Archivi del giorno: novembre 27, 2015

Esercito: inaugurato l’anno accademico scolastico 2015 – 2016

Generale di corpo d'armata Danilo Errico

Generale di corpo d’armata Danilo Errico

Modena, 27 novembre 2016 – Questa mattina il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Danilo Errico, alla presenza del sottosegretario di Stato alla Difesa on. Domenico Rossi,  di numerose autorità civili e militari, e dei frequentatori di tutti gli istituti scolastici dell’Esercito, ha inaugurato l’anno accademico-scolastico 2015 – 2016, nella storica cornice del Palazzo Ducale di Modena, sede dell’Accademia Militare. 

Nel corso del suo intervento il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, rivolgendosi agli allievi, ha ricordato che “L’Esercito e il nostro Paese si aspettano che, sempre e ovunque, voi facciate la differenza. Solo così sarete pienamente Comandanti, dirigenti, militari e uomini“.

La campana del dovere

La campana del dovere

Al termine dell’intervento del generale di corpo d’armata Errico, i rintocchi della “Campana del Dovere” hanno idealmente sancito l’inizio dell’Anno Accademico-Scolastico in tutti gli Istituti militari: la Scuola di Applicazione di Torino, l’Accademia Militare di Modena, la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo, la Scuola Lingue Estere dell’Esercito di Perugia e le due Scuole militari, “Nunziatella” di Napoli e “Teuliè” di Milano.

Nell’occasione il generale di corpo d’armata Giorgio Battisti, comandante per la formazione specializzazione e dottrina dell’Esercito, ha messo in evidenza che “la formazione è un pilastro di continuità e di crescita per meglio rispondere alla complessità e all’imprevedibilità che sempre di più caratterizzano il contesto nel quale si è chiamati ad operare“.

Il prof. Fausto Pocar, presidente dell’Istituto Internazionale di Diritto Umanitario di Sanremo, ospite in Accademia Militare, ha tenuto il tradizionale intervento accademico sul tema: “Il principio di umanità’ nell’attuale diritto dei conflitti armati – Un valore aggiunto per i futuri comandanti”. A seguire, sono stati premiati gli allievi e ufficiali frequentatori più meritevoli provenienti dai diversi istituti dell’Area della formazione dell’Esercito.

Momento della cerimonia

Momento della cerimonia

La cerimonia si è conclusa con l’intervento dell’on. Rossi che ha ricordato il suo passato di ufficiale facendo particolare riferimento “ai valori che contraddistinguono la formazione e la vita di tutto il mondo militare, parte fondamentale e sana della società in cui viviamo“. Rivolgendosi poi agli allievi ha aggiunto “l’esempio è una componente fondamentale della vostra vita futura, siate sempre pronti a dimostrare di essere in grado di fare quello che ordinate agli altri“.  

Gli istituti di formazione dell’Esercito hanno il compito di accrescere e consolidare, nei frequentatori, i valori che caratterizzano il militare, quali onore, lealtà, coraggio, senso del dovere, fedeltà alle Istituzioni. Ogni anno i corsi svolti negli istituti di formazione dell’Esercito sono frequentati da oltre 1000 ufficiali, 400 allievi ufficiali, circa 600 sottufficiali e 400 studenti allievi delle scuole militari. Ad essi si aggiungono gli oltre 2500 frequentatori dei corsi di lingue straniere presso la scuola di lingue estere.

Onorevole Rossi premia un allievo

Onorevole Rossi premia un allievo

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito

Al circolo unificato dell’Esercito la presentazione del military thriller “Il tarlo” di Salvatore Galano

Caserta, 27 novembre 2015 – Lunedì 30 novembre 2015, alle ore 18,00, nel Salone di Rappresentanza del Circolo Unificato dell’Esercito a Caserta, si terrà la presentazione del military thriller IL TARLO (Le indagini del Maresciallo Licata) di Salvatore Galvano, dirigente del Ministero della Difesa, pubblicato da CIESSE Edizioni nel maggio scorso

Dialogheranno con l’autore, presente in sala, il direttore del predetto circolo, col. Alessandro Di Giacomo, il presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, comm. avv. prof. Alberto D’Aulisio e l’addetto stampa giornalista pubblicista dr. Antonio Grilletto.

Dopo la presentazione a Matera, avvenuta lo scorso 20 novembre, l’ing. Galvano ha scelto la “piazza” di Caserta per presentare il suo “giallo militare” di 208 pagine, ambientato all’interno del Ministero della Difesa.

Da circa un mese sempre ai primi posti della classifica bestsellers di Amazon relativa ai “gialli e thriller” nonché nella “Top 100” della categoria generale degli ebook della citata azienda statunitense con sede a Seattle, “Il tarlo” è il primo volume della serie “Le indagini del Maresciallo Licata”, il sottufficiale dell’Arma siciliano creato dalla penna dell’autore, in risposta al “conterraneo” Montalbano, commissario della Polizia di Stato.

LA TRAMA

Cover_Il_tarlo_Small def.La storia si svolge in parte a Roma, all’interno di uno Stato Maggiore e in parte a Caserta, nell’ambito di un reparto del Genio Militare.

In un venerdì sera del maggio 2012, all’interno del predetto alto comando di vertice capitolino, sorvegliato dai carabinieri, tutto appare tranquillo, ma durante un’ispezione viene ritrovato il corpo esanime di un generale. Tutto fa pensare si sia trattato di un malore, eppure la vicenda non convince il maresciallo Luigi Licata, grande esperto di omicidi, che inizia a indagare. Diversi colpi di scena imporranno una battuta d’arresto alle indagini e la matassa si sbroglierà solo nell’ultimo capitolo, grazie all’acume logico e all’intuito investigativo di Licata. Il romanzo si rivolge a un pubblico amante del genere “giallo”, ma anche a coloro che vestono un’uniforme i quali, leggendolo, potranno respirare un’aria “familiare”.

L’AUTORE

Salvatore Galvano è un ingegnere campano e lavora come dirigente presso una Pubblica Amministrazione.Ha conseguito le lauree specialistiche in Scienze Strategiche, Scienze Internazionali e Diplomatiche e Scienze Politiche. Ha conseguito, altresì, un master in Studi Internazionali Strategico-Militari e un master di II livello in Scienze Strategiche. Coltiva numerose passioni: il modellismo ferroviario, la filatelia, i “gialli”.

“Il tarlo” è il suo primo romanzo “giallo”, ma ha già pubblicato “La logistica aziendale in ambito militare” (1992, Esse – Caserta).

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Forze di Difesa Interregionale Sud SM

Esercito: cambio al comando dell’artiglieria controaerei       

 

Il gen. c.a. Primicerj saluta lo schieramento

Il gen. c.a. Primicerj saluta lo schieramento

Sabaudia, 27 novembre 2015 – Ieri mattina, nella caserma “Santa Barbara”, si è svolta la cerimonia di cambio del comandante del Comando Artiglieria Controaerei.

Il generale di brigata Carlo Zontilli, dopo aver guidato la specialità per oltre un anno, ha ceduto il comando al generale di brigata Bernardo Barbarotto, proveniente dallo Stato Maggiore dell’Esercito.

All’evento, presenziato dal Comandante delle Forze Operative Terrestri, generale di corpo d’armata Alberto Primicerj, hanno partecipato le massime autorità militari, civili e religiose della provincia, come il prefetto di Latina Pierluigi Faloni, il commissario straordinario del comune di Latina, dott. Giacomo Barbato e il vescovo di Latina, sua eccellenza mons. Mariano Crociata.

Il gen. b. Zontilli consegna la Bandiera del COMACA al gen. b. Barbarotto

Il gen. b. Zontilli consegna la Bandiera del COMACA al gen. b. Barbarotto

Il generale Zontilli, nel suo discorso di commiato, dopo aver ringraziato tutto il personale della caserma “Santa Barbara” e dei reggimenti dipendenti per i brillanti risultati conseguiti, ha sottolineato: “Quest’anno abbiamo celebrato i primi cento anni della nostra specialità, che oltre ad essere stati ricchi di storia e di esperienze, hanno evidenziato che l’eccellenza dell’artiglieria controaerei, non sono i nostri sofisticati sistemi d’arma, ma voi, soldati, che quotidianamente dimostrate di saper operare in ogni contesto operativo.”

Il generale Barbarotto ha esortato a trarre dalle celebrazioni del centenario della specialità “vivificante stimolo ad operare sempre meglio e a mantenere l’orgoglio ed il senso di appartenenza ad una delle eccellenze dell’Esercito Italiano”.

Circa 400 soldati dell’artiglieria controaerei sono oggi impiegati, sia all’estero, nei maggiori teatri operativi, sia sul territorio nazionale, in concorso alle Forze di Polizia, nell’operazione “Strade Sicure”.

Compagnia operativa del 17^ reggimento artiglieria controaerei

Compagnia operativa del 17^ reggimento artiglieria controaerei

© All rights reserved
Fonte e immagini: Comando Forze di Difesa Interregionale Sud SM

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Ornitorinco Nano

Blog musicale personale

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

Rassegna di analisi, ricerche e studi sulle relazioni internazionali nel Mar Mediterraneo

Rassegna Stampa Militare

News e Foto su Difesa e Cooperazione Internazionale, di Antonio Conte | Edito da 08/2009

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade