Advertisements

Archivi del giorno: gennaio 17, 2016

L’italia ignora lo sfogo dell’esercito ripreso a livello internazionale: “abbiamo bisogno di fondi, siamo ostaggio dei continui tagli al bilancio”

(di Franco Iacch)
Roma, 17 gennaio 2016 – In vista di una possibile presenza militare in Libia, il comandante dell’Esercito italiano ha affermato che sarebbero necessari ulteriori fondi così da tracciare investimenti a lungo termine. Lo sfogo del generale Danilo Errico è stato (ma non è una novità) ignorato in Italia, ma non a livello internazionale.

Parlando ad una conferenza a Roma il 12 gennaio scorso, Errico ha ricordato che l’Esercito è stato responsabile del 75 per cento di tutte le operazioni italiane avvenute durante la seconda guerra mondiale.

L’Esercito – sottolineano da DefenseNews – guarda con un pizzico di invidia i fondi, pari a sei miliardi di dollari, ottenuti dalla Marina Militare per l’acquisizione di alcuni vettori. Anche l’Aeronautica italiana, seppur lentamente, continua il suo riarmo con i novanta F-35 appaltati.

Bilanci paralizzati o ritoccati, hanno rallentato la manutenzione e le operazioni di spesa per tutti i servizi. Ciò ha paralizzato la prontezza operativa dell’esercito”.

L’Italia si è detta pronta a guidare il possibile invio di forze di peacekeeping straniere in Libia, anche solo per offrire formazione alle truppe lealiste sul campo.

Rilevano da DefenseNews. “I responsabili delle imprese italiane (Finmeccanica, Iveco, Beretta e Aero Sekur), fornitori principali dell’esercito, hanno espresso il loro sostegno ai piani di spesa a lungo termine in grado di aggirare i capricciosi bilanci dei governi di turno”.

L’Italia ha recentemente spostato la proiezione di spesa a tre anni. Stime però ostaggio di tagli imprevisti. La previsione di spesa sarà contenuta nellaStrategic Defense Review che sarà pubblicata entro l’anno.

Sarebbe opportuno rilevare che la base dottrinale della strategia prevede il predominio militare italiano nel Mediterraneo. Nel nuovo documento, si dovranno delineare, conti alla mano, le strategie per mettere in atto tale dottrina. L’esercito italiano ha un estremo bisogno (oltre ai già noti pacchetti per la digitalizzazione delle comunicazioni) di nuovi mezzi, elicotteri ed aerei. L’esercito preme, ad esempio, per una nuova versione del Mangusta AW-129, dotata di tecnologia MUT (Manned-Unmanned Teaming). L’Esercito italiano, infine, continua il suo ridimensionamento: da 103.000 a 90.000 unità, da undici a nove brigate.

Il programma “Soldato Futuro”

Digitalizzare e collegare la fanteria sul campo di battaglia. Questo l’obiettivo principale del programma “Soldato Futuro” dell’Esercito italiano che, in teoria, dovrebbe essere pronto ad entrare in produzione. Dopo una serie di problemi, legati ad una massiccia quantità di informazioni dei sistemi implementati che avrebbero sovraccaricato i sistemi (ed i soldati), il Soldato Futuro è stato semplificato e dovrebbe essere operativo nella sua interezza.

Lanciato nel 2002, il programma Soldato Futuro è realizzato dall’esercito e da un consorzio di imprese (tra cui Iveco, Oto Melara e Beretta) guidate da Selex, nel tentativo di equipaggiare il soldato italiano del XXI° secolo. L’iniziativa fa parte di un programma più ampio denominato Forza NEC, che prevede la digitalizzazione dei veicoli, come il VBM Freccia, in una struttura net-centrica.

Con un budget di 1,1 miliardi di euro, il programma Forza NEC (Network Enabled Capabilities) ha richiesto (solo per il 2015) 235 milioni di euro, secondo quanto emerge dal bilancio del governo. Nel 2010, il programma è entrato in fase di “risk reduction”. Alcune componenti del programma Soldato Futurosono state testate durante la Trident Juncture, la più grande esercitazione annuale della NATO che si è svolta in Italia, Spagna e Portogallo con unità terrestri, aeree e navali e con forze speciali di tutti i paesi Nato.

La brigata meccanizzata Pinerolo dell’Esercito italiano è stata scelta per testare le nuove tecnologie. Sappiamo che il software principale del programma Soldato Futuro è ormai maturo, così come il visore notturno che è stato già testato in Afghanistan ed il nuovo elmetto da 800 grammi.

Completano la suite anche giubbotti antiproiettile ed indumenti protettivi contro le minacce chimiche, biologiche e nucleari. La telecamera termica dovrebbe essere disponibile per ogni plotone entro il 2016.

Il fucile d’assalto ARX-160 della Beretta (testato in Afghanistan) è praticamente… (per continuare a leggere cliccare QUI)

© All rights reserved
Fonte e immaginehttp://www.difesaonline.it/
Advertisements

Reggio Calabria: gli artificieri dell’Esercito neutralizzano un ordigno bellico di 500 libbre

Gli artificieri dell’Esercito neutralizzano un ordigno rinvenuto a Acciarello Comune di Villa San Giovanni (RC)

Villa San Giovanni (RC), 18 gennaio 2016 – Artificieri dell’Esercito Italiano provenienti dall’11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia, unità specialistica alle dipendenze della Brigata Pinerolo, hanno provveduto  al disinnesco e neutralizzazione di un ordigno bellico, risalente al secondo conflitto mondiale, occasionalmente rinvenuto durante gli scavi per la realizzazione delle fondamenta di un edificio.

L’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione americana del peso di 500 libre, è stato nei giorni scorsi stabilizzato e messo in sicurezza grazie alla costruzione di una particolare struttura che avrebbe limitato i danni in caso di esplosione accidentale.

La delicata operazione di disinnesco, condotta sul campo da un team di artificieri specialisti, esperto nel settore della disattivazione di ordigni esplosivi regolamentari e di circostanza, ha previsto la rimozione delle spolette di testa e coda dall’ordigno, entrambe armate; domani è previsto il trasporto, per la definitiva neutralizzazione, in un’area idonea.

Per garantire un’adeguata cornice di sicurezza all’intervento, la locale amministrazione comunale ha stabilito, con apposita ordinanza, l’interruzione della viabilità locale. Grazie alla realizzazione di una speciale struttura di protezione, che consta in un barricamento e trinceramento interrato con copertura totale, progettato e realizzato interamente dall’Esercito e omologato dall’Istituto Ricerche Esplosive di Parma, è stato possibile contenere l’area di sgombero a soli 270 metri riducendo al minimo i rischi e il disagio per la popolazione che avrebbe comportato la chiusura totale dell’autostrada A3.

I reparti Genio dell’Esercito Italiano, grazie alle esperienze maturate nei teatri operativi ed alla elevata connotazione dual-use, operano in favore della comunità nazionale sia con la bonifica di residuati bellici ancora ampiamente presenti nel territorio nazionale, sia in caso di pubbliche utilità a favore della popolazione civile. Negli ultimi 10 anni gli interventi effettuati dagli artificieri dell’ Esercito sono stati circa 30.000.

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

PARLAMENTONEWS

i fatti della politica

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade