Annunci

Archivi del giorno: giugno 24, 2015

Muore parà Sergio David Ferreri del 9° rgt paracadutisti d’assalto Col. Moschin. Cordoglio del capo di SMD e del capo di SME

Roma, 24 giugno 2015 – Durante un’attività addestrativa di aviolancio a Siena è morto il sergente Sergio David Ferreri, 32 anni, effettivo al 9° Reggimento Paracadutisti d’Assalto “Col. Moschin” di Livorno. 

Il sergente Ferreri aveva prestato servizio in Afghanistan in due diversi turni di missione. Paracadutista esperto, aveva conseguito anche il brevetto americano di tecnica caduta libera nonché quello di paracadutista militare portoghese e spagnolo. Ancora da accertare le cause dell’incidente, sono in corso i rilievi.

Appresa la notizia il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, a nome suo e delle Forze Armate e il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Danilo Errico, a nome suo e dell’Esercito, esprimono il loro cordoglio e vicinanza ai familiari del sottufficiale.

Addestramento, coraggio e determinazione, sono aspetti fondamentali grazie ai quali gli uomini e le donne delle nostre Forze Armate operano quotidianamente da protagonisti di eccellenza in tutti i complessi scenari operativi, contribuendo in maniera fondamentale a garantire la sicurezza della collettività.

Il 9º Reggimento d’assalto paracadutisti incursori “Col Moschin” è il reparto di Forze speciali dell’Esercito Italiano, è inquadrato nel Comando Forze Speciali e tiene in custodia la bandiera del 10º Reggimento arditi, del quale ha ereditato l’anno di costituzione (1918) e le mostrine (fiamme nere), riadottate nel 2006. Dal 1995, nel quadro di ristrutturazione dell’Esercito Italiano, è passato da battaglione a reggimento.

Condoglianze alla famiglia dalla redazione di MNFI.

© All rights reserved
Fonte: SMD - SME

 

Annunci

Esercitazione Italian Blade 2015: effettuato il primo rifornimento rapido elitrasportato

Viterbo, 24 giugno 2015 – Nell’ambito dell’esercitazione Italian Blade 2015 è stato effettuato il primo rifornimento rapido di carburante e armamento (FARP) degli aeromobili con sistema elitrasportato.

La tipicità dell’attività risiede nell’utilizzo dell’ICH-47F che permette di rifornire, contemporaneamente, grazie a serbatoi ausiliari interni, altri due aeromobili, dimostrando le sue capacità di rapidità e dispiegabilità, come richiesto dai nuovi scenari operativi.

Il FARP (Forward Arming and Refuelling point), effettuato con motore in moto (cosiddetto hot refuelling) nasce con l’obiettivo di supportare, nella maniera più speditiva possibile, tutti gli elicotteri che necessitano di rifornimento. La tipicità dell’attività fa sì che non tutte le nazioni siano in grado di porla in atto, nonostante in alcuni missioni diventi quasi un’operazione essenziale e irrinunciabile. L’evento addestrativo ha l’obiettivo di incrementare il livello di interoperabilità delle varie Forze Armate appartenenti alle Nazioni aderenti al programma dell’European Defence Agency.

L’Italian Blade 2015, con la partecipazione di più di 30 elicotteri e circa 1200 militari appartenenti a 7 nazioni, è la più grande esercitazione di elicotteri militari in Europa.​

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore dell'Esercito

Concluso il 4° Seminario di formazione per il personale della Difesa “I trapianti d’organo e la cultura della donazione”

Roma, 24 giugno 2014 – Si è tenuto oggi, presso il Policlinico Militare Celio a Roma, Difendi la Patria. Dai valore alla vita, il 4° Seminario della campagna di informazione e promozione della cultura della donazione e trapianto degli organi, tessuti e cellule tra il personale delle Forze Armate. 

Il seminario ha avuto lo scopo di sensibilizzare e formare il personale sanitario militare medico ed infermieristico della Difesa, delle infermiere volontarie della Croce Rossa Italiana e, per la prima volta, della Guardia di Finanza e del Sovrano Militare Ordine di Malta, che promuoveranno tra i militari e le loro famiglie la cultura della donazione.

Organizzato dall’ispettorato generale della Sanità Militare in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti e l’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule (AIDO), fa parte della campagna “Difendi la Patria. Dai Valore alla Vita”, nata da un Protocollo d’Intesa tra i Ministeri della Difesa e della Salute.

L’adesione alla campagna – ha ricordato  l’ispettore generale della Sanità Militare, generale ispettore capo Enrico Tomaoè stata da subito entusiastica e convincente e si è concretizzata con diverse migliaia di dichiarazioni di volontà di donazione. Il grande successo del Seminario ha permesso di formare un significativo numero di medici ed infermieri che, su tutto il territorio nazionale, contribuiscono in maniera efficace alla diffusione della cultura della donazione in ambito Difesa”.

Siamo molto soddisfatti per i risultati raggiunti in questi anni sia in termini di formazione sia di sensibilizzazione del personale delle Forze Armate in tema di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule. Inoltre – ha evidenziato il direttore del Centro Nazionale Trapianti, Alessandro Nanni Costala Difesa offre un essenziale contributo all’attività della rete trapiantologica: la loro partecipazione in prima linea al trasporto dei pazienti, delle équipe mediche e degli  organi è indispensabile per la buona riuscita del processo di donazione e trapianto”.

Per ulteriori approfondimenti consultare il link: http://www.difesa.it/content/difendilapatriadaivaloreallavita/Pagine/default.aspx

© All rights reserved
Fonte e immagini: Stato Maggiore della Difesa

Dynamic Arrow: la brigata Granatieri di Sardegna in esercitazione di posto di comando

E’ iniziata l’esercitazione di posto comando denominata “Dynamic Arrow”

24 giugno 2015 – Dal 22 al 26 Giugno 2015, il personale della brigata meccanizzata Granatieri di Sardegna é impegnato in un’esercitazione per posti comando per incrementare le capacità operative attraverso l’applicazione delle procedure di comando e controllo e verificare le concrete competenze procedurali del posto comando di Grande Unità Elementare.

L’esercitazione, denominata Dynamic Arrow, sarà condotta nell’ambito dello scenario “Skolkan 1” e vede schierati, oltre al comando brigata, il 1° reggimento Granatieri di Sardegna, il reggimento Lancieri di Montebello (8°) e il reparto comando e supporti tattici della brigata, al fine di mantenere le capacità maturate durante l’impiego operativo in teatro libanese.

L’attività, che si svolge a culmine di un ciclo addestrativo iniziato con l’esercitazione “Eagle Joker” presso il poligono di Torre Veneri (Lecce) e proseguito con l’esercitazione “Trident Jaguar 15”, presso il NATO Joint Warfare Centre di Stavanger (Norvegia), rappresenta un prezioso e impareggiabile momento addestrativo e formativo a favore del personale del comando brigata e dei reparti dipendenti, per incrementare il bagaglio culturale e professionale.​

© All rights reserved
Fonte e immagini: COMFOTER

Carabinieri, Latina: il generale c.a. Vincenzo Giuliani visita il comando provinciale

Latina, 24 giugno 2015 – Visita speciale questa mattina presso la caserma  “Vittoriano Cimmarrusti” dei Carabinieri di Latina, ove è stato accolto dal comandante provinciale, colonnello Giovanni De Chiara, il generale di corpo d’armata Vincenzo Giuliani, comandante interregionale Carabinieri Podgora e vice comandante generale dell’Arma dei Carabinieri.

L’alto ufficiale ha incontrato gli ufficiali della sede, i comandanti dei reparti speciali, una rappresentanza dei comandanti di stazione e degli altri militari del comando provinciale, gli organi di rappresentanza, nonché una delegazione dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

Nel suo intervento il Generale GIULIANI, nel salutare il personale presente, ha evidenziato l’importanza del patrimonio professionale ed umano che i Carabinieri tramandano nel tempo, baluardo di legalità ed esempio per la popolazione che ancor oggi, confida nell’Arma con fiducia, nella certezza dell’ascolto e dell’aiuto quotidiano.

© All rights reserved
Fonte e immagine: Arma dei Carabinieri
(Comando provinciale di Latina)

 


Il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette incontra una rappresentanza degli atleti dell’Arma

Il generale Tullio Del Sette con gli atleti premiati

Il generale Tullio Del Sette con gli atleti premiati

Roma, 24 giugno 2015 – Il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette ha incontrato questa mattina gli atleti del Centro Sportivo Carabinieri che si sono particolarmente distinti nelle varie discipline nei primi mesi del 2015.

L’incontro si è svolto nella sala di rappresentanza del comando generale dei Carabinieri alla presenza dei vertici e di esponenti degli organismi di rappresentanza dell’Arma, del comandante del Centro Sportivo Carabinieri dell’Arma, e dei rispettivi comandanti di sezione. Nel corso della cerimonia il generale Del Sette ha espresso ai presenti il suo compiacimento per i lusinghieri risultati ottenuti, frutto di un allenamento fatto di sacrificio, di disciplina e di passione, quegli stessi valori che animano l’azione quotidiana dei Carabinieri, in ogni contrada d’Italia, così come fuori dai confini nazionali.

App. Arianna Errigo - Gen. Tullio Del Sette

App. Arianna Errigo – Gen. Tullio Del Sette / Ph. © Arma dei Carabinieri

Durante la cerimonia il comandante generale ha consegnato un dono ricordo:

  • all’appuntato scelto Stefano Brecciaroli, sezione sport equestri, vincitore delle medaglie d’argento e di bronzo al Concorso internazionale di Equitazione nella specialità “Completo, tenutosi in Ungheria;
  • all’appuntato Arianna Errigo e al carabiniere scelto Andrea Cassarà, sezione scherma, per aver vinto al Campionato Europeo di Scherma tenutosi in Svizzera, la medaglia d’oro e il titolo di “Campione Europeo” a squadre, nonché la medaglia di bronzo individuale il primo, e la medaglia d’oro e il titolo di “Campione europeo” individuale il secondo;
  • al carabiniere scelto Stefano La Rosa, sezione atletica, vincitore della medaglia d’oro a squadre alla Coppa Europa “10.000 metri” tenutasi a Cagliari;
  • ai carabinieri scelti Riccardo De Luca e Pier Paolo Petroni, sezione pentathlon moderno e triathlon, per aver vinto, rispettivamente, la medaglia d’oro e quella di bronzo alla finale di Coppa del Mondo “Pentathlon moderno” tenutasi in Bielorussia;
  • al carabiniere Luca Pizzini, sezione nuoto, vincitore della medaglia d’argento nei 200 metri rana agli Internazionali d’Italia di Nuoto Trofeo “Sette Colli, che si sono tenuti a Roma.

Il Centro Sportivo Carabinieri, costruito nel 1964, si articola in 10 sezioni: atletica leggera (Bologna), scherma, judò, karate, pentathlon moderno, tiro a segno ed equitazione (Roma), sport invernali (Selva di Val Gardena, nuoto (Napoli) e paracadutismo sportivo (Livorno).

Nel 2014 lo Stato Maggiore della Difesa ha creato una sezione di “Promozione e sviluppo dell’attività sportiva per il personale disabile della Difesa”. Il progetto è rivolto ai militari iscritti nel Ruolo d’Onore ed ai parzialmente idonei al servizio militare incondizionato, affetti da disabilità (anche non a causa di servizio) riconducibili alle categorie paralimpiche.

I sette atleti premiati / Ph. © Arma dei Carabinieri

© All rights reserved
Immagini: Ph. Monica Palermo

 

 


Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade