Annunci

Archivi del giorno: ottobre 6, 2014

Spazio: il capitano Samantha Cristoforetti presenta la missione “Futura”

Pozzuoli (NA) 6 ottobre 2014 – Il capitano Samantha Cristoforetti, prima astronauta italiana sulla Stazione Spaziale Internazionale, ha presentato nei giorni scorsi agli allievi e ai frequentatori degli Istituti e Scuole dell’Aeronautica Militare la missione “Futura”. Il lancio avverrà la notte tra il 23 ed il 24 novembre 2014 dal Cosmodromo di Baikonur a bordo della navetta Soyuz.

Samantha Cristoforetti, pilota dell’Aeronautica Militare ed Astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea, ha illustrato i contenuti della missione di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana “Futura”: missione che la vedrà protagonista quale prima astronauta italiana sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) per circa sei mesi.

Alla missione Futura – la seconda di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana – il capitano Cristoforetti prenderà parte quale Flight Engineer e membro dell’equipaggio della spedizione ISS 42/43. Il lancio avverrà la notte tra il 23 ed il 24 novembre 2014 dal cosmodromo di Baikonur a bordo della navetta Soyuz. Compagni di viaggio di Samantha saranno il russo Anton Shkaplerov, comandante della navicella e l’americano Terry Virts, flight engineer.

L’evento si inquadra nel contesto delle attività formative mirate a diffondere, in Aeronautica Militare, le conoscenze innovative e tecnologiche legate al concetto di spazio a supporto delle capacità operative. Lo spazio è la naturale estensione dell’ambiente operativo dell’Aeronautica Militare che fa della tecnologia uno dei suoi punti di forza. La sua propensione verso l’innovazione e la sperimentazione nonché la lunga tradizione in studi e attività nel campo dei satelliti, del volo supersonico ed umano, hanno permesso all’Aeronautica Militare di fornire gran parte degli astronauti italiani, da Roberto Vittori a Luca Parmitano, da Maurizio Cheli a Samantha Cristoforetti che sono stati tutti allievi dell’Accademia Aeronautica.

© All rights reserved
Fonte: Ministero della Difesa
Annunci

Joint Eagle 14: esercitazione interforze per migliorare l’interoperabilità tra i paesi della NATO e lo standard di addestramento internazionale

LOGO  JE 14

Roma, 6 ottobre 2014 – Inizierà domani 7 ottobre 2014, per due settimane, l’esercitazione interforze Joint Eagle 2014 che vedrà impegnati in due diverse località, Lecce e Ferrara, rispettivamente, il Corpo d’ Armata di Reazione Rapida di Solbiate Olona (NATO Rapid Deployable Corps Italy – NRDC ITA) e il Joint Force Air Component (JFAC) dell’Aeronautica Militare.

L’esercitazione Joint Eagle 14 (JE 14), sviluppata sotto l’egida dello Stato Maggiore della Difesa e organizzata dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COI), è il risultato dell’integrazione di due distinte esercitazioni: la Eagle Joker 14 per l’NRDC ITA e la Virtual Flag 14 per l’ Aeronautica Militare.

Lo scopo è quello di mantenere il necessario grado di efficienza e di interoperabilità per operare in scenari di crisi, cioè la capacità di operare insieme anche tramite l’uso di tecnologie comuni, di sistemi di comando e controllo delle diverse forze armate in ambito nazionale ed internazionale. L’esercitazione concepita in questo modo risponde all’esigenza della NATO di dotarsi di procedure e metodologie di addestramento standard, comuni a tutti i paesi membri dell’Alleanza e, in generale, validi a livello internazionale.

Il comando NRDC-ITA, l’unità con sede a Solbiate Olona (VA) si è schierata dalla fine di settembre presso l’area addestrativa di Torre Veneri (LE) e Brindisi, per ottenere la certificazione nazionale di gestire autonomamente forze navali ed aeree in operazioni e di saper interagire efficacemente con gli attori non militari presenti nelle aree di crisi. Questa obiettivo servirà a premessa della certificazione NATO quale comando interforze e multinazionale Joint Task Force (JTF) proiettabile in contesti di crisi prevista nel 2015.

Mentre il JFAC sarà impegnato dalla base aerea di Poggio Renatico (FE) nella principale esercitazione di simulazione digitale di comando e controllo delle operazioni aeree e dovrà invece consolidare i risultati ottenuti nelle precedenti esercitazioni al fine di creare un adeguato numero di risorse professionali in vista della certificazione NATO del 2015.  Cioè quella capacità militare che consente di pianificare, coordinare e controllare tutti gli aspetti di una campagna aerea – per poi essere dichiarato come comando JFAC “designato” per la  NATO Response Force (NRF) nel 2016.

© All rights reserved
Fonte: Stato Maggiore della Difesa

Monica Palermo

One shot one smile

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Notizie

Rispetto e onore al Tricolore!

Alamari Musicali

Piccolo contributo per diffondere, in Italia e nel mondo, la conoscenza e l'amore per le Bande e le Fanfare delle Forze Armate, dei Corpi di Polizia e delle Associazioni d'Arma della Repubblica Italiana, della Repubblica di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.

WordAds

High quality ads for WordPress

Geopolitica italiana

La politica estera e la geostrategia italiana nei contesti geopolitici in cui l’Italia può dispiegare influenza diplomatica e proiezione militare

Rassegna Stampa Militare

Difesa e Cooperazione Internazionale

Libano

Tre anni in Libano 2006-2009

effenasca

welcome to my webspace, where you can find the activities I am interested in

-Military News from Italy-

Rispetto e onore al Tricolore!

tuttacronaca

un occhio a quello che accade