Annunci

Archivi del giorno: gennaio 24, 2019

Libano: oltre trenta corsi portati a termine dai militari italiani a favore delle forze di sicurezza locali

c20aba92-79da-4004-b5b5-a468746ab19e06 copiamedium

Shama (Libano), 24 gennaio 2019 – Sono piu di 30 i corsi di formazione portati a termine dai militari italiani impegnati in Libano nell’ambito della missione UNIFIL negli ultimi 3 mesi.

I caschi blu italiani della Joint Task Force Lebanon (JTF-L) del Sector West (SW) dall’assunzione di comando del settore assegnato della missione UNIFIL, avvenuta lo scorso 19 ottobre, hanno portato a termine più di 30 corsi di addestramento congiunto con le Forze Armate Libanesi (LAF), le Internal Security Forces (ISF) e le Lebanese State Security (LST).

Ad oggi sono state oltre 100 le giornate di addestramento destinate alla formazione di circa 500 soldati libanesi. Il risultato acquisito ha favorito un sostanziale incremento delle operazioni congiunte, che vengono condotte giornalmente sul terreno, che dal 12% sono passate al 23% costituendo il picco più alto mai conseguito dall’avvio dell’operazione “Leonte”.

In aggiunta ai corsi conclusi, sono attualmente 3 quelli in fase di svolgimento e più di 10 quelli pianificati per il mese di febbraio.

La programmazione dei cicli di addestramento avviene su base mensile attraverso una riunione congiunta, tra i rappresentanti del SW e del Quartier Generale libanese del South Litani Sector (SLS), in cui viene presentata un’offerta formativa alle LAF, e tramite incontri organizzati con i vertici delle ISF e delle LST.

L’obiettivo del contingente italiano è quello di garantire alle LAF la piena indipendenza operativa e la loro legittimazione nel sostenere l’azione delle autorità di governo, specialmente nel Libano del sud, e il loro ruolo di tutori della sicurezza soprattutto nel contrasto al terrorismo.

Oltre che l’assistenza alle Forze di Sicurezza locali, le aree gravitazionali sancite dal mandato conferito dalla Risoluzione 1701/2006, in cui operano i caschi blu italiani, includono il monitoraggio della cessazione delle ostilità tra Libano e Israele e il supporto alla popolazione locale.

I tre compiti sono funzionalmente interconnessi tra loro e sono univocamente orientati allo scopo di consentire l’auspicabile raggiungimento di un cessate il fuoco permanente tra le parti, rafforzare la capacità delle Forze libanesi di garantire la sicurezza del proprio territorio e creare quelle condizioni di crescita sociale ed economica funzionali al benessere della comunità locale.

L’Italia è impegnata in Libano anche con la Missione Militare Bilaterale Italiana (MIBIL), operante in Libano dal 2015, con lo scopo di organizzare, condurre e coordinare attività di formazione ed addestramento in favore delle Forze armate libanesi, inquadrandosi nel più ampio contesto internazionale che si propone di supportare le istituzioni della nazione mediorientale al fine di incrementarne le capacità complessive.

L’attuale contributo nazionale prevede un impiego massimo di 1100 militari.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Ministero della Difesa
____________________________________________
Annunci

Il ministro Trenta inaugura monumento in ricordo dei Carabinieri siciliani caduti durante la strage di Nassirya

5609a519-9bc3-40f7-a624-4440d76cfb7bccmedium

Messina, 24 gennaio 2019 – Quindici anni sono trascorsi dalle stragi di Nassiriya, attacco terroristico in cui persero la vita 19 italiani (di cui 12 Carabinieri, 5 soldati e due civili). In ricordo delle vittime il ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha inaugurato – presso la caserma A. Bonsignore di Messina, sede del comando interregionale Carabinieri Culqualber – il monumento dedicato ai 5 Carabinieri siciliani caduti a Nassiriya. Durante la cerimonia, che si è svolta alla presenza dei familiari dei caduti di Nassiriya, hanno partecipato anche Giovanni Nistri, comandante generale dell’Arma dei Carabinieri e il comandante interregionale Luigi Robusto oltre alle massime autorità civili, militari e religiose della Sicilia.

Il monumento inaugurato alla presenza del ministro, è stato realizzato dagli alunni dell’istituto artistico Ernesto Basile di Messina: si tratta di un piano d’altare in pietra siciliana lavorata a mano, che poggia su 4 gambi di rose realizzati in acciaio, sorretti da 4 pietre provenienti delle Terre di origine di ciascun caduto siciliano, che circondano una roccia rossa giunta direttamente da Nassiriya. Le quattro pietre italiane abbracciano la pietra irachena e rappresentano – in modo simbolico – il sangue sgorgato dai caduti che ha dato vita ad una rosa. Dalle 4 pietre affiorano 5 rose in ferro battuto, in ricordo di ciascuno dei caduti di Nassiriya siciliani, sovrastate da un ripiano in pietra tipica siciliana.

Sul piano dell’altare, il sacrificio dei nostri caduti viene ricordato attraverso una commovente iscrizione:
La nostra Pietra
Il rosso naturale della dura pietra irachena cela il sangue di un italico martirio e, da cornice i colori della sicula Patria d’origine. Tu che, silenzioso volgi verso di me il tuo sguardo e la tua prece fa di questi sassi un’unica pietra, per schiacciare odi e rancori e, solo allora, da quel sangue potrà sbocciare un fiore.
S. Ten. Giovanni Cavallaro
M.llo A. Alfio Ragazzi
Brig. Giuseppe Coletta
V. Brig. Domenico Intravaia
App. Horacio Maiorana
Terra irachena, 12/XI/2003
Terra di Sicilia 17/I/2019

© All rights reserved
Fonte e immagini: Ministero della Difesa
___________________________________________

Arma dei Carabinieri, scuola ufficiali, il ministro della Difesa dà inizio al nuovo anno accademico 2018 -2019

d0e602fb-ce05-499f-a69a-50ab9616ccdf19medium

Roma 24 gennaio 2019 – L’anno accademico 2018 – 2019 per i futuri ufficiali dell’Arma è stato inaugurato il 22 gennaio con una cerimonia presso l’aula magna della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma. La cerimonia, aperta dal comandante della Scuola Allievi Ufficiali, generale di divisione Riccardo Galletta, si è svolta alla presenza del presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, dei ministri dell’Interno Matteo Salvini, della Difesa Elisabetta Trenta e dell’Ambiente Sergio Costa.

1b212593-43bd-421e-9979-1a699484a04407medium

Fra le tante personalità presenti, autorità parlamentari, di governo e diplomatiche, il segretario generale della Corte Costituzionale, esponenti delle magistrature, i vertici delle Forze Armate, delle Forze di Polizia delle Agenzie di Informazione e Sicurezza, il presidente del Gruppo Medaglie d’Oro al V.M., i presidenti dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Associazione Nazionale Forestali in congedo ed esponenti degli organismi di rappresentanza dell’Arma.

Intervento del comandante della scuola

Il generale di divisione Riccardo Galletta, dopo aver ringraziato le autorità presenti, ha evidenziato “l’ambita dimostrazione riservata a questo Istituto che ha il delicato compito di formare la futura classe dirigente dell’Arma”. Il generale salutando i presenti e illustrando le attività didattiche svolte dall’Istituto ci ha tenuto a sottolineare che al termine dell’anno accademico i reparti saranno raggiunti dai primi ufficiali del ruolo forestale dell’Arma ed “a loro sarà affidato il compito di proseguire la missione a tutela dell’ambiente, ora forti dello spirito dei Carabinieri e della gloriosa tradizione del Corpo Forestale dello Stato”. 

d43dee46-c572-4b2f-b771-a3eaac9b2df609medium (1)

Sarà una “formazione permeata dei principi etici e giuridici che ispirano la nostra carta costituzionale” ha evidenziato il generale rivolgendosi al ministro della Difesa. Problematiche attuali verranno affrontate nella formazione dei nuovi ufficiali, come la globalizzazione, l’emigrazione e l’incontro di popolazioni diverse. Un modulo sarà dedicato alla sicurezza cibernetica, implementato da tecniche di investigazione nell’ambiente digitale con l’ausilio della più moderna tecnologia. Insieme all’università Roma Tre due compendi, uno che racchiude tutta la normativa antimafia e uno rivolto allo studio della minaccia terroristica. Per una sinergia tra teoria e pratica sono stati interpellati investigatori del ROS (Raggruppamento Operativo Speciale), del RIS (Raggruppamento Investigativo Scientifico) e dell’Istituto Superiore di Tecniche Investigative per una condivisione della loro esperienza sul campo.

La formazione etica “è l’impegno più ambito e sentito” ha precisato il comandante dell’Istituto, insieme alla “riflessione sui valori che devono caratterizzare l’ufficiale quale comandante dei Carabinieri. Rettitudine, senso del dovere, consapevolezza delle proprie responsabilità, desiderio di porsi al servizio della comunità per proteggere i diritti e le libertà di ogni persona”.

Intervento del comandante generale dell’Arma

779117a7-932a-4319-bcfe-97d191ac7b9713medium

Il comandante generale Giovanni Nistri, che si è rivolto agli ufficiali allievi frequentatori dei corsi, ribadendo loro la centralità sulla persona in termini di responsabilità, coscienza e coerenza: “Chiunque indossi questa uniforme porta il peso della responsabilità. La vostra, in quanto comandanti, è la più alta. Sarete chiamati a intercettare disagi e bisogni, a garantire la libera fruizione dei diritti di ognuno, ad assicurare il rispetto della dignità di tutte le persone, specie di quelle in condizioni di fragilità e sottoposte alla nostra custodia, affinché l’affermazione della legalità sia sempre scevra da gratuita violenza e proterva angheria, come la Costituzione ci impone”. 

La coscienza dell’autorità rivestita richiede di migliorare costantemente sé stessi, per far sì che i dipendenti alimentino e accrescano le proprie conoscenze, sostenendo la loro motivazioni attraverso l’ascolto attento e il giudizio equilibrato. Così si può meritare la considerazione degli uomini e delle donne rimessi alla propria responsabilità.

“Si è autorevoli solo se si è credibili” sottolinea il comandante dell’Arma “testimoniando ogni giorno con la propria condotta i principi che sono e restano la grammatica etica della nostra condizione di militari prima e di tutori dell’ordine” – ricordando – “… Noi Carabinieri dobbiamo essere i primi a giudicare, con rigore e senza tentennamenti chi di noi si allontani dalla via del dovere. Perché oltre 100.000 donne e uomini, capaci di dare un volto alla fiducia dei cittadini, sovrastino i pochi che possono venir meno all’impegno assunto”.

a61ca74f-7730-4dfa-9d0a-349d81c316bb10medium.jpg

Il generale Nistri ha poi tracciato un sintetico quadro delle attività e dei risultati ottenuti lo scorso anno. L’Arma, unico presidio di polizia per il 48% della popolazione che vive nei centri con meno di 50.000 abitanti, ha perseguito il 73% dei reati denunciati nel Paese e ha operato nel 63% dei casi scoperti in Italia. Oltre 4 milioni di pattuglie, 11.000 ogni giorno, hanno garantito la prevenzione e il pronto intervento 24 ore su 24. Nel settore investigativo sono stati tratti in arresto 783 persone per associazione di tipo mafioso e 7 latitanti pericolosi. Sono stati sequestrati e confiscati beni per oltre 1 miliardo di euro.

Il comandante ha sottolineato il rischio connaturato a questo costante impegno e il pensiero è andato ai 7 carabinieri deceduti in servizio e ai 1583 rimasti feriti nel 2018.

Un coraggio quotidiano, fatto spesso di semplici gesti di solidarietà, come ha rimarcato il Presidente della Repubblica nel discorso di fine anno, ricordando uno dei tanti episodi di vicinanza alla popolazione dell’Arma.

Un impegno che valica i confini nazionali con le missioni internazionali di pace, che vedono oltre 1.000 carabinieri nei vari teatri operativi. Il modello Carabinieri è un solido punto di riferimento per la comunità internazionale, un ruolo svolto anche nei comparti di specialità. Il comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, a 50 anni dalla costituzione, fornisce all’Unesco i caschi blu della cultura, provvedendo all’addestramento di molte polizie straniere, e il Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari, a due anni dalla sua istituzione, ha sviluppato le capacità di proiezione all’estero dei reparti forestali.

In generale ha rimarcato che tra le tante minacce attuali quella cibernetica è di grande rilevanza e sottolinea che “nell’investimento tecnologico affrontiamo la sfida alla cyber security,  nuova frontiera della minaccia. Il computer attivo presso il comando generale garantisce con continuità prevenzione e reazione ad eventi cibernetici”. 

Il generale Nistri ha quindi auspicato soluzioni per consentire l’abbassamento dell’età massima di primo arruolamento e un provvedimento legislativo che delinei le modalità di esercizio del diritto all’associazionismo sindacale.

In conclusione, il comandante generale si è rivolto nuovamente agli ufficiali allievi, ai quali ha ricordato che fare parte dell’Arma è una scelta esistenziale.

Intervento del ministro della Difesa

1f4952f2-d1f7-4522-9fd6-5447068b894615medium

Il ministro della Difesa dottoressa Elisabetta Trenta, ha ringraziato i Carabinieri “perché tutti i giorni rischiano la loro vita per difendere la libertà” lavorando con passione, amore, coraggio e onestà e rivolgendosi ai giovani allievi ufficiali ha sottolineato “Ciò che sarete, ciò che potrete dare, dovete costruirlo qui, con il massimo impegno e la massima dedizione, seguendo le indicazioni e gli insegnamenti dei vostri docenti e dei vostri comandanti, a cominciare dal comandante generale, generale Giovanni Nistri, che incarna perfettamente per capacità, dedizione, esperienza ed umanità ciò che un comandante dei Carabinieri dovrebbe essere sempre”. Il ministro al termine del suo intervento ha dichiarato aperto l’anno accademico 2018-2019 della scuola ufficiali Carabinieri. “W l’Arma dei Carabinieri, W le Forze Armate, W l’Italia”.

di Monica Palermo

© All rights reserved
Immagini: Ministero della Difesa -  Fonte: Arma dei Carabinieri
___________________________________________________________________

 


Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade