Annunci

Archivi del giorno: aprile 3, 2015

Esercitazione COMAO a Poggio Renatico

Velivoli e sistemi di difesa aerea italiani nell’esercitazione complessa organizzata e condotta dal DACCC della NATO
Poggio Renatico (FE), 3 aprile 2015 – ​​​​Il NATO Deployable Air Command and Control Centre (DACCC) di Poggio Renatico ha condotto, martedì e mercoledì 24 e 25 marzo, un’esercitazione Composite Air Operation (COMAO), che ha visto la partecipazione di vari assetti e capacità, in gran parte aeronautici.Lo scenario dell’esercitazione comprendeva l’istituzione ed il controllo di una zona interdetta al traffico aereo (No Fly Zone), nonché una missione complessa, in coordinamento con i Joint Tactical Air Controllers (JTAC) sul terreno, a protezione di Forze Speciali dell’Aeronautica Militare impegnate in operazioni di recupero personale rapito dalla parte avversaria.

Il Deployable Air Operations Centre (DAOC) del DACCC, agendo come elemento rischierato di un Joint Forces Air Component (JFAC), ha gestito – con il supporto del 22° gruppo radar dell’Aeronautica Militare (GrRAM) di Licola (NA) – i numerosi assetti aeronautici che hanno partecipato con varie funzioni all’esercitazione. In particolare gli Eurofighter sono intervenuti per assicurare la superiorità aerea, i Tornado ECR (Electronic Combat/Reconnaissance) per la soppressione delle difese aeree nemiche, i Tornado IDS (Interdiction and Strike) e gli AMX per il supporto aereo ravvicinato ed il Targeting dinamico e non, il KC-767 per il rifornimento in volo.

Quale minaccia terra aria da contrastare, sono stati utilizzati un sistema Skyguard dell’Esercito Italiano e una serie di unità fittizie.

Le Forze Speciali sono intervenute con 4 elicotteri (2 HH-139 e 2 AB-212) per il recupero di personale e ostaggi, un C-130J per gli aviolanci e un C-27J in funzione di attacco al suolo e quale comando missione.


© All rights reserved
Fonte e immagine: CSA - COA - Poggio Renatico
(Colonnello Paolo Bressan)
Annunci

Poggio Renatico: concluso corso Air C2 Execution

Il corso Air Command and Control Execution (Air C2 Execution) si è svolto dal 23 marzo al 3 aprile

Poggio Renatico (FE), 3 aprile 2015 – Si è concluso oggi, presso l’Air Operation Training Centre (AOTC) del Comando Operazioni Aeree (COA) di Poggio Renatico (FE), il corso Air Command and Control Execution (Air C2 Execution), ex corso basico di preparazione alle operazioni aeree (CPO1).

Il corso Air C2 Execution si prefigge lo scopo di fornire ai frequentatori le conoscenze necessarie ad operare all’interno delle Divisioni Combat PLANS  e Combat OPS in seno a strutture complesse di comando e controllo delle operazioni aeree come il JFACC (Joint Force Air Component Command).

Il corso appena concluso rientra nella categoria del Functional Training per l’impiego in specifiche posizioni all’interno del JFACC. I 15 frequentatori, dopo un primo modulo di lezioni frontali incentrate sulla struttura e sui processi del JFAC ed un ciclo di lezioni ed attività pratiche, hanno messo in pratica le procedure apprese attraverso un’esercitazione che ha previsto lo sviluppo e l’esecuzione del messaggio operativo Air Tasking Order (ATO), con il quale il comandante del JFAC definisce le modalità di utilizzo dello strumento aereo.

Per la prima volta in un corso di questa tipologia sono stati illustrati, con il supporto di un rappresentante del 4° reparto Logistica dello Stato Maggiore Aeronautica, gli sviluppi dell’Air C2 con l’entrata in servizio del velivolo F-35, le cui intrinseche capacità di comando e controllo modificheranno radicalmente la condotta delle operazioni aeree.

Un ulteriore elemento di novità è stato l’utilizzo del sistema software di simulazione Virtual Battle Space (VBS3), che ha permesso agli studenti, attraverso la simulazione del Full Motion Video di un aeromobile a pilotaggio remoto (APR), di esercitarsi sul processo decisionale tipico di una sala operativa durante le operazioni reali.

Durante la cerimonia di chiusura e consegna degli attestati di frequenza, il vice comandante del COA, generale di brigata aerea Paolo Mazzi, si è complimentato con i partecipanti per la motivazione e l’impegno profusi, ringraziandoli per il proficuo contributo teso a migliorare i contenuti e l’organizzazione del corso.

La missione dell’AOTC è quella di preparare e qualificare il personale della Forza Armata per i compiti di comando e controllo delle operazioni aeree da svolgere in seno a strutture complesse come il Joint Force Air Component Command (JFACC), in contesti nazionali e multinazionali (NATO, EU, ONU, coalizioni).

© All rights reserved
Fonte e immagini: CSA - COA - Poggio Renatico
(Col. Paolo Bressan)

Roma: l’esercito italiano partecipa alla giornata mondiale dell’autismo

L’esercito italiano partecipa alla Giornata Mondiale dell’Autismo con un’iniziativa benefica a piazza di Siena a supporto dell’ippoterapia

Roma, 3 aprile 2015 – Ieri, a piazza di Siena, l’Esercito Italiano ha partecipato, con sei binomi a cavallo del reggimento Lancieri di Montebello, all’iniziativa intitolata Cavalcando il Blu 2015. L’attività si è svolta in occasione della Giornata Mondiale dell’Autismo ed è stata promossa dalle ONLUS “L’Emozione non ha voce” e “Associazione umanitaria Luca Grisolia”.

All’interno dell’ippodromo militare dei Lancieri di Montebello,  sito in Tor di Quinto, già da diversi anni viene svolta attività di ippoterapia a favore di ragazzi affetti da disabilità. Per l’occasione, i binomi a cavallo presenti alla manifestazione, hanno accompagnato il percorso di ragazzi e adulti affetti da autismo all’interno del parco di villa Borghese mentre un ufficiale veterinario e un infermiere quadrupedi hanno garantito il servizio veterinario necessario.

Il capo centro ippico, tenente colonnello Giancarlo Cati, è intervenuto come ospite nel corso della conferenza stampa che ha aperto l’evento per illustrare l’impegno della Forza Armata nello sviluppo delle attività di ippoterapia e dell’equitazione integrata.

L’Esercito Italiano, attraverso 9 tra reggimenti ed istituti di formazione su tutto il territorio nazionale, supporta quotidianamente questo tipo di attività svolte da diverse Onlus attraverso l’impiego totale di circa 40 cavalli a favore di oltre 400 ragazzi affetti da disabilità mettendo a disposizione infrastrutture, personale e materiali.

I reparti a cavallo, anche con tali iniziative, dimostrano la propria valenza multipla con capacità di intervento a supporto della popolazione in caso di pubbliche calamità e in teatro estero (con compiti di esplorazione, sicurezza e protezione ed acquisizione obiettivi) senza dimenticare gli impegni di alta rappresentanza nel settore del cerimoniale di Stato e in quello agonistico.​

© All rights reserved
Fonte e immagini: COMFOTER

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade