Annunci

Archivi del giorno: marzo 24, 2015

Lituania: secondo scramble supersonico per i Typhoon italiani

I due caccia della Task Force Air NATO, rischierata a Šiaulai (Lituania)  sono decollati in pochissimi minuti raggiungendo ed identificando prontamente i velivoli sconosciuti

Šiauliai, 24, marzo 2015 –  Scramble per i caccia Eurofighter Typhoon italiani della Task Force Air NATO in Šiauliai. Nel pomeriggio, dopo l’intervento fatto in mattinata, i velivoli italiani si sono nuovamente alzati in volo a velocità supersonica per intercettare velivoli cacciabombardieri della Federazione Russa. I velivoli in questione attraversavano lo spazio aereo baltico senza aver ottenuto le dovute autorizzazioni. I velivoli intercettori sono stati attivati con un ordine di scramble dal sovraordinato Centro di Comando e Controllo delle Operazioni aeree (CAOC) della NATO con sede ad Uedem (Germania).

I due Typhoon hanno quindi, in pochissimi minuti, intercettato ed indentificato i velivoli secondo le procedure previste dalla NATO. Lo scramble, infatti, è proprio l’attività operativa consistente nel far decollare in maniera rapida una coppia di velivoli caccia al fine di intercettare e identificare un aereo sconosciuto che viola lo spazio aereo dell’Alleanza,  al fine di garantire la sicurezza dei cieli da qualsiasi eventuale e/o potenziale minaccia. I caccia italiani, rischieratisi il 27 dicembre 2014 sull’aeroporto di Šiauliai, stanno, infatti, assicurando dallo scorso primo gennaio l’integrità dello spazio aereo sui cieli di Lituania, Estonia e Lettonia, nella turnazione n° 37 stabilita dall’Alleanza.

L’Italia, al momento, è  l’unica nazione dell’Alleanza che partecipa a tutte e quattro le attività di Interim Air Policing richieste dalla NATO:  opera, infatti, con continuità  sui cieli dell’Albania, a partire dal 2009, della Slovenia, a partire dal 2004, ed ha svolto la prima rotazione in Islanda nel 2013.

L’Air Policing è svolta nell’ambito dell’area di responsabilità del Comando Operativo Alleato della NATO (Allied Command Operation – ACO) di stanza a Bruxelles (Bel) e viene coordinato dal Comando Aereo (Air Command) di Ramstein (Germania).

© All rights reserved
Fonte e immagine: Aeronautica Militare
Annunci

Kosovo: concluso corso di soccorso in montagna a favore del personale della municipalità di Peja/Pec

Pec/Peja, 22 marzo 2015 –  Si è concluso due giorni fa presso il comprensorio sciistico di Boget/Boge, nella valle di Rugova, la fase invernale del primo corso di sicurezza in montagna, tenuto da istruttori del contingente italiano in Kosovo a favore di personale autoctono appartenente alla municipalità di Peja/Pec guidata dal sindaco sig. Gazmend Muhaxheri.

Il corso, svoltosi tra febbraio e marzo, si è articolato in 3 moduli formativi comprendenti lezioni teoriche e esercitazioni pratiche riguardanti il primo soccorso, la topografia, le tecniche di movimento su terreno innevato e le procedure di ricerca e soccorso di persone travolte da valanghe. Gli istruttori del Multinational Battle Group West, il contingente a guida italiana responsabile dell’area occidentale del Kosovo, hanno istruito 10 candidati della municipalità di Peja/Pec per la costituzione di un squadra per il soccorso alpino. I futuri soccorritori sono stati addestrati all’impiego delle più recenti tecniche per l’organizzazione,  condotta del soccorso di persone travolte da valanghe incluse le procedure di evacuazione degli infortunati su terreno innevato.

Il corso si è concluso nel pomeriggio di domenica 22 marzo, con una esercitazione volta a testare le capacità acquisite dagli allievi. All’esercitazione finale hanno assistito il comandante del Multinational Battle Group West, colonnello Carlo Cavalli e il sindaco di Pec/Peja. Per l’occasione è stata anche allestita una mostra statica con i principali equipaggiamenti in dotazione ai reparti delle truppe alpine italiane per fronteggiare gli incidenti in montagna.

L’intero progetto è stato coordinato dal personale della cellula CIMIC del Multinational Battle Group West ed è volto a costruire la capacità (capacity building) nell’ambito della municipalità di Peja/Pec di intervenire autonomamente, con il proprio personale e mezzi, in soccorso alla popolazione in caso di incidenti ed emergenze in montagna e/o in ambienti impervi. La capacità di soccorso in montagna aiuterà inoltre a supportare lo sviluppo economico, turistico e l’occupazione nell’area della valle di Rugova, grazie a migliori standard di sicurezza e di soccorso a favore dei potenziali turisti praticanti le discipline sportive in montagna.

© All rights reserved
Fonte e immagini: KFOR

Sector West: confronto addestrativo tra comandanti e close protection teams

Naqoura (Libano del Sud), 24 marzo 2015 –  ​I contingenti del Settore Ovest (Sector West- SW) di UNIFIL, comando multinazionale a guida italiana su base brigata Pinerolo, sono stati impegnati il 22 marzo nel poligono di Naqoura, nell’attivittà addestrativa organizzata per uno scambio di esperienze tra i comandanti e i team specializzati nella protezione di autorità (Close Protection Team– CPT) in lezioni di tiro con armi individuali.

I team finlandese, irlandese, sud coreano, ghanese, malese, sloveno ed italiano, si sono incrociati in uno scambio addestrativo con una spontanea e sana competizione sul tiro alle varie distanze, trasformando un’attività di routine di lezioni di tiro di mantenimento, in una giornata di addestramento speciale per lo scambio di informazioni ed esperienze.

L’addestramento rientra tra le numerose attività organizzate dal comando del Sector West, con lo scopo di mantenere, accrescere e consolidare la preparazione tecnico professionale del personale militare che opera nel contesto della missione nel sud del Libano sulla base della risoluzione delle Nazioni Unite 1701 del 2006.

© All rights reserved
Fonte e immagini: UNIFIL


Precetto pasquale interforze a Verona

Verona, 24 marzo 2015 – Si è svolta questa mattina, nella chiesa di San Bernardino, la celebrazione del Precetto Pasquale Militare Interforze per tutto il personale delle forze armate, delle forze dell’ordine e dei corpi armati dello Stato.

La funzione religiosa è stata officiata da S.E. monsignor Giuseppe Zenti, vescovo della diocesi di Verona, e concelebrata dai cappellani militari di diversi comandi ed unità del Veneto.

All’evento, presieduto dal comandante delle Forze Operative Terrestri, generale di corpo d’armata Alberto Primicerj, erano presenti il sindaco di Verona, Flavio Tosi, le principali autorità civili e militari scaligere, una nutrita rappresentanza delle forze armate, dei corpi armati e delle forze dell’ordine e le associazioni combattentistiche e d’arma.

Al termine della cerimonia, nel formulare a tutti i presenti gli auguri di Pasqua, il generale Primicerj ha voluto estendere il suo saluto a tutta la città di Verona, per la vicinanza e l’affetto sempre dimostrato ai suoi cittadini in uniforme, ed ha espresso il proprio ringraziamento ai cappellani militari, per l’impegno pastorale e l’incessante opera di assistenza spirituale svolti al servizio delle Forze Armate.

© All rights reserved
Fonte e immagini: COMFOTER

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

PODIO

can che abbaia non morde

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa, Cooperazione Internazionale e scenari europei

Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade