla Prima guerra mondiale. La motivazione che ha accompagnato la medaglia è la seguente: “Rinnovellò le sue più fiere tradizioni con innumerevoli prove di tenace attaccamento al dovere e di fulgido eroismo, dando validissimo contributo alla radiosa vittoria delle armi d’Italia“.

La ricorrenza è occasione per tracciare un bilancio di quanto fatto nell’anno precedente, riepilogato nell’allegata brochure “Attività operativa dell’Arma  dei Carabinieri 2016”.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Arma dei Carabinieri
_________________________________________

Parata del 2 giugno, il sorvolo delle frecce tricolori (photoreportage)


Applauso si, applauso no. Dovere di cronaca super partes

Schermata 06-2457909 alle 18.53.34

Roma, 4 giugno 2017 – Per dovere di cronaca, non è questione di applaudire o meno, ma crediamo piuttosto che ci siano persone a cui piace aizzare gli animi, e che dietro potrebbero esserci manipolazioni politiche. Ci siamo cascati pure noi con l’articolo precedente e ci sembrava giusto rettificare.

Come da queste foto la Boldrini a volte applaude, a volte no. Il Presidente non è tenuto ad applaudire, a lui rendono omaggio i reparti in quanto istituzione, non persona fisica. Non crediamo sia una questione di simpatie o antipatie per un reparto o meno, ma solo una casualità e noncuranza delle ripercussioni di un tale gesto.

Ci troviamo in pieno accordo con quanto detto dal generale Bertolini e dal generale Fantini, entrambi della Folgore, in un articolo su congedatifolgore.com (cliccare QUI per andare all’articolo).


Parata del 2 giugno. Mattarella e Boldrini non applaudono la Folgore. Disappunto sul web.

DSC_7652

Roma, 3 giugno 2017 – Come si legge su più siti web legati alle Forze Armate, grande disappunto per il mancato applauso da parte del presidente Sergio Marrarella e del presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini al passaggio della Folgore, durante la parata di ieri.


Libano: i militari italiani di UNIFIL celebrano l’International day of United Nations peacekeepers

18700247_10155321534737731_3307187485671068663_n 

Shama (Libano) 30 maggio 2017 – Si è celebrato ieri la giornata internazionale dei peacekeepers delle Nazioni Unite (International Day of United Nations Peacekeepers), a memoria di tutti i militari e civili delle Nazioni Unite che hanno perso la vita nelle operazioni di mantenimento della pace nelle aree più difficili del pianeta. 

Anche i caschi blu italiani, insieme al contingente internazionale impiegato nella missione UNIFIL, hanno celebrato presso il quartier generale in Naqoura, nel sud del Libano, questa giornata in memoria dei circa 3500 caduti e in onore dei più di 113.000 militari, poliziotti e civili che oggi prestano il loro servizio a favore delle popolazioni in difficoltà.

La missione UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon), nata nel 1978 con le risoluzioni n. 425 e n. 426 del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, vede la sua attuale configurazione di oltre diecimila peacekeepers a seguito del conflitto tra Libano e Israele nel 2006, anno in cui fu incrementato il numero di caschi blu nel Sud del paese dei cedri a seguito della risoluzione n. 1701.

 

Da più di dieci anni, l’Italia partecipa alla missione con l’operazione “Leonte” per la quale fornisce oltre un migliaio di peacekeepers che rappresentano, in termini numerici, il secondo contingente più grande, dopo quello indonesiano, tra quelli delle quaranta nazioni contributrici.

UNIFIL ha visto al suo comando ben tre ufficiali generali italiani e la guida permanente del settore occidentale con la Joint Task Force – Lebanon Sector West, attualmente su base brigata “Granatieri di Sardegna” e con a capo il generale di brigata Francesco Olla.

12. International Day of United Nations Peacekeepers (3)

In base alla citata risoluzione n. 1701, i caschi blu dell’operazione “Leonte XXII” supervisionano, senza sosta, la cessazione delle ostilità attraverso un costante monitoraggio della Blue Line (la linea di demarcazione tra Libano e Israele); il supporto alla popolazione locale, attraverso la funzione operativa di cooperazione civile-militare (CIMIC); il supporto alle Forze Armate libanesi dislocate nel Libano del sud, attraverso il coordinamento, la pianificazione e l’esecuzione di attività addestrative e operative congiunte.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Contingente italiano nel Libano del sud
______________________________________________________________

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade